mercoledì 21 marzo 2012

Ultimo Starbooks di Marzo: i Wonderful Welsh Cakes di Jamie

Tea for two - Bahiana
Posso essere un poco dispiaciuta? Con questa ricetta e con quelle delle mie compagne di avventura che avrete modo di visitare più tardi, si chiude l'omaggio fatto a questo splendido libro di Jamie Oliver per lo Starbooks di Marzo. Mi riprometto però fin da adesso, di ritornare su questi passi, perché ci sono alcune irrinunciabili ricette che voglio provare e condividere con voi. Ne riparleremo, dunque. 
Il post di oggi è dedicato ad una tradizione affascinante della cultura anglosassone, ed è l'Afternoon Tea. Io invidio agli inglesi questa fantastica abitudine, perché mi sento molto una donna da afternoon tea. La mia giornata si apre a pieno ritmo e posso dire di essere attivissima e supersmart la mattina ma calo miseramente a partire dalla metà del pomeriggio. Il mio bioritmo si arresta proprio quando ci starebbe bene una pausa fatta di meraviglioso infuso bollente accompagnato da ogni genere di dolcetto, torta o canapè. Purtroppo non posso permettermelo, non sono organizzata in ufficio ed il primo bar più vicino ha una selezione di paste che la Luisona in confronto è 'nu babbà! Però a casa o in viaggio, quando posso me lo concedo ed allora che grande gioia!
Oggi vi presento i Welsh Cake, ovvero dolci gallesi di cui non sono riuscita a trovare notizie in termini di origine o storia. Ma Jamie ne è talmente innamorato da aver dedicato loro ben 2 pagine di splendide immagini ed una introduzione entusiasta. E dopo averli provati, non posso che concordare.
Sappiate che l'impasto di questi dolci altro non è che la base di una frolla a cui è stato aggiunto del lievito (cosa che non farei mai se dovessi pensare ad una crostata o un dolcetto da passare in forno). Il mio stupore è stato leggere che l'impasto non necessita di riposo in frigo e che deve essere cotto "in padella". Il mio primo pensiero è stato: dovrò mangiarmi delle frittelle crude! Errore, errore gravissimo. Intanto perché i Welsh Cakes non sono frittelle, ne pancakes o qualsiasi altra cosa di questo genere. Sono proprio dei dolcetti che all'assaggio sembrano biscotti friabilissimi e leggeri. Il miracolo è stato osservare la cottura. Ho fatto esattamente come consiglia Jamie, testando la temperatura sulla pasta e sono riuscita velocemente a trovare il punto di cottura perfetto. In esatti 4 minuti per lato, come lui indica sul libro. Potete notare anche dalle foto come il lati dei dolcetti siano belli dorati e uniformi. L'interno si cuoce perfettamente e la pasta è di una friabilità fantastica. Per tagliarli bisogna quindi farlo delicatamente e vi confesso che, se con le fragole e la panna sono golosissimi, al naturale, con l'aroma delle spezie che emerge senza aggredire, sono assolutamente strepitosi. 
Ingredienti per preparare 35/40 cakes
500 gr di farina autolievitante (o farina 00 + 1 bustina di baking) + extra per infarinare
75 gr di zucchero semolato + extra per decorare
un cucchiaino raso di misto spezie (noce moscata, cannella, coriandolo, zenzero, chiodi di garofano - si trova facilmente in qualsiasi supermercato)
250 gr di burro freddo non salato
1 pizzico di sale marino
150 gr di uva sultanina 
1 uovo grande da allevamento a terra
un paio di cucchiaiate di latte 
Per il ripieno
300 ml di panna densa (io panna fresca semimontata)
un cucchiaino raso di zucchero semolato
un cucchiaino di semi di vaniglia
400 gr di frutti rossi freschi (fragole e lamponi o mirtilli)
1 limone
Setacciate la farina e versatela in una ampia ciotola ed aggiungete lo zucchero e le spezie. Tagliate il burro a pezzetti e con le dita riducete l'impasto in briciole sottili. Aggiungete la frutta secca (io l'ho fatta ammorbidire un po' in acqua calda prima di aggiungerla) quindi fate la fontana al centro dell'impasto e rompetevi l'uovo. Aggiungete un cucchiaio di latte ed usate una forchetta per sbattere e mescolare le uova con il latte. Una volta miscelati, con le mani pulite impastate il tutto velocemente fino ad ottenere una palla. Se necessario aggiungere anche il resto del latte. 
Mettete una larga padella antiaderente con doppio fondo sulla fiamma media e fatela scaldare.  Nel frattempo stendete la pasta con un matterello infarinando una superficie pulita allo spessore di 1 cm. Usate un coppapasta da 5 cm diametro e tagliate quanti più cerchi riuscite ad ottenere dalla vostra pasta. Rimpastate i ritagli e continuate fino a che non avrete terminato la pasta. Per testare la temperatura cuocete un Welsh cake nella padella per qualche minuto come se fosse un termometro. Se dopo c.ca 4 minuti, la superficie è chiara, alzate un po' la temperatura; se è nera, abbassatela. Aspettate qualche minuto affinché la temperatura si corregga e provate ancora. Quando avrete un cake dorato dopo 4 minuti per ogni lato, sarete nella giusta posizione e potrete continuare a cuocere più cakes insieme avendo tutto sotto controllo.
Appena li toglierete dalla padella, metteteli su una griglia per raffreddarli e cospargeteli di zucchero semolato (io ho usato quello a velo). Li potete servire proprio così come sono. Oppure, potrete fare come ho fatto io, aprendoli delicatamente con un coltello. Montate la panna con lo zucchero e la vaniglia fino a quando avrete dei soffici picchi. Mettete la frutta fresca in una ciotola, affettate le bacchi più grandi e mescolatela con il limone ed un po' di zucchero. Mettete la panna all'interno del cake ed aggiungete la frutta, quindi ricomponete il dolce. Servite
Continuate il vostro afternoon tea time passando dalle mie amiche e compagne di viaggio dove potrete trovare una tazza fumante accompagnata da:
St Clemen's Cake a casa di Menu Turistico
Walnut Banana Loaf a casa di Ale Only Kitchen
Early Grey tea loaf  a casa di Vissi d'Arte e di Cucina
Scottish Shortbread a casa di Insalata Mista
Ad Aprile con il prossimo appuntamento Starbooks....grandiose sorprese! 



44 commenti:

  1. Hai concluso in bellezza direi.. particolari nell'impasto e nella cottura, sono davvero curiosa! brava Patty..buona giornata!

    RispondiElimina
  2. tesoro sono bellissimiiiiiiiiiiii!!! complimenti...

    RispondiElimina
  3. Beh! Che dire, un biscottino sicuramente profumatissimo. Cotto in padella, poi, mai sentito. Chissà se riuscirò (fra qualche secolo...) a farlo glutenfree... Brava Patty e buona giornata

    RispondiElimina
  4. Accidenti questo libro mi manca ma con quest'ultima ricetta mi hai convito.... credo che comprerò anche questo :-D

    RispondiElimina
  5. Buongiorno!! Stamattina mi hai letteralmente stesa con questi dolcetti che proprio non conoscevo!! Sono rimasta incantata a leggere il procedimento e specialmente la cottura in padella così particolare!! Che dire allora? Mi hai messo troppa curiosità che ho già salvato la ricetta e poi ti farò sapere...Dispiace tantissimo anche a me che Jamie sarà congedato dal gruppo ma confido in te per vedere ogni tanto una sua nuova ricetta!! Un bacione grande!!

    RispondiElimina
  6. GANZISSIME!! ma dai? una pasta frolla cotta in padella?? assolutamente da provare, molto simpatica e mi sembra che il risultato sia degno delle aspettative, brava!!
    ciao
    cris

    RispondiElimina
  7. Tortine cotte in padella?!?!?! Sapevo di aver sbagliato a perdermi quel libro e questo mi confrema ancora una volta la genialità di questo simpaticissimo ragazzo :) Tu invece lo sai che mi istighi alla prova vero? Ecccccccccccome se lo sai :)) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  8. OMG, ogni volta che vedo una sua ricetta così sapientemente riproposta capisco perché lo adoro!Gnaaaaaam, questi dolcetti devono essere favolosi, segnati e da provare al più presto!Mille baci cara e buona primavera!!

    RispondiElimina
  9. Che novità!!!
    Ricetta originalissima..saranno strabuoni!
    Sempre in gamba tu Patty e stupisci.
    Un bacio e una buona giornata!

    RispondiElimina
  10. non ci posso credere! mai visto né mangiato dolcetti come questi... e siccome mi chiamano - immeritatamente, beninteso - la "regina della frolla", li devo sperimentare assolutissimamente!! anche a me dispiace aver concluso lo Starbooks dedicato a J.O... ma credo proprio che ci tornerò sopra :))
    realizzazione e foto stupende, as always my dear!!

    RispondiElimina
  11. Curiosissimi questi biscotti Patty, e siccome sono anche io una da "afternoon tea", me li salvo e li proverò! L'aspetto è davvero magnifico, grazie di aver condiviso questa bellissima ricetta, con l'aggiunta di tutti i tuoi preziosi consigli! Spiace anche a me che sia scaduto questo appuntamento, ma confido nelle tua voglia di condivderne altre ;)... comunque!
    Ti abbraccio e buonissima primavera!!! Finalmente è arrivata!!!! ^___^

    RispondiElimina
  12. Patty questo libro è stato il mio miglior acquisto su AMAZON... è così pieno di spunti che mi ci vorrà una vita per eseguire tutto ciò che mi piace!
    Uno dei TODO era proprio questa ricetta! Avevo un poco di perplessità per il lievito ma.... vedo che anche tu ne sei stata conquistata.
    Mi ripeterò ma: IO LOVVO J.O.!!!
    Nora

    RispondiElimina
  13. Non sai quanto vorrei questo libro ma non ancora sono riuscito a comprarlo! Menomale che questo starbooks mi sta facendo conoscere un sacco di ricette!!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  14. Anche io mi sento tanto da afternoon tea!
    E questi sono proprio nelle mie corde...

    RispondiElimina
  15. U signur......ho fameeeeee!!!!

    RispondiElimina
  16. peccato che sia finita! io ho salvato tutte le ricette :D questo ragazzone è stata proprio una vera sorpresa per me! complimenti cara :-)

    RispondiElimina
  17. ma dai! la frolla in padella! non c'è fine alle cose che possiamo imparare e ai nuovi buonissimi sapori che possiamo scoprire! sei stata proprio brava :-) io la mattina anche se pimpo come una duracell, dopo un pò mi spengo e nel pomeriggio pimpo di più..che dici...posso spezzare la mattinata con 4 o 5 di queste squisitezze? ;-) un abbraccio :-D

    RispondiElimina
  18. Stupenda Patty! Questi biscotti li proverò sicuramente, anche perché, visto che non richiedono l'utilizzo del forno, saranno perfetti anche per l'estate... Anche a me dispiace dover salutare Jamie, ma è solo un arrivederci!

    RispondiElimina
  19. Io adoro il rito dell'afternoon tea lo trovo morbido e rassicurante =) ma queste tortine non le conoscevo devo fare mea culpa!

    RispondiElimina
  20. Quanto mi piaccionooooo si si lo so che mi piaceranno! questo ragazzo è proprio in gamba!

    RispondiElimina
  21. Assolutamente ignorante (io!) in merito a questi dolcetti.....ma quanto mi piacciono però!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Piccolo aneddoto sull'afternoon tea: la mia insegnante di piano inglesissima si portava un termos con il tè al latte a lezione (la mia coincideva proprio con l'ora del te) e biscottini in tupperware pur di non rinunciare al tradizionale spuntino :-)

    RispondiElimina
  23. Dolcetti davvero sorprendenti, sia nella preparazione che nella cottura. E hanno l'aria di essere anche moooolto buoni!

    RispondiElimina
  24. Pensa che per caso ho visto una trasmissione in cui preparavano delle Welsh cakes enormi e avevo proprio intenzione di provarle...in una quantità umana s'intende!!! :) l'ho già detto e lo ripeto...libro da comprare!

    RispondiElimina
  25. Patty, ma tu hai una passione incredibile! Quanta costanza, tempo, dedizione e tutto questo con tanto di lavoro e famiglie.
    Sei troppo brava.
    Questi biscotti non li conoscevo dal nome, però dalle immagini penso proprio di averli provati, forse in un cafè in Inghilterra. Dagli ingredienti mi sembrano proprio quelli.
    Però.. per averne la certezza.. dovresi assiaggiarli ;-)

    RispondiElimina
  26. la cottura in padella è nuova e sono molto curiosa, hanno un aspetto delizioso! questo libro è già in lista! ciao :-)

    RispondiElimina
  27. con tutte quelle spezie...saranno divini questi dolcetti gallesi! e la cottura davvero insolita!
    brava...come sempre!
    baci

    RispondiElimina
  28. se stai brava, ti dò la ricetta della mia mamma... :-)
    ma grande patty!!!
    ale

    RispondiElimina
  29. welsh cakes? mangiate a londra, buone!
    le tue non hanno niente da invidiare alle originali gallesi :)

    RispondiElimina
  30. ma che delizia mi lasci senza parole

    RispondiElimina
  31. Ti sono venuti una meraviglia!
    Te ne rubo un paio :P
    In cambio ti do una fetta del mio earl grey cake fatto la settimana scorsa (il mio però è tradizionale, non è quello di JO, ti va bene lo stesso? :-D)

    RispondiElimina
  32. Nel frattempo mi sono mangiata la ò do dò :-D

    RispondiElimina
  33. Patty, il fatto che io sia innamorata di Jamie, che adori te e il tuo modo di cucinare, che l'Inghilterra sia per me una terra del cuore e che il te pomeridiano con relative golosità, mi ha fatto strabuzzare gli occhi di fronte a questo dolce!!! che belli! visti a Cardiff, ma ero troppo impegnata a rimpinzarmi di plum cake e non li ho presi... bellissimi!
    Hai visto, Jamie è sempre affidabile! mi incuriosiscono molto, da provare!

    RispondiElimina
  34. Ciao Patti! Inanzitutto ti ringrazio di essere passata da me! Bel post che hai scritto! Io seguo Jamie Oliver su Sky, dove insegna modi di preparazione light nelle scuole americane. E proprio in gamba! Questi meravigliosi Cakes sono assolutamente da provare! Dalle foto sembrano squisiti! Mi agrego subito ai tuoi fans! Baci

    RispondiElimina
  35. dopo quanto hai scrito..mi hai incuriosito..
    bisognera' che li provi...
    l'aspetto è invitante!!complimenti!!
    passa a trovarmi nell'altro mio blog se ti fa piacere!!
    a presto

    RispondiElimina
  36. Cara Patty...il tuo blog é bellissimo ! Le ricette inglesi tentano pure me e credo ci siano delle cose da rivalutare ( io ho fatto i Beef Purses ,straordinari) Per la ricetta di pasta....io ho trovato la bietina selvatica (per fortuna....in Francia non si trovaa da comprare ) ma puoi farla benisimo con la bietina coltivata che in Italia si trova da qualsiasi fruttivendolo ! Baci

    RispondiElimina
  37. Ma ciao, grazie di essere passata e come apro il tuo scopro subito queste delizie e un post dedicato a edith piaf. Mi piace! quindi ti seguo e ripasso. a presto

    RispondiElimina
  38. Bellissime, jamie nei dolci e' un mito!!!!

    RispondiElimina
  39. Ricetta molto intrigante!
    da provare!
    Ciao Patty

    RispondiElimina
  40. Il piacere di conoscerti è tutto mio.
    Senz'altro è voglia di viaggiare..ma non è il momento.
    Bellissima anche la tua ricetta voglio provarli al più presto.. magari, visto il tempo, per un pic-nic.

    RispondiElimina
  41. Il piacere di conoscerti è tutto mio.
    Senz'altro è voglia di viaggiare..ma non è il momento.
    Bellissima anche la tua ricetta voglio provarli al più presto.. magari, visto il tempo, per un pic-nic.

    RispondiElimina
  42. Grazie per aver condiviso la tua realizzazione con tutti noi. Ottima!!!

    RispondiElimina
  43. Questi li proverò assolutamente! ;)

    RispondiElimina
  44. Siete tutte da ringraziare per avrne testatoe condiviso una parte... Tutte ricette ottime e questa poi la voglio proprio provare! Ti son venute benissimo! Complimenti per tutto!
    Terry

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...