domenica 3 gennaio 2016

Il Calendario del Cibo Italiano: La Giornata Nazionale dei Cavatelli

Con le mani - Zucchero 
  
Il Molise è una regione minuscola e sottovalutata.
Talmente così poco conosciuta che un giorno qualcuno simpaticamente ha lanciato il motto "Il Molise non esiste", tormentone che ha invaso la rete per un certo periodo qualche tempo fa.
Di controparte i Molisani ha risposto con un hashtag eloquente: #ilmoliseesiste, postando centinaia di foto dei luoghi più incantevoli di questa regione.
Perché il Molise sarà pure piccolo e sconosciuto ai più, ma la concentrazione di bellezze e luoghi ancora incontaminati è tale da lasciare a bocca aperta chiunque vi arrivi per la prima volta.
Perché ho così a cuore questa regione? Il destino mi ci ha condotta attraverso mio marito, la cui madre è Molisana doc e tutt'ora vive in un dei paesi più antichi del basso Molise: Larino.
Dopo quasi 30 anni di frequentazioni di quella terra, posso affermare di sentirmi per 1/4 molisana e di provare un sentimento speciale per qualsiasi cosa arrivi da qui, in particolare ovviamente, per la sua cucina, un concentrato di semplicità e essenzialità derivanti dalla difficile arte di arrangiarsi, cosa di cui i Molisani sembrano essere raffinati conoscitori.
Ho fortemente voluto essere Ambasciatrice per la Giornata Nazionale dei Cavatelli, per fare un omaggio al "mio" Molise, con la speranza di avere rispettato in toto questo piatto, simbolo incontrastato della cucina contadina di questa regione.
Vi invito a leggere la loro storia sul sito dell'Associazione Italiana Food Blogger dove oggi si celebra questa speciale giornata.
Non troverete solo la ricetta dei Cavatelli al sugo vedovo, ma anche un bel po' di contributi di amiche che hanno voluto partecipare alla loro festa!
Non avrete scuse per provare anche voi a cimentarvi nella preparazione di questa facilissima pasta fresca.
Buona lettura a tutti.

7 commenti:

  1. buongiorno, bella! Ho letto tutto il tuo articolo, tutto, e ho imparato un sacco di cose. Già solo per questo Grazie. Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo articolo Patrizia! sopratutto interessante. Devo dire che da questi articoli sto imparando tantissimo.Complimenti ancora!
    a presto.

    RispondiElimina
  3. Strepitosa questa pasta, un post molto interessante, grazie!!!!

    RispondiElimina
  4. Un bellissimo post..ma devo dire che i molisani e i campani si assomiglusno. Per cui viva le nostre regioni. Viva i cavatelli. Buon Anno carissima

    RispondiElimina
  5. Un bellissimo post..ma devo dire che i molisani e i campani si assomiglusno. Per cui viva le nostre regioni. Viva i cavatelli. Buon Anno carissima

    RispondiElimina
  6. Cara Patty sono andata a leggere l'articolo e ti ringrazio aver condiviso queste interessantissime informazioni relative ad un formato di pasta che conosco in quanto diffuso nella zona della Sicilia nella quale risiedo:)).Conditi con il ragù di carne ,alla norma e anche con altri condimenti:)).Grazie mille per la ricetta ,estremamente utile in quanto mi mancava....la trovo perfetta e dettagliata..anche il sugo del vedovo sicuramente è buonissimo:))
    Un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  7. Noi (torinesi) siamo stati in vacanza in Molise a fine agosto. Una vacanza stupenda, un mare mai visto e piccoli borghi da scoprire. Forse Larino è stato il più bello. Ah...e quanto abbiamo mangiato bene, ovunque!!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...