giovedì 28 agosto 2014

Sei mai stato a Montalcino? Insalata di cuori di indivia, fichi e Notti Bianche

Strangers in the night - F. Sinatra
Con questo post tiro sfacciatamente l'acqua al mio mulino.
Si, perché vi parlerò di un posto e di un momento che non potete perdere.
Il luogo è Montalcino. Il momento è la sua Notte Bianca.
Un appuntamento goloso che si tiene ormai da quattro anni su questa collina, patria di uno dei vini più celebri e celebrati al mondo, il Brunello.
In questi giorni questa splendida cittadina che ha mantenuto integra la sua anima medievale nel cuore della Valdorcia, si veste a festa e riempie le sue strade di musica e prodotti gastronomici di unica eccellenza.
Dal 29 al 31 agosto, con il momento clou nella notte del 30 agosto, chi verrà a Montalcino avrà l'opportunità di ascoltare musica dal vivo, assistere all'affascinante spettacolo Huma Show, degustare centinaia di prodotti tipici d'eccellenza tra cui ovviamente, il prestigioso Brunello, ballare fino all'alba sotto le stelle, nella fortezza. Ma soprattutto scoprire l'incantevole borgo nella sua interezza.
Tutti gli appuntamenti musicale e spettacoli lungo le strade sono ad ingresso libero.
Io ci sarò e mi godrò questi momenti ma spero che qualcuno di voi voglia raggiungermi per vivere questa splendida occasione. #TUTTOINUNANOTTE
Vi aspetto amici.
Nell'attesa vi lascio con una ricetta leggerissima e con alcune immagini di Montalcino.
Insalata di cuori di Indivia Belga, fichi, prosciutto croccante e robiola di capra
Per 2 persone
4 fichi non troppo maturi
2 cespi di Indivia Belga
4 fette di prosciutto crudo dolce
50 g di robiola di capra freschissima
4 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiaini di melassa di melograno (o balsamico con un cucchiaino di limone)
fiocchi di sale
pepe nero macinato fresco
Velocissima e deliziosa come entrata, si prepara in poco più di 10 minuti.
Lavate bene l'indivia, eliminate le foglie esterne, tagliatela a metà e poi a spicchi e ricavate i cuori tenendo da parte anche le foglie esterne più tenere.
Lavate i fichi accuratamente, asciugateli e tagliateli a metà.
Fate grigliate le fettine di prosciutto su una piastra e quando saranno croccanti, toglietele ed asciugatele in carta assorbente.
Preparate il salmoriglio con l'olio, il sale, la melassa o balsamico, e sbattete bene con una forchetta.
Sistemate i cuori di belga, i fichi ed il prosciutto ridotto a scaglie sul piatto di portata.
Decorate con la robiola tagliata a dadini grossolani e condite con il vostro salmoriglio.
Servite con pane croccante.




martedì 26 agosto 2014

La "mia" Amsterdam da Anna agli Zoccoli!

Come away with me - Norah Jones
Sono stata presente a singhiozzo su questo blog negli ultimi due mesi.
Zero voglia di cucinare ma anche di stare chiusa dietro un video.
In realtà neanche tante cose da raccontare senza rischiare di annoiare.
Da giugno si ha voglia di chiudere e pensare alle vacanze, che come tutti sappiamo, finiscono in un nanosecondo.
Nel mio caso sono volate ma sono state comunque bellissime.
Negli ultimi anni siamo costretti a partire a Ferragosto mettendo insieme le esigenze di tutta la famiglia. Non è propriamente il periodo migliore per viaggiare ma non sempre si può scegliere.
Questa volta ho messo in azione l'agente di viaggio che è in me ed ho cercato di trovare una soluzione accettabile per poter andare a visitare Amsterdam nei giorni più cari della stagione.
Dopo uno sguardo ai voli diretti, ho capito che neanche quest'anno avremmo potuto permettercela. Ovviamente partire a Ferragosto non significa avere date precise e definitive con mesi di anticipo.
Purtroppo fino all'ultimo (vale a dire un mese prima), non possiamo dire di essere sicuri.
Il che significa che le occasioni di ottime tariffe aeree sono ormai sfumate da tempo.
Amsterdam è una delle destinazioni più gettonate nella bella stagione e non è propriamente una città economica dal punto di vista dell'ospitalità e del volato.
Ho provato a pensare come sarebbe stato arrivare su un altro aeroporto e raggiungere la capitale olandese via terra. In effetti, volando su Bruxelles, il costo del biglietto è decisamente un'altra storia (non abbiamo speso più di 250 euro incluse tasse, in 3). Parlo ovviamente di Ryanair e non di linea.
Arrivando dal Belgio, abbiamo potuto includere la visita nei dintorni di Amsterdam (Volendam, Marken, Zaanse Schans), il nord con l'oceano, i piccoli borghi marinari, le grandi spiagge amate dai surfers e kiters, Delft e tornando verso Bruxelles, anche Brugge.
Ad Amsterdam abbiamo dedicato 2 giorni e mezzo, giusto un assaggio, ma quello che mi dico sempre è che i luoghi stanno lì, non se ne vanno e noi possiamo sempre ritornare, no?
Difficile raccontare un luogo meraviglioso come questa città e la sua gente.
Cercherò di farlo brevemente, attraverso un ABC speciale e personalissimo.
Spero torni utile a chi di voi deciderà di partire per l'Olanda.
ANNA: è probabilmente la sua donna più celebre e rappresentativa.
Parlo della piccola Anna Frank, la cui casa in Prinsengracht 263-267 (nel Jordaan) è uno dei posti più tristemente celebri al mondo.
E' stato l'unico luogo che abbiamo voluto fortemente visitare, in una fila di due ore sotto la pioggia e con una temperatura che si aggirava intorno ai 12 gradi.
Stremati dal freddo non abbiamo neanche per un momento rimpianto quelle ore in coda. Una visita emozionante e commovente e non solo se si hanno bambini al seguito. Si può prenotare l'ingresso on line ma difficilmente si trova posto se non ci si muove con largo anticipo.
BICICLETTE: sono tante, sempre e ovunque. Pedalano tutti, giovani, vecchi, mamme con bambini, manager in abito scuro, signore eleganti con i tacchi, ragazze con cassette piene di cibo o animali da compagnia. L'intera Olanda è una pista ciclabile perfettamente organizzata. Il 50% della popolazione le usa ogni giorno per spostarsi e per piacere.
La sensazione che si ha vedendo tutta questa gente pedalare con allegria è splendida ed il senso di emulazione scatta immediatamente per qualsiasi ignaro turista. Dico ignaro della pericolosità della cosa. Non voglio spaventarvi, ma non date retta a chi vi dice: "Noleggiate una bici per visitare Amsterdam". A meno che non siate dei bravi ciclisti, con ottimi riflessi e grande destrezza nel traffico, sappiate che se come me noleggerete una bici per scoprire la città, starete l'intera giornata in tensione, concentrati esclusivamente sulla strada estremamente trafficata, e non vedrete nulla di ciò che accade intorno a voi. Dovrete fermarvi spesso per consultare la mappa e con molta probabilità, diventerete causa di incidente. Non voglio spaventarvi, ma pensateci bene. Non è così facile come sembra.
CANALI: Beh, solo qualche numero: 165 canali, 80 ponti. La presenza dell'acqua è qualcosa di estremamente romantico e rende questa città assolutamente unica.
Chiamarla "Venezia del Nord" è riduttivo. Le prime ore della mia visita le ho passate fotografando ponti e canali. Sono qualcosa di ipnotico ed emozionante. Di giorno e di notte.
Di certo troverete il vostro preferito e non smetterete di innamorarvi delle meravigliose case sui canali nelle quali avrete voglia di abitare.
DOLCI: Le pasticcerie ad Amsterdam sono numerose così come le sale da te (lasciamo stare i coffe shop, altra roba). Le torte multistrato, ricche di creme e farciture, ricordano un po' la pasticceria viennese, ma quello che posso dire per esperienza personale, è che la torta di mele resta un must da non perdere. Se dovessi descriverla, potrei dire che è una pie con il ripieno di uno strudel: davvero fantastica.
EDAM: Che è come dire formaggio. L'orgoglio della nazione ed un simbolo che troverete ovunque, lungo strade e piazze, ed all'interno di bellissimi palazzi storici. Non avrete difficoltà ad assaggiarne nelle botteghe di prodotti tipici. Personalmente non lo amo moltissimo, ma lo trovo estremamente fotogenico.
FEBO: Ovvero quando l'ingegno dello snack si fa organizzazione.
Avete fame e non avete né tempo né soldi da spendere per un pranzo completo? Entrate in un FEBO, ovvero moderne rosticcerie a gettoni. Cibo caldo e freschissimo preparato al momento e sistemato in distributori automatici simili alle nostre macchinette per gli snack. Selezionate quello che vi interessa, inserite le monete e mangiate il tutto appena fatto. Pochi euro e deliziose crocchette, panzerottini, hamburger, patatine, ecc....Una sorta di McDonald ma tutto automatico e completamente  autoctono.
GAY FRIENDLY: C'è da dire poco in proposito. Amsterdam insegna a tutta Europa la tolleranza in ogni campo ed in quello sessuale è sicuramente la capitale della libertà e del rispetto.
HARD: Prima di partire, parlando con mio marito avevo esordito dicendo: "mi raccomando, evitiamo il quartiere a luci rosse", preoccupata che mia figlia avesse un'idea della città lievemente distorta.
Il primo giorno di visita, arrivando dal nostro Hotel abbiamo fatto casino con la mappa e ci siamo finiti dentro con tutte le scarpe. Orgogliose signorine in mutande e reggiseno sorridono da dietro ai vetri, sexy shop con le dotazioni più improbabili per notti burrascose all'insegna della passione accanto a locali che pubblicizzano ogni sorta di spettacolo per l'universo maschile. Tantissimi giovani e turisti passeggiano tranquilli pensando ai fatti propri. Capire dove ci trovavamo c'è voluto un istante ma mia figlia, decisamente più saggia e composta dei suoi imbarazzati genitori, ci ha messo subito a posto esordendo: "Mamma, guarda che lo so dove siamo. Ho visto un documentario con nonna su Marco Polo". Glob!
ISOLE: Circa 90 le isole che compongono la città e c.ca 500 i ponti che le collegano. Ma contrariamente a Venezia, non è una città che muore trasformandosi lentamente in un museo accessibile solo a pochi. Questa città è un brulicante centro culturale, economico ed amministrativo e pare colpita dalla sindrome di "Benjamin Button": ringiovanisce con il passare del tempo.
JORDAAN: Uno dei quartieri più caratteristici ed interessanti che negli ultimi anni è diventata sede di numerose gallerie d'arte, negozi di antiquariato e locali tipici. E' stato il quartiere degli artigiani e lavoratori che arrivavano da tutta Europa istallando lì la propria attività. Nel secolo d'oro, ovvero in tutto il 600, era così densamente popolato da essere piuttosto malsano per le scarse condizioni igieniche. Ma oggi ha lo stesso charme che hanno acquisito i Marais a Parigi dopo il loro recupero a partire dagli anni 80. Le più belle case storiche a bordo canale sono proprio qui. Dimenticavo: è il quartiere dove risiede la casa di Anna Frank.
KO: E' come vi sentirete lasciando Amsterdam.
LUCE: Speciale, trasparente, tanta d'estate, come in tutti i paesi nordeuropei.
Per gli abitanti di questa città la luce è fondamentale e lo raccontano le grandi finestre delle case, spesso spoglie di tende o comunque con pochissima stoffa per non ostacolarne l'accesso.
Non per questo si è autorizzati a sbirciare dentro le case dalle finestre direttamente sulla strada. Che è praticamente una cosa impossibile da evitare, visto la bellezza delle abitazioni: l'occhio ce lo butti comunque. Se lo fate, almeno siate discreti.
MULINI: Forse il simbolo più noto ed amato di questo paese di terre d'acqua.
Amsterdam ne conserva ancora alcuni, 8, dentro la città e che personalmente non sono andata a cercare. Ne abbiamo contati diversi viaggiando da Bruxelles ad Amsterdam, tutti bellissimi.
Avendo la macchina, abbiamo preferito spostarci nei dintorni, nella vicina Zaanse Schans, dove un piccolo borgo contadino è diventato un museo a cielo aperto e località iper-turistica dove vedere i Mulini ancora in azione. A parte trovare schiere di giapponesi come ovunque d'altronde, verrete soggiogati dal diffuso profumo di cacao nell'aria. Non è un'allucinazione ma il vicino laboratorio dove viene prodotto. Tutto il posto è incantato. Turistico ma realmente pieno di fascino.
A soli 15 minuti da Amsterdam.
NUVOLE: I cielo di Amsterdam ne è sempre pieno. Anche con il sole. Tanto si spostano con la velocità del vento. Se hai la fortuna di imbatterti in una giornata senza pioggia (non è impossibile), non riesci a non guardare il cielo che ti sembra sempre così vicino e mobile.
Le nuvole di Amsterdam sono parte del paesaggio. Se le osservi ti rendi conto del perché di certi quadri di Van Gogh. Nuvole e vento sono un binomio che dovrai considerare una volta laggiù. E finiranno col piacerti moltissimo.
OLANDESI: cordiali, sorridenti, ospitali, disponibili, belli, easy.
Un popolo fantastico proiettato verso il futuro. Sono il riflesso della propria città e della propria storia, una civiltà che si è aperta verso il mondo e che il mondo lo ha conquistato e popolato con intelligenza. Ho invidiato l'ordine, la libertà disciplinata, gli spazi organizzati, la cura e l'attenzione per le giovani generazioni per le quali sono costruite scuole e servizi meravigliosi (se non ci credete, basta dare un occhiata al conservatorio di musica, un palazzo in vetro con auditorium immenso e sale prove affacciate sulla città).
PATATINE: Piatto nazionale, si mangiano ovunque, possibilmente camminando e possibilmente bollenti, coperte di salse. Se i miti vengono smontanti solo dal confronto, quelle che tutto il mondo  conosce come "French fries", in realtà dovrebbero chiamarsi "Dutch fries", perché buone come quelle che ho mangiato qui, ancora devo trovarle.
In particolare, andate a scovare la minuscola bottega Vlaams Friteshuits Vleminchx che si trova in Voetboogstraat 31/33, fatevi una breve fila (per altro servizio velocissimo) e gustatevi queste meraviglie magari "nature", senza troppe salse. 
Consiglio la dose piccola, che è comunque generosa. Dopo però, sarà difficile tornare alle vecchie sticks senza rimpianto.  
QUANDO: Andare ad Amsterdam sempre. In Estate, Autunno, Inverno o Primavera. 
E' sempre il momento di andarci. Non sarà mai troppo freddo o troppo ventoso o troppo caldo per rinunciare. E' la mia nuova malattia. Conterò alla rovescia il giorno per ritornare. 
RIJKSMUSEUM: Lo so, il vecchio Van Gogh è un appuntamento imperdibile se si va ad Amsterdam ma io ho fatto una scelta diversa. Ad Aprile è stato riaperto il meraviglioso Rijskmuseum dopo un lungo restauro e un'opera straordinaria come "The night watch" di Rembrandt ha fatto finalmente ritorno a casa. Però, nello stordimento generale dato da opere grandiose ed immortali come le molteplici di Rembrandt e l'immensa "Waterloo" che occupa un'intera parete, io ho lasciato il cuore tra la cornice di un piccolo dipinto dalla potenza senza limiti. E mi sono accorta di amare Vermeer senza speranze (ah, dimenticavo, nel Museo si può fotografare! ).
SINGEL: E' la Via ed omonimo canale che taglia in 2 la parte Settentrionale della città.
Vi ci imbatterete spesso, probabilmente già dal primo giorno cercando di raggiungere Piazza Dam, il cuore antico di Amsterdam. E' molto importante ed interessante in quanto praticamente tutti gli edifici che si affacciano sul canale sono stati costruiti a partire dal 1600.
TETTI: Altra meraviglia di questa città. Credo di non averne visto uno identico all'altro, o probabilmente ho perso il senno cercando di imprimermi nella memoria tutta quella sequenza di curve, riccioli, punte, pinnacoli senza soluzione di continuità.
Saranno i tetti di Amsterdam a togliervi il sonno per la nostalgia quando tornerete.
Tetti su case strette e lunghe costruite così per sottostare ad una tassa che puniva le case con facciate troppo ampie. Da qui la costruzione in altezza, vicine vicine spesso con solo 2 o massimo 3 finestre a piano.
UNIVERSITA': Ebbene si, Amsterdam è una città universitaria ed è sede di due antiche università, la prima del 1632 (UvA), per scienze umanistiche, legge, medicina, economia e scienze sociali. Accoglie studenti da tutto il mondo. La seconda è la Libera Università di Amsterdam, nata alla fine del XIX secolo fondata da ortodossi e protestanti. Ha 12 facoltà.
VENTO: C'è, non si può evitare. Ed è fonte di energia pulita. Da qui i mulini e le pale eoliche. E capelli struffati, acconciature improbabili, giacche a vento e surf/kite passion.
WAFFLE: Non pensate ai waffle che servono in Belgio, grandi, morbidi e farciti con panna, cioccolata e palla di gelato alla vaniglia. Non che manchino anche qui, ma la vera specialità sono delle cialde sottili e croccanti, accoppiate come dei piccoli sandwich farciti di sciroppo al caramello.
Le potete trovare in qualsiasi market, pasticceria e negozio di souvenir. Hanno un meraviglioso aroma di cannella e sono il regalo perfetto da portare dall'Olanda. Se riuscite a non smettere di mangiarli.
XXX: Le tre croci di Sant'Andrea, che campeggiano sullo stemma della città di Amsterdam (croci bianche su fondo nero in campo rosso). Le trovate ovunque: finestre, porte, tombini, biciclette, magneti. Insomma, prima di pensare a qualche bandiera piratesca, guardatevi intorno.
YES: I speak English. Nonostante l'olandese sia una lingua impossibile (magari se conosci il tedesco, riesci ad intuire il significato di qualche parola), chiunque in città parla Inglese. Dall'anziana signora al bambino della materna. E questo è un altro segno di enorme civiltà.
ZOCCOLI: Che Olanda è senza zoccoletti? Ho dovuto combattere contro mia figlia che voleva assolutamente portarne a casa un paio della sua misura (il 40 avete presente? Mi sarebbe servito un secondo bagaglio solo per quelli). Adesso non si trovano più persone che indossano queste calzature particolari, ma i laboratori non mancano e neanche gli estimatori. In città ci sono alcuni posti dove potrete osservare un artigiano produrre uno zoccolo sotto i vostri occhi. Noi abbiamo visitato la bottega sull'isola di Marken, assolutamente splendida, come l'isola tutta.
Potrei raccontarvi ancora molto ma credo di avervi già tediato abbastanza.
Voglio però lasciare una piccola carrellata di foto per farvi venire voglia di partire.
Mi aspetto di sentirvi raccontare la "vostra" Amsterdam.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...