giovedì 19 maggio 2011

Come superare una Crisis: budino di pane della mia mamma

The crisis - E. Morricone 
Qualche tempo fa mi è capitato di vedere un film che mi ha molto  colpito nonostante abbia ricevuto   recensioni piuttosto tiepide dalla critica italiana. Certo, non è un film facile così come il tema che racconta e soprattutto è stato girato da un regista italiano che sta facendo successo all'estero. Quindi ho percepito questa freddezza come uno snobismo gratuito perchè a mio avviso, e non sono una critica cinematografica ma solo un'utente molto appassionata, è un film da vedere. Sto parlando di "Seven pounds" - il "Sette Anime" di Muccino, che ha come protagonista un Will Smith veramente molto intenso. A parte che mi piace molto lui come attore già dai tempi di MIB e ritengo che abbia quella faccia da ragazzino scanzonato a cui non puoi negare nulla e continuerà ad averla fino a 80 anni di sicuro. Ma in questo film lui riesce a farmi stringere lo stomaco. Capito cosa intendo, no? Quell'emozione che ti coinvolge a tal punto dal credere di essere tu a vivere quella situazione e non il tipo sullo schermo. E' un film terribile e bello che racconta una situazione in cui nessuno mai vorrebbe ritrovarsi. Un uomo completo, arrivato, felice e amato perde tutto in un istante per una stupidaggine, per un gesto di distrazione. Può accadere eccome...Da qui, un dolore che non finisce, che non passa neanche con la ricerca di un qualche tipo di redenzione. Quest'uomo cercherà di sanare l'insanabile con gesti di estrema generosità fino al finale incredibile e forte. Non voglio raccontarlo perchè credo che dobbiate vederlo e comunque se lo avete visto, sapete di cosa parlo. La colonna sonora di questo film è naturalmente splendida e Muccino si è avvalso della collaborazione di un genio musicale vivente che io adoro, Ennio Morricone. Il pezzo più significativo è "The crisis". Ebbene, questo pezzo per pianoforte è la semplicità fatta musica: 4 note in quasi scala sequenza ed una quinta, un semitono suonato in contemporanea con la terza nota, produce un effetto dissonante che al primo ascolto destabilizza, disturba. Ma quando il tema si sviluppa, non si può fare a meno di amare questa nota dolente, che crea disaccordo...la crisi appunto, producendo una sorta di senso doloroso che cela la speranza. E' un pezzo bellissimo, quasi ipnotico che non mi stanco mai di ascoltare e riconosco qui tutta la genialità di un creatore di musica come Morricone: in una sola nota volutamente sbagliata rende un pezzo di estrema semplicità  intensamente grande e indimenticabile. Ascoltatelo ad occhi chiusi, lasciatevi prendere. Sognate. 
Non c'azzecca granchè  il mio budino di pane con questo post, ma anche lui è nato da  una crisis di riciclo da invasione di pane raffermo. 
Così ho preso la decisione e l'ho usato secondo la ricetta della mia mamma, grande riciclatrice come tutte le mamme, perchè qui non si butta via niente.


Ingredienti:
- 400 gr di pane raffermo o secco
- 1 litro di latte
- 2 uova
- 100 gr di amaretti 
- 60 gr di uvetta
- 50 gr di pinoli
- 8 albicocche disidratate
- 5 cucchiai di zucchero
- 2 cucchiai di cacao amaro 
- avanti dell'uovo di Pasqua (ebbene si, ancora)
- zucchero a velo
Fate bollire il latte con lo zucchero. Mettete l'uvetta a mollo nell'acqua tiepida, tagliate a pezzetti le albicocche, sbriciolate gli amaretti. Spezzate il pane e mettetelo in una ciotola e versatevi sopra il latte bollente.Fate assorbire e ammorbidire. Quando è bello morbido, scolatelo ma non strizzatelo e passatelo a mixer per ottenere una purea. Fate lievemente raffreddare quindi aggiungete le uova, gli amaretti, l'uvetta strizzata e infarinata, i pinoli, il cioccolata a pezzetti, il cacao, le albicocche e qualsiasi altra cosa che vi piace e vi avanza, e mischiate bene il tutto. Rivestite una teglia a bordi alti con carta da forno e versateci il composto. fate cuocere in forno già caldo a 180 gr. per almeno un'ora. Si gonfierà ma poi tornerà basso raffreddandosi. Cospargetelo di abbondante zucchero a velo, tagliate a cubetti e servite. Una delizia, mia figlia ci fa matta (e pure io!). 


Con questo post partecipo con piacere al Contest di L'Omin di panpepato  

22 commenti:

  1. Sicuramente un film da vedere... e il tuo budino è un'ottima idea!

    RispondiElimina
  2. Quoto tutto quello che hai scritto!!!!!!!!!
    voglio quel budinooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  3. Ma che buono!!! Mi piace un sacco...

    RispondiElimina
  4. Per prima cosa questo budino mi sembra davvero supergoloso!!! Il film, che dire...a me è piaciuto moltissimo, non potevo usciure dal cinema per quanto ho pianto!!!! La musica poi è deliziosamente divina...struggente e delicata, è uno dei tanti capolavori di un artista italiano che ci invidano tutti!!! Un bacio tesoro e buona serata...

    RispondiElimina
  5. Mi piace il film, e mi piace molto quel pezzo.
    Ma moltissimo mi piace questo budino!!!

    RispondiElimina
  6. chissà che buonoooooooooo!!!bravissima!

    RispondiElimina
  7. wow Patty, grazie per avermi fatto conoscere questa canzone e per averla anche analizzata da "addetta ai lavori", probabilmente una profana come me fuor di contesto non l'avrebbe apprezzata. Ottima l'idea del riciclo di pane, ti suggerisco questo contest, penso che la ricetta sarebbe perfetta http://omindipanpepato.blogspot.com/2011/04/qualche-impegno-per-il-12-giugno-io-si.html baci, marina.

    RispondiElimina
  8. Grazie per questo golosissimo contributo: adoro il budino di pane!!!

    RispondiElimina
  9. Deve esser gustosissimo... e tra le citazioni cinematografiche e musicali ho gongolato tantissimo!!! Triplo urrah, mia cara!

    RispondiElimina
  10. Ciao! grazie per essere passata e grazie per aver partecipato al contest :)

    RispondiElimina
  11. Invece io ti reputo un bravo critico, io non sono una fan dei film, non ho nemmeno il tempo per andarne a vedere uno, ma sono una fan scatenata per il tuo budino!!! E' meraviglioso!! Bravissima!! Un abbraccio, Maria Luisa.

    RispondiElimina
  12. un applauso alla mamma con questa golosa ricetta e il film di cui parli non lo conosco e circa 13 anni che non vado più al cinema... ma mi sà che devo rimediare! un bacione cara!

    RispondiElimina
  13. Ciao Patty!
    E' un piacere, dopo un mesetto di assenza forzatissima, passare di qui e poter recuperare il tempo perduto leggendo "indietro"... Si recupera tutto, proprio come il pane nella tua ricetta!
    Io non posso vedere questo film: mio marito l'ha visto e me lo ha espressamente vietato, lui mi conosce molto bene... Ho pianto un fiume per il film del post precedente, City of Angels, per intenderci... Ma mi hai incuriosita tantissimo sul motivo musicale, quello me lo provo a cercare in rete.
    Il film che amo più di tutti è "I ponti di Madison County", secondo me piace anche a te... vero? ;)
    Grazie! Baci!
    Linda

    RispondiElimina
  14. Non ho ancora visto il film, ma la musica è bellissima. Il budino di pane non l'ho mai assaggiato ma sembra proprio goloso. Sono diventata una tua sostenitrice, se ti va passa a salutarmi. A presto

    RispondiElimina
  15. idea originalissima con il pane raffermo..golosa all'inverosimile ..ps leggendo la tua prefazione un po mi sono rivista in te o meglio ho visto come saranno le mie figlie da grandi.. senza un identità definita senza reali radici.. ma per questo aperte a nuove esperienze e con quel qualcosa in più ..io sono nata da padre napoletano ,madre toscana (pisana) ho sposato un piemontese..aimè e vivo nel lazio..un bacio grande Simmy

    RispondiElimina
  16. ...traigo
    sangre
    de
    la
    tarde
    herida
    en
    la
    mano
    y
    una
    vela
    de
    mi
    corazón
    para
    invitarte
    y
    darte
    este
    alma
    que
    viene
    para
    compartir
    contigo
    tu
    bello
    blog
    con
    un
    ramillete
    de
    oro
    y
    claveles
    dentro...


    desde mis
    HORAS ROTAS
    Y AULA DE PAZ


    COMPARTIENDO ILUSION
    PATTY

    CON saludos de la luna al
    reflejarse en el mar de la
    poesía...




    ESPERO SEAN DE VUESTRO AGRADO EL POST POETIZADO DE CARROS DE FUEGO, MEMORIAS DE AFRICA , CHAPLIN MONOCULO NOMBRE DE LA ROSA, ALBATROS GLADIATOR, ACEBO CUMBRES BORRASCOSAS, ENEMIGO A LAS PUERTAS, CACHORRO, FANTASMA DE LA OPERA, BLADE RUUNER ,CHOCOLATE Y CREPUSCULO 1 Y2.

    José
    Ramón...

    RispondiElimina
  17. Ciao patty! faccio parte della tua stessa squadra in Naso da tartufo...sei su facebook? perchè c'è un gruppo per noi..se vuoi raggiungici... ti lascio la mia email contattami li...

    valeria.li.pira@hotmail.it

    RispondiElimina
  18. Ciao Patty, l'altra sera ho visto anch'io il film per la prima volta e trovo sia veramente struggente. La sua lentezza lo rende ancora più struggente ed emozionante. Purtroppo sono stata superficiale e non avevo posto attenzione alla colonna sonora. Adesso faccio come ci consigli l'ascolterò ad occhi chiusi queste 4 note cariche di speranza.

    RispondiElimina
  19. Ah...il cinema....l'unica cosa che mi manca nel "dopo-Roma"!
    Ma quanti giorni sono passati da giovedì????
    Week end di musica, per me, piccole crisis e bellissimi momenti. E tu? Un abbraccio fortissimo.....ora che ti ho conosciuta....già mi manchi!!!! :)

    RispondiElimina
  20. Cara Patty, intanto la ricetta è grandiosa. Non avevo sentito nulla di simile prima e dovró provarla perchè è davvero interessante, ringrazia la mamma! Poi il film: l'ho visto sere fa in tv, purtroppo nn dall'inizio. E' uno di quei film che razionalmente nn vorresti vedere perchè ti fa star male, ma che a posteriori sei contento di aver visto. È strano, stonato come quella nota, che anch'io da nn musicista, ho messo a fuoco. Quello che mi dispiace è che per il motivo che ho appena spiegato nn credo che riusciró a rivederlo di nuovo dall'inizio x ricomporre il primo pezzo di puzzle mancante...

    RispondiElimina
  21. decisamente adesso mi hai messo molta cursiosità!devo rimediare.ottima questa ricetta, mi piace per poter utilizzare ancora ciococlato di Pasqua e ilpane che non si butta mai!!

    RispondiElimina
  22. è questa patty? il link che mi hai lasciato non è completo:(

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...