mercoledì 30 luglio 2014

L'estate del nostro scontento: torta di pesche e pistacchio.

Summertime - Ella Fitzgerald
Non credo, in 47 anni di vita, di ricordare un'estate come quella che stiamo vivendo.
Mentre scrivo, sono seduta sul mio divano con tuta, felpona e guardo il cielo dalla mia finestra: livido, carico e rognoso, sul punto di dirmene quattro.
Un piccolo dettaglio: oggi è il 30 luglio ed è così da settimane ormai.
Quando arriva giugno la stanchezza e la voglia di evadere si fanno sentire ed anche questo blog entra lentamente in letargo.
Cucino pochissimo, il forno dimentica di essere un elettrodomestico e soprattutto la testa è già in viaggio.
Ma questo succede quando arriva l'estate e ad oggi, io sono qui come molti di noi, ad aspettarla.
I capricci del tempo sono imprevedibili, non possiamo farcene un cruccio.
Però, ecchediamine, adesso sarebbe anche ora di finirla.
Va bene il temporale a scroscio seguito dal più splendente dei soli; va bene la giornata uggiosa e fosca dovuta al troppo caldo; va bene anche il fiocco di neve a Ferragosto se stai passeggiando per Cortina.
Adesso però ne abbiamo abbastanza, ci siamo idratati a sufficienza ed abbiamo anche una parvenza di muschi e licheni che ci salgono lungo la colonna vertebrale.
Estate cara, vuoi mica dirci qualcosa?
Non preparo torte da forse due mesi, ma oggi, porca miseria, ho acceso il forno! 
Soprattutto per scaldare un po' la cucina e sentire un bel teporino.
Mi è passata la voglia di gelati e mi è tornata quella di cioccolata. Cosa assolutamente anormale per me in questa stagione.
Ispirata dalla bellissima torta in copertina all'ultimo numero di Sale e pepe, mi sono lasciata tentare, ma ho voluto praticare una variazione sostanziale: usare farina di pistacchio anziché mandorle. E vi posso giurare che la fresca acidità delle pesche caramellate, va a nozze con la dolcezza aromatica dei pistacchi. Una bontà irresistibile, almeno per i miei gusti.
Quando ce vò, ce vò!
Ingredienti per uno stampo da 18 cm
2 pesche nettarine grandi
160 gr di zucchero semolato
90 g di burro morbido
2 uova grandi a temperatura ambiente
120 g di farina di pistacchi
30 g di farina 00
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
mezzo cucchiaino di lievito in polvere
Preparate le pesche caramellate. In una larga ciotola versate 50 g di zucchero quindi rotolatevi dentro gli spicchi di pesche precedentemente lavate con cura senza rimuovere la buccia.
Scaldate bene una larga padella antiaderente quindi versatevi gli spicchi di pesca e lo zucchero che resta in fondo alla ciotola e fate caramellare per 3/5 minuti girando spesso con una pinza gli spicchi.
Toglieteli e sistemateli in piedi sulla buccia in un piatto piano e fate raffreddare.
Nella planetaria montate il burro morbido con il resto dello zucchero fino ad ottenere un composto soffice e chiaro.
Aggiungete le uova, una alla volta, ed aggiungete il successivo solo dopo che il primo non sarà ben incorporato.
A questo punto aggiungete l'estratto di vaniglia quindi lentamente aggiungete le farine miscelate con il lievito.
Quando il composto sarà ben incorporato, versatelo in uno stampo a cerniera foderato con carta da forno. Prendete metà delle pesche ed affondatele in senso circolare nell'impasto e se vi piace, cospargete la superficie di granella di pistacchi.
Fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per c.ca 45 minuti. Fate la prova stecchino.
Fate raffreddare una decina di minuti, quindi sformate e lasciate raffreddare completamente su una griglia.
Decorate con le pesche rimaste e lucidate la superficie con lo sciroppo che avranno rilasciato durante il raffreddamento.



29 commenti:

  1. Ben venga il maltempo se ti ispira delizie del genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico anche io....ma adesso però basta! :D

      Elimina
  2. Patty, se non ho la farina di pistacchi, posso prenderli 'nature' (no tostati) e farmela io? Oppure ci vuole fine fine appunto come farina? Le pesche regalano bagliori di diamanti alla torta...
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Roby! Io ho comprato pistacchi sgusciati naturali e non li ho neanche scottati per togliere la pellicina. Li ho passati nel mixer con il programma pulse per non scaldare la lama, ed ho ottenuto una farina non troppo sottile, come quella che vedi nell'immagine (è piacevole sentire anche dei pezzettini). Il sapore è davvero magnifico. Ho scoperto il pistacchio nei dolci e spesso lo uso al posto delle mandorle. Fino a che non mi verrà a noia ;)...non dimenticare di caramellare le pesche. Sono fantastiche anche da sole! Un bel bacione.

      Elimina
  3. Davvero questo tempo ha scocciato parecchio. Il sole è bello caldo, ma si fa vedere troppo poco, sempre coperto da nubi grigie e piene d'acqua!
    Però possiamo approfittare per accendere il forno. Non ho mai fatto una torta al pistacchio, che io amo moltissimo, ma che uso in genere per fare piatti salati. La tua torta invece dev'essere molto buona! Un abbraccio carissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, è il momento di cominciare che dici? Prova il pistacchio nella farina e poi mi racconti....il mio prossimo esperimento nei biscotti. Un bacione a te.

      Elimina
  4. Hai proprio ragione!!! E la torta sembra ottima!!!
    Serena

    RispondiElimina
  5. anch'io innamorata della copertina di Sale&pepe.. la versione al pistacchio mi sfizia quasi di più.. s'ha da fare
    dell'estate non estate non parlo più, sono depressa.. ;-/
    bacio

    RispondiElimina
  6. Va beh, mi sa che sono tra i pochi a godersi quest'estate piovosa, io odio il caldo... Fosse per me vivrei in Svezia. E ne approfitto per accendere il forno anche adesso. Anzi, mi sono ripromessa che ai prossimi 15°C farò una bella polenta concia :) Ma posso capire che per qualunque persona normale questa finta estate sia un supplizio... Grazie per l'ispirazione, non mi era mai venuto in mente di abbinare pesche e pistacchio! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Io inizio a pensare che all'alba di un quasi ferragosto lascerò questa estate piovosa e mi andrò a cuocere al sole dell'Inghilterra, per una sorta di contrappasso assai stravagante :D

    Approvo l'abbinamento pistacchi/pesche, riuscito come quello albicocche/pistacchi, ma so che con le albicocche ci hai fatto altro ;)

    RispondiElimina
  8. No, però per essere a novembre il tempo non è male, dai!
    Sto cominciando a diventare isterica per questa estate... Fra poco fortunatamente mi consolerò con un po' di sole emiratino...
    Ottima la tua torta, i pistacchi sono buonissimi, dolci o salati, con le pesche poi credo che stiano benissimo!

    RispondiElimina
  9. La torta aveva subito colpito anche me, soprattutto per via delle pesche caramellate. Mi piace l'idea di usare i pistacchi al posto delle mandorle, che oltre al gusto intenso le regalano anche una bella sfumatura di verde!
    A presto
    Giulia

    RispondiElimina
  10. Sembra proprio che quest'anno si stia meglio in Germania ;-)
    Dai, provo a mandarvi qualche raggio di sole mentre mi ispiro a questa delizia <3

    RispondiElimina
  11. io di anni ne ho uno meno di te, ma concordo appieno sul clima!
    mi piace il tuo dolce però....mi sta rallegrando le pupille ma anche le ...papille.
    Mmmmmm!!!!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  12. Un disastro il meteo, e qui tra i monti dopo un inverno poco freddo, ma stracolmo di neve, si sente ancor di più la mancanza del tepore, che devo sopperire facendo fuoco nella stube: assurdo, non ricordo di aver mai visto camini fumanti con agosto alle porte.
    Ed io che l'anno scorso mi lamentavo delle mie nozze a fine maggio con la neve: non c'è limite al peggio :D
    Bella questa torta, il pistacchio non manca mai a casa mia, lo adoro e quelle belle pesche mi sa che si sposano a meravigia
    PS: forse torno dalle tue parti tra un paio di settimane, se sei in zona...
    Baciotti

    RispondiElimina
  13. Adovvo...anch'io sono una malata del pistacchio ! E lo adoro nei dolci ovvimente. Domani faccio la variante con i fichi freschi e ti faccio sapere !

    RispondiElimina
  14. nemmeno io ricordo un'estate del genere :( tra due giorni parto e la verità prego di non buttare soldi all'aria
    come farei amantenere tre pesti in albergo ????? noooo non ci voglio pensare nemmeno
    questo dolce è una bellezza e posso solo guardarlo e ammirarlo sono proprio allergica a pistacchi e pesche !!!
    ma patty è bellissimo

    RispondiElimina
  15. anche io sono in letargia estiva, mi prende una pigrizia con i primi di maggio che fino a settembre non molla manco a morire!!! Però io un'estate come questa me la ricordo, il 2009 qui da noi fu così, passai 1 mese al mare a morire letteralmente di freddo, poi però a settembre arrivò l'agognata estate a rompere solennemente i maroni a chi doveva ricominciare il tran tran autunnale! Torta fantastica da copiare!

    RispondiElimina
  16. carissima patty, ti leggo e scrivo dalle montagne valdostane ed è inutile che ti dica quanti strati di vestiti ho addosso... :(
    questa magnifica torta è perfetta per il mio forno di qui, che funziona meglio di quello milanese!!
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  17. deliziosa la torta,complimenti per la realizzazione e le foto,oggi da me, a Pesaro, è il primo giorno di caldo spero lo sia anche da te,domani pioverà, così dicono,baci

    RispondiElimina
  18. Gentile Patty,
    un saluto affettuoso da chi il forno non lo ha ancora mandato in vacanza...causa di forza maggiore!!!!!
    Avevo già testato la ricetta proposta su Sale & Pepe, peraltro ottima, ma dopo aver visto la tua straordinaria versione, credo che quei magnifici Pistacchi di Bronte che ho in dispensa faranno una loro degna fine e dovrò di conseguenza riaccencedere nuovamente il forno.
    Grazie della condivisione e buona estate, o .....quella che verrà!
    A presto Anna G.

    RispondiElimina
  19. Ciao ti ho scoperto arrivando da Stefania (cardamomo &co.) e stavo "sbavando" su questa meravigliosa torta...complimenti anche per le foto!...e speriam che l'estate arrivi, a presto Kat

    RispondiElimina
  20. Sai, quella che non avevo ancora visto un'estate così brutta l'avevo detta anch'io, solo che io di anni ne ho 21, e vedere che si parla addirittura di 47 estate mi fa preoccupare ancora di più.
    Non riesco a sopportare di sentir persone godere del "frescolino" e dell'aria ventilata a inizio agosto. C'è una stagione per tutto, e questa si suppone che sia quella delle sudate, dell'arrostirsi al sole, del rigirarsi nel letto per trovare l'angolino più fresco e di tutte le altre cose che seppur fastidiose, fanno l'estate.
    Per il fresco ci sarà tempo.
    Cucinare cucino poco anch'io ma stamattina mi sono ritrovata ad accendere il forno per accontentare mia mamma che voleva il banana bread, e, a dirla tutta, mi era un po' mancato metter le mani in pasta.
    Quando il tempo tornerà a fare le bizze mi piacerebbe provare la tua torta, il colore delle pesche e dei pistacchi insieme mi attrae in modo pazzesco. Il sapore non dev'essere da meno.
    A presto Patty, buona domenica!

    RispondiElimina
  21. Ciao Patty ho comprato la rivista proprio ispirata da questa bella torta e con la tua variante ancora più buona! Noi siamo rientrati dalle vacanze in Sardegna e se anche li è stata una estate un po' strana (ha grandinato dove eravamo noi dopo 75 anni -] ma ringrazio mio marito x aver scelto le ferie a luglio ed essere stati scaldati anche se non in modo esagerato dal sole...adesso sono due giorni che siamo dai miei in pianura e già due bei temporali hanno accompagnato la notte...spero di non dover già chiudere in casa i piccoli!!! Un bacione Luisa

    RispondiElimina
  22. Pistacchio e pesche...un binomio perfetto! Complimenti per la splendida torta...bravissima!
    Un abbraccio Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  23. Cercavo una torta estiva diversa dalle solite già provate e finalmente l'ho trovata! Pesche e pistacchio mi piace veramente come abbinamento, la proverò e ti farò sapere!
    A presto, Eli

    RispondiElimina
  24. Un'estate incredibile.. tra trombe d'aria, picchi di caldo che danno il cambio a fortissimi temporali e aria fredda... e va bene che siamo tutti stressati e isterici negli ultimi anni, causa crisi globale ma ora uno stop al delirio del tempo estivo, non sarebbe male!
    Questa torta mi ispira molto, un abbinamento al quale non avrei pensato, ma che mi convince già sulla carta o meglio.. sulla foto!!!
    Sembra ottima...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Anch'io ho voglia di cioccolato e dolci e stamattina, a Milano, sembrava autunno inoltrato. Ho indossato il trench, mah! Però, in tanta incertezza, una certezza è la tua torta, pistacchi e pesche è un abbinamento delizioso. Brava!

    RispondiElimina
  26. Ciao Patty ho preparato la versione "originale" di questa torta e ti ho citata nel post, che pubblicherò nei prossimi giorni!!! Ciao ciao Luisa

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...