lunedì 10 novembre 2014

Risotto con pioppini, castagne e Gruyère ed una convinzione da sfatare.

I will I know - W. Houston
Nella classifica dei miei piatti preferiti da sempre, quelli che cucino e mangio con più soddisfazione, ci sono i risotti.
Spesso li trovo così completi e gratificanti che diventano per me un piatto unico.
Nel mio menù settimanale non manca mai un risotto e spesso cucinarlo è anche un pretesto per svuotare il frigo da verdure dall'espressione triste e sconsolata, scampoli di formaggi con crisi d'abbandono e salumi ad un passo dalla depressione.
Scherzi a parti, la versatilità del riso è pari solo a quella della pasta, ma mentre la pasta possiamo "risottarla", alla moda di tanti chef rampanti del momento, se "pastiamo" il riso, l'immagine che mi viene alla mente non è ugualmente accattivante.
Il risotto è un piatto "coccola" per eccellenza: cremoso, leggero, vellutato se preparato alla perfezione. E' elegante e raffinato e lo trovo un intrigante piatto per menù romantici.
Per la sfida proposta da Tery e dai Formaggi Svizzeri, senza andare troppo lontano con la fantasia, ho deciso di preparare un risotto perfettamente autunnale, con ingredienti di stagione come gli adorabili funghi pioppini (o chiodini) e le mie amate castagne che purtroppo quest'anno, a causa della troppa pioggia, sono pochissime e di pessima qualità.
La peculiarità dei pioppini è il loro intenso profumo e la possibilità di utilizzarli interi visto la loro dimensione "lillipuziana".
Restano belli croccanti anche dopo la cottura e regalano ad ogni preparazione uno straordinario aroma di sottobosco.
Le castagne per il tocco dolce e farinoso che a me non dispiace mai, ed una punta di resina intensa regalata dall'olio aromatizzato con le bacche di ginepro.
A legare il tutto, una grattugiata generosa di Gruyère DOP, avvolgente e pieno, che ha donato al piatto una bella spinta cremosa.
Il Gruyère DOP è un formaggio Svizzero universalmente noto. 
La cosa divertente è che se proverete a chiedere a chiunque di parlarvi di GROVIERA come lo chiamiamo noi, la risposta sarà sempre: "è il formaggio coi buchi!"
Ho voluto provare a fare una piccola ricerca in rete e mi sono resa conto con un deciso senso di panico, che non è solo il profano a credere che il Groviera sia il formaggio coi buchi, ma anche moltissimi appassionati di cibo, magazine di cucina, portali, ecc.
Su google immagini, si trovano solo foto con fette di formaggi con i buchi che erroneamente si fanno passare come Groviera.
Eppure questo povero formaggio dall'identità confusa, di buchi non ne ha. 
Forse possiamo parlare di "occhielli" ma anche questi sono piccoli e rari.
Questo favoloso formaggio prodotto nella regione omonima ha una pasta compatta, dal colore avorio con riflessi biondi, una crosta aranciata che acquisisce quel colore grazie alle spazzolature fatte con acqua e sale (procedura che ho trovato in molti altri formaggi di alpeggio).
La consistenza in bocca è morbida e pastosa, a volte quasi "burrosa" ed il sapore di base dolce, vira verso il piccante col passare del tempo.
Dimentichiamoci dei buchi quando parliamo di Groviera: non tutti i formaggi riescono coi buchi!
Ingredienti per 4 persone
300 g di riso Carnaroli
300 g di funghi pioppini
8 castagne lessate con una foglia di alloro
1 piccola cipolla
mezzo bicchiere di Vernaccia di S. Gimignano
50 g di Gruyère Dop grattuggiato finemente
3 bacche di ginepro
Olio extra vergine d'oliva Sarteano Dop
1 litro e mezzo di brodo vegetale
Preparate il vostro brodo di verdura come siete abituati a fare.
Affettate finemente la cipolla e fatela passire dolcemente in 3 cucchiai di extravergine in una larga casseruola antiaderente.
Quando la cipolla sarà trasparente, aggiungete i funghi pioppini che avrete privato delle radici ed avrete pulito con un pennello morbido per eliminare eventuali residui di terriccio. Non li lavate con acqua o perderanno la loro croccantezza.
Mescolate con un cucchiaio di legno delicatamente e fate cuocere per un paio di minuti.
Aggiungete il riso e le castagne lessate sbriciolate grossolanamente, ed alzate la fiamma.
Fate brillare il riso per un minuto c.ca e sfumate con la Vernaccia, mescolando fino a che l'alcool non sarà evaporato.
Riabbassate la fiamma a media temperatura e cominiciate la cottura del riso aggiungendo mestoli di brodo che non dovrà mai "allagare" il riso, ma coprirlo di 2 o 3 mm.
Mescolate via via e continuate ad aggiungere il brodo mano a mano che il riso lo avrà assorbito.
Nel frattempo in un padellino fate scaldare 3 cucchiai di olio extravergine con le bacche di ginepro, al fine di profumarlo.
Quando il riso sarà a cottura, spegnete la fiamma, aggiungete il Gruyère e due cucchiai di olio aromatizzato al ginepro e mantecate con cura.
Attendente un attimo prima di servire affinché tutti gli aromi ed il formaggio creino un composto cremoso, quindi buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al Contest " Noi Cheesiamo" in collaborazione con Tery di Peperoni e Patate e i Formaggi Svizzeri



9 commenti:

  1. E' difficile davvero credere che il groviera non abbia i buchi, eppure è così!
    Delizioso il tuo risotto con le castagne e i pioppini: ci vuole proprio in una giornata di pioggia come oggi
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
  2. io invece vado molto a periodi con il risotto ma questo me lo mangerei molto molto volentieri anche adesso!!! :-)

    RispondiElimina
  3. Da piccola per me il groviera era il formaggio con i buchi, ecco l'ho detto, adesso però dimenticalo perché me ne vergogno un po'! Questo risotto è davvero invitante, e si abbina perfettamente con la giornata piovigginosa di oggi, sa di caldo e di casa. Splendida come sempre, un abbraccio
    Marta

    RispondiElimina
  4. un risotto ricco, profumato.. pazzescoooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  5. Sai che ho preparato un risotto con le castagne proprio sabato? Favoloso il tuo, con l'aggiunta del Gruyère poi.... divino!

    RispondiElimina
  6. Ciao Patty prima per me i formaggi erano tutti out...adesso che ho scoperto che sono buoni :), ne sto provando vari...mi piace anche il taleggio nonostante il suo profumo non proprio invitante ed il groviera e' stato piacevole gustarlo con la zuppa di cipolla. La prossima volta lo proverò nel risotto come hai fatto tu in questa magnifica preparazione, adoro i funghi e anche da me almeno una volta alla settimana ci scappa un piatto di riso, soprattutto adesso che finalmente anche il mio bimbo settenne ne apprezza il gusto !!! Buona giornata Luisa

    RispondiElimina
  7. Anche io sono una fan dei risotti, e devo dire che questo, così autunnale e confortante, sarebbe perfetto per una giornata uggiosa come quella di oggi.
    Un bacione, cara Patty!

    RispondiElimina
  8. Lo so, lo so che dopo questo commento verrò invitata a uscire a suon di calci nel popò, ma a questo risotto toglierei il gruyere e me lo farei lo stesso con pioppini e castagne! Posso?? :D è che funghi e castagne insieme mi sembra davvero un abbinamento celestiale e non voglio proprio perdermelo!
    Parlando di risotto, è vero che è una coccola, ci son le volte che hai voglia di risotto e basta, e guai a darti qualcos'altro! Però a me il riso piace anche basmati, quindi asciutto, quello classico indiano, che forse potrebbe esser definito "pastato" ;)
    Un abbraccio Pat e perdonami l'anarchia!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...