lunedì 9 settembre 2013

Club Sandwiches: metti una sera a cena...in casa da sola!

Home alone - Theme song
Cosa compare sulle vostre tavole quando siete sole?
In altre parole: cosa vi scofanate senza ritegno quando nessuno vi vede ed il programma della serata è il possesso totale del telecomando?
Io ho un marito che vive con la valigia in mano, ma ho anche una figlia pre-adolescente per cui difficilmente mi allontano da casa. 
Coincidenza ha voluto che qualche giorno fa, grazie ad un ritiro spirituale per cresimandi destinato alla signorina ed una trasferta Siciliana dell'esimio consorte, mi sono ritrovata sola. 
Una serata sola in casa? E adesso che faccio? 
E' come improvvisamente ritrovarsi con una giornata di tempo libero tutta per sé e pianificare un milione di cose che non si faranno mai perché quella finisce prima ancora di cominciare. 
Immediatamente ho pensato: "Evviva, non devo cucinare! Mi compro un quintale di schifezze e mi faccio del male davanti ad un bel film!" 
Invece, mentre ero nel super a fare la spesa, ogni volta che mi trovavo davanti all'ennesimo banco di Junk food, mi veniva la depressione. Neanche il senso di colpa...vera e propria depressione.
Perché invece non prepararmi qualcosa che mi piace tanto?
E mi sono venuti in mente loro: i club sandwiches. 
Ricchi, multistrato, international, versatili e soprattutto golosissimi. 
E' uno dei piatti che ordino quando viaggio per lavoro. Se sono sola in Hotel, non scendo mai a cena, detesto mangiare da sola...Allora chiamo il servizio in camera e li ordino. E posso dire che spesso, quelli che si mangiano in Hotel superano di gran lunga quelli dei bar, dei bistrot e dei pub in giro per il mondo. 
Ricordo ancora la prima volta che li ho assaggiati, ovvero che li ho scoperti: il mio primo viaggio negli States a 25 anni, in un Country Club nel North Carolina mentre viaggiavo con una delegazione dell'Ente Vini di Siena. 
Li ordinai dalla carta, senza neanche sapere cosa fossero. 
La parola Sandwich mi rassicurava, per il resto salto nel buio. 
Mi vedo arrivare questo piatto gigantesco con una marea di tramezzini multistrato subissati da un'onda di patatine fritte caldissime. 
Gaudio, tripudio e giubilo! 
Da allora non ho più guardato un sandwich con sufficienza. 
Qualche piccola notizia sui Club Sandwiches: il loro vero nome è Clubhouse Sandwiches, per il fatto che pare siano stati inventati alla fine dell'800, da un notabile membro del Saratoga Springs Club di New York, il quale non desiderando lasciare neanche per un istante il suo posto al tavolo da gioco, si preparò una serie di sandwiches da poter tenere sempre a portata di mano. 
Il salto dal tavolo da gioco ai ristoranti fu piuttosto breve, visto che già nel 1899 questi deliziosi panini comparivano sulla carta di numerosi ristoranti.
La ricetta tradizionale vuole che siano composti da 3 fette di pane a cassetta tostato, in cui si alternano tacchino, lattuga, pomodoro, bacon e maionese. 
A questa si aggiungono le varianti con roast beef e uovo sodo, ma io li ho trovati anche con pollo e mostarda. 
In ogni caso, quella che propongo qui è la mia versione specialissima, che nulla ha a che vedere con la ricetta tradizionale (non me ne vogliano i puristi), ma tutto con la mia inguaribile golosità:
Club Sandwiches alla mia maniera
Tipo 1: "Supergnam alla mela"
3 fette di pane a cassetta (il mio senza crosta, mi piace di più)
1 uovo medio
4/5 foglie di basilico fresco
un cucchiaio di latte
2 fettine di prosciutto di Praga
1 fettina di provola piccante
1/2 mela Granny
Maionese 
3 pomodorini
Sale
Tipo 2: "Il falso magro" 
3 fette di pane a cassetta
1 zucchina chiara
50 gr di primosale
2 foglie di Lattuga Scarola
2 cucchiai di pesto al pistacchio
3 acciughe sott'olio
Sale e pepe a piacere
TIPO 1
Preparate una omelette sottile con l'uovo, il latte, il sale e le foglie di basilico tritate grossolanamente. Sbattete poco e fate cuocere su un padellino antiaderente con un filo d'olio.
Una volta pronta, tenete da parte in caldo.
Lavate bene e tagliate a metà la Granni, eliminando il torsolo ma non la buccia. Tagliate fettine molto sottili e mettete da parte. 
Lavate e tagliate i pomodorini.
Mettete le fettine di prosciutto di Praga tra 2 fette di pane in cassetta cuocete nel tostapane. La terza fettina tostatela da sola. 
Una volta pronto il pane, aprite le due fette con il prosciutto e ponetevi la fettina di provola piccante. Sopra la provola, con grande cura, disponete le fettine di mela e all'interno della fettina di pane della base, spalmate la maionese e chiudete. A questo punto avete un toast bello pronto.
Sulla fetta superiore del toast, spalmate un filo di maionese, posizionate i pomodorini a fettine, la frittatina da cui avrete ricavato un quadrato grande come la fetta di pane e richiudete con l'ultima fetta tostata sempre spalmata sottilmente di maionete. Premete delicatamente ma con decisione, quindi dividete il sandwich lungo la diagonale ricavando 2 triangoli. Fermateli con degli spiedini di legno. 
TIPO 2
Lavate bene la zucchina e tagliatela a fette sottili sulla lunghezza con un pelapatate. Fate grigliate le fettine su una piatta e tenete da parte.
Ricavate delle fette sottili 3/4 mm dal primosale e pulite con cura la lattuga. 
Tostate il pane quindi componetelo come segue: sulla prima fetta spalmate all'interno il pesto di pistacchi, posizionate le fettine di primo sale, un pizzico di sale e pepe e la lattuga, quindi spalmate all'interno della seconda fetta altro pesto e chiudete il sandwich. Proseguite con un'altro piccolo strato di pesto sulla parte esterna del pane, mettete altre fettine di primo sale, quindi le acciughe e finite con le fettine di zucchine grigliate. Chiudete il sandwich con la terza fetta spalmata all'interno di pesto di pistacchi. 
Procedete come prima per il taglio, procuratevi una poltrona, un poggiapiedi ed una bella bottiglia di chinotto ghiacciato e datevi al gozzoviglio! 

44 commenti:

  1. tutti super golosiiiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  2. Fortissimo questo post, mi è sembrato di leggere di me stessa :))) Davvero!
    Anche io ADORO i club sandwich e li ho mangiati praticamente ovunque, soprattutto negli alberghi: ebbene sì, anch'io ordino sempre quelli col servizio in camera quando sono in giro per lavoro e concordo sul fatto che la qualità è spesso migliore di quella dei ristoranti. Nella mia mente ormai sono un cibo da camera d'hotel :)

    RispondiElimina
  3. adoro il club sandwich e, siccome come la tua metà sono spesso con la valigia in mano, misuro la bontà di un albergo anche da come fanno il club sandwich :)
    Io tuoi mi sembrano ottimi: da cinque stelle!
    Ciao Leo

    RispondiElimina
  4. Io che ceno da sola almeno tre sere a settimana, mi devo imporre di non finire sempre a sandwiches: ne sono golosissima!! E i tuoi, gia' dai loro bizzarri e simpaticissimi nomi, mi attraggono anzicheno...E' sempre un gran piacere tronare a trovarti. Scusami se non lo faccio piu' spesso. Un abbraccio e a presto...promesso!

    RispondiElimina
  5. io invece ho conosciuto il clubsandwich in grecia...e concordo cone te, è un tripudio di panino! il migliore! E il tuo sembra proprio buonissimo ^_^

    RispondiElimina
  6. Hai sempre un'ironia pazzesca nel raccontare le cose, anch'io come te, detesto mangiare sola e adoro i sandwiches se sono sola a casa! sono consolatori, golosi e veloci!
    ps. sto ancora ridendo sulla satira del viaggiatore low cost, a cui non sono riuscita a mettere un commento ma mi hai divertito tanto, cara patty!
    Sei forte, un bacio e complimenti per questi club sandwiches!

    RispondiElimina
  7. Non li conoscevo ma già a leggere gli ingredienti mi piacciono un sacco questi sandwiches!!

    RispondiElimina
  8. Ohi, Patti, ti invidio! Non so se più perché hai avuto una serata tutta per te o perché ti sei fatta queste squisitezze....
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  9. Patty,un tripudio veramente! I club sandwiches trascendono I soliti sandwiches,ed i tuoi ancora di piu'.
    In piu' vedo sullo sfondo la mitica Lea & Perrins:una goccetta o due di quella roba nel panino sono una meraviglia...Last but not least:potrei chiederti la marca del Chinotto?
    Qui trovo solo una notissima marca e,francamente,vorrei di meglio.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  10. Adoro il club Sandwich e le tue versioni mi piacciono tanto.

    RispondiElimina
  11. Ciao Patty, l'idea del club sandwiches è grandiosa! Io adoro i tramezzini ma quando sono solo e posso prepararmi "porcate" senza che nessuno mi veda mi piace farmi delle crocchette (le mie preferite quelle tonno e ricotta) oppure uno sformato, qualcosa da affondare col cucchiaio, con tanto formaggio filante!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  12. La prima volta anche io li ho provati negli States. Eravamo ospiti di alcuni parenti di Anna Luisa e ci fermammo in una specie di diner per un pranzo veloce. Ordinarono per tutti i turkey club sandwich. Per noi erano sandwiches turchi :-) Poi arrivò un ben di Dio a tavola, come l'hai descritto tu. Ma si sa che negli USA anche un panino non è un normale panino.
    E comunque perché io mi scofanerei solo un sacco di schifezze se restassi da solo invece di una tale delizia? Meno male che la mogliettina non mi abbandona mai.

    Fabio

    RispondiElimina
  13. Le definizioni dei tuoi due club sandwiches mi piacciono molto, soprattutto la "supergnam" :)
    Comunque ti ringrazio perchè mi hai dato un'ottima idea per la prossima volta in cui mi ritroverò da sola una sera a casa, anche se succede molto raramente, ma se dovesse succedere almeno ora saprò come comportarmi. In effetti quando capita scatta una sorta di ricerca masochistica verso il cibo più spazzatura di tutti (solitamente è una pizza surgelata, che odio con tutta me stessa visto che solitamente la faccio in casa con le mie manine). Sarebbe da approfondire la questione :)

    RispondiElimina
  14. Se dessi retta alla gola li mangerei tutti i giorni, ma non potendo farlo mi accontento di gustarli di tanto in tanto. I tuoi sono speciali e super invitanti...prenderò nota per la prossima volta che cenerò sola soletta. Un bacione cara

    RispondiElimina
  15. Ottimo, i primi club sandwitches li ho mangiati direi 30 anni fa in un locale particolare a Vienna erano favolosi mi ci sono affogata....questi devono essere stupendi grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  16. Wow che bella serotina che ti 6 concessa ^_^ Anch'io faccio come te, quando mi ritrovo a pasteggiare da sola mi concedo dei prelibati piattini e me li gusto con calma e tranquillità..altro che junker food! Questi sandwich sono da panico, la prossima volta se vuoi ti vengo a far compagnia :-P
    Buon inizio settimana cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  17. Ma sai che sono in difficoltà a rispondere alla tua questione? Diciamo che non riesco a farmi del male completamente e volontariamente e quindi o mi faccio portare la pizza o mi vado a comprare della carne cruda per la tartare e la condisco con ogni ben di dio cipolla cruda in primis ;) Ma i club sandwich proprio mi mancano nel repertorio... Belli i tuoi!

    RispondiElimina
  18. Prima o poi li proverò... mi ispira il falsomagro ;-) ! Io ceno sola praticamente sempre. Confesso: alterno serate ai limiti del decente (tipo mangiare senza apparecchiare, direttamente dai cartocci...a serate di coccole e cura. Mi piace cenare sul terrazzino, per sfruttare le serate estive il più possibile. E comunque sia... avrei un solo desiderio per allietare le mie serate. Lo spazio per una lavastoviglie ! baci

    RispondiElimina
  19. E' meraviglioso godersi una sana solitudine. Ti capisco al 1000%! :) Sono tremendi questi club sandwich. In senso buono, ovviamnete. Lo sai che non conoscevo la loro origine? In ogni caso trovo che "a modo tuo!, sia delizioso!
    A presto, Ada.

    RispondiElimina
  20. alla faccia della seratina da sola!!la storia dei clubsandwich non la conoscevo, vedi da oggi ho un'altra informazione in più, per il resto non vorrei romperti le uova nel paniere, ma estendi l'invito alla sottoscritta se hai intenzione di prepararti nuovamente questi deliziosi sandwich, tranquilla arrivo e se per caso tra i piedi non vuoi nessuno... non c'è problema tolgo il disturbo purchè abbia la panza piena :-p p.s. da siciliana la versione tipo 2 mi stuzzica all'inverosimile

    RispondiElimina
  21. prima di tutto se so che sono a casa da sola ..faccio una bella festa e poi mi preparo due spaghi ....o una macedonia...come vedi sono pessima!!!

    RispondiElimina
  22. Rido cara Patty perché ero convinta che "club sandwich " fosse termine coniato dagli hotel a 5 stelle x giustificare i prezzi esorbitanti di semplici toast ;)
    Ogni volta che un'amica va a Milano dice che ha pranzato con questi club sandwich allora noi bergamasche - più paesanazze;) - le rispondiamo sempre: ma sono tramezzini classici!!:)) per prenderla in giro
    Ora che ho letto questo post chiederò ammenda visto che ci sono origini degne dagli states!
    Detto questo sono affascinata dalle tue due proposte: simpatiche anche di nome e posso dire che x me.. Un falso magro;) come la sottoscritta ^_^

    RispondiElimina
  23. A me la depressione (o meglio le lacrime di coccodrillo) mi arrivano DOPO che mangio schifezze, che devono solo essere aperte e mangiate (alias patatine!)

    RispondiElimina
  24. te mi fai morire...comunque...hai trafficato anche l'unica sera che potevi riposarti..ma si può??? goduriosissimi ...

    RispondiElimina
  25. Ma vedi, dalle mie parti accade spesso che siamo a cena io ed i miei figli, senza marito, e io dico che i club sandwiches sono una di quelle cose per le quali i miei due bulldozer mi stenderebbero il tappeto rosso. Si perché le mie versioni sono talmente povere che potrebbero entrare nel menù dei conventi di clausura!! È io prendo nota volentieri. Un grande bacione, bella!

    RispondiElimina
  26. Ottima dritta per il mio prossimo viaggio negli States, li proverò sicuramente! Un bacio

    RispondiElimina
  27. Adoro scoprire che non sono l'unica che quando è da sola si stravizia!!! BRAVISSSSSIMA PATTY!!!
    Mitico il club!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  28. Ecco, questa sì che è un'idea pazzesca per una cena in solitudine. Io domenica a pranzo ero da sola e mi sono gustata un ottimo brodo vegetale ed un pacchetto di cracker. Poche cose potevano essere più tristi :O

    Mi sembra assai meglio il tuo pranzo in solitaria... e ti copierò l'idea! E Dio, che voglia di patatine fritte!!

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. Patty, per me due per parte! *_* Sono fantastici!
    Non ho mai assaggiato i Club Sandwiches ma vederli mi mette sempre tanta allegria! Sono belli, colorati, promettenti, sostanziosi, insomma secondo me non potresti avere "comfort food da cene solitarie" migliore!
    Io non resto quasi mai da sola a casa, sarà per questo che, quando mi capita, sono sempre molto felice: sono quelle le volte nelle quali mi metto, tutta contenta, a pensare a cosa cucinarmi, e sedermi a tavola, anche da sola, per dedicarmi una cenetta deliziosa, è il massimo del relax!
    Ma io non devo cucinare ogni giorno per sfamare la mia famiglia, quindi la mia è senz'altro un'altra storia!
    p.s.: anche il telecomando in posa coi sandwiches per la foto?! sei unica!
    :*

    RispondiElimina
  31. Buongiorno tesoro,
    mi piacciono le tue cenette in solitaria sai? Spaparanzarsi con un bel piatto così non ha prezzo, se poi utilizzi in prosciutto di praga non ce n'è per nessuno, altro che semplice sandwich!! Lussuosissimo.

    RispondiElimina
  32. Ciao Pat! Anche io se son sola adoro prepararmi panini, anche perché sono sottovalutati ma possono essere dei gran piatti :)
    I tuoi club sandwiches mi stanno facendo venire fame, quindi scappo, se no mangio lo schermo :P
    Un bacione

    RispondiElimina
  33. Cara Pat questi sono i miei piatti preferiti:D...mettermi comoda sul divano davanti alal tv e mangiarli tutti anzi fare il bis di ogni sandwich perchè cara sono davvero appetitosi originali e semplicemente invitantissssssimi!!Un bacione grande,Imma
    P.S. Il mio blog roll non mi aggiornava il tuo blog chissà quante meraviglie mi sono persa...vado a sbirciare:D!!!

    RispondiElimina
  34. Wow....mi è venuta una voglia pazzesca di club sandwich!!!!!buonissimo!! :D

    RispondiElimina
  35. accidenti, ma non lo potevi far prima questo post? ;-)
    Io da sola mangio come se fossi all'ospedale: riso lesso o pasta con le verdure. Sarò malata?
    Una bella stritolata signora mia.

    RispondiElimina
  36. Com'e bella la North Carolina! E' lì che si comincia a sentire il vero accento del sud...adoro i sandwiches e in particolar modo i BLTs (bacon, lettuce and tomato)!
    Qualche settimana fa, stranamente sola, volevo fare incetta di schifezze e poi come te, ho "ripiegato" su un classicissimo toast (grilled ham and cheese sandwich)...una delizia!
    PS mangiato leggendo un libro nella quiete più totale...

    RispondiElimina
  37. Io adoro cucinare per me stessa, noi siamo in due e lui un pò di volte all'anno per lavoro non c'è quindi mi cucino quello che a lui non piace!!! sandwiches deliziosi e favolosi!!!gnammy! ottima scelta!!! baci!!!

    RispondiElimina
  38. Fantastici!!! Li terro' presente quando anche il mio piccolino sara' a scuola ed il maritino non verra' a pranzo a casa...quelle poche volte che ho preparato x me ho sempre sperimentato piatti che mi ispiravano x poi rifarli x tutti! Buona serata ciao ciao luisa

    RispondiElimina
  39. Club sandwich tutta la vita!!!!
    Credo li proporremo in versione mega a brevissimo a Firenze, se vuoi..... ce ne scambiano uno!!!;))

    RispondiElimina
  40. mi hai fatto venir fame :D
    e non sono nemmeno le 5!!

    RispondiElimina
  41. Ah, se adesso potessi alzare la cornetta e ordinare la coppia! Pensavo che l'uovo fosse sodo. Sono appetitosi e soprattutto non stucchevoli (ho la passione dei tramezzini, ma ultimamente è sempre più difficili trovarli buoni). hai inventato due panini sopraffini!

    RispondiElimina
  42. Sai cosa faccio? me li tengo presenti per il primo venerdì pomeriggio libero.Prima di dedicarmi alle solenni pulizie domestiche me li merito o no?
    Claudette

    RispondiElimina
  43. Davvero golosi e invitanti! :-)

    RispondiElimina
  44. cara Pat è un regalo una serata da sola a casa e pensare quello che mangio, no non mi preparo nulla stuzzico prendo una cosa torno al divano me ne viene in mente un'altra e di nuovo avanti e indietro così finchè come dici tu la giornata finisce prima che cominci. davvero! Però questo piatto che ti sei regalata altro che non cucini ci vuole un certo impegno, e se me lo preparassi tu mentre io sto stravaccata sul divano? Sarebbe 1000 volte più buono. Mi ricordavo della storia del tipo che per non lasciare il gioco si fece preparare queste delizie, grazie per il cenno storico. un abbraccio e -10… mony***

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...