mercoledì 23 gennaio 2013

Mr Bate's Chicken and Mushroom Pie: seconda puntata Starbooks Downton Abbey

Run baby run - Sheryl Crown
Ogni qualvolta sento parlare di Chicken Pie, scusatemi ma sono irriducibile, mi viene in mente un film. 
Non posso farne a meno. 
E se adesso vi svelo il titolo del film, voi penserete: questa è completamente pazza! 
Il film in questione è "Galline in fuga"
Ammutolite, vero? Mica roba da Oscar, da cast intergalattico, da regia magistrale. No, un film per bambini realizzato con personaggi in plastilina e tecnica di "stop motion" che racconta una bizzarra storia di galline con rigurgito di orgoglio volatile ed in piena atmosfera "La Grande Fuga"
In pratica un film spassosissimo. 
E che centra la Chicken Pie con queste galline di plastilina? 
Centra, centra, perché questo piatto è la ragione per cui un manipolo di galline impavide, decidono di abbandonare la fattoria. Proprio per non finire a farcire la Pie di cui sopra. 
Nella mia sconfinata ignoranza, credo di avere scoperto uno dei piatti più conosciuti ed internazionalmente imitati della cucina British, grazie a questo filmetto. 
Vergognoso vero? Però da quel momento ho sempre avuto voglia di riprodurlo, prima incuriosita dalle versioni di Jamie viste in tv, successivamente dalle numerose ricette lette in rete o su riviste internazionali. Ognuna con elementi caratterizzanti, variazioni nelle verdure che accompagnano il pollo, negli aromi o nell'elemento legante, ma tutte con un fascino unico, di altri tempi: una torta che non è una torta, un guscio avvolgente di sfoglia che imprigiona voluttuosamente tutti profumi del ripieno durante la cottura, e che dona sentori di pane e burro alla carne ed alle verdure. 
Gli inglesi amano le Pie di carne e verdure: con coniglio, manzo, agnello e con porri, funghi, patate...Lo trovo anche un ingegnoso sistema per riciclare avanzi appetitosi e vestirli a vesta con un mantello fragrante, una crosta dorata a cui difficilmente si può resistere.
Siamo nuovamente qui con voi ed con il nuovo libro Starbooks di questo mese: The Unofficial Downton Abbey Cookbook, in piena atmosfera Edoardiana. 
Per non perdere neanche una delle meravigliose ricette tratte da questo libro, ecco quello che hanno preparato per voi le mie inossidabili amiche Starbookers:
La Eccles Cake a casa di Menuturistico
Saxe-Coburg Soup a casa de La Apple Pie di Mary Pie
Patate con caviale e creme fraiche a casa di Vissi d'Arte e di Cucina
Sweet Brown Sugar Shortbread a casa di Arabafelice
Crisp Chestnut Soup a casa di Le Chat Egoiste
Biscotti Digestive al cioccolato a casa di Ale Only Kitchen
Traditional Bakewell Tart a casa di Arricciaspiccia
Mr Bate's Chicken and Mushrooms Pie
Ingredienti per 4 persone:
2 cucchiai di olio extravergine
3 cosce di pollo senza ossa né pelle e ridotte a bocconcini
100 gr di champignon
1 cipolla media tritata
80 gr di piselli surgelati 
2 spicchi d'aglio tritati
4 cucchiai di burro
2 cucchiai di farina
65 ml di panna
65 ml di latte intero
260 gr di brodo di pollo
1 cucchiaino di noce moscata grattuggiata
1 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di pepe bianco
1/2 cucchiaino di timo essiccato
1 foglio di pasta sfoglia (io ho usato la mia fatta in casa)
1 uovo leggermente battuto
Preriscaldate il forno a 180°.
In una padella di media grandezza, scaldate l'olio a fiamma media e saltateci il pollo a pezzetti, fino a che inizia a prendere colore. Unite i funghi tagliati a fettine e continuate a cuocere fino a che il pollo non diventa bello dorato ed i funghi hanno perso la loro acqua.
Togliere dalla padella pollo e funghi e metteteli in una larga ciotola. Nella stessa padella, versate la cipolla, l'aglio ed i piselli e fate cuocere per 5/7 minuti muovendoli spesso per insaporirli. Quando sono pronti, versateli nella stessa ciotola con il pollo ed i funghi. 
In una piccola casseruola fate sciogliere il burro a fuoco medio ed aggiungetevi la farina per formare un roux. Da parte, unire i liquidi, la panna, il latte, ed il brodo con al noce moscata, il timo, il pepe ed il sale. Mescolate bene ed aggiungere piano piano questa mistura al roux mescolando continuamente con una frusta, fino a quando non si otterrà una salsa liscia e vellutata. 
Versare la panna sopra il pollo ed agli altri ingredienti. Mescolate ed aggiustate di sale. Disporre tutto a cucchiaiate in una pirofila da Pie e lasciar raffreddare bene.
Stendere la sfoglia su un piano leggermente infarinato. Spennellare i bordi con un tuorlo d'uovo sbattuto e poi stenderla sopra il ripieno. Spennellare la superficie con l'uovo e praticare 3 o 4 tagli trasversali per far uscire il vapore che si formerà durante la cottura. Fa cuocere 20/25 minuti finchè la crosta sarà ben dorata e gonfia. Servire caldo. 
NOTE PERSONALI

  • Ho diminuito la quantità di aglio che purtroppo tollero pochissimo
  • Ho servito la Pie in piccole pirofile monoporzione. Ho fatto un errore nel misurare la sfoglia che avrebbe dovuto coprire le pirofile. L'ho tagliata troppo piccola. Al momento di posizionarla, sono riuscita ad attaccarla immediatamente sotto il bordo delle pirofile ma una volta in forno, il burro presente nell'impasto (più ricco perché fatto in casa) ha fatto scivolare la sfoglia direttamente sull'impasto. Quindi il bell'effetto di "coperchio croccante" si è perso. Se proverete la ricetta, tagliate la sfoglia abbastanza grande in modo che possa coprire con agio il ripieno e sbordi bene sul basso della pirofila. 
  • In casa è piaciuto a tutti: è una ricetta molto semplice, di veloce preparazione e sicuramente di grande effetto. Io l'ho trovata assolutamente deliziosa e da ripetere con variazioni personali in termini di verdurine. 
Vi aspetto al prossimo post Starbooks mercoledì prossimo! 




32 commenti:

  1. Che ricettina super gustosa!!!

    RispondiElimina
  2. Tesoro la tua chicken pie mi piace davvero tantissimo e anche l'abbinamento con questi film spassosissimi mi diverte un mondo!!!Questo libro è decisamente una fonte di idee deliziose che tu proponi come sempre alla grande!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  3. Mi ispira molto questa preparazione! Ho fatto poco tempo fa il cottage pie e mi sono innamorata di questo tipo di piatti di tutto un po'! Mi piace molto questa iniziativa di libri interessanti con proposte altrettanto appetibili! Complimenti a te ed altre altre foodblogger partecipanti! Ciao ciao luisa

    RispondiElimina
  4. Quando andai per la prima volta in Inghilterra (ormai sono passati un po' di anni) circolava voce che la cucina inglese fosse la peggiore del mondo. Rimasi quindi molto sorpresa al primo assaggio di fish and chips (ma quello ci sta, ero una ragazzina e si sa...il fritto...) ma quello che mi sbalordì più di ogni altra cosa fu proprio assaggiare per la prima volta un pie. Non so cosa ci fosse dentro, sicuramente carne e verdure, il mio palato non ancora molto allenato non riuscì a distinguere bene gli ingredienti. Ma fu amore immediato e pensai che se gli inglesi erano capaci di fare un piatto del genere voleva dire che la loro cucina non poteva essere così male come la dipingevano. E nonostante ciò, non mi sono ancora cimentata con la preparazione di un pie e forse la tua ricetta di oggi mi darà lo spunto per provarci.
    Ciao e buona giornata.
    Mari

    RispondiElimina
  5. Putroppo alla parola meat pie invece io penso subito a Sweeney Todd.. e se l'hai visto sai anche perché dico putroppo! cmq il principio del pie è favoloso, la tua ricetta molto invitante.. devo vedere questa serie Downtown abbey, ne ho sentito parlare molto bene!

    RispondiElimina
  6. Sono certa che la tua pie è stata abbondantemente apprezzata! Questi pie sono deliziosi anche il giorno dopo!

    RispondiElimina
  7. Sono partita alla volta di Londra un pò scettica sulla cucina inglese. Durante i sei mesi trascorsi a Londra mi sono dovuta ricredere. Non è una cucina leggera, questo va detto e forse on molto varia ma offre dei piatti buonissimi come le pies, tipico cibo da pub. Il vero problema della cucina inglese sono gli inglesi (o forse i londinesi) che non hanno la cultura del mangiare e dello stare a tavola e tante volte preferiscono il sandwich del sainsbury da mangiare mentre di corsa tornano a casa.
    Bella ricetta, proverò anch'io al più presto a replicare quella che ho mangiato!
    buona giornata
    Chiara

    RispondiElimina
  8. Non ci avevo pensato alle galline :D devo andare a riguardarmelo! Io adoro le pies, croccanti all'esterno e avvolgenti, goduriose nel ripieno, ne ho fatte di tutti i tipi, di pollo, di manzo, di verdure, più ricche, più leggere, più brodose...insomma...adoro! Quindi grazie :))

    RispondiElimina
  9. anche io ho scoperto da poco queste famose pie...per colpa di Tim Burton non me la sono mai sentita di assaggiarle a Londra :P
    ma ora ho una certezza, il "mantello fragrante" (come lo chiami tu) rende tutto più speciale!!!!!
    un bacione ^_^

    RispondiElimina
  10. La chicken pie l'ho assaggiata qui in Irlanda per la prima volta e l'ho subito adorata! Questa versione è fantastica, voglio provarci :)

    RispondiElimina
  11. Mi hai fatto morire con la store di "Galline in fuga"!!!
    Questo piatto l'ho assaggiato fatto da un'amica inglese, è buonissimo e superconfortante :-)

    RispondiElimina
  12. Io non l'ho mai assaggiato questo piatto e devo ammettere che questa lacuna è da colmare al più presto! Ciao Patty!!!!
    baci
    simo

    RispondiElimina
  13. E' deciso, la faccio stasera!! Avevo preso il necessario per il solito spezzatino di pollo che piace tanto a tutti in casa (e ora siamo tutti e 5, quindi è un bel po' di roba :-)), ma lo convertirò seduta stante in questa pie.
    Poi ti dico se avrai ricevuto applausi o no! :-)))
    Baci grandissimi e grazie per questa meraviglia....
    ps ho visto la ricetta della tua sfoglia per i croissant... non avrò pace finché non l'avrò provata....:-)))))

    RispondiElimina
  14. interessantissimo!!! ho tutto ciò che serve, lo provo!!!

    RispondiElimina
  15. wow Patty la chicken pie...ahahah mi hai fatto troppo ridere con le galline in fuga!!
    conosco la pie inglese perchè ormai 20enne ho vissuto alcuni mesi a londra e ho avuto la fortuna di vivere con tale Miss Fiona che era una patita di cucina; mi regalo la sua ricetta del "tuna pie"...una bomba! peccato che tradussi le spring onion come cipolle comuni e invece del tuna pie realizzai una cipollata pazzzesca :D

    Ma torniamo al tuo pie che è veramente invitante, ottime le tue segnalazioni, grazie. ti faccio anche i complimenti per la scelta del piatto...è tanto nota, hai ragione ma la conoscono in pochi!

    un abbraccio, ti auguri un bellissimo proseguimento di giornata, clara

    RispondiElimina
  16. ma daaaaaaaaai! avevo dimenticato "galline in fuga", uno dei film più divertenti (e ben fatti) che abbia mai visto :D :D :D
    splendida la tua pie, perfetta!
    un abbraccio stritoloso

    RispondiElimina
  17. Ahahah no dai! Se mi parli di Galline in fuga non riesco più a mangiare questa chicken pie di cui stavo per rubare la ricetta! :P
    Stupenda, come sempre!
    Ti abbraccio cara Pat :*

    RispondiElimina
  18. Ma lo sai che ho visto pure io Galline in fuga, e pure diverse volte visto che i miei nipoti ce l'hanno in dvd, ma mai mi è venuta la curiosità di fare il chicken pie? Eppure dev'essere buonissimo, come dimostra la tua splendida realizzazione!!!

    RispondiElimina
  19. adoro i pie! merito di una mia amica inglese che me li aveva fatti conoscere anni fa! bellissimo il tuopie e chissà che buono...ma lo sai che anche a me il pie ricorda "galline in fuga"??? e non è bello!!!!:-) e pensa che nonostante questo film il pie continua a piacermi sempre più...e se immagino di gustarlo con il "solito" guardiacaccia....eh bè...cara patty...il gusto ne guadagna di sicuro!!! bacissimi

    RispondiElimina
  20. Ma mica me lo ricordavo che le galline erano in fuga da questa pietanza, e si' che il film lo vidi al cinema con la creatura.
    Bello pero', mi sa che ci provero'.

    RispondiElimina
  21. Galline in fuga di tanto in tanto tocca rivederlo, magari mangiando una porzione di questa tarte che mi ha sempre incuriosito.

    La tua realizzazione è impeccabile!

    RispondiElimina
  22. Ecco ora devo fare addirittura due cose:
    1. vedere il film - 2. preparare la pie.
    Bravissima, come sempre ;-)

    RispondiElimina
  23. Quel film lo ricordo benissimo mia figlia me lo fece vedere 2 o tre volte! Secondo me se non lo dicevi tu dell'errore non se ne accorgeva nessuno, comunque grazie per la dritta sulla grandezza della sfoglia. Così in monoporzione sono bellissime!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  24. I pie mi sono sempre piaciuti molto: c'è "l'effetto sorpresa", sono molto pratici perché sono un piatto unico, ma soprattutto sono buoni!!! E il tuo con i funghi mi piace molto (aglio ridotto, come hai fatto tu e senza pisellini...). Brava Patty!
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  25. che bello quel film! e che bella questa ricetta, ne ho assaggiata una simile vicino Londra nel self service del castello di Hampton Court, nientemeno! che bel ricordo :-)

    RispondiElimina
  26. Beh, allora pure io sono completamente pazza :P visto che impazzisco per tutti i film realizzati dagli autori di Wallace & Gromit. Per non parlare della cartoni animati, che rivedrei all'infinito, anche se li conosco a memoria. Si è capito che da piccola ero affetta da dipendenza da Wallace&Gromit?? Però solo da poco, da quando Charlie gironzola casa casa, mi sono resa conto che Gromit è un beagle, che vergogna XD :P!
    E questa torta salata di pollo e funghi dev'essere una vera goduria...ma io la proverò con la sfoglia furba, già sarà un miracolo se riuscirò ad avere abbastanza pazienza per fare i pain au chocolat :P ^__^!

    RispondiElimina
  27. Il film non l'ho visto, ma questo pie mi fa venire l'acquolina solo a nominarlo... Quasi, quasi replico nel fine settimana con tanto di noleggio del dvd! Un bacione, Sarah

    RispondiElimina
  28. confesso che i pie con la carne dentro non li amo tanto, infatti di fronte al chicken pie mi sono sempre fermata (c'era anche nel libro di martha, è, come dici tu, un classicone)
    quello che dici mi rende più disposta a provare, perché in realtà mi incuriosisce anche parecchio.
    sarà anche vero che non sbordava abbastanza, li trovo deliziosi io!

    RispondiElimina
  29. Mi fai morire dal ridere!!! Eccome se lo conosco il film in questione, e mi è piaciuto tantisssssssimo!!! Ma anche la tua pie non scherza affatto!!! Anche a me ha sempre incuriosito...ora che la osanni così mi sa che dovrò decidermi a approvare a farla :)! Sei un protendo dolce Patty!!! Ti abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  30. Che meraviglia che ricetta gustosissima!!!! Io avevo provato con la carne d'agnello e avevo fatto una cosa simile, che buono con il pollo!!!! Siii quel film l'ho visto parecchie volte e hai ragione quelle torte ripiene di pollo, a me piacevano tanto povere galline del cartone :-)) Baci

    RispondiElimina
  31. Ciao Patty...in questi giorni mi sono imbattuta spesso in ricetta tratte da The Unofficial Downton Abbey Cookbook, ho cercato di capire qualcosa dell'iniziativa andando su Menu turistico, ma non ho capito se l'iniziatica tua e delle tue colleghe sia qualcosa di diverso o nata in un moneto successivo...quando hai tempo ti va di spiegarmi? Grazie Cristiana

    RispondiElimina
  32. Buongiorno Patty... Questo mese redone pure io! Grazie per questo meraviglioso pie! Le mie foto non hanno nulla a che vedere con le tue... Ma quanto era buono!!! Già fatto e rifatto!

    http://pancakesacolazione.blogspot.it/2013/05/starbooks-redone-mr-bates-chicken-and.html

    Buon primo maggio!
    Sarah

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...