venerdì 29 giugno 2012

E' di nuovo Palio: Tarte casuale con ricotta e limone candito di Kalamata

SQUILLI LA FE' - Marcia del Palio


Da mille serenate ti fai cullare
Ti fanno sempre festa le tue bandiere
Il tempo passa e non ti sa sciupare
Se rinascessi vorrei nascer qua…

Bella meravigliosa la mia città
La luna affascinata la sta a guardar
Va a da’ un’occhiata dentro al Castellare
Scivola in Fontebranda e poi risale

Ma quanto sarà bella questa città
Quando l’hai vista non la puoi scordar
La Torre ti s’infila dentro il cuore
E i merli con le stelle fanno all’amore   

Sei cara dolce amica innamorata
Passi come in un sogno la tua giornata
Se ti dovessi perder Siena mia
Tanta sarebbe la malinconia…


(da Mille Serenate - Canzone tradizionale di Siena)


Questi sono i giorni che preferisco nella mia città
Tre giorni al Palio e Siena è già irriconoscibile. Colori, suoni, una strana energia lungo le stradine che costeggiano la Piazza ormai avvolta nel tufo. 
Quando arriva "la terra in Piazza" è già Palio. I riti si ripetono all'infinito. 
Mi piace passeggiare osservando le facce dei turisti, il loro stupore, la meraviglia rispettosa. Mi sento un po' anch'io come loro, turista in casa mia. 
E' una sensazione che adoro, perché ogni tanto bisogna abbandonarsi alla riscoperta dei nostri posti, alla consapevolezza che si conosce sempre troppo poco di queste pietre e della nostra storia. Siena ha un grande passato che il Senese vero non dimentica e lo rimette sul piatto ogni qualvolta si parla di Palio. Il vero Senese è un tipo orgoglioso, tendenzialmente chiuso e molto protettivo nei confronti della propria città. Non è cosmopolita: il suo mondo è tutto qui, dentro queste mura. Il Senese può girare il mondo per una vita ma tornerà sempre qui, a toccare la terra di Piazza e quando il destino lo trattiene lontano, nei giorni del Palio continuerà a sentire il rintocco della campana della sua Contrada  che lo chiama e dice "vieni". 
Siena è una città chiusa, isolata dal mondo. Una sorta di Brigadoon che si è preservata bella e meravigliosa grazie alla sua posizione completamente scollegata con il resto della Toscana. 
Eppure ha un grande cuore: "Cor magis tibi Sena pandit". Sulla porta di Camollia, quella che guarda a Nord, c'è questa scritta immortale che parla della natura del Senese. Siena ti apre il suo grande cuore
Ed è vero, per te visitatore, Siena si apre nella sua bellezza e ti avvolge e se sai capirla, ti resta dentro per sempre. 
Potete immaginare quale sia il mio sentire, sapendo che a Siena io ci sono capitata per destino e ci sono cresciuta dopo essere nata nell'hinterland milanese. La sensazione di avere vinto un biglietto per il Paradiso. 
Ho cominciato a capirlo solamente da qualche anno, dopo aver visitato i posti della mia prima infanzia. Tanta, immensa, inattesa fortuna. 
Questa Tarte è nata per caso. Dalla rimanenza di sablé dalla Stupendissima di Ale che avevo preparato qualche giorno prima ed da una meravigliosa ricotta fresca acquistata dai miei omini preferiti. La torta di ricotta che fa mia suocera è un miracolo, e prima o poi dovrò farla e raccontarvela, ma questa è stata una mia creazione dall'avanzo e qualcosa andrebbe migliorata anche se mio marito, da giudice severo qual'è, l'ha trovata veramente buona. 


Tarte di Ricotta con limone candito di Kalamata
Ingredienti per uno stampo da 18 cm
Per la sablé
- 200 gr di farina
- 100 gr di burro freddo
- 50 gr di zucchero sottile tipo Zefire
- 1 tuorlo
Per il ripieno
- 300 gr di ricotta freschissima
- 100 gr di zucchero
- 3 uova
- 50 gr di limone candito e conservato nel miele di Kalamata (me li ha portati mio marito dal suo ultimo viaggio e sono magnifici, teneri e non eccessivamente dolci.)
- la buccia grattuggiata di un limone non trattato
- un cucchiaino di essenza di vaniglia
Preparate la frolla molto velocemente mescolando nel robot la farina con burro e zucchero fino ad ottenere un composto sabbioso, quindi aggiungete il tuorlo ed appena gli ingredienti staranno insieme, formate una palla velocemente e mettete in frigo a riposare almeno 1 ora. 
Setacciate la ricotta e mescolatela bene fino ad ottenere una crema. Aggiungete le uova e lo zucchero e mescolate bene. Io ho aggiunto i tuorli separatamente dagli albumi che avevo montato a neve, mettendoli all'ultimo. Il composto una volta cotto, è risultato poroso e leggero, ma personalmente preferisco l'effetto "crema cotta" che da la ricotta con le uova intere. Scegliete voi come procedere. 
Una volta aggiunte le uova, tagliate i canditi a dadini ed aggiungeteli al composto con un paio di cucchiai del loro miele. Aggiungete la scorza di limone grattata e la vaniglia e mescolate bene. 
Stendete la frolla e foderate una tortiera dai bordi alti e fondo rimovibile, imburrata e infarinata. Rifilate bene il bordo con un coltello e bucherellate la base. Versatevi il composto di ricotta e mettete in forno a 180 ° per almeno 40 min o fino a quando il guscio non sarà bello dorato e la superficie della ricotta gonfia e dorata. Togliete dal forno e fate raffreddare. Buonissima fredda anche nei giorni successivi! 




43 commenti:

  1. wow che goduria mi piace un sacco tesora ^^ e la voglio assolutamente provare ^_^

    RispondiElimina
  2. Che buone le torte con la ricotta!!!

    RispondiElimina
  3. saranno almeno 3 mesi che non metto piede in piazza e non sono tentata neanche di farlo in questi giorni. Al contrario sarei tentata di fuggire via. La magia di Siena che si trasforma per il Palio mi ha sempre un po' trascinata ma quest'anno proprio non è storia! Quasi mi dà fastidio l'atmosfera caotica che si respira da qualche giorno. Passa una fetta di quella goduria limonosa che mi riprendo va! Per un attimo mi sembrerà di evadere davvero e di fuggire in Grecia :D! Un baciotto bellezza, buon fine settimana e buon Palio ^_^

    RispondiElimina
  4. Che bella Siena. Ci sono stata diverse volte. é bello sedersi sui mattoncini rossi di una delle piazze più belle del mondo e guardare quel campanile che si staglia davanti...Ora è proprio tanto che non vado...devo rimediare. Intanto la torta è davvero molto bella e immagino sia buonissima! brava Patty!

    RispondiElimina
  5. Ciao Patty, ho una predilezione per i dolci di ricotta e se poi c'è il limone...bingo! Abbiamo fatto anche noi un dolce simile di recente ma senza...guscio! in sostanza è stato cotto il ripieno e stop. Inutile dirti che questa versione mi piace, mi ispira, mi appaga. Un bacione carissima, e buonweekend!
    simo

    RispondiElimina
  6. quanto mi piacerebbe un giorno venire a vederlo!
    e quanto mi piacerebbe assaggiare una fetta

    RispondiElimina
  7. Mi hai fatto venire tanti ricordi...mi consolo con la torta con limone..argentino..

    Bacioni

    RispondiElimina
  8. mamma mia...ma quanto deve essere buona?! complimenti...

    RispondiElimina
  9. Amo i dolci con la ricotta e ne riconoscerei uno buono anche da lontano!!Son sicura che il marito ha avuto ragione,sembra deliziosa,ma ora aspettiamo quella della suocera eh!!
    Un bacio cara e buon fine settimana,ma già vedo che hai un impegno bellissimo con la tua città!!

    RispondiElimina
  10. Finchè ho abitato dai miei non mi perdevo un palio in tv , con mio padre, avevo un'attrazione fortissima per questa manifestazione,mi ricordo ancora di Aceto! Non avrei però il coraggio di vederlo dal vivo, a Siena ci sono stata in un magnifico pomeriggio di Settembre.
    Sarei proprio curiosa di assaggiare quei limoni canditi, con tutto il dolce intorno! :)
    Buon fine settimana, a presto!

    RispondiElimina
  11. Però non hai detto a quale contrada appartieni, a saperlo avrò modo per chi tifare!

    RispondiElimina
  12. scusa, sarò ripetitiva ma io adoro Siena, ci sono venuta una volta con delle amiche, adoro quelle stradine un pò in salita, e la sensazione che ti dà Piazza del Campo quando sei abituata a vederla in tv per il palio, appunto. Lì sembra così grande e dispersiva, poi la vedi dal vivo, con la torre del Mangia che la sovrasta e sei costretta a piegare il collo per vederne la cima, è una meraviglia, davvero (:

    RispondiElimina
  13. e vabbé ho capito, ma tu parti avvantaggiata!!!
    Io quei canditi non li avrò mai.
    Scherzo, naturalmente; che sei brava te lo dico da sempre e questa tarte lo dimostra una volta di più. Inutile avere gli ingredienti "giusti" se poi non si sa come usarli. A te non succede mai; ogni alimento trova la sua giusta collocazione, va ad armonizzarsi con gli altri in modo naturale, quasi casuale... ecco la poesia di alcuni tuoi piatti!
    Amo Siena, l'ho visitata un paio di volte ed è da levare il fiato. E' bellissimo il tuo "canto d'amore" per lei...
    Quanto ai libri che mi hai citato: non ho letto La solitudine dei numeri primi mentre siamo in perfetta sintonia per quel che riguarda la Tamaro. Un libro davvero insopportabile; non ho letto mai più nulla di quella scrittrice. Ti assicuro, però, che il "libro" da me citato è mooolto peggio, credimi, neanche oso chiamarlo libro. Ora sto leggendo Acciaio di Silvia Avallone. E' un libro davvero bello, ben scritto, le cose te le fa "respirare"; ecco, senti l'odore di quei luoghi. Costa 13 euro per oltre 300 pagine veramente ben scritte. Se penso che quella schifezza ne costa 19...

    RispondiElimina
  14. spettacolare. e non ho altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  15. Penso sinceramente che Siena sia una città molto bella e dal gran cuore.
    Purtroppo trovo che il palio sia una gara rischiosa ed è stata spesso teatro di incidenti... fare correre animali in condizioni estreme per me è qualcosa di incomprensibile. Ma rispetto le tradizioni di tutti!
    e... come da mia tradizione ti rubo una fetta di torta :)
    Un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  16. Ti affido una parte del mio cuore!
    Passi a ritiralo o te lo invio???
    :)

    RispondiElimina
  17. Ti ho ricambiato la lacrimuccia: che bello provare tanto amore per il luogo in cui si vive e poterne parlare e descriverlo con tanta poesia...Adoro Siena: dopo Massa Marittima, la perla della Maremma, luogo di nascita della mia toscanissima mamma, Siena e' sicuramente la citta' toscana che amo di piu'. Ho anche vissuto la sana follia del Palio ed e' uno dei ricordi piu' belli ed emozionanti della mia vita. Hai ragione, cara amica, sei davvero fortunata a vivere li' e concedimi un po' di sana, bonaria, affettuosa invidia. Quando verro' a Siena e finalmente ci potremo abbracciare, me la prepari questa torta paradisiaca? Mi sembra gia' di sentire il sapore di quei limoni...conservane un po' per me, ok? Ti abbraccio forte forte, bellissima donna. Buon Week-end e...cosa si augura per il Palio?!?! vabbe', quello per la tua Contrada!

    RispondiElimina
  18. buon giorno come al solito ricette e golosita fantasticheeeee buon fine settimana

    RispondiElimina
  19. Siena,che splendore!Ci sono stata lunedì scorso e stavano mettendo la terra intorno alla piazza...che atmosfera!!! Sarà che ci sono cresciuta ma è unica ,indimenticabile!!!Complimenti per il post e anche per la ricetta ,davvero speciale!!!Buona domenica!!!

    RispondiElimina
  20. Amo la Toscana, Siena e le terre lì attorno. Mi piace il cibo, i colori e la cadenza linguistica. Mi trasferirei domani nella 'tua' terra. Ma non amo il palio, non amo le tradizioni dove vengono usati gli animali per divertire gli umani (dal circo, alla corrida, alla corsa dei ciucchi, al combattimento tra galli; dall'ippica, alle corse con i cani), immagino l'atmosfera di festa ma preferisco ricordare Siena (che ho visitato tante volte) quando c'è più tranquillità. La tua torta è da leccarsi le dita. bacioni

    RispondiElimina
  21. deve essere splendida..profumatissima e con un sapore unico!

    RispondiElimina
  22. Siena mi è piaciuta tantissimo, ma ci tornerei volentieri per visitarla con te! :*

    RispondiElimina
  23. Com'è bella Siena! Ci sono stata due volte e ci tornerei domani :-)

    RispondiElimina
  24. Ciao Patty, questa torta di ricotta è speciale! Quei limoni devono essere speciali, ma chissà dove si possono trovare in Italia...

    RispondiElimina
  25. Guarda lo provo di sicuro... unico neo sono sprovvista dei limoni di Kalamata..:)

    RispondiElimina
  26. ciao Patty! uffi, ma da quanto tempo nn passo da te e nn ti leggo.... TROPPO!
    cerco di recuperare un pò!
    bacino
    b

    RispondiElimina
  27. Sei la tentazione! Tentazione fatta a persona, con i racconti sulla tua città che non sono mai riuscita a visitare perchè ci si arrivava vicini e.... si era in ritardo sulla tabella di marcia.
    Con la tua torta spettacolare e pure non troppo calorica (vabbeh c'è il burro ma..... il ripieno è solo ricotta e uova e limone e ... il limone sgrassa!).
    Con la descrizione di quel limone candito che mi fa calare la mandibola...
    Essì, la carne è debole ma... pure la mia volontà è di ricotta!
    Buonanotte bella bimba.
    Nora

    RispondiElimina
  28. penso anch'io che tu abbia vinto un biglietto per il paradiso!!! a Siena non ci sono mai stata...e quanto mi piacerebbe... ma la Toscana tutta...è una regione che adoro...e se mai dovessi cambiare regione è solo in Toscana che vivrei!
    e questa torta di ricotta??? mannaggia è proprio una tentazione perchè adoro i dolci di ricotta!
    baciottiiii

    RispondiElimina
  29. Nooon ci creeeedoooo...ma lo vedi che siamo separate alla nascita?!!!!! Ho fatto la stessa torta per il we...ma con le amarene per salsa invece che il limone nell'impasto.
    tu mi turbi........ ;)

    RispondiElimina
  30. Sono stata a Siena due volte, e una volta ho avuto la fortuna di capitare proprio nei giorni che precedono il Palio. Anche se non amo la manifestazione in sè, l'atmosfera che si respira è davvero bellissima....eh sì, hai avuto una gran fortuna a nascere lì, e la torta di ricotta sembra buonissima, difficile pensare di migliorarla....

    RispondiElimina
  31. Ciao Patty! Ho un bel ricordo di Siena, anche se mi piacerebbe tornarci per il Palio. Chissà che emozione assistervi! Non mi stupisce che i senesi abbiano questo grande attaccamento alla loro città, forse perché immagino Siena come la storica rivale di Firenze, e questo deve aver formato i caratteri (giustamente) orgogliosi dei suoi abitanti. Credo che le città toscane abbiano tutte il diritto di essere orgogliose di se stesse, sono fantastiche.

    Dimenticavo il dolce. Ricotta e limone sa di fresco e di estate. Mi piace :)

    RispondiElimina
  32. sul serio Pat vieni da quel di Milano??? ma non lo sapevo! cioè, sei una toscana d' adozione...
    che fortuna signora mia..
    capisco l' emozione di ogni parola nel tuo post.. e infatti me lo sono riletto 3 volte.... perchè è esattamente quello che avrei scritto io (solo che tu lo hai detto meglio.... :O)))))) )
    ma quei limoni conservati nel miele? ecco, quella per me è la vera novità.....
    un bacione tesoro!!!!

    RispondiElimina
  33. buonissima complimenti ottima ricetta

    RispondiElimina
  34. Il palio lo seguo in tv. Mai visto dal vivo, e devo ammettere che è un rammarico in verità non aver ancora visitato la tua bellissima città, la sua arte, i suoi palazzi, la sua famosissima piazza.

    Deve essere una bellissima esperienza.

    Inoltre complimenti per la Tarte riuscitissima!

    RispondiElimina
  35. Ciao Patty!
    E' da tre anni che tento di venire al Palio...chissà che il prox anno non sia quello buono! Intanto mi appunto questa ricetta...
    p.s. ho provato le tue scaloppine con arancio e soya...ottime!!!!
    A presto

    RispondiElimina
  36. vado matto per le torte di ricotta e questa versione mi piace moltissimo
    abiti in una delle città più belle del mondo che invidia

    RispondiElimina
  37. Sto facendo la serenata alla tua torta da una settimana, ma per chi non ha la fortuna del limone al miele di Kalamata cosa suggeriresti? Grazie!

    RispondiElimina
  38. ma dai...sei di Siena!!! quanto mi piace questa città, ho dei ricordi bellissimi. E' stato il mio primo viaggio da ragazza con un'amica appena comperata la macchina.
    Anche la tua tarte è favolosa, adoro i dolci con la ricotta
    bacioni

    RispondiElimina
  39. che bella questa torta casuale! non ho mai assaggiato i limoni di cui parli, devono essere deliziosi. A siena ci sono stata due volte, in primavera e in inverno, mai per il palio. molto bella davvero...

    RispondiElimina
  40. Adoro tantissimo le torte con la ricotta!
    Hanno un sapore delicato e raffinato.
    La tua torta, mi sembra favolosa
    Ottima ricetta.

    RispondiElimina
  41. Sono stupende e magiche le parole che hai speso per raccontare la tua città! Ho amato molto Siena e mi hai fatto venir voglia di tornarci!
    Che dir del dolce, favolosa egollsa creazione!!! Sti canditi sembran speciali e da provare!!!!

    RispondiElimina
  42. Parole stupendissime!
    Stupendo altrettando la tua torta!
    Che buona! Adoro i dolci con la ricotta.
    Ho sempre voglia di prepararli......
    La tua mi ha creato un'acquolina!!!
    Buonissima.
    Ciao!

    RispondiElimina
  43. Io adoro la Toscana e l'ho visitata quasi tutta, ma purtroppo Siena mi manca :-( Mio marito invece, (beato lui!)l'ha vista proprio in occasione del Palio e conserva dei ricordi bellissimi... Un giorno la vedrò anch'io, ne sono certa! Intanto mi consolo con il tuo post e la tua torta :-) Un abbraccione!!!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...