lunedì 16 gennaio 2012

Tatin di carciofi ed il destino di una nave

Titanic - F. De Gregori
Non so voi, ma io sono tutt'ora frastornata e credo che lo sarò a lungo. Usare la parola "frastornata" è però riduttivo per descrivere il mio stato d'animo: in realtà sono angosciata, provo un dolore profondo, incredulità ed una tristezza che non mi passa pensando a quello che è appena successo in mare, proprio davanti alle nostre coste. Avrei voluto scrivere un post diverso, qualcosa di scanzonato, raccontarvi come non ho festeggiato il compleanno, ma già venerdì sera stavo agghiacciata davanti al televisore ad osservare la debacle di uno dei più scintillanti giganti del mare. Vi ho già raccontato più volte la mia vita di topo di agenzia. L'incredibile naufragio della Costa Concordia ha lasciato tutti attoniti per le dinamiche di un'ancora incomprensibile vicenda, ma provate ad interrogare qualsiasi agente di viaggio e comprenderete la gravità di questa vicenda. 
A praticamente 100 anni dalla tragedia del Titanic, fortunatamente con meno perdite ma altrettanta spettacolarità, è affondata una nave che per buttare giù ce ne vuole. Un settore economico, quello delle crociere, che ad oggi è in continua crescita e fortemente da traino al turismo ma che rischierà con questa tragedia, di trascinare a fondo un'intera categoria commerciale. 
In agguato c'è oltretutto il disastro ambientale: il nostro meraviglioso arcipelago minacciato da un capodoglio di lamiere e petrolio, spiaggiato a pochi metri dall'Isola del Giglio, e se la conoscete, potete capirmi quando parlo di paradiso. 
Personalmente non posso smettere di avere quell'immagine in testa, la nave piegata mortalmente su un lato come un grande cetaceo moribondo, ed immedesimarmi in quello che devono avere provato quelle persone che qualche minuto prima celebravano la cena di benvenuto a bordo, stemperando l'entusiasmo e le aspettative del viaggio dentro un calice di buon vino.
Spero che la causa e le responsabilità vengano una volta tanto appurate con certezza. Solo questo, ed è un mera consolazione, potrà forse fermare la giostra di inutili polemiche intorno a questa vicenda, facendo tornare alle persone, l'entusiasmo e la voglia di imbarcarsi ancora. 
Decidendo di pubblicare questa ricetta, non mi sono resa conto che per ironia della sorte avevo scelto una torta "rovesciata". Non è voluto, ve lo garantisco, e su questa cosa ho poca voglia di scherzare, almeno non adesso. 
La ricetta l'avrete riconosciuta in molte perché la bellissima copertina dell'ultimo numero di Sale e Pepe sbandierava una splendida tatin di carciofi che mi ha fatto salivare al solo sguardo. Naturalmente l'ispirazione è partita di botto ma mi sono ovviamente permessa di modificarla ma mio gusto per 2 aspetti: 1) la pasta base, che su una tatin, per la sottoscritta è rigorosamente "brisè"; 2) l'aggiunta di prosciutto di Parma per dare una sferzata di gusto ai carciofi (in questo caso caramellati nel miele) e che mi era piaciuta moltissimo la prima volta che ho realizzato una tatin di carciofi qualche anno fa. Così vi lascio la "mia" ricetta che è la seguente:
Per la pasta brisé di Michel Roux (magnifica) andante qui
Per il ripieno (per 8 persone - io ho fatto una torta piccola, per 4 ed ho utilizzato metà degli ingredienti e mi è avanzata metà della brisé).
8 carciofi
6 fette di prosciutto di Parma
aceto di vino bianco
2 cucchiai di miele millefiori
2 cucchiai di pinoli
olio extra vergine 
Pulire i carciofi eliminando le foglie più dure e parte del gambo ma lasciandone un pezzetto. Il resto dei gambi potrete comunque pulirli e cuocerli. Io li ho utilizzati per riempiere i "vuoti" della tatin. Immergerli in acqua acidula quindi portare a bollore abbondante acqua salata dove avrete versato 2 cucchiai di aceto di vino bianco. Tagliateli a meta e fateli bollire per 6 minuti c.ca.
Al termine scolateli quindi passateli in padella antiaderente con 3 cucchiai d'olio ed il miele, posizionateli con la parte tagliata verso il basso, aggiungete i pinoli e cuoceteli a fiamma media fino a che non prenderanno colore ed il miele comincerà a caramellarli. 
Stendete la pasta con il mattarello formano un cerchio poco più largo della vostra teglia (24 cm) ed alto c.ca 3/4mm . Foderate lo stampo con carta da formo e posizionatevi i carciofi sempre con il taglio verso il basso. Coprite i carciofi con le fette di prosciutto quindi coprite il tutto con la pasta brisé e spingete con delicatezza i bordi verso la base della tortiera. Mettete in forno preriscaldato a 180° e fate cuocere dai 25/30 minuti e comunque fino a quando la pasta avrà assunto un bel colore dorato. 
Togliete dal forno, rovesciate la torta sul piatto di portata e lasciate intiepidire appena. Bon Appetit


Volevo ricordare a tutte voi che il mio giveaway scadrà il 31 di gennaio, quindi chiunque non abbia ancora partecipato, sarà libera di farlo cliccando su questo post. Partecipate numerosi! 

40 commenti:

  1. Io sono incredula...ti dico che la sola immagine di quella nave "gravemente ferita" ha destato in me una profonda sensazione di rabbia. Per tanti motivi, comuni a molti increduli spettatori di questo evento allucinante, al limite di ogni ragionevole pensiero. Non esiste, e lo sottolineo, che oggi possano compiersi tragedie cosí vergognose.....Che i colpevoli, sicuramente piú d'uno, paghino per questo omicidio plurimo.
    Scusa la durezza delle mie parole, ma credo fosse doveroso.

    RispondiElimina
  2. @ Giuli: sono molto d'accordo con te. Si sta sempre di più evidenziando la responsabilità dell'errore umano e soprattutto di una grande stupidità. Tragedie come queste non sono accettabili di fronte alla tecnologia di cui queste navi sono dotate oggi. Bisogna solo voler sbagliare o avere la presunzione di essere onnipotenti. Bacio, Pat

    RispondiElimina
  3. Guardo la tv e non ci posso credere, quel bestione rovesciato che sembra un modellino...spero che chi ha colpa, paghi.

    La tua torta è uno splendore, serve che lo dica? :-)

    RispondiElimina
  4. Il Titanic 2! E’ stata esattamente la prima cosa che ho pensato quando ho sentito la notizia al TG. E mi sembra ancora tutto così assurdo, a pochi passi da qui. Ma la cosa più assurda di tutto è stato vedere ieri trasmettere un video girato da uno dei passeggeri col telefonino! Non mi riesco a capacitare di come, in una situazione drammatica del genere, si possa pensare a fare riprese col cellulare! Boh...sarò io strana!!!
    E’ possibile secondo te avere fame a quest’ora di mattina? Beh, te lo dico io...SIIIIIII’! Se davanti mi metti questa meraviglia carciofosa non resisto e m’incaglio pure io...al piccì! Un baciotto, buona settimana

    RispondiElimina
  5. l'immaggine della tragedia è sconvolgente, ma la cosa che mi ha più colpito è sentire dal questore che a mezzanotte mentre la nave era ancora piena di gente il capitano era già arrivato in porto....senza commenti.
    Ciao e buona giornata
    Alice

    p.s. bellissima la torta rustica

    RispondiElimina
  6. la provo sicuro... appena ho tutti gli ingredienti... complimentiiiiiiii

    RispondiElimina
  7. Ciao Patty, anch'io sono rimasta molto colpita e scossa dall'accaduto ... non oso immaginare se ci fossi stata io su quella nave .. magari l'unica vacanza dell'anno ...prego per chi non ce l'ha fatta e spero ci possano essere altri superstiti. Non ho parole.Cerco di ritrovarle con questa tatin, incredibile.Baci e buona settimana

    RispondiElimina
  8. Patty siamo tutti increduli credo, anche perchè le circostanze sono veramente strane, credo che per molto si continuerà a dire " si poteva evitare". Questa Tatin salata è una meraviglia, replicherò prestissimo! un bacione forte :)

    RispondiElimina
  9. mio marito ne andrebbe matto segno segno

    RispondiElimina
  10. E' una vicenda orribile, orribile e tragicamente gratuita. Specchio, a mio parere, di una società in cui vivono con agio personalità malate e spregiudicate, incoscenti e curanti unicamente del proprio tornaconto. E' vergognoso.
    Ti sono grata per aver scelto di pubblicare comunque anche una ricetta, peraltro molto interessante. Sperimenterò.
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  11. anch'io non riesco a togliermi dalla mente quelle immagini angoscianti, un vero incubo. povera gente... sembra che il capitano della nave si sia comportato in modo molto, ma molto irresponsabile e soprattutto vile. speriamo che giustizia verrà fatta... un danno economico e d'immagine enorme, che non ci voleva proprio in questo periodo!
    proprio ieri sera guardavo la copertina di s&p e fantasticavo su questa splendida ricetta... tu l'hai perfezionata: eccezionale!!
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  12. Come commentare? A me sono rimasti impressi i due giovani coreani (mi pare) in viaggio di nozze. Composti e stupiti, dopo il salvataggio quasi miracoloso. Come un lampo di bellezza nella tragedia. Un bacio

    RispondiElimina
  13. Ciao carissima.
    Guarda anche io sono abbastanza in ansia per quanto è accaduto alla nave e per quanto, forse e speriamo di no, potrebbe accadere all'ecosistema del parco marino!
    sono molto legata al giglio, in particolare mio marito: ha praticamente trascorso tutte le estati della sua infanzia lì perchè i suoi genitori hanno una casa. poi ha fato scoprire anche a me l'isola 15 anni fa...sono molto triste. per la perdita di vite umane e per quel che potrebbe accadere a quel paradiso se solo le condizioni meteo continueranno ad essere brutte.
    parladno di cose più allegre ottima questa tatin e soprattutto la chiffon cake è stato un successoooo!!!
    non ho però pubblicato: non ho fatto tempo a metterla in avola che è stata SBRANATA!!!!

    RispondiElimina
  14. ps: anche i pinoli che vedo nella tua tatinmi fanno venire in mente il giglio: la mia prima raccolta è stata sull'isola

    RispondiElimina
  15. Non voglio commentare quanto è successo alla Costa Concordia perchè non voglio credere a quello che ho sentito alla radio.. e cioè il capitano che diceva che quello scoglio prima non c'era.... E' peggio incolpare la fatalità o la superficilità (chiamiamola così per pietà) umana?
    Preferisco guardare la tua torta di carciofi e sorridere a questa girandola di sapore

    RispondiElimina
  16. Ciao Patty, ho letto solo adesso la notizia e non so cosa dire(oppure come al solito voglio dire troppo). Non mancherò al tuo giveaway, però chiedo una mano al maritino musicista, posso?:) Un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Buonissima!! che bello il tuo blog!! complimenti! :-) passa pure da me se ti va! Bacione

    RispondiElimina
  18. Hai ragione sembra un proprio un cetaceo moribondo ed è angosciante quell'immagine :(( a parte il lato umano io spero che non si verifichi un disastro ambientale in un luogo tra i più belli che abbia visto! incidente o responsabilità precise...l'essere umano sta rovinando ogni giorno questo pianeta :(( che tristezza!
    Molto allettante Patty questa tatin, voglio provare la brisèè di Roux con la tua versione

    RispondiElimina
  19. Si tesoro mi sento come te...una tragedia senza senso e pensare che in viaggio di nozze ho fatto la crociera costa anche io e solo il pensiero di trovarmi in quella situazione mi vengono i brividi...consoliamoci con questa torta meravigliosamente gustosa e ricca!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  20. Cara amica mia... ti comprendo... e ho evitato di guardare troppe notizie alla tv...... ci saranno delle colpe e verranno punite, ma quello che più mi dispiace è che tante persone innocenti hanno perso la vita......
    Questa tatin è favolosa assolutamente un modo nuovo per gustare questa verdura di stagione! Baci

    RispondiElimina
  21. Pensa che quella nave la vedo salpare, come tutte le altra Costa, in continuazione, qui dal porto di Savona.....e fino ad ora era sempre uno spettacolo, un trionfo di luci, di festa, un albero di natale che illumina il mare di notte....questa sembrava fino a pochi giorni fa!!!
    Così chiamavano le navi da crociera i miei figli quand'erano più piccoli e tante volte abbiamo sognato anche noi di poterci regalare quella vacanza e non solo di seguirne la scia....che tristezza Patti!

    RispondiElimina
  22. Effettivamente quella copertina ha conquistato anche me. Ma la tua idea di aggiungere il prosciutto in fette mi sembra proprio azzeccata... io avevo pensato a del Bacon, per renderla ancora più saporita, ma forse il prosciutto è un'idea migliore e più delicata. La proverò senz'altro.

    RispondiElimina
  23. Veramente senza parole riguardo alla sciagura accaduta!! Per quanto riguarda la tua tatin, l'avevo vista anche io sulla rivista e devo dire che la tua è perfetta e sicuramente di un sapore strepitoso!! Un bacione cara e buona settimana!

    RispondiElimina
  24. "Mi ha fatto salivare" deduco sia una di quelle licenze poetiche andantecongustiane della categoria di "succhialatte" ahahah.
    Me le annoto tutte, in modo da essere nel giusto mood quando dovrò vederti... che bello :)
    E comunque si, questa tatin salata è una vera gioia per gli occhi in primis, così ordinata e armonica, e, in secondis, suppongo anche per il palato. Mi piace da morire. La provo questi giorni poi te digo. E' proprio meravigliosa.

    RispondiElimina
  25. Guarda non mi ci far pensare che mi vengono ancora i brividi.
    Questa tarte però è paradisiaca, oltretutto è meravigliosa da vedere, sembra un'opera d'arte esposta in un museo...
    Un abbraccio e buon lunedì carissima!

    RispondiElimina
  26. E' triste quanto è successo, sono rammaricata, non ci posso credere!
    La tatin è gustosa oltre che bella da vedere!Ciao

    RispondiElimina
  27. E' davvero difficile da credere che possano accadere simili disastri per leggerezza o errori umani...non conoscendo la raltà dei fatti, si resta comunque sconcertati all'idea di vedere un simile gigante passare così vicino a simili meraviglie...che ben vengano le regole anceh su questo tipo di navigazione.
    E un pensiero alle vittime.

    la tua tatin è spettacolare.

    Baci
    loredana

    RispondiElimina
  28. La torta è splendida e mi dispiace che sia capitata proprio in questo post perché meritava un'attenzione maggiore che, inevitabilmente, le viene sottratta dall'importantissima vicenda di cui hai parlato. Anch'io sono rimasta profondamente colpita da questo naufragio così sui generis e attendo di saperne di più sulle ragioni che l'hanno determinato. Mi son visto tutti i filmati amatoriali su youtube e la voce di una signora che pregava quasi urlando la Madonna risuonerà nelle mie orecchie per moltissimo tempo. Un abbraccio, tesoro.

    RispondiElimina
  29. Ciao Patty,
    Apprezzo il coraggio di trattare anche su un Blog culinario un fatto che purtroppo ci colpisce tutti, perchè rimanere indifferenti a simili tragedie è impossibile.

    La ricetta, per tornare ad argomenti più lievi è davvero golosa, anche io pensavo ad una tartin salata per uno dei prossimi pranzi domenicali, magari proverò la tua.

    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  30. Ciao Patty!
    Vedendo le immagini dei tg di questi giorni mi era venuto in mente il tuo post sulla torta di cioccolato per il compleanno della cognata, nella foto si vedeva una nave e mi era rimasta così impressa... mi dispiace così tanto per tutto questo e immagino quanto tu sia colpita... mi spiace!
    Detto questo, farti gli auguri, pure con un discreto ritardo, pare poco delicato, ma non posso non farteli: AUGURI!!!
    Oltretutto cosa scopro? abbiamo dato il via al blog in contemporanea? Festeggiamo il primo anno in simultanea? Pazzesco, diamoci il cinque Pat!!!
    Corro a scrivere il mio commento sul giveaway, devo pur contribuire... :)))
    ps. la tortina è spettacolare!
    Linda

    RispondiElimina
  31. Le modalità con cui si è svolta questa tragedia sono allucinanti. La vicenda ha dell'incredibile se non fosse che in realtà è successa sul serio e in tutta la sua gravità. Questa squallida figura di comandante che dichiara la sua estraneità ai fatti mi lascia sconcertata. E il fatto che come sempre il mondo si interroghi giustamente in merito a vicende assurde e paradossali successe da noi non mi rende affatto felice.
    La tua tatin è meravigliosa. Complimenti
    Sabina

    RispondiElimina
  32. Concordo su ogni punto, io la notizia l'ho vista Sabato mattina e mi si è gelato il sangue, dopo 4 giorni non si sa ancora niente di preciso, fra dispersi morti e colpevoli, spero come te che la verità venga davvero a galla, e che la responsabilità sia stabilita non solo per trovare un SINGOLO capro espiatorio, 4000 persone sono tante, troppe!

    QUesta tatin salata e questo disegno magnifico mi attirano veramente troppo e chissà che non utilizzerò l'idea.. ;)

    Vevi :)

    RispondiElimina
  33. Grazie a tutte per l'apprezzamento della tatin che vi assicuro è una vera gioia per gli occhi ed ancora più per il palato.
    Ad oggi, a distanza di 4 giorni, lo sviluppo dei fatti è inquietante così come la realtà che si prospetta assolutamente agghiacciante. Un gioco, una scommessa, una leggerezza senza giudizio pare che siano stati la causa del disastro. Ho la orribile sensazione che questa vicenda si stia trasformando nella metafora più diretta e realistica del futuro del nostro paese. Un'altro incredibile e disgustoso esempio di delirio di onnipotenza dato da chi dovrebbe guidare e proteggere una comunità mentre sfrutta un privilegio ed una responsabilità per meri tornaconti personali. Avrei voglia di andarmene da qui una volta per tutte!
    Scusate lo sfogo. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  34. Ma questa torta è stupenda! non mi voglio soffermare ulteriormente sulle brutte vicende, solo sulla tua tatin.
    bacio

    RispondiElimina
  35. Patty!Eccomi qua, ma che bel boggettino!
    Sul Giglio io non so più che dire..anch'io ho appreso la notizia bvenerdì sera e non riesco a togliermi il pensiero.Il Giglio lo conosco, ho dei ricordi meravigliosi e desidero che si preservi tutto com'è.Il pensiero corre alle vittime a chi ha subito la scellerataggine altrui.Io continuo a sperare e tenere acceso questo lumicino.
    Detto ciò, la tatin è bellissima, ho una voglia di carciofi....
    Appena riesco guardo il giveaway!bacio

    RispondiElimina
  36. Eh, capisco bene che ti abbia rovinato i festeggiamenti.. io l'ho scoperto tardi e mi ha sconvolta.
    Speriamo davvero che si faccia chiarezza in toto sugli avvenimenti.

    La Tatin di carciofi è invece sublime...

    RispondiElimina
  37. Trovo la tua preparazione davvero stupenda!

    Per quanto riguarda questa immensa tragedia della costa concordia, sono davvero senza parole, un pensiero alle vittime...

    Ps. Grazie mille per il tuo messaggio che mi hai lasciato oggi nel mio blog,, ero davvero arrabbiata ...ora mi sta passando!

    RispondiElimina
  38. La tua tortina è davvero bellissima. Per il resto io non ho davvero parole. Mi dispiace da morire. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  39. Ma sei stata bravissima! E' uguale a quella di Sale e Pepe, ti è venuta uno spettacolo. Un abbraccio cara e per la nave da crociera.....non ci sono parole, come si fa ad avvicinarsi così alla costa....mah.

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...