mercoledì 17 aprile 2013

Cake di ricotta con uva rosa caramellata di Pisticci: gioie e dolori dei chili di troppo!

Rosalina -F. Concato 
Non sono una tipa da diete. 
Non che non ne abbia bisogno, perché per dieta io intendo più una regola nel mangiare, evitando quegli alimenti che in questo momento della mia vita, più che danneggiare la forma fisica (a quello ci pensa già il tempo), se la prendono con la mia salute. 
Ieri ho avuto la malsana idea di pesarmi. 
Non dovrei farlo, mai e poi mai. 
I pantaloni nuovissimi che non si chiudono in vita sono stati rovinati dal ciclo dell'asciugatrice. Ecco. 
Macchè pancia e coulotte del cheval. Cavolo, sto seduta tutto il giorno, è inevitabile che prenda la forma della mia sedia girevole!
E poi cos'è tutto sto pettorale? Non ho mai avuto le tette neanche quando quelle stavano su da sole, e adesso guarda qui, sembro la pubblicità del Wondebra. 
Tu mi guardi lo so, malefica bilancia! E io ti dimostro che non ci sono problemi.
Spe', fammi levare pigiama, calzerotti, canottiera, ciabatte... posso appoggiare un attimo sul letto questo rotolino intorno all'ombelico che ride strafottente? 
No, non si stacca. Pazienza...
Tre chili e 800 grammi. 
Oh questi chi li ha invitati? Da dove diamine vengono? 
In un baleno realizzo che a Marzo ho probabilmente sterminato un chilo e mezzo di cioccolata bianca e nera in preparazioni di ogni genere e che buona parte se n'è andata lentamente sciogliendosi sotto il mio palato nei momenti di sconforto sul divano. 
Già...maledetto blog! E' sua la colpa. 
E' lui che mi istiga ogni giorno a pensare a nuove delizie da preparare. 
Ma non finisce qui! 
Me le sono comprate. Un paio di runner nuove fiammanti. 
Bianche con i lacci fucsia (fatemi essere un po' civetta), e poi sono andata a iscrivermi in palestra, un abbonamento fino a Settembre. Proprio ieri. 
Caro blog, coulotte de cheval e rotolino sopra l'ombelico, ve la faccio vedere io! Non sapete con chi avete a che fare. 
E tu cara dieta, non mi spaventi neanche un po'. 
Dammi un mesetto e vedrai che figurino. 
Ora che ci penso...magari le tette, quelle le terrei volentieri! 
Naturalmente, come volevasi dimostrare, in un post sulle sofferenze della forma fisica cosa metto? Un dolce. 
Tanto per parlare di coerenza, che è una dote che ammiro molto nelle persone, vi lascio questo dolce la cui ricetta proviene da mia suocera ed è una delle torte di ricotta più buone che io abbia mai assaggiato. 
Ne avevo parlato qui ma non ho mai avuto l'opportunità di postare la ricetta. 
Lo faccio oggi, e sono certa che molte di voi ne conoscano versioni molto simili. 

L'ho accompagnata con dell'uva caramellata di Pisticci, di una bontà fuori dell'umano. L'ho ricevuta in dono a Natale ed il vasetto era ancora intonso. Maledetta me che l'ho aperto. Tanto per parlare di diete! 
Ingredienti per 8/10 persone:
Faccio una premessa: mia suocera fa tutto ad occhio. Non pesa nulla, ma ogni volta sto dolce è da urlo. 
Ho cercato di codificare un po' le quantità ma credo che lei metta più zucchero. A volte aggiunge anche della cannella ma per questo periodo preferisco il limone o l'arancia per aromatizzare. E' facilissimo e velocissimo. 
Usate la ricotta migliore che trovate (con quella del super non viene bene!). 
500 gr di ricotta di pecora freschissima
220 gr di zucchero
5 uova
La scorza grattugiata di un limone
Un cucchiaino di essenza naturale di vaniglia
Uva rosa caramellata di Pisticci prodotta da Terravecchia 
In una larga ciotola versate la ricotta setacciata e mescolatela con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso. 
Aggiungete le uova, una alla volta, amalgamandole bene al composto e per ultimo gli aromi.
Foderate uno stampo a cerniera di 24 cm con della carta da forno (fatela aderire bene al fondo ed ai lati imburrando la teglia in precedenza), versatevi il composto e fate ruotare la teglia per livellarlo.
Mettelo in forno preriscaldato a 180° e fate cuocere per 45 minuti o fino a quando la superficie non sarà gonfia e ben dorata. 
Fate raffreddare quindi sformate. Buona tiepida, meravigliosa fredda, si conserva benissimo per 3 giorni in frigo in contenitore ermetico. 




38 commenti:

  1. Io anche vorrei stendere un velo pietoso, ma non mi basta è diventato troppo piccolo ! ahaha
    Chili in più? ... lasciamo perdere.
    Però Patty, con questa ricettina ci vuoi proprio male...remi contro, dimmi la verità.

    RispondiElimina
  2. e' bello si vede e buono. Ma sul tuo metro e novanta 3 kg sono come su di me sei kg in più. Io non mi peso, no, le tette sì effettivamente dovrebbero darmi un segnale... il cavallo a fondo schiena non lo guardo anche se lo sento, ma chissenefrega, basta fare sempre sport e amen. La ricotta la adoro nei dolci forse più della cioccolato già te lo dicesssssiii, e poi le ricette codificate delle signore che fanno tutto ad occhio mi incuriosiscono troppo. E' così piccolino e umido e morbidissimo, pochi dolci ma doc tu eh? forse è qui che cade l'aghino della bilancia o mi sbaglio. Pensa a me allora...un baciotto bellezza mony

    RispondiElimina
  3. Emmaaallooraa ditelooo! Io che avevo messo il catenaccio al forno, che non compro più farina, che sto trascurando la mia pasta madre per evitare lievitati di ogni genere.. mi dici adesso come li perdo i chili in più? E non so neanche quanti, visto che io sulla bilancia non ho il coraggio di salirci…  non corro come te, ma da qualche mese vado in piscina una volta a settimana, il nuoto è una mia grande passione. Ma sai cosa succede? Quando esco ho più fame di prima!!! Arghhhh! Non se ne esce! 
    In più dopo il sollievo del “mal comune mezzo gaudio” dell’introduzione, arriva questo cake irresistibile! Ed è come piace a me: pochi ingredienti ma di prima qualità. Talvolta le suocere sono miniere d’oro per le ricette, e questo dolce lo dimostra.
    Un bacione, diavolessa tentatrice!

    RispondiElimina
  4. oddio che meraviglia! io adoro i dolci di ricotta.
    (PS: fiera di non aver mai fatto diete in vita mia ;-)

    RispondiElimina
  5. a me dei kg non me ne frega assolutamente nulla...ho i miei di troppo e me li custodisco per bene...!!!
    poi di fronte a questa meraviglia!!!
    bacione

    RispondiElimina
  6. Pat sei veramente forte e se ti dicessi che io ho almeno 10 - 15 kg da smaltire? come ti senti? sì è vero, sono formosa, ho le tette, un bel sedere, gambe molto tornite ( la versione rotondetta della Lore per intenderci)Lascia stare quei 3 chiletti che non ti fanno mica male e lascia pensare a me a quella parola brutta che si chiama dieta: io mangio bene e poi affondo nelle schifezze perché sono infelice del posto in cui vivo ma questo è un altro discorso! Ti abbraccio forte e appena ho la ricotta freschissima provo a fare questo cake che è la morbidezza per eccellenza mi pare!

    RispondiElimina
  7. Tesoro dall'estate scorsa ho preso almeno 3 kg ma non riesco a mettermi seriamente a dieta e non posso andare in palestra perchè ho problemi con la schiena quindi ho chiudo il blog oppure inizio seriamente una dieta...ma poi...vengo da te e vedo sta meraviglia e allora come si può....è una tentazione!!
    Un bacione,Imma

    RispondiElimina
  8. che buonaaaaaaaaaa!!! devo proporla ai miei!!

    RispondiElimina
  9. Cake da urlo, merita una visita :-)
    Sul peso posso riferire che il mio medico appena mi vede entrare dice subito "Dimagrire, muoversi, fare sport". Al che io invariabilmente rispondo che sono incollato alla mia poltrona girevole dalle 8 alle 18 e che "non to tempo".
    E lui: "avra' pure una cyclette, no? La tiri fuori, la spolveri, le tolga di dosso cio' che c'e' appeso e la usi, anche davanti alla TV". Allora io penso "come fa lui a sapere che la cyclette e' polverosa e c'e' appeso di tutto? Medico, cura te stesso....".
    Rientro, pensieroso, e per tirarmi su entro in cucina e preparo qualcosa......

    RispondiElimina
  10. E' molto invitante...tutti a far il dolce della suocera...alla faccia della dieta! Ciao.

    RispondiElimina
  11. Eh eh eh SIAMO in dolce compagnia vedo ...
    Mi segno la ricetta anche perché adoro la torta di ricotta ma non l'ho mai fatto con quella di pecora. Visto che pare che i latticini li devo eliminare/limitare potrebbe essere un'alternativa ^_^

    RispondiElimina
  12. Torno da una breve vacanza al mare e meno male che mi tira su l'umore il tuo post:)!!! Bhe cara a me le tette nn si sono ingrandite neanche cn due gravidanze ed io che ci contavo di andare in giro almeno con una "misera" seconda ;)!!! Sei fantastica ed anche qst tua torta lo sara' sicuramente!!! Baci luisa

    RispondiElimina
  13. Guarda Patty, io sono arrivata ad una conclusione: che per noi non è possibile fare diete. I blog sono un dolce richiamo... non possiamo non cucinare, non alimentarli. E quindi ha ragione Imma, l'unica soluzione è chiudere il blog. Ma non sia mai!:D Io sono diventata blog-dipendente! E allora che si fa? Si potrebbe cucinare ugualmente, ma per gli altri. Ma poi come si fa a resistere con quella tentazione sotto gli occhi? No, non c'è speranza! :D

    RispondiElimina
  14. Che ricettina con i fiocchi ! Certo, sei proprio nello spirito della dieta...brava, brava !
    Chiamasi istigazione al peccato...

    RispondiElimina
  15. Anche per me è matematico... i chili di troppo non vanno mai nelle tette, sempre un po' più in giù... E allora via di tapis roulant, così mi gusto anche questa tua squisitezza con la coscienza (almeno quella) un po' più leggera ;-)

    RispondiElimina
  16. Ti scrivo dalla sala d attesa della dietista. Non oso pensare alla bilancia che mi aspetta... come ti capisco. Anche io cucina + gola + sedia girevole... Aiutooooo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Eh beh, chi ama mangiare combatte sempre un pò con la bilancia... ma finchè sono 2-3 kiletti in più non è un dramma... io ci sto abbastanza attenta ma a certi cibi - dolci in prima fila - non potrei mai, mai e poi mai rinunciare... quindi meglio pantoloni un pò più stretti che colazione triste o niente dessert la sera... :D

    RispondiElimina
  18. ahahah un mito.che poi se chiedi agli uomini" ma daii che la donna deve essere tonda e sennò cosa tocchi ?" e poi sbavano davanti alla kate moss di turno....ahahah ma tu mi sembri perfetta dalla fotina..e comunque ..anche io tanto golosa..qualche kiletto in più..mi vado bene..ahahah.mi dicono che sono simpatica però;)bacio e viva la tua cake..sublime!

    RispondiElimina
  19. chedelizia questo cake e fancu.. ai kili di troppo! ti immagino con le runner da fighetta!!! un bacio

    RispondiElimina
  20. A chi lo dici...!!! All'inizio era solo qualche chilo, ma con il passare del tempo, son diventati più di 10...e non ho neanche più la scusa di aver partorito da poco :))))
    Delizioso questo cake con la ricotta freschissima con quel tocco di limone che la rende ancor più piacevole

    RispondiElimina
  21. Quante colpe hanno i blog non si capisce!
    Metti quello, aggiungi un po' di irregolarità nel mangiare dovuta a differenti lavori, imminenti cambiamenti/novità e ad una serenità inaspettata et voilà! Anche io ho qualche bel chiletto da smaltire, e mi riprometto che questa bella stagione sarà il momento giusto per una dieta (nella tua accezione) e di qualche bella camminata come piace a me.

    Poi vedo torte come questa, a base di ricotta come io amo e adoro, e d'improvviso andrei a comprare 10 kg di ricotta. Meraviglia assoluta, e mi piacerebbe provare anche l'abbinamento con la conserva di arancia a fette che ho fatto qualche tempo fa.
    Un bacione, ma chèrie!

    RispondiElimina
  22. solo 3 kg e 800 g tesoro? io non te lo dirò neanche sotto tortura quanto sono ingrassata negli ultimi due anni..... ma comunque è vero, il blog aiuta ad mettere da parte kg... ma se io non avessi avuto il blog nell'ultimo anno sarei schiantata.... è il mio antidepressivo, la mia second life, il mio mondo perfetto.... e che vuoi fare? lasciamo fare, ma una fettina di questo cake ce la vorremmo negare? sia mai, alla faccia dei cuscinetti!
    baci mitica Patty!
    Sandra

    RispondiElimina
  23. Cara Patty sono nella tua stessa situazione, solo che a me le tette non mi crescono neanche se le annaffio. Ho provato con la cintura stretta, illudendomi di fermare i chili nei posti giusti ma non c'è stato nulla da fare. Son scesi un po' più giu e come te sono a dieta e con tanta voglia di correre (anche se la mia pigrizia già oppone resistenza).
    Un abbraccio e che i chili in più non siano più con noi!
    Sonia

    RispondiElimina
  24. Tesoro anche io ho preso due chili e 300 gr e lli devo buttare giù assolutamente perchè è stata tanta la fatica per tornare al mio peso ( due anni fa sono dovuta andare dal dietologo perchè per colpa di una malattia avevo preso 10 chili) certo la dieta è faticosa, per me che lavoro seduta come te tutto il giorno il movimento è praticamente impossibile però forza e determinazione e ci si può riuscire. La cosa più difficile per me ? rimanere lontana dai dolci deliziosi come questo....
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  25. Mi hai fatto sorridere tantissimo cara patti! Lascia stare che anch'io, do sempre la colpa al blog perché non riesco a togliere questi chili di troppo. Non sono nemmeno io una fissata, ma credimi, quando non rientri nelle cose ti viene la depressione:(
    Così, tanto per essere coerenti, posso dirti che non vedo l'ora di provare questa ricettina! ;). Quell'uva caramellata poi… Che dilizia. Buonanotte cara!

    RispondiElimina
  26. Ah ahhh ahhh!
    Mi hai fatto ridere cara Patty!
    Anche io soprattutto in primavera provando gli abiti dello scorso anno, qualche Kilo di troppo lo noto, il tempo e la forza di gravità fanno il resto ahimè.
    Per non parlare dello stare sempre seduti.. altro che fondoschiena a mandolino, sembra una pianola! :é
    E anche io come te.. penso che il blog non aiuta, almeno la linea, perchè qualcuno mangia quello che pubblichiamo, noi per prime!
    Ad ogni modo.. ogni tanto pesarsi fa bene anche se ci sciocca!
    E le la posso dire tutta.. questo cake è fantastico ed una fetta la mangerei volentierissimo..
    Ho provato a darti retta per le foto ma io maniaca della perfezione, non so se manterrò il formato..
    Un abbraccio e che peccato che non ci conosceremo a breve!
    Baci
    Laura

    RispondiElimina
  27. Sei una forza e come ho appena commentato in risposta alle tue parole.. Strulla è forte, un termine amicale che mi piace!
    In verticale è complicato perchè devo evitare, nel piccolo spazio nel quale mi muovo per fotografare, di beccare quello che non c'entra ... ma vedrò cosa si può fare! Diciamo che a volte faccio magie anche se non basta.
    Un giorno avrò una cucina o un soggiorno con un tavolone.. anche se la mia casina mi va benessimo!
    Un abbraccio forte

    La Strulla!

    RispondiElimina
  28. Ti ho risposto ma non sapendo se ripassi a breve a leggere.. strulla mi si addice.. in senso buono certo, ma lo sapevo!
    ;) BACI BACI BACI

    RispondiElimina
  29. :) Pensa che io solitamente in palestra mi iscrivo per 1 anno e ci vado per 3 mesi. E non vedo mai i risultati perchè ovviamente, dopo tutta la fatica, dovrò pur premiarmi con qualcosa di buono, no???
    Ma tu sei tosta e so che sarai costante. Impegnati e suda anche per me!!!
    Io intanto provo sta torta, che mi pare ottima e pure abbastanza light.
    Un bacione e a presto
    Vale

    RispondiElimina
  30. Anche per me dieta è sinonimo di mangiare bene e cerco di farlo ogni giorno (cerco...). Con 2-3 kg di troppo ci convivo da sempre, ingrasso solo a guardare una torta e il mio metabolismo è lento lento. Le palestre sono come la vacanze in crociera: mai e poi mai, mi annoierei da morire, e così seguendo i consigli del personal trainer che vive con me, il mio movimento quotidiano lo faccio nel non usare l'auto, nel fare le scale a piedi, nel fare tutti i giorni 2 km a passo svelto, e tutto a costo zero! :-)
    Però quel dolcetto alla ricotta è così invitante che uno strappetto lo farei (PS: il segreto per non ingrassare è non avere nulla in casa che ci faccia cadere in tentazione...).
    bacioni

    RispondiElimina
  31. Tre chili addosso a te non si notano neanche, figuriamoci, però scegliere di andare in palestra trovo che sia sempre un'ottima idea, insieme alla dieta, intesa come stile alimentare corretto... ( quello che poi ti permette di sbafarti mezza torta in frigo come ho fatto io!).
    Però dai, cosa vuoi che siano questi chiletti in confronto alle gioie infinite del blog?
    A proposito a me le tette non crescono neanche se ingrasso, ma sarò proprio sfigata, eh?

    Questa torta la conosco, ma inserita in un guscio di pasta che l'avvolge, donandole una nota croccante...l'uva è semplicemente la chicca finale!

    RispondiElimina
  32. oh lasciala perdere la dieta, è una rovinafamiglie, sientammè! <3

    RispondiElimina
  33. Ahahahah! Vogliamo parlare di tette? Vogliamo parlarne? Allora, mi sono messa un attimino a dieta. E porto la prima. LA PRIMA. Ora, mi dirai tu, cos'avrai da perdere, portando una prima. Ti giuro Patty che ho perso un chilo e le tette, le signorine, non ci sono più. Yhuu, e dove siete andate? A farvi un giro??? Anche la prima mi sta abbondante. Che gioia! Però, quando dico che sono una che mangia, nessuno mi crede. Pensano tutti che lo dica così, tanto per dire. E invece no, acciderbolina! Mangio. E mangio pure parecchio! Certo che per restare magra devo rinunciare a qualcosa, e allora a pranzo vado di insalate, frutta, yogurt e tutte quelle cose molto light. Altrimenti poi a cena chi lo sente Comandante Amigo? Che assolutamente vuole mangiare almeno due pasti al giorno insieme a me (colazione e cena)? Ecco. Quindi ti capisco. E sappi che io sono sempre stata una antisport, ma le mie sedute di trekking settimanale aiutano assai. E in alternativa lo sci in inverno. E la mia dimensione in palestra l'ho trovata con una seduta settimanale (che ho saltato queste due settimane) di pilates/yoga (non so mica che esercizi mi fa fare la mia istruttrice!). Ma giuro che quando non riesco ad andarci, mi manca proprio a livello fisico. E ora spiegami, come mai quando passo da te scrivo sempre un post nel tuo post??? Mi fai questo effetto, e avrei tanto voglia di vederti di nuovo un pò! Un bacino, Sere

    RispondiElimina
  34. sul dolcino passo..per quanto io sia golosa, non riesco proprio ad amare i dolci con la ricotta...eh si che mi piace la ricotta, ma solo in versione salata :)
    anche mia suocera fa dei dolci con la ricotta a dir poco strepitosi, secondo gli altri :) ma io..nemmeno glieli assaggio :D
    è più forte di me!!! non mi mandare a quel paese :D

    per il resto...dovrei mettermi in riga anche io...ma la forza di volontà non la trovo :(

    besos e buon weekend bella bimba tettona! :D

    RispondiElimina
  35. Sai quale è il mio problema? che aumenta la parte sotto, ma non quella sopra.... Il tuo dolce mi fa voglia, ma dovrei venire in Toscana per procurarmi della buona ricotta di pecora: l'ho asseggiata l'anno scorso in un piccolo agriturismo nelle colline di Grosseto e me ne sono innamorata, ma qui è difficile trovarla.
    Claudette

    RispondiElimina
  36. ED IO CHE INVECE DI LEGGERE CHILI LEGGEVO CHILI ( CILI ) DI TROPPO AHAHHAH EFFETTO MTC QUESTO ...E CREDEVO CHE ERA IL DOLCE DEL DOPO CHILI ANCHE TU ALLA RICOTTA COME ME ..ORAMAI IO SOBO PROPRIO FUSA -.-
    MI SCOPIAZZO LA RICETTA PATTY GRAZIE

    RispondiElimina
  37. sei fantastica, come ti capisco, ma il mio rotolino ormai ha compagnia e urge correre, ma proprio correre, ai ripari! :-D

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...