mercoledì 15 febbraio 2012

Il mercoledì di Starbooks: Mille modi per dire Frittata!

Maid with flaxen hair - C. Debussy
Mai mi sarei aspettata di pubblicare la ricetta di una frittata su questo blog! Ora, non prendetemi per una snob, ma sono davvero certa che ognuna di voi sia perfettamente in grado di tirare fuori una frittata dal cappello senza grossi problemi. Anche la cinematografia di sempre ci insegna che, nonostante il frigo langua, con un uovo ed un po' di sana creatività chiunque possa preparare una signora frittata e/o omelette e salvare la propria reputazione (e la serata). 
Mi sento di affermare che esista la frittata perfetta per ogni gusto e personalità e questo gioco potrete farlo anche voi, scandagliando l'entourage di amici che gravitano intorno alla vostra tavola:
- di patate stile Paella, con patate in chips sottilissime, fritte a puntino separatamente ed amalgamate all'uovo solo dopo averle scolate e ben asciugate, per l'amica Catalunia-dipendente ed in astinenza da Tapas;
- di cipolle o porro per l'amico temerario che "non deve chiedere mai" e che, se possibile, la vuole servita con una birra bella fredda perché poi, con finta discrezione, ci dà di "rutto libero" di Fantozziana memoria;
- con pan grattato e pancetta, come trovate qui, per lui che si sente country e la vuole servita direttamente tra due fette di pane toscano lunghe come un cane accucciato;
- di carciofi, tanti, per me che quando non riesco a girarla e mi si attacca alla padella, me la mangio uguale, "arraganata". 
- in trippa, per mia figlia ed i suoi amici che amano gli scherzi e che ogni volta che servo queste striscioline di frittata saltate nel pomodoro, ci cascano (o fanno finta).
- di spaghetti, per mio marito, da quella volta che in gita fuori porta con gli amici di mia figlia e relativi genitori, nonostante si fosse allegramente sterminato una mega porzione di lasagne fatte in casa dalla sottoscritta e ancora calde, stette 2 ore a magnificare il gigantesco panino con la frittata di spaghetti che il papà casertano di una bimba, tirò fuori con gesto elegante dal cestino del picnic. 
- e poi di scamorza affumicata ed erbette selvatiche, di vitappie (le cime del luppolo), di asparagi selvatici, di cicoria, di mozzarella, di peperoni, olive e salamino, e ancora e ancora, per tutti quelli che amano l'alternativa meravigliosa.  
Avete capito: qui parla di "Uova" e siamo al secondo appuntamento con il ricchissimo libro di Michel Roux e con le amiche di Starbooks questa settimana parleremo di uova fritte: all'occhio di bue, fritte-fritte, strapazzate, nonché omelette e frittate. 
Come sempre Michel Roux regala piccole perle di saggezza elevando questo semplice alimento a qualcosa di più nobile ed elegante. Dalle sue parole, "in base ai gusti una frittata può essere ben cotta, bagnata o liquida al centro (baveuse). Il colore dovrebbe essere dorato molto chiaro; alcuni la preferiscono un colore più scuro ed altri la vogliono pallidissima, anemica. La frittata si può fare anche solo con l'albume." E direi che quest'ultima variante negli ultimi tempi è sempre più di moda tra gli sportivi ed i fanatici delle diete. 
Sempre secondo Roux, la definizione perfetta della frittata è quella di Cécile de Rothschild: "bella rotonda, solo lievemente colorata, di consistenza delicata e morbida come il culetto di un bambino."
Per lo Starbooks di oggi, vi invito ad andare a trovare le mie compagne di avventura che vi hanno preparato queste piccole golosità: 
Omelette Thai e Uova strapazzate Magda su pane fritto - Menu Turistico
Uova di Quaglia al tegamino su pane tostato - Vissi d'arte e... di Cucina
Uova strapazzate in nidi di patatine con uova di salmone - La Apple Pie di Mary Pie.
Tornando alla protagonista del mio post, avrete più o meno intuito che questa signorina dalla personalità multipla, è un'ospite gradita sul mio desco. 
La ricetta che ho scelto dal libro di Roux è una Frittata di zucchine e pomodorini confit.
Un piatto versatile, che può tranquillamente essere servito come antipasto sfizioso e veloce, ma anche come piatto unico servendola su una insalatina di misticanza e fettine di pane tostato. 
Faccio una piccola premessa: questo piatto non contiene propriamente ingredienti di stagione ma per la finalità del post, ho comprato delle zucchine fiore e pomodorini datterini. Godetevi questa piccola anticipazione della bella stagione in attesa che il caldo arrivi presto.
Ecco gli ingredienti e modalità di preparazione come presentati nel libro:
Ingredienti per 4 persone
- 120 gr di zucchine
- 100 ml di olio d'oliva più 2 cucchiai per servire
- 6 uova
- sale e pepe schiacciato grossolanamente
- 200 gr di pomodori confit
- 1 rametto di timo tritato
- 8 olive nere - facoltativo (io ho usato quelle taggiasche)
- 1 cucchiaio di foglie di prezzemolo sminuzzate finemente.
Tagliate le zucchine a fette di 1 cm. Scaldate due terzi dell'olio in una padella di 20/22 cm di diametro e 4 di profondità. Quando è caldo metteteci le zucchine e cuocete a fuoco medio per 3/4 minuti.
Nel frattempo sbattete leggermente le uova in una ciotola ed aggiungete pochissimo sale e pepe. Unite in padella il resto dell'olio, i pomodori confit, il timo e le olive. Quando tutto è caldissimo, versateci le uova e cuocete a fuoco medio, mescolando delicatamente di tanto in tanto con una forchetta.
A metà cottura smettete di mescolare e cuocete su fuoco bassissimo per 2/3 minuti, finché il fondo della frittata è quasi cotto. Fatela scivolare su un vassoio leggermente unto d'olio, rigiratela nella padella e cuocetela per altri 2 minuti, finché è cotta da entrambe le parti e al centro è ancora morbida. Cospargete di prezzemolo in superficie. Fate scivolare la frittata su un piatto da portata e tagliatela a spicchi. Spennellate con un po di olio d'oliva e servite con un po' di pepe schiacciato al momento. E' buona calda, tiepida o a temperatura ambiente. 
Pomodori confit:
La ricetta di Roux è diversa dalla modalità da me utilizzata, che prevede la cottura dei pomodori ancora con la pelle in forno a bassa temperatura. Chiaramente per questa preparazione ho usato il suo metodo che però ha come risultato dei pomodori più acquosi rispetto ai confit preparati in forno. 


Pelate 200 gr di pomodori maturissimi, preferibilmente perini o Marmande, poi tagliateli a metà e privateli dei semi. Scaldate 250 ml di olio d'oliva leggero in una pentola fino a 70°C, poi aggiungete i pomodori, uno spicchio d'aglio tagliato a metà, un pizzico di grani di pepe bianco schiacciati, un rametto di timo ed una foglia di alloro. Cuocete a fuoco dolce a 70° per 10/15 minuti finche sono teneri ma non molli. Più i pomodori sono maturi, meno tempo impiegheranno.
Lasciate raffreddare i pomodori nella pentola poi trasferiteli in un vasetto o in una ciotola. Copriteli con la pellicola e teneteli in frigorifero per quando vi servono. Si conservano nell'olio per almeno 2 settimane. Prima si servirli basta salarli e peparli. Se li volete servire caldi, passateli brevemente sotto il grill a bassa temperatura o riscaldateli in una casseruola con un goccio del loro olio, per qualche minuto. 
NOTE PERSONALI:
- La frittata di zucchine la faccio spesso, specialmente d'estate perché la zucchina con le uova è un matrimonio d'amore. Quando la voglio più ricca, aggiungo anche una patata tagliata sottilissima, ma con i pomodori non l'avevo mai fatta e confesso che è una bellissima sorpresa.
- Contrariamente a Roux, il mio impasto base per quasi ogni tipo di frittata, prevede sempre un goccio di latte e una manciata abbastanza generosa di parmigiano. Questo è un retaggio familiare ed immagino che ognuna di voi abbia la propria ricetta mammesca nel DNA.
- Di norma non sbatto mai troppo le uova: ho notato che la consistenza finale è più soffice e tende a gonfiarsi meglio.
- L'aggiunta delle olive che per M. Roux è facoltativa, in questa ricetta dovrebbe invece essere un must, particolarmente se si usano le Taggiasche perché conferiscono uno spunto amarognolo ad un insieme di per se molto dolce e delicato. Quindi non le omettete, anzi, siate generose.
- Come al solito la presenza dell'elemento "grasso" nelle ricette di Roux è abbondante. Ho decisamente eliminato la spennellata finale sulla frittata di cui personalmente non vedo utilità se viene servita immediatamente. 
- Evito cordialmente di cuocere le frittate in forno con l'illusione di evitare "la frittura". Mia figlia le odia ed afferma, a ragione, che le sembra di mangiare la spugna!


Vi aspetto mercoledì prossimo per una nuova puntata di Starbooks sulle uova, questa volta dedicata a salse e creme! Non ve la perdete.







35 commenti:

  1. Patty grandiosa! hai centrato lo spirito ancora una volta alla grande ...
    super baci
    Dani

    RispondiElimina
  2. La frittata di zucchine la faccio spessissimo anche io, primo perchè è buonissima poi perchè è un buon modo per far mangiare le zucchine ai bambini e...io la frittata non la giro ;) e credo anche che non sia così facile fare una buona frittata, che non sia asciutta e stopposa...la tua invece sembra bella morbida e umida. Devo provarla questa, i pomodori mi incuriosiscono!

    RispondiElimina
  3. A che ora ci vediamo per pranzo?
    Se mi offrissi il più raffinato pranzo che si possa immaginare, non mi farebbe lo stesso effetto di un panino con la frittata. Non fosse per il mio "simpaticissimo" colesterolo vivrei a uova un giorno sì e l'altro pure!
    vado di soli albumi per gli ovvi motivi di cui sopra, ma alla prossima frittata che si rispetti stai sicura che i pomodorini confit ci finiscono dentro di filata :) Baciotti, buona giornata

    RispondiElimina
  4. un aspetto invitantissimo...sei una maestra!!!!!! buona giornata cara ^_^

    RispondiElimina
  5. Sai che stavo per pubblicare una frittata pure io? Pensata e fata ieri sera, con irene: uova, cipolle, e nduja... una goduria! Solo, avevo troppa fame per fotografarla... buona giornata!!!

    RispondiElimina
  6. me lo farei proprio anche ora uno spuntino così avendo fatto colazione all'aba!!!
    foto mooooolto invitanti
    fantastica Patty
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  7. patty, sei grande, anzi grandiosa!!! e ci siamo capite... ;)
    un abbraccio stritoloso alla "frittatara" più glamour del web!

    RispondiElimina
  8. Patty, non ci vedo niente di male a pubblicare una frittata! è vero che è una cosa basic e che tutte abbiamo la ricetta e la sappiamo fare, però è bello sempre vedere come le altre, queste donne che conosciamo solo attraverso lo schermo dei nostri pc, preparano piatti semplici e quotidiani e familiari come una frittata!
    brava, ottime idee!

    RispondiElimina
  9. Tu duci che è facile, fare una frittata? io ti rispondo che mica tanto: cottura uniforme, abbinamento degli ingredenti, equilibrismi e volteggi per girarla dall'altra parte...per nn parlare del "fare una frittata BUONA". In tutti questi anni di pause pranzo al bar sotto l'ufficio, potrei scrivere un trattato su dischi volanti unti e bisunti, ripieni di non ben indentificati oggetti colorati, che restano tali anche dopo aver richiamato all'ordine tutte le papille gustative...
    Tu sai fare la frittata- e tu la sai fare buona. e questo post è da archiviare, ragazza mia :-)
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  10. mai provato a farla cosi'!
    bella la nuova veste del blog!!!

    RispondiElimina
  11. io ormai le frittate le faccio tutte al forno.. senza necessità di aggiungere altri grassi, non serve girarle.. si gonfiano di più.. e ora provo a farne una con questo condimento! buonissima

    RispondiElimina
  12. Concordo con Ale qui sopra, una frittata la sanno fare tutti, ma farla buona non è così scontato...Tu, come sempre, hai assolto al tuo compito alla grande: ho fame!!!!

    RispondiElimina
  13. sarà che sia facile ma prova a fare una frittata con ingredienti freschi dell'orto e uova fatte dalla tua gallina e poi mi dici se è la stessa cosa delle omelette che ti vendono a caro prezzo tanti ristoranti

    RispondiElimina
  14. Ciao Pat, che meraviglia questa fritatta tutta colorata(adoro i piatti naturalmente colorati ), non l'ho mai provata cosi'...devo recuperare:). A presto, Ancutza

    RispondiElimina
  15. argomento infinito le uova! questa frittata è davvero invitante, che foto!

    RispondiElimina
  16. la mia dolce nonnina me la faceva spesso...la adoravo... la tua mi fa una gola...bravissima!

    RispondiElimina
  17. Ciao, ecco la rediviva!!! Ora che ci penso anch'io ho pubblicato una ricetta di frittata sul blog...secondo me le frittate danno libero sfogo alla creatività. Questa che proponi oggi mi piace molto. Come stai? C'è ancora la neve da te?

    RispondiElimina
  18. Cara Pat, anche noi, a memoria, mi sa che non abbiamo mai pubblicato la ricetta di una frittata...ma non capisco perché dal momento che le uova io le adoro e le frittate doppiamente...Mi è piaciuto leggere il tuo "trattato", consigli preziosissimi e tante cosette nuove da imoparare...evviva i blog di cucina! Bravissima!
    simo

    RispondiElimina
  19. Tesoro rediviva era riferito a me...sono scomparsa su tutti i blog delle amiche, non ho avuto un attimo di tempo e non sono più passata da te :)) Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. spettacolare sembra quasi una fantastica pizza

    RispondiElimina
  21. Ciao patty prima di tutto scusa se è da un pò che non passo ma mi eri scomparsa dal blogroll, comunque ora ho rimesso tutto a posto e mi sono rimessa in pari anche con la lettura delle ultime ricette e ho copiato quella del risotto.
    Ma ora veniamo a questo post sulla frittata, anzi oserei dire sua maestà la frittata perchè come dici giustamente tu ha salvato e salverà tante persone da un secondo dell'ultimo momento, è versatilissima basta aggiungere tanta fantasia...mai provata con i pomodorini ma lo farò al più presto!
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  22. Ma che bella frittata gustosa!Bella presentazione, brava!Ciao

    RispondiElimina
  23. ciao Pat, io so solo una cosa: che frittata o no (snob o no) i tuoi post li leggo sempre da cima a fondo con gran piacere. Hai il dono della favella facile e sciolta... che posso dì? Mi piace leggerti. Detto questo io faccio come tuo marito ed erigo un monumento alla frittata (che nel panino diventa speciale... per un panino così ti lascio tutti quelli imbottiti di salumi e formaggi! Ecco, magari in estate se la gioca solo con pane e pomodoro).
    Quanto ai muffin... se po ffa. Utilizza pure la tua farina di mais e quella marmellatina che mi fa un'invidia...
    Un abbraccio (poi mi dirai se ti sono piaciuti)

    RispondiElimina
  24. ciao cara patty! mi piace davvero tanto come scrivi, sciolto, scorrevole! me l'ho so letto tutto d'un fiato!
    eh, se ne avresti da insegnarmi sulle frittate!
    cmq, piena stima per il papa' col panino-frittata-e-ppppasta!!! con 4 p perche' dev'essere stato potente!
    alla prox!

    RispondiElimina
  25. Ciao Patty! Che bello! Inciampando ho scoperto il tuo blog!! Son contentissima! Quando ti sei associata al mio,non so perchè, ma visualizzavo il tuo profilo "spoglio",non c'era riferimento a blog che segui,a quello che hai,nulla.Pensavo fossi solo iscritta con un account come molti,e invece no!Evviva! Ora che l'ho trovato non lo mollo più!:-)é proprio bello, invitante!:-)Complimenti! Un abbraccio PS: in questo periodo son molto indaffarata e non riesco a star dietro al mio angolino culinario,mangio ma non mi metto a fotografare..nè provo ricette..ma presto tornerò su questi schermi.Nel frattempo,continuo a seguirvi nei piccoli momenti liberi:-)A presto!

    RispondiElimina
  26. ottima la tua frittata e realizzata alla perfezione, anche noi ne facciamo spesso di svariati tipi. Concordo mai sbattere troppo le uova!

    RispondiElimina
  27. un bel piatto primaverile e colorato è quello che ci vuole per riprenderci da queste fredde giornata! davvero invitante la tua frittata!
    buona giornata
    spery

    RispondiElimina
  28. Pat, grazie a te e alle tue amiche di Starbooks ho sempre voglia di uovaaaaaaa!!!
    Vieni a vedere un po' qui da me
    http://buonumoreincucina.blogspot.com/2012/02/uova-ripiene-una-tira-laltra-su.html?showComment=1329393998471#c5114229966402108196
    In realtà non si tratta di una vera e propria ricetta....:-)
    Baci

    RispondiElimina
  29. Patty.... ma ti fermi un attimo?! Credo non mi basti questa vita per rifare tutte le frittate che suggerisci.... questa in foto per prima!
    L'armonia regna sempre sovrana nei tuoi post e ... nelle ricette.
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
  30. Sarà anche una cosa semplice nell'immaginario collettivo, ma alla fine una buona frittata non è così facile da fare. E la tua sembra davvero ottima! Complimenti per il blog, io ti seguo nè!

    RispondiElimina
  31. ciao vedi che io non sono bravissima con il computer ho imparato a strimpellare da poco allora ti do' la mia mail giovanna.tocco@alice.it vediamo cosi cosa mi devi mandare grazieeeee

    RispondiElimina
  32. A me la frittata garba proprio tanto, e la tua con quei colori allegri e appoggiata su quella fetta di pane è stragolosa :)

    RispondiElimina
  33. Che splendida frittata, me la sono mangiata virtualmente. Se ti va passa da me, un abbraccio.

    RispondiElimina
  34. le frittate sono tutte buone, ma quella che preferisco è con gli zucchini, quindi questa variante la proverò sicuramente.
    quando sono in lotta con i trigliceridi troppo alti, anch'io uso il forno, cuocendo delle mini-porzioni negli stampi al silicone

    RispondiElimina
  35. Dopo che stasera, in macchina, come una cretina, mi sono fatta una sorta di aperitivo a base di birra calda, voto per la frittatona di cipolle, ma soprattutto per il rutto libero!
    Questa tua rassegna di frittate è fenomenale, e comunque comprendo tuo marito.. anche io rimasi imbambolata di fronte alla mia prima frittata di maccheroni :)

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...