mercoledì 30 luglio 2014

L'estate del nostro scontento: torta di pesche e pistacchio.

Summertime - Ella Fitzgerald
Non credo, in 47 anni di vita, di ricordare un'estate come quella che stiamo vivendo.
Mentre scrivo, sono seduta sul mio divano con tuta, felpona e guardo il cielo dalla mia finestra: livido, carico e rognoso, sul punto di dirmene quattro.
Un piccolo dettaglio: oggi è il 30 luglio ed è così da settimane ormai.
Quando arriva giugno la stanchezza e la voglia di evadere si fanno sentire ed anche questo blog entra lentamente in letargo.
Cucino pochissimo, il forno dimentica di essere un elettrodomestico e soprattutto la testa è già in viaggio.
Ma questo succede quando arriva l'estate e ad oggi, io sono qui come molti di noi, ad aspettarla.
I capricci del tempo sono imprevedibili, non possiamo farcene un cruccio.
Però, ecchediamine, adesso sarebbe anche ora di finirla.
Va bene il temporale a scroscio seguito dal più splendente dei soli; va bene la giornata uggiosa e fosca dovuta al troppo caldo; va bene anche il fiocco di neve a Ferragosto se stai passeggiando per Cortina.
Adesso però ne abbiamo abbastanza, ci siamo idratati a sufficienza ed abbiamo anche una parvenza di muschi e licheni che ci salgono lungo la colonna vertebrale.
Estate cara, vuoi mica dirci qualcosa?
Non preparo torte da forse due mesi, ma oggi, porca miseria, ho acceso il forno! 
Soprattutto per scaldare un po' la cucina e sentire un bel teporino.
Mi è passata la voglia di gelati e mi è tornata quella di cioccolata. Cosa assolutamente anormale per me in questa stagione.
Ispirata dalla bellissima torta in copertina all'ultimo numero di Sale e pepe, mi sono lasciata tentare, ma ho voluto praticare una variazione sostanziale: usare farina di pistacchio anziché mandorle. E vi posso giurare che la fresca acidità delle pesche caramellate, va a nozze con la dolcezza aromatica dei pistacchi. Una bontà irresistibile, almeno per i miei gusti.
Quando ce vò, ce vò!
Ingredienti per uno stampo da 18 cm
2 pesche nettarine grandi
160 gr di zucchero semolato
90 g di burro morbido
2 uova grandi a temperatura ambiente
120 g di farina di pistacchi
30 g di farina 00
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
mezzo cucchiaino di lievito in polvere
Preparate le pesche caramellate. In una larga ciotola versate 50 g di zucchero quindi rotolatevi dentro gli spicchi di pesche precedentemente lavate con cura senza rimuovere la buccia.
Scaldate bene una larga padella antiaderente quindi versatevi gli spicchi di pesca e lo zucchero che resta in fondo alla ciotola e fate caramellare per 3/5 minuti girando spesso con una pinza gli spicchi.
Toglieteli e sistemateli in piedi sulla buccia in un piatto piano e fate raffreddare.
Nella planetaria montate il burro morbido con il resto dello zucchero fino ad ottenere un composto soffice e chiaro.
Aggiungete le uova, una alla volta, ed aggiungete il successivo solo dopo che il primo non sarà ben incorporato.
A questo punto aggiungete l'estratto di vaniglia quindi lentamente aggiungete le farine miscelate con il lievito.
Quando il composto sarà ben incorporato, versatelo in uno stampo a cerniera foderato con carta da forno. Prendete metà delle pesche ed affondatele in senso circolare nell'impasto e se vi piace, cospargete la superficie di granella di pistacchi.
Fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per c.ca 45 minuti. Fate la prova stecchino.
Fate raffreddare una decina di minuti, quindi sformate e lasciate raffreddare completamente su una griglia.
Decorate con le pesche rimaste e lucidate la superficie con lo sciroppo che avranno rilasciato durante il raffreddamento.



mercoledì 23 luglio 2014

I MAGNIFICI 6 - IL CONTEST DELL'ANNO

GO - Moby

Ci tengo tantissimo a farvi partecipi dell'apertura di questo magnifico contest, pensato per i soci dell'Associazione Italiana Food Blogger. 
Una sfida di grande contenuto, che ripercorre la storia di una cultura gastronomica inserita all'interno di un diktat che è quello della Dieta Mediterranea. La sfida è stata pensata e realizzata insieme all'Associazione Nazionale Città dell'Olio, che da vent'anni si fa difensore e promotore della cultura dell'extravergine e che da due anni sostiene un progetto europeo sulla MedDiet.
Così, per i nostri Soci, ma anche per tutti quelli che vorranno diventarlo (e rinnovo l'invito a venirci a trovare sul sito www.aifb.it per seguire la moltitudine di attività ed esperienze in divenire e ad oggi realizzate), ecco un contest ricco, importante e di grande spessore.
Uno spessore che troverete anche nella giuria che selezionerà le ricette e decreterà il vincitore.
Tutto il regolamento così come i dettagli del Contest, sono pubblicati qui .
Mi aspetto di vedervi partecipare numerosi e con grande entusiasmo.
Avete tempo fino al 1 Novembre!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...