mercoledì 23 maggio 2012

Tomato party: una festa in rosso per salutare Plenty e Ottolenghi

Lets call the whole thing off - George and Ira Gershwin
Quale cosa migliore di un party per chiudere la celebrazione del nostro Starbooks del mese, Plenty ?
Un party tutto rosso, succoso, acidulo e fresco come il sapore dei pomodori che Ottolenghi esalta in questo semplice piatto super estivo. 
"Tomato party", questo è il nome della ricetta che ho scelto oggi per chiudere il nostro ultimo appuntamento con questo libro meraviglioso. Ne ho già vantato la splendida accessibilità con le proposte precedenti ed a malincuore confesso il mio dispiacere nel riporlo. C'erano sicuramente almeno altre 5 ricette che avrei voluto raccontarvi, anzi prometto ritornerò presto sui miei passi, visto che l'estate chiama leggerezza e sapore e Ottolenghi in questo è un maestro
Mi è piaciuta immediatamente l'idea di utilizzare il couscous e la fregola per realizzare un'insalata inedita, un piatto che può diventare un perfetto contorno ad un piatto di pesce, penso ad una bella grigliata di spada o tonno, oppure ad essere arricchita trasformandola in un piatto completo con l'aggiunta di olive di Kalamata, feta sbriciolata e a chi piace, cipollina fresca tagliata sottile. Un connubio di mediterraneità che incontrerà il favore di molti palati. 
Per una conclusione davvero in bellezza, non perdetevi assolutamente i post delle altre Starbookers:
Socca a casa di Menu Turistico
Green Pancakes a casa di Ale Only Kitchen
Black Pepper Tofu a casa di Vissi d'Arte e di Cucina
Green Been Salad with Mustard seeds and Tarragon a casa di Insalata Mista
Ingredienti per 4 persone
- 125 gr di couscous
- 150 gr di Fregola
- Olio extra vergine d'oliva
- 150 ml di acqua bollente
- 300 gr di pomodori di tipo Perino tagliato in quarti per lunghezza
- 1 cucchiaio raso di zucchero
- 1 cucchiaio di aceto balsamico
- 150 gr di pomodori ciliegia gialli tagliati a metà
- 1 piccolo pomodoro verde tagliato in fette sottili
- 100 gr di pomodori ciliegino (io ho usato pachino e datterino)
- 2 cucchiai di origano fresco sminuzzato grossolanamente
- 2 cucchiai di dragoncello sminuzzato grossolanamente
- 3 cucchiai di menta sminuzzata grossolanamente
- 1 spicchio d'aglio schiacciato
- sale e pepe
Preriscaldate il forno a 170°. Mettete il cous cous in una ciotola con un pizzico di sale ed un goccio d'olio quindi versatevi sopra l'acqua bollente, mescolate e coprite la ciotola con una pellicola. Lasciate riposare per 12 minuti quindi togliete la pellicola e sgranate i chicchi con una forchetta e lasciate raffreddare. 
Buttate la fregola in una pentola di acqua salata in ebollizione e lasciate cuocere per c.ca 18 minuti, e comunque al dente. Scolate quindi sciacquate sotto l'acqua fredda. Lasciate asciugare completamente.
Nello stesso tempo sistemate i pomodori perini divisi in quarti, su una placca da forno rivestita di carta e cospargeteli con lo zucchero, il sale e pepe. Spruzzate un po' di aceto balsamico e olio sui pomodori e passate in forno. Dopo 20 minuti toglieteli dal forno, aumentata la temperatura a 200° ed aggiungete sulla placca i pomodorini gialli tagliati a metà. Continuate la cottura per altri 12 minuti.
Togliete il tutto e lasciate raffreddare. 
Mescolate cous cous insieme alla fregola su un piatto di portata. Aggiungete le erbe, l'aglio, i pomodori cotti con il loro succo, il pomodoro verde, i ciliegini o pachino. Mescolate con delicatezza usando le mani . Assaggiate per aggiustare aggiungendo a piacere olio, sale, pepe. 
NOTE PERSONALI:
- Ricetta assolutamente super estiva. Tenetela a mente per quando potrete disporre di una infinita varietà di pomodori succosi, e più ne userete, meglio sarà. Lo scopo di Ottolenghi è proprio quello di poter sfruttare il maggior numero di varietà per dare mille sfumature al sapore del sole. 
- Ho usato fregola sarda fatta a mano ed aromatizzata allo zafferano. Non si riesce a vedere dalle foto...immaginatela nei pallini grossi coperti di cous cous. Il contrasto tra le consistenze della granella di cous cous e la fregola è davvero molto piacevole all'assaggio.
- Non trovando i pomodorini gialli, ho usato i Majora sardi che hanno un consistenza molto morbida una volta cotti e sono estremamente succosi e dolci. Non ho resistito nell'aggiungere datterini e pachino alla festa in rosso, ma io li adoro.







35 commenti:

  1. Questa ricetta mi ispira tantissimo. E poi io adoro i pomodori! La proverò e ti farò sapere :)

    RispondiElimina
  2. Anche il cambiamento all'ultimo minuto non ha tolo nulla alla brillantezza del tuo piatto!!! Bello, colorato e invitante!!! Grande Ottolenghi , vero?
    Baci e grazie per la gentilezza di ieri
    Dani

    RispondiElimina
  3. un tripudio di estate e sapori mediterranei, che splendore!! molto interessante l'utilizzo nella stessa ricetta del couscous e della fregola, personalmente non ci avrei mai pensato... ma adesso non avrò pace finché non avrò provato questa fantastica ricetta!!
    e chissà perché qui non si trovano mai i pomodorini gialli, sono così belli...
    bravissima, cara patty, e come ti ruberei quel piatto... ;)))

    RispondiElimina
  4. un piatto bellissimo, coloratissimo, squisito...lo divorerei anche ora!!

    RispondiElimina
  5. Cara Patty mi incanti sempre col tuo modo di raccontare le ricette e questa é perfetta per me : qui in Provenza si trovano pomodori in una varietà infinita di colori e sapori diversi ,dal bianco al verde passando per l'arancione, il nero e svariate tonalità di giallo .Una vera festa di colori e sapori !Buona giornata !

    RispondiElimina
  6. Ottima insalata!Fresca e coloratissima!Un bacione,carina!

    RispondiElimina
  7. Che colori tesoro e che meraviglia una combinazione che ci porta dritti all'estate!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  8. uhhh.. vieni estate, vieni!! tu l'hai messa nel piatto con quei sapori e colori! bellissima!

    RispondiElimina
  9. questa ricetta la tengo in mente per l'estate, mi sembra adorabile!

    RispondiElimina
  10. questo piatto è una vera esplosione di colori!!! ed io adoro i pomodori ^_*

    RispondiElimina
  11. Ma che bel piattone colorato! Ora ho trovato il cous-cous pure per celiaci :) e sino ad oggi non ho MAI mangiato cous-cous (nemmeno quando non ero celiaca). Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. bellissima la ceramica e adattissima a questo cous cous estivo e multicolore!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  13. Patty sei bravissima! Ci cgedi che non ho mai cucinato il cous cous?!

    RispondiElimina
  14. Questo "party" rosso mi piace parecchio, è così colorato, profumato, e fresco... e mi piace tanto l'idea di Ottolenghi di unire couscous, fregola, e pomodori di qualità diverse: quell'uomo ha una marcia in più! E tu pure :-))) Il piatto in cui l'hai servito è perfetto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Che buono il cous cous è tantissimo che non lo faccio, sai? mi hai davvero invogliato;)
    un bacio

    RispondiElimina
  16. Tutte le ricette che avete preso da questo libro sono splendide! Mi sa che devo proprio comprarlo :) Questo tripudio di rosso mette davvero allegria! Mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  17. che trionfo di colori e sapori!

    RispondiElimina
  18. TOMATO PARTY è il titolo più consono a questo piatto colorato e festaiolo, penso che entrerà nella composizione di molti menu estivi!!! mi aveva molto colpito e la tua versione è proprio bella, allegra, gioiosa come te e come il bel piatto da portata che hai scelto per presentarlo, GANZISSIMO!!

    RispondiElimina
  19. Oggi è il primo giorno di sole, dopo tanta tanta pioggia e freddo novembrino: trovare, insiema al bel tempo, questa tua ricetta fa subito estate!
    Claudette

    RispondiElimina
  20. Patty vegetariana, sììììììììììì!!! un sogno!!! che bel piatto, una vera festa di sapore e colore!!! buono che dev'essere!!!
    ora che sono riuscita, con mmane fatica, a trovare la fregola, potrei provarla in una cosina del genere, che ne dici???
    bravissima, comunque, un piatto favoloso!!!

    RispondiElimina
  21. Ecco un altro blog davanti al quale mi sento piccola piccola! Vorrei tanto essere in grado di fare foto così belle e con una bellissima presentazione, ma a quanto pare sono solo in grado di cucinare. Mi unisco ai tuoi lettori fissi e, se ti fa piacere, passa a dare un'occhiata al mio blog e dammi qualche consiglio per migliorare le mie bruttissime foto. A presto!

    RispondiElimina
  22. E se sostiuissi con il grano saraceno?

    RispondiElimina
  23. Con questo piatto e con le temperature piacevoli di oggi, hai inaugurato la stagione calda! Grazie Patty:)

    RispondiElimina
  24. Patty, guesto Yotaman deve essere davvero spettacolare.... le ricette sono semplici ma devono essere buone buone, ora le provo!
    Le tue foto sono stupende, come sempre! Ciao Patty Patty!!!!!

    RispondiElimina
  25. Una ricetta molto solere che porta già in una bella stagione

    RispondiElimina
  26. Bellissima idea per una presentazione *diversa* dalla solita insalata di riso o di pasta.
    Mi sa che la copierò presto, dato che anche da noi, sui banchi del mercato si cominciano a vedere tantissimi tipi di pomodori che mettono allegria in tavola.
    Buona giornata.
    Nora

    RispondiElimina
  27. urchi urchi, è davvero molto invitante!
    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  28. Bellissimo per i colori, invitante al palato!!!! Non passavo da un po'... accipicchiolina che mi sono persa : )))

    RispondiElimina
  29. Un trionfo di colori..bellissimo piatto!!!

    RispondiElimina
  30. Ottimo...una scelta piacevole per questi giorni che cominciano a scaldarsi..mi piace, colore sapori..detto già ottimo?

    RispondiElimina
  31. bello il piatto bella la ricetta bellissimi i party...

    RispondiElimina
  32. Ecco una insalatina che sicuramente mmi fara' compagnia nelle calde giornate estive. Adoro questo tipo di piatto, fresco, leggero e tanto profumato.

    RispondiElimina
  33. ottima ricetta fresca e invitante, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  34. ha un'aspetto incasinato :) ma sembra buono! :)

    RispondiElimina
  35. questo piatto è bellissimo, e malgrado non possa mangiare nè la fregola nè il cous-cous, del quale esiste in effetti una versione GF ma che non è eccelsa, me la godo anche solo come tavolozza. mi fate venire voglia di comprarmi questo libro...

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...