mercoledì 21 novembre 2012

Profumo di vaniglia dalla Danimarca: Starbooks e vanilla cookies

Creep - Scala and Kolacny Brothers
Passata la domenica a biscottare, mi sono ritrovata con una valanga di questi  VaniljleKranse danesi, la cui ricetta è l'odierna sperimentazione Starbooks.
Adoro questo biscotti e mi capita spesso di comprarli in discount come il Pennymarket dove si trovano specialità dal nord Europa a poco prezzo, particolarmente in questo periodo. E poi sono contenuti in bellissime scatole di latta utili per lo storage della valanga da forno delle prossime settimane. 
Così, già in pena per il mio esterno cosce che va sempre più assomigliando ai tasconi di panta cargo, ma pieni, ho pensato bene di portare un pacco di biscotti in ufficio e regalarli al mio collega. 
"Come sono"? Gli ho chiesto stamattina visto che non li aveva assaggiati davanti a me. "Buoni eh, ma parecchio...parecchio burrosi!"
Ecco, l'affermazione del mio collega riassume in due parole l'intero concetto. Parecchio burrosi. 
Io lo sapevo che erano burrosi, mi piace il burro, specialmente nei biscotti. 
Ho un'insana passione per gli short bread, i Krumiri e da poco, visto che la scoperta è stata recente, delle paste di meliga. Se non amo il burro io! 
Per questo i Vanillekranse mi hanno spiazzata. 
Ero convinta, anzi, ci avrei messo la mano su fuoco, se qualcuno me lo avesse chiesto, che una frolla del genere partisse dal montaggio del burro con lo zucchero.
Nulla di più sbagliato. Non sono frolle montate. 
Sono frolle in cui la percentuale di burro, rispetto alla quantità di zucchero e farina, è in netta maggioranza. Anzi, per 500 gr di farina troverete un solo uovo ed è chiaro che l'impasto è tenuto insieme dal burro, che altro.
Una sola condizione: qui si parla di burro salato, nessuna alternativa.
L'impasto va preparato in anticipo e lasciato riposare almeno una notte in frigo. 
Nella tradizione, i biscotti vengono ricavati da una apposita pressa in cui si mette l'impasto e da cui esce un cordoncino stellato da cui vengono tagliate e ricavate tante ciambelline. 
Non potete immaginare le fantasie che ho fatto su questa pressa, altra caccavella di cui ho sentito subito il bisogno! 
Siccome l'impasto è durissimo una volta uscito dal frigo, non si posso fare troppe manfrine. Tirate dei cordoncini larghi un dito e ricavate le vostre ciambelle semplici. La pasta non deve assolutamente scaldarsi altrimenti si spatascerà in cottura e addio ai vostri biscotti. Va fatto tutto velocemente. Se notate che la pasta si è ammorbidita, passate i biscotti già sulla teglia, per 30 min. frigo e salverete la loro forma. 
Importante: non usate essenza di vaniglia, ma delle vere e belle bacche ciccione e non rinsecchite come in genere si trovano in commercio da noi. 
Non siate avari e usatene due come richiesto nella ricetta. 
Per il resto, non ho altro da dire sulla faccenda.
Con questa ricetta mi avvio al secondo appuntamento con lo Scandinavian Christmas di Trine Hahnemann, il libro protagonista di questo mese. Un'anticipazione tutta nordica del Natale, che potrete trovare anche a casa delle mie amiche Starbookers, ai blocchi di partenza con queste magnifiche ricette:
Ingredienti per c.ca 80 biscotti 
2 bacche di vaniglia
250 gr di zucchero semolato
500 gr di farina 00 setacciata più extra per infarinare 
375 gr di burro salato molto freddo tagliato in piccoli pezzi
1 uovo sbattuto 
Quanto è carina la mia Teiera Rondo di Emsa? Mi piace un monteeee! 
Tagliate le bacche di vaniglia lungo la lunghezza e grattate via tutti i semini con un coltello. Mescolate lo zucchero con la farina in una ciotola quindi sfregate il burro con la punta delle dita incorporando farina fino ad ottenere delle briciole. Aggiungete l'uovo sbattuto insieme ai semi della vaniglia ed aggiungetelo all'impasto lavorando velocemente con le dita fino ad ottenere una palla. 
Lavoratela su una superficie infarinata per uno o due minuti quindi avvolgetela nella pellicola trasparente.
Mettete in frigo a raffreddare almeno tutta la notte.
Quando sarete pronti a cuocere, preriscaldate il forno a 200°. Ricavate dalla pasta dei salsicciotti larghi un dito e lunghi 5/6 cm e formate delle ciambelline. Disponete i biscotti su teglie coperte di carta da forno e fate cuocere per 7/10 minuti. Fate raffreddare su una gratella e conservateli in un contenitore ermetico per 3/4 settimane. 
Naturalmente questi biscotti sono assolutamente perfetti da preparare e regalare non appena scatta Dicembre. 
Migliorano con il tempo e durano benissimo fino a 4 settimane se conservati opportunamente. Io li ho messi in un sacchettino semplice semplice, ma fanno già la loro figura. 
Vi aspetto mercoledì prossimo, per l'ultimo Starbooks di novembre e poi andiamo in vacanza fino a gennaio! Non mancate. 

45 commenti:

  1. Splendidi!!!! Adoro questi biscotti e il fatto che siano burrosi passa sicuramente in seconda linea davanti a tanta golosità...Mi hai fatto venire voglia di farli all' istante e immagino il profumo di vaniglia che ha invaso la cucina!! Ti mando un bacio PattyPat!!!

    RispondiElimina
  2. Oh mamma, questi sì che sono biscotti burrosi!
    E lo sapevo che le melighe ti avrebbero conquistato... come fanno a non piacere quelle meraviglie scrocchiarelle e burrose?! :)

    Bellissimi questi biscotti, ma mi sa che avrò bisogno di un po' di disintossicazione, prima di poterli provare ;)

    RispondiElimina
  3. io lo vorrei tanto quel libro,...ma ho una lista trooooooopppo lunga...scambio? io ti presto gli stampini e tu il libro? fossimo vicne di casa....

    RispondiElimina
  4. Bellissimi,li aspettavo con ansia! Hai certamente ragione riguardo alla vaniglia,niente essenza/aroma!La reazione del tuo collega a questi biscotti e' identica a quella della mia famiglia quando faccio biscotti di questo tipo....
    Un bacione.

    RispondiElimina
  5. Carinissimi...in effetti c'è molto burro ma credo che sia proprio la particolarità di questo tipo di biscotto. Bellissima l'ambientazione (mi piace un sacco la tovaglietta!)

    RispondiElimina
  6. Le domeniche biscottose le adoro...mi sembra che la tua sia stata veramente fruttuosa..a presto :9

    RispondiElimina
  7. Niente puo' battere il burro salato nei dolci!
    Baciiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  8. Sono meravigliosamente buoni... e carichi di burro come tutti i dolci danesi! La cugina di mio marito è danese ed ogni anni ci ospita per un Glogg una delle domeniche d'Avvento... non ti dico la quantità di buonissimi dolcetti danesi che troneggiano sul tavolo accanto al camino acceso... Un tripudio di bontà!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  9. Il profumo della vaniglia fresca (si dice così?) è uno dei più invitanti del mondo, mi sembra quasi di sentirlo!

    RispondiElimina
  10. allora ecco mi perchè li adoro, perchè sono fatti con il burro salato.
    Patty, sei stata bravissima! il profumo è giunto fino a qui^_^
    vaty

    RispondiElimina
  11. Il fatto che siano burrosissimi li fa diventare immediatamente una necessità, per la sottoscritta!
    Sono bellissimi nelle loro confezioni :-)

    RispondiElimina
  12. Eh bè, d'altra parte il burro dà una gran fragranza, non c'è niente da fare.. Se non, forse, mangiarsi un biscottino in meno per evitare i sensi di colpa.. Io piuttosto faccio due ore di salti in palestra ma rinunciare a questa bontà.. giammai!
    Buono a sapersi che durano anche 4 settimane.. sono proprio in cerca di idee natalizie, prendo nota:D

    RispondiElimina
  13. Penso che con questi biscottini ti sarà pure lievitato l’esterno cosce ma guarda mi hai letteralmente avvolto con una bellissima e calda atmosfera pre-Natalizia!
    E che burrosi siano, chissenefrega! Un po’ ce li mangiamo e un po’ li regaliamo per aumentare anche gli altri esterni coscia, eccheccavolo!
    Bellissimi da vedere sicuramente non dovranno essere neanche masticati molto, son sicura che si sciolgono in bocca! Mmmh, che fame!
    Bellissime anche le foto cara Patty!
    Un bacione!
    Ps per lo Starbooks di Gennaio spero scieglierete un bel libro di ricette light, eh? ;-)

    RispondiElimina
  14. belli rustici e golosissimi!
    bacioni

    RispondiElimina
  15. Che dire Patty...sono dei biscotti che mettono di buonumore e ci regalano quel calore che solo dicembre e il natale sanno creare...bellissimi!
    complimenti,
    simo

    RispondiElimina
  16. Cara Patty sono tanto tanto felice di averti conosciuta "dal vivo" e altrettanto contenta di tornare a trovarti e trovare come primo post un pacchetto di biscotti ^_^ non sarò avara e utilizzerò due bacche belle ciccione per realizzarli e davanti ad una tazza di caffè ti penserò ringraziandoti per aver condiviso questa meraviglia.
    Un abbraccio forte
    Sonia

    RispondiElimina
  17. Un genere di biscotti che o li ami ( perchè ami il burro) o non ti piacciono( ho una collega che sputa sistematicamente porzioni di dolci che porto al lavoro perchè troppo burrosi!!!).
    Stupendi da regalare....vai che si comincia!!!

    RispondiElimina
  18. che buoni questi biscottini ottima idea anche la confezione che hai fatto

    RispondiElimina
  19. ecco: avrei pensato subito alla frolla montata, invece.
    Che è un po' la mia besia nera, perchè alla fine c'è sempre troppo burro. E te lo dice una cresciuta a shortbreads e a paste di meliga (e a canestrelli e a baci di dama etc etc): ma se invece son fatti "normali"... è istigazione a delinquere, lo sai, vero? :-)

    RispondiElimina
  20. A me i biscotti burrosi piacciono parecchio... la vaniglia pure: saranno miei!
    Con la vaniglia sfondi una porta aperta... Non ricordo l'ultima volta che l'ho comprata al supermercato, da quando ho provato quella comprata direttamente dal produttore. Non c'è paragone, sia per il profumo, che per il gusto e la conservabilità :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Sono bellissimi, soprattutto come idea regalo nel sacchettino! Mi terrorizza l'idea di doverli stendere in fretta, ma vorrei provarli! Chissà!

    RispondiElimina
  22. Quantità smodate di burro salato, baccelli di vaniglia ciccioni, mamma mia....come resisterti?!? Un bacio :)

    RispondiElimina
  23. Patty hai espresso divinamente il concetto di vaniglia come la vendono qui nei supermercati :stecche rinsecchite!!! mi hai tolto le parole di bocca :-) Quando bisogna dividerle a metà e ricavarne i semini, altro che chirurghi bisogna essere! Questi biscotti invece li avevo notati, ma anche io davo per scontata un'altra preparazione: a questo punto non posso rinunciare a provarli... mannaggia, in questa tornata di starbook proverei un sacco di ricette :-)
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  24. Ma allora sarà colpa della vaniglia rinsecchita che le mie performance in cucina non sono da ricordare..ahaha.
    La teiera è fantastica. Mi piace moltissimo
    Baci Patty
    V

    RispondiElimina
  25. Dici che si conservano per tre quattro settimane??? Da me se ne sentono il profumo.... è già tanto se arrivano a sera!
    Bella ricetta da aggiungere a tutte le altre per i regalini di Natale (per la cuginetta che è un po' rognosetta e le cose troppo pasticciate non le vuole, per esempio)
    Grazie
    Nora

    RispondiElimina
  26. ricettina facile, veloce ed accattivante...perfetta per la mia produzione annuale scolastica di biscotti...ci farò un pensierino ;)!

    RispondiElimina
  27. Patty cara, non sono un amante del burro ma questi biscotti me li mangerei davvero volentieri. Sanno tanto di croccante e di forno :-)
    sciaoooo

    RispondiElimina
  28. Eh dai burrosi burrosi, per una volta si può fare :-)))) Quanto mi ispira questo libro sai? Peccato sia in inglese uffi... Baci mia cara!

    RispondiElimina
  29. Se dici biscotto per me dici burro! Tra un paio di settimane comincerò a far scorta di burro (credo che quest'anno opterò per il blocco da un chilo per partire) e giù a biscottare... Aggiungo alla lista anche questi! un bacione

    RispondiElimina
  30. Dimenticavo... L'immagine dei pantaloni cargo mi ha fatto morì ^_^

    RispondiElimina
  31. Gli anni passati in questi giorni ero già alle prese con i biscotti di Natale (quelli delle ricette di Frau..); quest'anno sono in ritardo su tutti i fronti e mi immalinconisco ancora di più vedendo tutte queste meraviglie.........
    Claudette

    RispondiElimina
  32. Ciao carissima, grazie per i complimenti, ma se fossi stata una signorina a modo, mi avresti portato anche un vassoietto di questi biscottini ovviamente glutenfree...vabbè...alla prossima...

    RispondiElimina
  33. belli. buoni. irresistibili.
    anch'io non ho altro da dire sulla faccenda!
    ;)))

    RispondiElimina
  34. Adoro gli shortbread, anzi dovrei provare a rifalli gluten free... ma una volta ho fotto dei biscotti simili, ma forse il passaggio in frigo non è stato sufficiente e mi sono ritrovata con dei dischetti volanti!

    RispondiElimina
  35. Che belli e che profumo devono avere!! .....evvai con i regali di Natale!!
    Ciao

    RispondiElimina
  36. Sento fin qui il profumino! Graziosa idea farne dei sacchettini, in spending review è un'idea da non sottovalutare ^_^

    RispondiElimina
  37. Va be....significa che alla dieta oramai ci penseremo dopo le feste natalizie!!!
    Ma ne hai preparato un sacchettino anche per me?? Sono irresistibili!! baci baci.

    RispondiElimina
  38. No, è che io avrei comprato la bilancia nuova e non vorrei che montandoci sopra mi dicesse "UNO PER VOLTA, GRAZIE".
    Mi sacrificherò a farli per gli altri e mi chiameranno Santa Perla martire.

    RispondiElimina
  39. Diciamo la verità, le cose più golose di solito non sono proprio dietetiche, ma io sono dell'opinione che magari conviene mangiarne un po' di meno ma come ricetta comanda!
    ciao e alla prossima
    Ale

    RispondiElimina
  40. Ricettina interessante...
    Quest'anno, vista la crisi, solo Gift Food!
    Un bacio grande Patty e grazie per le dritte sull'impasto.
    Laura

    RispondiElimina
  41. Anche a me piacciono tanto i biscotti burrosi, e poi sono anche un'ottima idea per un regalo fatto con le proprie mani! Baci

    RispondiElimina
  42. ... e poiché i MIEI esterni coscia assomigliano un po' ai tuoi (o almeno quelli che dici di avere) per il momento ci devo rinunciare.
    Non rinuncio però a segnarli per il natale. Lì mi posso sbizzarrire, qualche assaggino e poi regali, regali; perché son d'accordo: senza burro che biscotto è???

    Ho visto che siamo state giù pubblicate, "di là", postiamo domani?
    Bacizzz

    RispondiElimina
  43. il burro nei biscotti ci deve essere e se un dolce è "un dolce" bisogna andare "giù di burro"!!! sul mio interno cosce standerei un velo pietoso, ma dato che siamo in inverno e faccio una ola per pantaloni con golf lunghetti e abiti belli svasati, mi butterei a capofitto sui tuoi biscotti che mi attirano non poco...brava patty e...bellisima la teiera!!! bacissimi

    RispondiElimina
  44. Ma d'inverno il burro mica fa male eh! Bisogna pur combattere le temperature glaciali che ci sono ...che ci saranno...forse! Anyway, ma chissenefrega! Ogni tanto un signor biscotto DI burro fa bene all'umore :)! Li farò topolina! E figurati se tu ti allarghi! Hai un fisico che fa paura :)! Bella lei <3!

    RispondiElimina
  45. Bravissima Patty! La mia suocera Danese a provato ad insegnarmi la ricetta svariate volte, ma i miei diventano MOLLI o DURI quasi subito...per cui ho imparato la lezione pochi e mangiati subito magari la Domenica pomeriggio sul divano con i bimbi e un libro di fiabe.

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...