lunedì 31 luglio 2017

Beghrir, le crepe Marocchine dai "mille buchini". Crepe Is the new black

The Sheltering Sky - Ryuichi Sakamoto 
Se non fosse per certi piccoli amori da cui ogni tanto mi lascio illanguidire e che riaccendono la fiamma, questo blog potrebbe dirsi alla canna del gas, o meglio, all'estrema unzione.
Diciamo che "è l'estate", scusa passe-partout adatta ad ogni occasione come un'immortale petite robe noir.
Il piccolo amore che mi ha tirata fuori dalla canicola e da una momentanea vita senza fantasia, è l'ultimo libro targato MTC: Crepe is the new Black.
L'ho avuto fra le mani diverso tempo dopo la sua uscita e solo da poco ho potuto sfogliarlo con calma, dedicandomi alla lettura delle millemila ricette a tema Crepes che contiene.
Sarà la voglia di vacanza, il desiderio insoddisfatto di partire, una passione latente per il Nord Africa.
Mettiamo insieme tutte queste cose ed inciampare sui Beghrir è stato un attimo.
Mi sono vista dentro una tenda berbera, all'ombra dei Monti dell'Atlante, ascoltare il richiamo delle donne marocchine mentre scende la notte.
Si, insomma, Bertolucci mi ha influenzato, abbiate pazienza.
Incuriosita da una ricetta senza immagini, dalla natura basica, essenziale, mi sono lanciata.
Ed è stata una rivelazione.
Le donne magrebine le chiamano "les crepes aux mille trous", ovvero le crepe dai mille buchini ed è proprio la caratteristica principale di questa crepe, sorella povera del più noto pancake americano.
Gli ingredienti sono praticamente 2, farina ed acqua con agente lievitante.
Un nulla di zucchero, un pizzico di sale, nessun grasso, né all'interno né per la cottura e questo divertente aspetto bucherellato che rende questa crepe soffice, porosa, perfetta per assorbire sciroppi ed altre delizie che la fantasia vorrà suggerire.
La presenza dei numerosi buchini, è la prova che la crepe sia stata fatta come si deve.
I buchi si aprono in cottura, dalla base alla superficie e creano una sorta di merletto da cui si può vedere attraverso.
Però per ottenere questo risultato, la cottura va effettuata solo su un lato, avendo la pazienza di attendere fino a che la pastella non sia perfettamente asciutta mostrando la bellezza di tutti i suoi buchini.
La presenza della semola, conferisce croccantezza alla base ed una consistenza morbida e spugnosa all'interno.
Gli ingredienti non si pesano: le donne del Marocco lo fanno utilizzando lo stesso bicchiere per le farine e l'acqua.
Ecco la ricetta dal libro Crepe is the New Black, curata da Rossella Campa del blog Rossella la cucina ti fa bella , per la MTC Summer Edition 


Ingredienti per 6/8 Beghrir
2 bicchieri di acqua tiepida
1 bicchiere colmo di semola rimacinata
1/2 bicchiere di farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci setacciato
1 cucchiaino di lievito di birra disidratato
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale

  • In un'ampia terrina mescolate tutti gli ingredienti in modo da ottenere una pastella liscia e senza grumi. Salate, coprite con un telo e lasciate riposare da 10 minuti a qualche ora (a me è bastata mezz'ora)
  • Allungate la pastella con un po' d'acqua se dopo il riposo dovesse risultare troppo densa. 
  • Scaldate una piastra o una padella antiaderente, leggermente unta (io non ne ho avuto bisogno), e cuocete i beghrir soltanto su un lato, a fiamma moderata, fino a che non si saranno formati i buchini e la superficie sarà ben asciutta. La base dovrà avere un colore dorato e ben cotto. 
  • Serviteli caldi o tiepidi, accompagnandoli con uno sciroppo di burro e miele, ottenuto scaldando dolcemente pari quantità dell'uno e dell'altro. Quando il burro è completamente sciolto nel miele, mescolate e versate la salsa calda sul Beghrir.
  • Una salsa irrinunciabile ed irresistibile con cui accompagnare questa crepe è sicuramente il Caramello Vegano ai datteri di Valentina del blog Di Verde e di Viola, di cui vi lascio la ricetta (anche questa presente sul libro) 
Caramello Vegano ai datteri
20 datteri Medjool
120 ml di latte di mandorle (o riso, o soia o cocco - in alternativa usate la stessa quantità di acqua)
1 pizzico di sale
  • Denocciolate i datteri e frullateli alla massima velocità con il latte ed il sale, fino ad ottenere un composto cremoso. Invasate in un barattolo perfettamente pulito e conservate in frigo fino ad una settimana.
  • Se non avete datteri freschi, potete utilizzare quelli secchi dopo averli reidratati in acqua tiepida. 

13 commenti:

  1. Ecco una ricetta che mi intrigava molto e tu l'hai arricchita di stile di vita, sarà sicuramente la prossima magari non con i datteri che non amo ma nel libro non mancano certo le idee
    Grazie un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manu, è una ricetta molto interessante. Un bacione

      Elimina
  2. Felice che ti sia piaciuta tanto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ho fatto una cappellata. Non ho inserito il fatto che la ricetta l'hai curata tu personalmente. Sono una capra. Ma rimedio subito!
      Baci grandi.

      Elimina
  3. grandissimo onore che tu abbia fatto il caramello vegano ai datteri! grazie patty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti su questa mia ricetta ci sta alla grande, proverò anch'io :-D

      Elimina
    2. Il caramello ai datteri è pericolossissimo. Ma tanto!
      Bacione tesoro.

      Elimina
  4. Rimango a fissare la piramide e il caramello. Patty le hai interpretate in modo sublime le foto sono magnifiche. Le devo provare anche io!

    RispondiElimina
  5. Strepitose queste crepes e davvero particolari! Ottimo anche il caramello di datteri...insomma mi hai proprio presa x la gola :-P

    RispondiElimina
  6. Appena tornata dalle ferie con voglia di postare ai minimi storici e un ridondante senso di inutilità del fare, se ci aggiungiamo un imminente trasloco alle porte puoi capire che fine fa il blog in questo contesto... Ma va bene così, come dici tu, fa caldo! Scusa poliedrica e passepartout, che va bene tanto per la mole di roba da stirare che raggiunge vette quali le tre cime di lavaredo, alla mancanza di energia in cucina per cui prosciutto e melone accompagnati dalla caprese sono diventati unico tema delle mie cene. E mi sento pur fortunata che l'altro giorno ho resistito a comprare un'insalatona pre assemblata e confezionata. Finito il preambolo, pur avendo il libro e avendolo sfogliato alla ricerca di una cosa sofficissima queste mi son scappate, le proverò senz'altro, anche perché in vacanza ne abbiamo trovate di simili e il mio piccolo le rivuole, salvo che io brancolavo nel buio alla ricerca della ricetta. Devo risfogliare con più attenzione, chissà cos'altro mi è sfuggito, colpa del caldo...

    RispondiElimina
  7. Mi affascina sempre la delicatezza che traspare in tutto ciò che scrivi e prepari 😊

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...