mercoledì 7 novembre 2012

Una giornata in Umbria: Tozzetti alle mandorle di Bevagna

Take a walk on the Wild side - Lou Reed
E' Novembre. 
Me ne accorgo dal cimitero di capelli nel mio lavandino dopo la classica spazzolata mattutina. Ogni volta mi chiedo se resterò pelata osservandomi basita allo specchio. 
Non succede ma il dubbio persiste e so che il problema affligge molte di voi. Non importa, Novembre è un bel mese. L'anticamera di Dicembre. 
Novembre è anche il mese in cui ricomincio a girare come una trottola per visitare Hotel, strutture, ville che venderò nel nuovo anno turistico. 
Da sola o con qualche cliente americano che viene  a trovarmi per "imparare" cos'è la Toscana o l'Umbria, o altre destinazioni previste dalla nostra programmazione.  
E' lavoro, ma è la parte migliore della fatica quotidiana perché posso uscire dal mio ruolo di topo di agenzia e diventare per qualche ora esploratrice golosa. 
I sopralluoghi si fanno quando ormai la stagione è finita. Purtroppo visito Hotel in chiusura, villaggi addormentati, città silenziose. Ma se becchi la giornata giusta, con il sole che fa brillare le foglie gialle e bruciare le viti americane, allora tutto viene ripagato con gli interessi. 
Venerdì ero in Umbria con una cliente molto piacevole. Montefalco, Bevagna, li conoscete? Due gioielli da non perdere. Un sole settembrino, colori magnifici e il profumo dei camini accesi che si diffonde lungo le stradine vuote. 
A Bevagna abbiamo visitato l'Orto degli Angeli, di cui vi ho già parlato qui. Uno dei luoghi più incantevoli di questa regione, ricchissimo di storia. 
Pensate solo che il ristorante dell'Hotel, Redibis, si trova all'interno del primo ambulacro del teatro romano che sorgeva nel cuore di Bevagna, e sul quale sorge l'intero quartiere medievale. Se volete programmare un week end su queste terre, non dimenticate Bevagna. 
Di questo incantevole borgo, vi regalo la ricetta dei Tozzetti alle mandorle, che nulla hanno a che vedere con i nostri cantucci anche se la forma e la procedura assomigliano. Sono estremamente friabili e l'aroma di anice li rende irresistibili.
La ricetta arriva dritta dritta dal libro La cucina di Bevagna, un magnifico volume prodotto dall'Orto degli Angeli a seguito del loro splendido Le Ricette degli Angeli, che racconta attraverso magnifiche ricette, un anno di vita quotidiana della nobile famiglia Mongalli di Bevagna. Foto e racconti assolutamente affascinanti. 
Ingredienti per 10/12 persone
4 uova
300 gr di zucchero
1 pugno di anici
150 gr di mandorle non spellate
50 gr di burro
50 gr di strutto
1 bicchierino di rosolio di menta (che potrete sostituire con liquore di anice o maraschino)
1 bustina di lievito in polvere
farina q.b.
La parte interessante di questa ricetta è che per la farina non vi è una dose precisa. Si userà quella che viene presa dal composto liquido. Vi riporto la procedura come descritta nel libro...praticamente scritta di pugno da una delle signore del borgo anni e anni fa.
"Si battono i rossi insieme allo zucchero (io li ho montati con la planetaria fino a che non sono stati belli gonfi e spumosi) poi ci si mette dentro tutto il resto, comprese le chiare montate a neve e in ultimo le polveri ed un po' di farina e si maneggia ancora. 
Quando è quasi fatto, si getta sulla spianatoia e si finisce d'indurire come il pane. Come al solito si formano i bastoncini piuttosto spianati con segni obliqui (fate dei bastoncini larghi non più di 4 cm perché poi cresceranno e potrete tagliarli obliquamente). Si cuociono non troppo (cuocete a 180° per 15/18 minuti poi togliete dal forno e fate raffreddare, quindi tagliateli), si tagliano e si asciugano sul forno (fateli dorare alla stessa temperatura per c.ca 10 minuti.) "
Controllate voi il colore. Fate raffreddare su una griglia ed evitate di mangiarne la metà perché uno tira l'altro. Siete avvisate! 





45 commenti:

  1. Che spettacolo l'Umbria, io l'adoro. Fuori stagione deve essere bellissima, ancora più vera. Bellissime foto piene di calore. Brava. Ciao a presto.

    RispondiElimina
  2. Sono bellissimi e pieni di profumi! Gnam.

    RispondiElimina
  3. Anche se il periodo non è dei migliori, il tuo lavoro mi suscita parecchia invidia cara Patty!
    non sono mai stata in Umbria e quanto mi piacerebbe. Curiosi questi tozzetti, avrei pensato avessero lo stesso gusto dei cantucci vista la somiglianza...
    che foto deliziose (ma come sempre direi).
    vaty

    RispondiElimina
  4. In Umbria si mangia bene, come pure in toscana.. e questi tozzetti con un buon bicchiere di rosso, sono un fine pasto autunnale molto sfizioso.
    Buon lavoro e buona scoperta di luoghi cara Patty.
    Laura

    RispondiElimina
  5. Bevagna è meraviglioserrima la adoro, l'Umbria tutta in generale è speciale e si mangia benissimo. Che bella scritta la ricetta antica e odorosa di cucina ... baci tesorina

    RispondiElimina
  6. Il tuo racconto e i tuoi biscotti mi hanno rapito...aspetto che ritorno sulla terra ferma....! baci

    RispondiElimina
  7. Ciao Patty, bellissime foto e ricetta deliziosa. Mi piace l'abbinamento con l'anice, penso che abbiano un gusto particolarissimo. A presto.

    RispondiElimina
  8. Conosco poco l'Umbria, ed è un gran peccato.
    Ma conosco bene i tozzetti che una signora umbra mi prepara spesso! Grazie di averci regalato questo bel post e la splendida ricetta :-)

    RispondiElimina
  9. novembre il mese del compleanno del mio cucciolo!!! prima lo odiavo ora lo adoro!!! come adoro i tuoi tozzetti!!

    RispondiElimina
  10. Patty buondì!
    Che meraviglia quelle zone, vado spesso perchè ho degli amici lì!
    Buoni questi tozzetti, decisamente da provare, sembrano molto più friabili dei toscani!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Te lo invidio un pò il tuo lavoro, io invece vivo chiusa in un ufficio :(
    Deliziosi questi tozzetti una pucciatina nel vino ora mi piacerebbe proprio!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  12. deliziosi e bellissimi, bravissima Patty!!!!!

    RispondiElimina
  13. Buoni questi tozzetti! Bevagna deve essere molto carina!

    RispondiElimina
  14. conosco questi dolcetti e sono una meraviglia....bravissima cara!
    bacioni

    RispondiElimina
  15. Ci sono stata a Bevagna!!Ma questi tozzetti non li ho provato, sarà una scusa per tornarci, l'umbria è davvero un bel posto.Un pò ti invidio il lavoro, anch'io andrei volentieri un pò a giro...al massimo ho la fortuna di andare ad una conferenza una volta l'anno (anche se non mi dovrei lamentare, l'anno scorso sono stata a Lecce!).
    un bacio
    Chiara

    RispondiElimina
  16. Ecco: il mio file dei posticini da riscoprire o da visitare si arricchisce. Grzie Patty per aver segnalato Bevagna e le dolcezze del luogo. I tozzetti sono così invitanti... e le tue foto bellissime.
    Un bacino e complimenti
    simo

    RispondiElimina
  17. Bevaga e dintorni li conosco molto bene, sono posti incantevoli!Giusto los corso anno mi trovavo a Bevagna sul finir dell'estate, che meraviglia...E ricordo i mille biscotti buoni che mangiai!Credo che l'autnno sia bellissimo da quelle parti.
    Un abcione e grazie per la ricetta, ti sono venuti bellissimi!

    RispondiElimina
  18. Mi ero gasata tutta non vedendo la farina... poi ho letto "farina q.b." che può voler dire anche 300 gr... :/
    Ma, mi chiedevo, in quel di Palermo non vieni mai? Abbiamo anche qui tanti bei posti da far vedere ai turisti... Provare per credere! ;)

    RispondiElimina
  19. uno tira l'altro anche a vederli così!

    RispondiElimina
  20. Peccato non aver programmato un we insieme, alla fine noi siamo andati nelle Marche! ;)
    Questi tozzetti sanno trasmettere la giusta atmosfera!
    baci

    loredana

    RispondiElimina
  21. Che posti incantevoli devono essere tesoro come incantevoli sono questi tozzetti!!! Un bacione e forza dicembre é vicino:-D!!!Imma

    RispondiElimina
  22. Ma pensa te che eravamo negli stessi posti e nello stesso periodo.
    Per pugno di anici, intendi i semini?

    RispondiElimina
  23. ma lo sai che il cadere più evidente dei capelli nel periodo delle castagne è una leggenda metropolitana? di fatto i capelli hanno un ciclo di vita (anagen, catagen e telogen) che se ne infischia del mese dell'anno, ma gli interessa molto dello stress, del fumo e dell'alimentazione...a vedere i tuoi tozzetti direi di togliere l'ultima voce chè su questo punto sei irreprensibile ;-) ma sei sei bellissima!!!
    non li ho mai fatti ma vengono bene anche GF. Bacioni :-X

    RispondiElimina
  24. Quanto invidio questo tuo giretto in Umbria, una delle regioni che più mi sono rimaste nel cuore e in cui spero di tornare presto!

    Bellissimi e buonissimi questi tozzetti, e adoro le ricette di biscotti in cui non c'è una dose di farina precisa.. anche perché vengono sempre diversi!

    RispondiElimina
  25. bellissimi i tuoi tozzetti che sono anche glutenfree...perfetti!

    RispondiElimina
  26. Bellissimi i tozzetti e bellissima l'umbria!
    ciao
    Vale

    RispondiElimina
  27. ma che bel lavoro che fai! ...pure io voglio girare per la Toscana!! Se mi travesto da turista americano (o Belga mi riuscirebbe meglio la pronuncia) mi ci porti pure a me a spasso??
    Un bacio e ancora foto e ricetta stupenda!! ma questo te l'ho già detto no??! :*
    smack smack smack

    RispondiElimina
  28. Ciao Patty, piacere di conoscerti, la tua foto è davvero artistica! I tuoi tozzetti tutti da mangiare! Ti aspetto volentieri per un caffè :) A presto cara

    RispondiElimina
  29. Ma fai un lavoro bellissimo!!!! Che invidia! E che belle proposte turistiche che ci hai presentato in questo post. Per non parlare dei tozzetti, di cui ho sentito parlare spesso, ma che non ho mai assaggiato, sono davvero così diversi dai cantucci?

    RispondiElimina
  30. pure io sono sempre sbigottita di fronte alla quantità di capelli che mi lasciano... consolarsi è il minimo! un baciotto

    RispondiElimina
  31. Mi è piaciuta parecchio la spiegazione dei tocchetti originale ^_^ Un tratto del nostro passato culinario. Ovviamente mi piace parecchio pure la ricetta!
    Dimenticavo: anche io ho problemi con i capelli ...

    RispondiElimina
  32. I miei capelli hanno un aspetto terrificante e non vogliono obbedirmi!!!! sbaciuz

    RispondiElimina
  33. Strano a me cadono ad Ottobre (forse perche' sono a Londra??? ah,ah, mio marito e' uno scienziato e mi prende sempre in giro quando ho di queste teorie!!). I tozzetti sono interessanti, ora arriva Natale ed e' bello avere dei dolcetti Italiani da poter regalare!rita AKA ritacooksitalian

    RispondiElimina
  34. Queste foto mi hanno conquistato sembrano dìaltri tempi, a novembre in una vecchia osteria con il camino acceso e un bel bicchiere di vino che accompagni questi meravigliosi dolcetti... Che bello andare alla ricerca di nuove mete per i clienti forse è la parte di lavoro più entusiasmante? Un bacione

    RispondiElimina
  35. Più che Bevagna, visitata in un giornata torrida, ho un ricordo splendido di Montefalco, delle sue stradine parate per una festa, del meraviglioso negozio di tessuti sulla piazza e dello spettacolare Sagrantino di Montefalco (soprattutto di quello dell'azienda vinicola presso cui mia sorella ha fatto esperienza da studentessa di agraria).
    Claudette

    RispondiElimina
  36. ma Patty mica l'avevo capito che tipo di lavoro facevi? ora potro' dunque "disturbarti" quando scendiamo in italia e passando dalla Toscano dovro' trovare un posto per fermanci a sostare e non solo...i tuoi consigli sono preziosi, fai un mstriere bellissimo ,ricco di curiosità e interessi!!! Prendo molto volentieri la tua ricetta, non ho mai fatto i tozzetti che invece mangio quando sono in Toscana.
    Un'abbraccio

    ps: non riesco a commentare con il mio accaunt di WP nelle tue opzioni manca "nome/url" che invece trovo in altri blog dove posso commentare facilmente!

    RispondiElimina
  37. Patty che foto! Danno davvero la pace dei sensi.. Non conosco quei posti che hai nominato se non, appunto, di nome, però sono d'accordo novembre è un bel mese :D si inizia a prendere finalmente i ritmi dell'inverno e si hanno i primi sentori del periodo natalizio.. Inoltre abbiamo ancora zucca e castagne in abbondanza.. da non sottovalutare..
    Sarei molto curiosa di sentirli questi tozzetti:) se mai ci incontreremo ne porterai un po'?
    baci carissima:**

    RispondiElimina
  38. Con questo post ho viaggiato con te! E se chiudo gli occhi riesco persino a percepire il profumo di questi biscotti!!!

    RispondiElimina
  39. Ma sai che questi tozzetti mi ricordano da vicino i nostri anicini? Buoni!!! Anch'io, come vedi, ho qualcosa da segnarmi, tanto per allungare un po' l'elenco delle ricette che prima o poi dovrò fare. Non sia mai che mi manchi "il lavoro"...
    Bevagna; sono stata almeno un paio di volte in Umbria, a girare come un'ossessa eppure... Bevagna mi manca. A sentir quel che racconti direi che mi sono lasciata scappare qualcosa di imperdibile; provvederò la prossima volta.
    Come sono belle le tue foto!!! Mi piacciono tantissimo. Stai utilizzando la tecnica "scura"... quanto sei brava.
    Ho cambiato da poco anch'io la macchina fotografica... finalmente una reflex; peccato che non la sappia usare :(( ma sono disposta a studiare.
    So che tra i giri che hai in programma c'è anche un salto "quassù" (hai mica cambiato idea, eh?) quindi le due uova te le darò di persona :))
    Infine: ho provato proprio ora ad entrare nel sito dell'olio... siamo sparite! Immagino i famosi problemi tecnici. Pensa che io devo ancora preparare il post... sono presissima in questi giorni (prove teatrali).
    Un abbraccione, carissima e a presto!!!

    RispondiElimina
  40. Bellissimi davvero. E fan subito venire voglia di un pomeriggio con gli amici, fuori il freddo e dentro il camino acceso, la musica e tante chiacchiere!

    RispondiElimina
  41. ah non mi parlare di capelli...ogni volta in questo periodo penso anch'io di restare calva...ma è il ciclo naturale della caduta!!!
    l'Umbria...bellissima tutta la regione, ma in questi due posti non ci sono stata, peccato, da come ne parli sembrano bellissimi e ricchi di storia! il tuo lavoro sarà davvero entusiasmante!!!
    e questi tozzetti alle mandorle una delizia!
    baciotti

    RispondiElimina
  42. non si finisce mai di imparare!!!io pensavo che fossero uguali ai cantucci ....brava per la descrizione perfetta li farò al più presto...felice we...

    RispondiElimina
  43. Amo Bevagna e Montefalco mi ricordano una vacanzina super-romantica con Federico con sbronza a base di Sagrantino, di quelle gioiose ;)
    I tuoi tozzetti e le foto hanno il gusto e i colori dell'autunno, brava che sei tesoro!!! :*

    RispondiElimina
  44. stendiamo un velo sui capelli, cara ragazza.. :) voglio sorridere anche al cimitero nel lavandino ogni mattina. Sorridere anche pensando che l'Umbria ancora mi attende: non ci sono MAI stata!
    Bello il tuo racconto, buonissimi i biscottini e le foto magnifiche, BRAVA!

    RispondiElimina
  45. Ciao!!! Ho scoperto il tuo blog per caso e ne sono stata veramente felice!!!! Mi sono unita ai tuoi followers e sarei felice se anche tu venissi a farmi una visitina...sai ho "aperto" da poco!!!!! Mi trovi qui....http://il-pappamondo.blogspot.it

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...