giovedì 8 dicembre 2016

Una perfetta torta di mele: the Recipe-tionist!

Christmas Lights - Coldplay
Mi sono resa conto solo oggi che su questo blog ho ben 16, dico sedici, torte di mele.
Escludendo ovviamente focacce, biscotti, dolcetti ed altre varie amenità.
Controllando il mio archivio ho avuto quasi un mancamento: mioddio...non sarò ripetitiva?
Con l'espressione terrea di chi si rende conto di avere commesso chissà quale peccato, mi sono messa a rileggere le ricette per capire se la mia sia una mania o solo una coincidenza.
Ho deciso per la seconda.
Come si fa a non amare la mela nei dolci?
Come si fa a non lasciarsi incantare dalla semplice e modesta bellezza di questo frutto della vita, il cui profumo, specialmente da cotto, è in grado di inebriarci e trascinarci in un momento di perfezione assoluta come accolti e protetti tra le braccia di nostra madre?
Non si può.
Così continuerò a postare torte di mele, in una sorta di viaggio alla scoperta di quei sapori, che per uno strano caso del destino, abbiamo già dentro di noi e che ricerchiamo senza tregua.
Ognuno di noi ha la propria ricetta speciale, quella che sa di poter replicare senza rischio d'errore, quella che ha una storia, un ricordo o semplicemente, è solo maledettamente buona.
Questa volta la torta che ho preparato ha un significato diverso.
Arriva dal blog di una amica che è una delle persone più solari e positive che mi è capitato di incontrare: la Francy del blog Ricette e Vignette.
Francy è la protagonista di questo mese, del Contest "The Recipe-tionist", ideato da quel vulcano di idee e gioia di vivere che è la Flavia di Cucicuocidici.
Il mio rammarico è quello di non essere in grado di partecipare con maggiore frequenza a The Recipe-tionist, perché non si tratta di un classico contest, ma è un'opportunità intelligente e bellissima di rendere omaggio ai blog dei nostri amici, attraverso un viaggio a ritroso nella storia dei loro ricettari.
In poche parole, il vincitore del mese è il Re della festa, e chi ha voglia di festeggiare con lui, ha l'opportunità di saccheggiare il suo archivio e omaggiarlo interpretando una o più delle sue ricette.
Tutto questo nei termini che troverete nel blog di Flavia.
La cosa che trovo meravigliosa di questa idea, è che non è solo un modo sano e generoso di condividere in rete, ma piuttosto l'opportunità di scoprire in maniera più intima l'autore del blog, capirlo attraverso le sue ricette, andando a ritroso nella sua storia, osservando come cambia e cresce nel tempo, provando tenerezza per i suoi inizi ed orgoglio per la strada che ha fatto.
E' quello che è capitato a me, scorrendo le pagine del blog di Francy, sorprendendomi delle centinaia di bellissime ricette, alcune estremamente complesse e creative, altre fortemente legate alla sua terra ed alla sua città, Bologna, altre che raccontano il suo essere madre premurosa di bimbi golosi e scoppiettante caricaturista.
Sono caduta su questa Torta di mele, perché in realtà la Francy un po' me lo ricorda questo dolce: bella e buona in maniera semplice, senza sovrastrutture o strani orpelli, in un modo che piace proprio a tutti.
Riporto fedelmente la ricetta di Francy.
Ho usato una tortiera da 22 cm perché non avevo quella da 24.
E' risultata leggermente più alta così che ho dovuto allungare il tempo di cottura.
Inoltre ho applicato una aggiunta che anche la Francy consiglia, perché per me "mela chiama cannella" e non posso farne a meno.
Come finitura non ho cosparso zucchero semolato ma ho messo qualche confettino di zucchero per dare un aspetto più festoso. Il resto è inalterato.

Ingredienti per una tortiera da 24 cm di diametro (a cerniera)
200 g farina 00
50 g di farina di farro
50 g di farina integrale
5 mele golden medio piccole (io Pink Ladies)
3 uova a temperatura ambiente
120 g di zucchero
1/2 bicchiere di latte a temperatura ambiente
125 g di yogurt bianco a temperatura ambiente
50 g di burro fuso
1 bustina di lievito per dolci (io mezza)
1/2 limone
1 cucchiaino raso di cannella in polvere + per rifinire
1 pizzico di sale.

  • Accendete il forno a 180°
  • Sbucciate riducendole a pezzetti piccoli, 3 mele, che metterete in una ciotola con il succo del mezzo limone e 10 g di zucchero (dal totale)
  • Sbucciate la quarta mela e tagliatela a pezzi che cuocerete in una casseruola con un po' d'acqua, 10 g di zucchero (dal totale) e la cannella. Cuocete a fiamma dolce fino a che le mele non saranno morbide. Versate il tutto in un bicchiere da mixer a immersione e frullate fino a ridurre in purea che lascerete intiepidire.
  • Versate le uova nella ciotola della planetaria insieme allo zucchero e montatele fino ad ottenere un composto gonfio, chiaro e leggero. Continuando a montare, aggiungete il latte a filo e lo yogurt.
  • Una volta incorporati latte e yogurt, setacciate farine e lievito ed aggiungetele al composto con un pizzico di sale. Impastate con la foglia per incorporare bene e per ultimo aggiungete il burro fuso e intiepidito.
  • A questo punto versate con delicatezza le mele nell'impasto ed incorporatele piano con una spatola di silicone. Per ultimo aggiungete la mela frullata ed incorporate bene.
  • Versate l'impasto nella teglia che avrete foderato con carta da forno.
  • Sbucciate l'ultima mela e con un coltello affilato tagliatela a metà, privatela del torsolo ed appoggiate la parte del taglio su un tagliere e affettatela finemente. Fate così anche per l'altra metò.
  • Decorate la superficie della torta come più preferite. Io ho inserito le fettine in senso concentrico con le fette rivolte verso l'alto, simulando una sorta di rosa con petali che si schiudono. 
  • Cospargete con zucchero o zuccherini ed un velo di cannella. 
  • Fate cuocere per 40/50 minuti (fate la prova stecchino, perchè l'impasto è particolarmente umido e lo stecchino deve uscire pulito). 
  • Aspettate 10/15 minuti prima di togliere il cerchio dalla tortiera e fate raffreddare su una griglia. Servite a temperatura ambiente, accompagnata da un cucchiaino di confettura di albicocche.  

Care Flavia e Francesca, questo post è per voi, con un abbraccio forte e la gioia di avervi potuto conoscere personalmente.









9 commenti:

  1. ho idea che andrò a fare un bel giretto nel blog di Francy. Le torte di mela sono anche tra le mie preferite; ne ho molte "al mio attivo", sul blog, anche se non arrivo certo a 16!!! :D Non è solo l'ineguagliabile profumo che spandono in cottura a piacermi, ma quella consistenza morbida e cremosa che rende inutile qualsiasi altro tipo accompagnamento, cremina o gelato che sia. E la morbidezza dalle tue foto emerge eccome! Insomma, non ho dubbi che questa torta sia da fare, e rifare, e rifare... Un bacio Pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fausta. Sottoscrivo ogni tua parola.
      Viva le torte di mele.

      Elimina
  2. Grazie Patty! Per aver partecipato e avere scelto proprio questa torta perché se c'è un dolce che mi rappresenta e non mi stanca mai è una morbida e profumata torta di mele! Verrò a leggere le tue 16 ricette e la prossima che inforno sarà la tua!❤️ Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un tesoro Francy. Adesso questa torta è anche mia e di tutti gli amici che vorranno rifarla.
      Un grande abbraccio.

      Elimina
  3. Le torte di mele rimangono le mie preferite in assoluto. Come te, anche se sul blog ne ho solo una, ne ho provate tantissime. Le pink lady sono strepitose x le torte, poi con la farina integrale mi sembrano perfette. Grazie patty spero tu stia meglio ora. Un saluto caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mile, diciamo che cerco di stare meglio guardando il Natale che si avvicina. In questo mese si cerca di restare aggrappati alla meraviglia e ad uno spirito di serenità. I dolci e le mele aiutano.
      Ti abbraccio carissima.

      Elimina
  4. Eccomi qui, e subito ti ringrazio per essere approdata al mio THE RECIPE-TIONIST. La torta di mele ..mille ricette e tutte e mille favolose, poi tu usi le pink lady e mi incuriosisce subito capire il sapore di questa tua scelta. Prossimo tè di NAtale tra una settimana la preparo.... eh si!!! Un abbraccio e spero tra un mese diventi un abbraccio reale, perchè significherebbe tante cose...baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto una cosa verissima. Poterti abbracciare vorrebbe dire tante cose, in particolare una importantissima. Però non ci voglio pensare e faccio finta di nulla, assaporando l'idea di rivedervi tutti in una botta sola. :)
      Ho scelto le pink lady perchè sono molto croccanti ed hanno un lieve sapore acidulo. La cosa bellissima è che nonostante la cottura, non si spappolano. Quando arrivi a mordere la fetta, senti perfettamente la consistenza della mela ed il suo bellissimo sapore che emerge dall'impasto. I miei l'hanno tanto apprezzata.
      Un bacio gigante.

      Elimina
  5. Non so se devo metterlo qui. Link alla gara di recipetionist.

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Ti risponderò con piacere. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...