venerdì 9 marzo 2012

I mille strati del senso di colpa: Millefoglie carasau con spuma di burrata e cime di rapa

It's all my fault - Nicholas Roy
Mentre scrivo questo post, la festa della donna è terminata eppure leggere le parole di amiche e sconosciute su questa ricorrenza mi riconferma ancora una volta che le donne non si sono ancora emancipate da una grave forma di psicosi: la collezione dei sensi di colpa. Mi chiedo spesso se questa sia una abilità innata, presente dalla nascita nei nostri geni o ci sia stata instillata subdolamente con educazioni severe e millenni di cattolicesimo repressivo. Non so. Fatto sta che il senso di colpa alberga allegramente in ognuna di noi e prende la forma che preferisce a seconda del momento. E' inutile sperare di vivere qualsiasi esperienza in maniera totale e libera. Lui è lì, pronto a balzare fuori proprio quando pensavi di averla scampata. Perché mi dico io, devo sentirmi in colpa se mi capita di reagire aggressivamente ad una provocazione? La signora maleducata che approfitta della mia pazienza, non si merita un trattamento equo? Eppure dopo, io mi sento in colpa perché non è nella mia natura ed è come se forzassi una serratura per far uscire il malanimo. E perché devo farmi prendere dagli scrupoli se ordino pollo fritto al ristorante in un impeto di libidine, ma un attimo dopo immagino che non riuscirò mai più ad entrare nei miei pantaloni rossi capri questa estate? 
Perché mi sento male ogni volta che guardo mia figlia e sento che non sto facendo tutto il possibile per viverla, per cogliere ogni suo cambiamento, ogni suo balzo vitale, ogni sua singola parola? Perché mi crogiolo in ogni senso di colpa che mi passa di fianco, stratificando anche i più lontani nel tempo dentro il mio animo come una millefoglie ormai immangiabile? E voi, riuscite ad essere libere e superare almeno una giornata senza procurarvi un'inutile sofferenza da senso di colpa? Vi prego, insegnatemi come si fa, un trucco, un segreto, una tecnica...qualcosa vi prego. 
Alla faccia del senso di colpa, questa ricettina non ve ne farà venire. Si tratta di un piatto leggero e velocissimo da preparare, che a me ricorda i sapori di un posto che amo tantissimo: la Puglia. Cime di rapa freschissime e tenere, una sontuosa buratta rigorosamente di Andria, aromi ed olio extra vergine, il tutto reso molto appetitoso da lievi sfoglie di pane Carasau appena passato in forno per esaltarne la croccantezza. Un piatto che mi fa subito primavera e che brilla del verde più smeraldo che c'è. Eccovi la mia ricettina:
Ingredienti per 4 persone:
- 350 gr di cime di rapa (peso da pulite)
- 250 gr di burrata fresca di Andria
- 100 gr di fogli di pane Carasau di ottima qualità (io con farina macinata in pietra)
- 1 spicchio d'aglio
- 2 acciughine sott'olio
- olio extra-vergine
- sale nero in fiocchi o - pepe a piacere
Pulite le vostre cime di rapa scegliendo le foglie più belle e le cimette più fresche. Lavate bene quindi buttate il tutto in acqua bollente salata e cuocete per 5/6 minuti. Scolate bene senza buttare l'acqua di cottura. In una larga padella fate rosolare lo spicchio d'aglio e le acciughe fino a che si sciolgono in olio quindi saltateci le cime di rapa facendole insaporire bene. Mettete da parte.
Tagliate la vostra burrata a tocchetti. Tenete da parte un po' di stracciatella (l'interno della burrata) per la decorazione dei piatti. Mettetela in un bicchiere per mixer a immersione ed aggiungete le cime di rapa con il loro fondo di cottura. Se necessario aggiungete uno o due cucchiai d'acqua di cottura ed irrorate con olio d'oliva ed una macinata di pepe. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto spumoso e non troppo liquido. 
Ricavate grossolanamente dei quadrati dai fogli di pane carasau, spennellateli con olio evo e passateci una macinata di sale in fiocchi. Metteteli in forno a 180° per 3/4 min o comunque fino a che non saranno color nocciola. Attenzione alla cottura: si brucia facilmente. 
Adesso impiattate i vostri millefoglie: posizionate un quadrato di pane sul piatto di portata, quindi la spuma di burrata, nuovamente il pane e via via fino ad chiudere il vostro millefoglie (5 o 6 strati) decorandolo con delle cimette e ciuffetti di stracciatella che luciderete con un filo d'olio extra vergine di Corato o Ruvo di Puglia. Servite subitissimo. 
Con questa ricetta partecipo al bel Contest di Cinzia e Valentina Colors and Food del mese di marzo 




-

60 commenti:

  1. Io i sensi di colpa li ho banditi dalla mia vita per sempre dopo la lettura del bel libro di Susan Forward Il ricatto morale...dopo quella lettura tutto è stato meglio.

    Mentre la tua preparazione mi piace con quel contrasto croccante e soffice...oggi sono andata di cime di rapa anche io!!!

    un abbraccio loredana

    RispondiElimina
  2. Nessun trucco e nessun suggerimento. non si può. bisogna solo imparare a conviverci!

    RispondiElimina
  3. mamma mia che goduriaaaaaaaaaaa!!!! troppo buono questo piatto..corro a comprare tutto!!!

    RispondiElimina
  4. Patty ma sei un genio! questa è una favola.. io voglio.. tutto.. così com'è! da fare subito.. c'ho pure il carasau a casa, preso qualche giorno fa.. senza pensare ad utilizzo, probabilmente sentivo che qualche idea sarebbe arrivata.. sì, da te ;-)! baci

    RispondiElimina
  5. Difficilissimo togliersi dalle spalle i sensi di colpa. Noi donne ce li trasciniamo dietro, come le borse della spesa.
    Ancora più difficile per me sarà mangiarmi la mia triste bresaola... davanti alla foto di questo tripudio di primavera!
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
  6. Sui sensi di colpa non so proprio cosa consigliarti...io ci combatto, a volte vinco, a volte perdo...
    la tua ricetta è geniale!!!
    Un caro abbraccio!!
    e.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno, di solito non lascio commenti a meno che la cosa non mi piaccia proprio: e questo milleVoglie è meraviglioso! Complimenti e... basta con i sensi di colpa ....

    RispondiElimina
  9. oh Patty cara, come hai colto nel segno.. siamo delle millefoglie, non buone come questa tua, però! hai creato un piatto molto bello, dai sapori italiani buoni e colorati, ricco, saporito, leggero, quasi vegetariano (tolgo le acciughe, ok?)!
    però i nostri strati interni non son così belli.. almeno i miei, ma da come scrivi immagino anche i tuoi. i nostri strati sono pesanti, scuri, ruvidi, non evocano belle terre e sapori deliziosi. i sensi di colpa sono dai più frivoli, come i pantaloni capri, ai più profondi e impegnativi, come i dubbi che hai su tua figlia. la giornata di ieri, per come viene vissuta ora, non insegna niente. questo, invece, insegna. lo sfogo di una blogger, le risposte delle altre. i confronti. le discussioni su quanto sia difficile essere donna. non ho ricette per te: io anche sono una millefoglie di sensi di conpla antichi e nuovi, per non farmi mancare niente. come stare meglio? me lo chiedo sempre, e passando sempre dal mio blog lo sai bene. è inutile che provi a dire cose tipo "scegli le tue battaglie e i tuoi sensi di colpa" oppure "devi imparare a farti scivolare le cose addosso con leggerezza" o anche "devi sorridere di più".. no. ti dico che se tu sei fatta così, credo che ormai sia tardi per cambiare totalmente. che a me le donne con dubbi, incertezze, paure e ensieri piacciono, sono forti e intelligenti. come te. è bello che tu abbia dei dubbi su come vivi tua figlia,altrimenti saresti una mamma a metà.
    buon fine settimana Patty, e cerca di consolarti con questo piatto stupendo (me ne mandi un pezzettino anche a me, please???!)..

    RispondiElimina
  10. La ricetta è spettacolare... me la mangerei subito! quanto ai sensi di colpa... ahi ahi ahi qualcuno insegni anche a me... come fare a non averli perchè sono sovrastata.. mangio e mi sento in colpa perchè ho mangiato... vorrei 5 minuti di pace e mi sneto in colpa perchè nonsto dietro al mio piccolino... vorrei rilassarmi sul divano ma la casa con le mille faccende incombono e mi sento in colpa perchè nonè pulita perfettamente o messa in ordine abbastanza.. Ma come si fà? A I U T O ! ! cIAO pAOLA

    RispondiElimina
  11. Non sono una commentatrice accanita ma il tuo post e soprattuto la tua ricetta vanno sottolineati: niente sensi di colpa e avanti con i milleVoglie! La ricetta è bellissima, grazzzzzie!

    RispondiElimina
  12. che buono il pane carasau poi con questo condimento fantastico ciao

    RispondiElimina
  13. I sensi di colpa, ahimè, non sono una prerogativa femminile! Tranquille!

    Comunque bella questa mille foglie, e poi non sai che darei per addentare un morso di burrata, ma anche solo di mozzarella!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  14. ...se dovessi trovare una soluzione ti prego insegnala anche a me! Io non ci riesco, anche se contuinuo a ripetermi "fregatene", anche se faccio finta di non sentire...loro sono sempre lì in agguato! intanto questa ricetta è una di quelle da copiare immediatamente e non tanto per dire, bei colori, bei contrasti...bella bella bella!!!

    RispondiElimina
  15. Ottimo piatto, adoro il carasau e inoltre è sano e leggero!

    RispondiElimina
  16. perche' mi sento in colpa se ho voglia di trasgredire..
    se puntuale non sono li', con la tazzina del caffe' a dargli il buongiorno..
    nel perdermi attimi che non torneranno mai..
    perche'..
    grazie dolce patty

    RispondiElimina
  17. Che buono questo piatto, sei proprio geniale!

    RispondiElimina
  18. io credo di essere posseduta da un'anima maschile. Se qualcuno crede nella rincarnazione di sicuro io ero un uomo. Se una persona mi fa perdere la pazienza con la sua maleducazione la sbrano con mille parole e ne vado anche fiera. In auto la prima cosa che finisco non sono i freni ma il clacson e lo stravizio alimentare??? beh me lo sono meritato, non mi vanno più i pantaloni??? ne ricompro altri ... SONO UN UOMO DENTRO DI ME

    RispondiElimina
  19. magari sarebbe carino anche dire qualcosa per la tua ricetta ... buonissima e dopo averla mangiata non mi arriveranno più sensi di colpa

    RispondiElimina
  20. dai sensi di colpa si deve solo imparare, ci insegnano a crescere, ma non devono diventare il nostro incubo di vita.. devo diventare un passato che ci sta insegnando a vivere nel futuro, nessun trucco cara Patty, solo voglia di andare avanti con un sorriso per i nostri bimbi e anche per noi stesse.
    ..Favolosa la tua ricetta.. uno spettacolo

    RispondiElimina
  21. Io di sensi di colpa ne ho. Tanti. E pure grossi. Continuo ancora oggi, che i miei bimbi (gemelli) hanno 3 anni e mezzo e sono diventati belli e forti, a darmi la colpa perché uno dei due è nato fortemente sottopeso. Mia la colpa di aver fatto di tutto per averli. Mia la colpa perché sono piccolina. Mia la colpa perché avrei potuto fare di più per lui. No. Non mi libererò mai dai sensi di colpa. Imparerò solo a conviverci.
    Complimentissimi per la ricetta! Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  22. Questo piatto mette di buon umore. Mi piacciono i colori, adoro il pane carasau e tutto il resto, che meraviglia :)

    RispondiElimina
  23. Non credo proprio che esistano ricette ne', tanto meno, formule magiche. Anche qui ci vuole misura, come in tutte le cose. Non provare mai dei sensi di colpa, sarebbe sbagliato tanto quanto sentirsi costantemente in colpa. Per quanto riguarda la tua bimba, il fatto che tu abbia dei dubbi come madre, fa solo di te una buona madre. Quando crescera', anche lei capira', come abbiamo fatto tutti, che i genitori fanno del loro meglio: magari non saranno stati i genitori migliori del mondo, ma sono stati i genitori migliori che hanno saputo essere. Non pretendere di essere perfetta: non lo sei e sarebbe un inganno. Mostrati a tua figlia con i tuoi limiti e le tue debolezze: lei ti amera' per quel meraviglioso essere umano che sei. Umano, quindi per sua natura imperfetto, ma sempre meraviglioso. Del resto, nemmeno i nostri figli sono perfetti, ma questo non ci impedisce di amarli...o no?
    Per quanto mi riguarda mi ha aiutato molto capire quanti dei miei sensi di colpa derivavano dalla mia coscienza, dal mio giudice interiore, e quanti, invece, dalle aspettative degli altri, del mondo, del senso comune, nei miei confronti e dal loro giudizio. Ho imparato che in me c'e' un giudice sufficientemente severo, da poter fare a meno del giudizio degli altri...uno strato in meno nella mia millefoglie...
    E dopo queste perle, fulgido esempio di filosofia dell'ovvio, la ricetta te la commento un'altra volta... Bacioni.

    RispondiElimina
  24. i sensi di colpa fanno vivere male ed io voglio vivere serenamente bene :-) questa millefoglie è genuinamente buona! buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  25. Hai colto nel segno, i sensi di colpa sono onnipresenti nella mia vita e riguardano le cose insignificanti fino alle più importanti. E' come se le emozioni di ogni giorno fossero minate da questo sentimento subdolo e strisciante che mi lascia sempre un sapore amaro in bocca... ma sai che ti dico? la forza delle donne sta anche in questo, nella grande attenzione (forse esagerata) in cui viviamo la nostra vita, interrogandoci sempre su tutto e esaminando la nostra coscienza; tutto assume uno spessore diverso e nulla viene lasciato al caso... non è forse un segno di grande intelligenza? ti abbraccio Patty, complicata e inquieta come me!

    RispondiElimina
  26. A rapporto sensi di colpa dipendente! Se ti danno la ricetta, passa pure quella!

    RispondiElimina
  27. Che emozione! i friarielli! in casa c'è una disputa tra chi sostiene che si chiamino friarielli (napoletani) e chi rape (pugliesi)..ma comunque si chiamino la tua ricetta è golosissima, a dispetto delle calorie!
    per i sensi di colpa invece forse non c'è una ricetta da poter seguire, perchè viviamo su equilibri ( psichici ) precari, e se facciamo una scelta, ne escludiamo immediatamente un'altra, secondo Melanie Klein, la psicoanalista che più ha condizionato il movimento psicoanalitico dopo Freud, il senso di colpa è connaturato allo sviluppo del bambino ( parliamo di infanzia preistorica ovvero da 6 mesi a 1 anno ) e l'insorgenza di esso, segna appunto il passaggio ad una fase psichica più evoluta, e fondata più sull'amore. Cresce praticamente con noi!!!

    RispondiElimina
  28. Cara e dolce Patty, le millefoglie sono stupende!!!!
    ..stupendo post letto tutto con piacere, sebbene io sia la persona meno indicata ad insegnarti il trucco, vivo continuamente avendo sensi di colpa e come se non bastasse mi prendo anche da sola le colpe degli altri...mi sa che sono messa maluccio e peggio di te!!! :((..tu che dici??? :))
    Un bacio grande!

    RispondiElimina
  29. per i sensi di colpa non posso aiutarti, anzi aspetto anch'io qualche intuizione!!!
    questo piatto però è una delizia!!! ;)

    RispondiElimina
  30. sono in paradiso! Che esplosione di sapori...fantastici!

    RispondiElimina
  31. cara Patty, la ricetta uno spettacolo, mi fai venire voglia di andare a prendere il carasau, che tra l'altro mangio sempre così volentieri, e la bella e fresca burrata..
    e quanto ci somigliamo, in quella tua frase "forzare una serratura per far uscire il malanimo" ci sono tutta io..
    ma i sensi di colpa continueranno finché non accetterò che E' giusto essere anche così, per l'altro, non per me. E' la signora che approfitta della mia pazienza che ha bisogno di una piccola lezione altrimenti la vita non gl'insegna nulla, capito? Ed ecco che allora cominci a sentirti parte di un disegno più grande, che non dipende sempre da te :)
    e io maledico quelle femministe che hanno preteso la parità dei sessi chiedendo a gran voce che la donna possa avere gli stessi diritti dell'uomo. "che silurata!"
    Si doveva fare anche il contrario, che gli uomini pigliassero i doveri delle donne. Questo invece non è accaduto.. non solo il danno dunque, ma anche la beffa!
    Stasera vado a prendere il carasau, è deciso.
    Ti abbraccio, sei una persona bella, mi piace parlarti e spero che un giorno potremo incontrarci :)

    RispondiElimina
  32. Questa tua creazione merita un applauso, prima di tutto perché è un omaggio meraviglioso alla mia terra e poi perché, se anche io fossi svedese, non potrei non apprezzare la bontà degli ingredienti scelti e l'originalità dell' accostamento (pane carasau da una parte, burrata e cime di rapa dall'altra). Fatti i dovuti complimenti, veniamo a lui: il senso di colpa! E' stato l'incubo della mia infanzia e giovinezza e solo ora che sono nella fase della "maturità" ho imparato ad ignorarlo... non al 100%, ma all'80 di sicuro sì. Come ho fatto? Ho semplicemente capito che bisogna volersi un po' di bene e concedersi anche la possibilità di sbagliare ;-)

    RispondiElimina
  33. Patty che post meraviglioso hai scritto! In primis per questo trionfo di bellezza, piacevolezza e gusto! Chissà come dev'essere buona questa millefoglie... le tue foto sono sempre spettacolari! Per il resto, concordo riga per riga col commento di Donatella: io sottoscrivo! Aggiungo solo che la mia lotta contro i quotidiani sensi di colpa continua da quando ero ancora fidanzata!
    Per mia fortuna ho accanto un meraviglioso compagno, che ha un senso di libertà interiore insiegabile (ed è ciò che mi ha fatto follemente innamorare di lui) e giorno per giorno mi ha aiutato, accompagnato e tuttora mi aiuta a "liberarmi" di tante zavorre che mi porto dietro! Un segreto dici? L'amore credo, essere amati ci aiuta a mio avviso ad amarci a nostra volta, aiuta a far accrescere quel senso di autostima che spesso noi donne (anche quelle in apparenza più sfrontate e sicure di sè!) abbiamo così basso.. e per volersi bene non bisogna essere perfette (è sempre ciò a cui miro io essendo una pignolinaprecisinarompiballe!!!) ma solo VERE!
    Accettando noi per prime che è assolutamente umano sbagliare, sentirsi fragili, a volte inefficienti etc!!! Siamo mica wonder-woman, no? Sebbene a volte lo crediamo pure...
    Scusa la filippica, ma l'argomento mi prende (chissà perchè!!!)
    Buona vita cara Patty e GRAZIE buon fine settimana! Ti abbraccio stretta stretta!
    ^__^ Any

    RispondiElimina
  34. Parto dalla ricetta perché l'ho appena letta d'un fiato e ... ti devo dire non brava ma di pppiù, perché è un insieme di ingredienti fantastico. Doco solo questo perché se mi lancio nelle consistenze qui, cerco l'iperbole, quindi grazie!! Procedo poi con il senso di colpa...io penso che cola un po' tutti/e, ma va misurato pure quello. Non ci si piò sentire in colpa per delle sciocchezze o per cose che non dipendono direttamente da noi. Io ad esempio mi sento in colpa quando sono in balia della cattiveria più assoluta grazie ai picchi ormonali...in quei giorni c'è da sperare di non essere davanti alla mia macchina ad un semaforo o di non essere d'intralcio al super (nella mia mente scorrono frasi indicibili ma per fortuna ne esce solo un 5%:))))Cerchiamo di goderci quello che abbiamo di buono ogni giorno e ... via sensi di colpa!!!
    un abbraccio e a presto, Vale

    RispondiElimina
  35. Io posseggo così tanti sensi di colpa che non ho davvero idea di come non farseli venire, di come superarli, di come evitare inutili pippe mentali e tante altre amenità..
    Ma è un periodo che i sensi di colpa in cucina non so manco cosa siano.. e per questa tua millefoglie potrei sicuramente fare cose turpi, che meriterebbero miliardi di sensi di colpa, ma non li avrei! ;)

    Assolutamente un piatto da copiare..

    RispondiElimina
  36. bello, bellissimo piatto!
    I sensi di colpa li sentiamo tutti, l'importante è che non ci soffochino fino a impedirci di vivere la nostra vita (:

    RispondiElimina
  37. Una ricetta veramente fantastica!! fa venire una fame!! Per il senso di colpa per fortuna non ce l'ho quasi mai, il trucco? una scarsa memoria a breve termine! ahah (dico sul serio). Bacioni!!

    RispondiElimina
  38. troppo forte!! piatto e post! bell'argomento "i sensi di colpa" aiutooooooo

    RispondiElimina
  39. mi sembra di aver mangiato pane e colpa per una vita... magari ora qualche bel panozzo bello tosto ogni tanto, condito a strati rustici (altro che millefoglie!) di tutti i sensi di colpa, vecchi e nuovi! Però oggi va meglio... forse il trucco è invecchiareeeee??? ohmiodddioooo!!! la cura è peggio della malattia!!! ^_^

    ps. ricetta fantastica... ma se tu scrivi sempre queste cose così interessanti poi come si fa a decantare lo splendore di smeraldo di quelle belle cimette, quei vezzosi ciuffetti di stracciatella lucidati con l'olio, la bontà del pane di farina macinata in pietra, la voluttuosa cascata della spuma di burrata... eh, come si fa????

    RispondiElimina
  40. Una foto strepitosa per un piatto molto allettante! In bocca al lupo per il contest!
    Alice

    p.s. Io sono sinceramente convinta che il senso di colpa ce lo abbiamo nel DNA e ce lo passiamo di generazione in generazione !

    RispondiElimina
  41. Forse ad una certa eta` acquisendo tanta, saggezza senso dell'umorismo e sano megrefeghismo.....non mi sentiro` pu` in colpa per ...milioni di cose.
    .....millefoglie spettacolare!
    francesca

    RispondiElimina
  42. complimenti le tue ricette sono sempre fantastiche

    RispondiElimina
  43. Io a dire il vero non soffro di questi sensi di colpa, non ne ho mai sofferto, se vuoi ti insegno il trucco (però poi se vengono a portarti le arance in galera non te la prendi con me, vero? :P)

    Sto ancora ridendo per la mia faccia davanti alla tua frase "questo piatto mi ricorda i sapori di un posto che amo tantissimo", io mi aspettavo di leggere "la Sardegna" (per il Carasau) invece era la Puglia ahahahahah

    Ti mando un bacione enorme!!!

    RispondiElimina
  44. chi di noi non ha almeno un senso di colpa scagli la prima pietra!!!Bella ricettina e bel post..complimentissimi!!

    RispondiElimina
  45. Tesoro mio, io non posso assolutamente aiutarti! Io mi sento in colpa anche solo se, scendendo le scale insieme al vicino di casa, metto io per prima, per sbaglio ovviamente, il piede fuori dal portone....;-)
    Questo piattino è davvero sfizioso e scrocchioso, brava.
    Un bacio e buona domenica

    RispondiElimina
  46. questo è la fine del mondo , adoro il pane carasau, ne avevo fatto una versione con il pesto, la bufala e il pomodoro, ma proverò anche questa tua che mi sembra sfiziosissima! Avrei un piccolo favore da chiederti; facendo il restyling al blog ho perso i contatti di google friend connect e sto faticosamente cercando di recuperarli uno alla volta...ritorneresti ad iscriverti? Spero che il nuono vestito ti piaccia, ti aspetto!

    RispondiElimina
  47. WOW! che bel piatto! Originale e sfizioso, questo millefoglie alternativo mi piace un sacco!

    RispondiElimina
  48. Come dici te, altro che senso di colpa: bisgona avere pure qualche coccola culinaria, no? Wow il tuo blog è una favola, ottime ricette e belle foto, complimenti!!!

    RispondiElimina
  49. Non essendo immune dai sensi di colpa,non posso darti alcun consiglio,ma solo capire le tue riflessioni!Alla fine è proprio questa sensibilità che ha la donna,a non farle vivere la vita con meno paranoie e a differenziarci dagli uomini..no??Però una cosa è certa,per una porzione di questa millefoglie,lascerei in pace la mia anima,senza tormentarla con "inutili sensi di colpa!!
    E' deliziosa questa ricetta,amo le cime di rapa e tu hai saputo usarle in modo eccellente!!
    Un abbraccio Patty...che dici,ce la faremo a diventare più "easy"???

    RispondiElimina
  50. Non posso aiutarti, sono spesso vittima di sensi di colpa in cucina, con mio figlio, con mio marito. Invece per quanto riguarda terze persone quello proprio no! Come dice mio marito "lascia fare" :) Mi piace tanto il pane carasau, così condito fa proprio la sua bella figura!

    RispondiElimina
  51. Che bella idea anche per usare le cime di rapa..ottimo abbinamento...complimenti e buona domenica!

    RispondiElimina
  52. Sensi di colpa... Io potrei scriverci un libro intero.. Vivo di senso di colpa e provo eternamente un senso di inadeguatezza (ho aperto il blog come terapia !)
    Pero, dai, questo tuo piatto fa sciogliere ogni dubbio
    : l'arte della cucina di casa tua rallegra pacificamente tutti !
    Buona domenica carissima Patty

    RispondiElimina
  53. Ciao Patty, piacere di conoscerti e grazie per essere passata e trovarmi e aver lasciato un dolce messaggio.
    Per quanto riguarda i sensi di colpa, fidati le ho già provate tutte ma non c' è niente da fare ... non ce la faremo mai, siamo così ...
    Io dico sempre ... la prossima volta .... ma quella prossima volta non è ancora arrivata!
    Per le tue ricette sono molto stuzzicanti, mi unisco volentieri al tuo blog così non mi sfuggirà neanche una tua ricetta.
    Se ti va continua a seguirmi anche tu.
    Un abbraccio e buon inizio settimana.

    Love et bisous Ve

    RispondiElimina
  54. Ciao Patty non ho suggerimenti, sono come te, se tratto male la gente, mi sento in colpa anche se ho ragione. Allora cerco di farmi le mie ragioni con educazione e ci perdo, perché gli altri invariabilmente alzano la voce e mi surclassano! Pazienza, comunque mi preferisco così. Bellissimo piatto il tuo. Gli asparagi qui cominciano a comparire sui banchi del mercato, sono i nostri liguri, verdi e carnosi, carissimi per il momento. A presto baci

    RispondiElimina
  55. Deve essere di una bontà stratosferica!!!
    Qui dalle parti mie la cime di rapa si sposano con i cavatelli e la pancetta croccante.
    Questa tua ricetta mi intriga moltissimo ... la proverò di sicuro.
    Un saluto Carmen

    RispondiElimina
  56. Patty questa millefoglie è geniale!
    Davvero complimentissimi..
    E quanto è vero ciò che scrivi sui sensi di colpa.. a questo punto mi viene da pensare che siano connaturati in noi, ineliminabili nonostante i nostri sforzi!
    Un abbraccio, Alice.

    RispondiElimina
  57. Cara Pat, come scrivi bene...io ci credo nei segni, proprio una mezz'oretta fa, rientravo dopo aver accompagnato il mio cucciolo di 6 anni a scuola, sono entrata in camera da letto per andare ad accendere il pc...e passando davanti al comò mi sono fermata un attimo ... ma è stato un 'attimo lunghissimo' ti giuro, la foto di mio figlio appena nato...a 3 mesi...a 5 mesi...a 10 mesi...ho cercato di ricordarmi com'era davvero, o meglio come lo vivevo io e ... mi sono sentita in colpa, dentro di me urlavano le tue stesse parole "sento che non sto facendo tutto il possibile per viverla, per cogliere ogni suo cambiamento, ogni suo balzo vitale, ogni sua singola parola" ... sento che un giorno mi pentirò di ogni attimo che non ho saputo vivere accanto a lui, di tutte le volte che lo metto in punizione, di tutte le volte che debbo dirgli di no perchè c'è qualcos'altro di più importante da fare...poi vengo qui da te, avevo voglia di salutarti e di dirti che domani ti spedisco il libro... e vado avanti a leggere finchè non trovo questo post...ai segni io ci credo...grazie Pat...da più di un anno ormai sono sull'uscio di momenti giù che mi fanno paura...cerco di allungare il passo ma ogni tanto mi ritrovo davanti a quella posrta che si spalanca...barcollo...metto solo il naso all'interno e cerco la forza di tirare la testa all'indietro...grazie di questo post, delle tue parole, oggi mi servivano e le ho trovate...

    RispondiElimina
  58. Facciamo che i "sensi di colpa" se ne vanno via quando hai lavato il piatto, insieme alla schiumetta del lava stoviglie... dopo che mi sarò mangiata questa deliziosa mille foglie!

    Così sparita la delizia spariti questi sensi appiccicosi, ok? Io mi offro a darti una mano!

    besos

    RispondiElimina
  59. Mmmmmm che bontààà veramente ottima! Complimenti!!!

    volevamo avvisarvi che è partito il nuovo contest di ricette a base di latticini e formaggi L’ArTTE IN CUCINA organizzato da “A FUOCO LENTO – l’appetito vien mangiando!”
    CLICCA QUA PER PARTECIPARE

    perchè non partecipi anche tu, magari proprio con questa ricetta?

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...