lunedì 6 giugno 2011

Un weekend di emozioni.

Cry me a river - Ella Fitzgerald
Che emozioni, che lucciconi, che groppi alla gola. Per natura non sono mai stata una persona frignona, il che non vuol dire che io sia insensibile, tutt'altro. Ma ho delle lacrime una sorta di atavico pudore e mi imbarazzo di fronte alle lacrime altrui, figuriamoci per le mie. Io sono quella che al buio, di fronte ad un film lacrimevole, pur di non tirar su col naso e dare segno della frignata incombente, trattiene il fiato e rischia di soffocare. Difficilmente piango, ma da quando sono madre mi succede che le cose più insulse, quelle che prima mai e poi mai mi avrebbero mossa alle lacrime, adesso spalancano le cataratte e mi turbano inverosimilmente. Una delle cose che con più facilità riesce a chiudermi la gola e a fare tremare la palpebra sono i bambini e la musica. Quando poi ci sono le due cose insieme, la frignata è assicurata. Allora immaginatemi alla comunione di mia figlia ed al suo ingresso in chiesa con tutti i suoi amichetti, in fila due a due con le manine giunte e il faccino pallido tra l'imbarazzato e l'emozionato...Ecco, già lì avevo il blob all'altezza del pomo d'Adamo che saltellava su e giù, e due spilli che premevano dietro la palpebra. Ma io, stoica, che resisto e sorrido e respiro profondamente fino a che non ripristino la tranquillità. Ce l'ho fatta, penso, e continuo a godermi la messa. Alla preghiera dei fedeli, estratta a sorte per la lettura, mi arrotolo sulle prime parole...arghhh...ma poi arrivo in fondo e riprendo il mio posto. Alla comunione, il fiume in piena che fino ad allora, con una diga incerta e franosa ho trattenuto, si libera e le lacrime mi escono a fiumi. Mi copro, intorno a me sembrano tutti con un aplomb perfetto, ma io non trattengo i singhiozzi. Solo il pensiero del mascara che si scioglie e mi trasforma nella mamma del panda, mi impedisce dal lasciarmi andare completamente. Non so bene cosa sia successo,ma è stato più forte di me. La sensazione di stupidità se n'è andata completamente quando, voltandomi verso mio marito alla mia sinistra, ho visto tremare sulle sue lunghe ciglia, una lacrima solitaria....

Sabato pomeriggio, per tutto il parentado ed amici, ho preparato un rinfresco a buffet in terrazza e fortunatamente il tempo ci ha voluto bene perchè non ha piovuto come invece sta facendo ogni pomeriggio che si rispetti. Ho cominciato a cucinare il giorno prima e sul tavolo c'era il meglio della tradizione italiana ovvero piatti che io adoro che sono facili da preparare: dal gateau di patate, alla parmigiana di zucchine, passando poi per frittata di spaghetti, crostata di piselli e taleggio, una torta rustica in pasta fillo con bietole ricotta e feta, la toscanissima panzanella, crostate varie e chili di fantastiche ciliegie nostrali, una cui parte è finita in questa crostata di ricotta, di cui desidero darvi la ricetta. Ho tratto ispirazione dalla ricetta sul numero di Maggio della Cucina del Corriere, e l'ho leggermente modificata. 
Ingredienti per una teglia di 24 cm:
Per la frolla:
- 220 gr di farina
- 125 gr di burro
- 70 gr di zucchero a velo
- 1 uovo
- un pizzico di sale 
Per il ripieno:
- 350 gr di ciliegie sode
- 50 gr di zucchero
- 1dl di acqua
- un cucchiaio di maraschino
- 350 gr di ricotta vaccina freschissima
- 50 gr di zucchero a velo 
Preparate la frolla lavorando velocemente con le dita (o con il vostro robot - io ho usato il Kitchen perchè era molto caldo e la frolla si è fatta in un attimo) la farina mischiata con lo zucchero e sale, ed il burro freddo a pezzetti, quindi una volta ridotto il tutto in un composto granuloso, aggiungere l'uovo e amalgamare velocemente fino ad ottenere una palla che avvolgerete nella pellicola e farete riposare un frigo almeno un'ora. 
Denocciolate le ciliegie e mettetele in un pentolino con acqua, lo zucchero ed il maraschino e portatele ad ebollizione. Fate bollire almeno dieci minuti fino a quando non otterrete uno sciroppo e la frutta non sia  troppo cotta. Scolate le ciliegie e fatele raffreddare. Conservate lo sciroppo. Setacciate la ricotta e aggiungete lo zucchero a velo. Mischiate bene fino ad ottenere un composto cremoso quindi aggiungete le ciliegie. 
Nel frattempo avrete cotto la vostra frolla in bianco, foderando la teglia e coprendola con l'alluminio e legumi secchi, a 180 gr per c.ca 25/30 minuti. Una volta fredda riempite il guscio con il vs. composto di ricotta e completate la decorazione con ciliegie fresche e lo sciroppo al maraschino ottenuto. Servite fredda ed emozionatevi! Un bacio. 


Con questo post partecipo al Contest Una tira l'altra di Zampette in pasta 

28 commenti:

  1. che emozione che mi hai trasmesso! ci raccontava giusto stamani Antonio di quanto fosse stato emozionante! :)
    Io ho fatto lo stesso per la comunione di Claudia, ma io son di lacrima facile... ho pianto per la comunione, per la cresima, quando l'ho lasciata a Stoccarda, quando è tornata, a Zurigo.. insomma non faccio testo!
    La crostata è ottima dall'aspetto, adoro la ricotta nei dolci!

    RispondiElimina
  2. Oddio ma lo sai che succede anche a me? pensa che dopo aver trattenuto le lascime con tutte le mie forze di solito mi brucia la gola! Auguroni alla tua novenne...fantastica questa crostata...te la copio subito! Un bacione ciao

    RispondiElimina
  3. quando guardo i film mi emoziono per le cose più stupide e faccio anch'io di tutto per non farmi accorgere (ahimè invano... mio marito mi sgama sempre!)... ma un bel piantino pubblico per un'importante celebrazione ci sta, dài!!
    bravissima, hai preparato un buffet fantastico e una crostata strepitosaaaaaaa!

    RispondiElimina
  4. Io non sono mamma, eppure la lacrimuccia mi scende eccome, se mi emoziono.
    Auguri in ritardo alla piccola, e complimenti a te per il buffet e per questa crostata cosi' fresca!

    RispondiElimina
  5. Ricotta e ciliege, un connubio perfetto!

    RispondiElimina
  6. guarda, lo ripeto sempre: con tutta che ho avuto una vita intensa, piena di soddisfazioni e di emozioni, il giorno in cui mi son commossa di più è stato quello della Prima Comunione della Creatura. Tuttora, non so spiegarmi il perchè: ma da allora non ho più provato nulla di simile. E questo post mi ha riportato a quel giorno. Auguri alla tua piccina e grazie per aver condiviso questa esperienza con noi
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  7. Io invece sono una fignona di profesione...piango anche ai matrimoni degli sconosciuti...ihihi!!!Tantissimi auguri pe tua figlia!!!!! Questa crostata deve essere buonissima!!!! un bacione, Olga

    RispondiElimina
  8. Sono mamma da 18 anni...e ho fatto il panda per 15! Poi da 3 anni, ho trovato un mascara resistente all'acqua, fantastico! Si toglie solo con l'acqua a 38°! Abbraccione

    RispondiElimina
  9. Io le lacrime non le so trattenere è più forte di me, piango davanti ai film (anche quando li rivedo per la millesima volta), piango quando mi annunciano una nascita (che è un momento di gioia mica un funerale), piango se chi è di fronte a me piange (il che non è di conforto) quindi... ben venuta nel club! ;)
    Ricchissimo buffet, aspetto la ricetta della panzanella classica la voglio!

    RispondiElimina
  10. Che bello sentirti raccontare dell'emozione per la prima comunione di tua figlia.
    Hai dato (ancora) un senso a un sacramento importante!!
    ...e non come la mamma che era l'altro giorno dalla parrucchiera, una mamma che ha deciso di far mettere le extension ai capelli (già lunghi) della figlia, di prepararla come una sposa in miniatura, di festeggiare in un ristorante dove in genere si festeggiano affollatissimi matrimoni, una mamma che forse del sacramento che stava per ricevere la propria "bambina" non ha capito niente di niente.
    Auguri!!
    :-)!!

    RispondiElimina
  11. bbboonnaaaaaaa ^_^ ricotta e ciliegie insieme slurp :) e cmq io sono il contrario.. sn iper sensibile e piango per qualunque cosa hahaha :D e ci provo a trattenermi ma nn cel faccio :D

    RispondiElimina
  12. Eheheh...per i figli ci si commuove sempre, almeno così dice mia madre, che ha visto piangere mio padre solo in circostanze simili alla tua ^-^ buonissima questa torta, ne addenterei volentieri una fetta. ciao!

    RispondiElimina
  13. Auguri alla figlia!!! e bravissima la mamma!! ottima la crostata! Un abbraccio, Dessi

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto venire i brividi leggendo. E' normale piangere ogni tanto...anche se io cerco di trattenermi quando sono con altre persone. Mi imbarazzo, proprio come te.
    auguri alla figlia.
    Crostata sicuramente ottima.

    RispondiElimina
  15. Che carina che sei mamma panda!!! Io invece ho la lacrima facile...proprio frignona nata...già sto pensando al mio matrimonio e alla figurella che farò!
    Tanti auguri alla piccola...intanto aspetto tutto il buffet!
    P.S. Vacanze più o meno decise: SICILIA!!!!

    RispondiElimina
  16. Auguri tesoro per la tua piccola!!! Quanto ti capisco!!! Con due figli tra comunioni, cresime, saggi, recite e via dicendo...è stata un emozione dietro l' altra!!! Per non parlare poi della maturità del grande!!! Mamma mia che piagnone che siamo...ma va bene così credimi!!! Complimenti per la bella festa che hai organizzato e per questa splendida torta!!! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  17. Bellissimo il tuo racconto! Mi ha trasmesso amore materno e emozioni pure! Auguri alla tua piccola e a voi genitori!
    La torta?... squisita!

    RispondiElimina
  18. Io che "soffro" di lacrimuccia facile seguendo le fasi lunari, mi chiedo se quando avrò figli peggiorerò ulteriormente (e mi aggregherò alla combriccola delle MammeDeiPanda)o se questa cosa mi passerà del tutto.
    Il tempo darà la sua sentenza.
    Intanto ti faccio tanti auguri per la tua Cucciola e tanti tanti complimenti per questa torta spettacolare!!!

    A presto!
    Elisa

    PS: Ne approfitto per ricordarti la mia raccolta "I Love Coffee"! C'è tempo fino al 15 giugno e si può partecipare anche con ricette già pubblicate! Ti aspetto! ^___*

    RispondiElimina
  19. ti ho pensata sai? mi sono ricordata della data e ho detto chissà come è andata? ti ho immaginato commossa e felice e così è stato, sono contentissima!!!! e quante belle cosine hai preparato? questa torta è davvero golosissima! assolutamente da rifare :-) baci

    RispondiElimina
  20. Carissime tutte, sono mortificatissima per non essere in grado di rispondere a tutte personalmente e passare a salutarvi spesso come ho fatto in passato. Sono veramente sommersa dal lavoro e non riesco neanche a dedicarmi alla cucina come vorrei...spero che questo giugno passi presto. Vi abbraccio per essere sempre così fantastiche. Pat

    RispondiElimina
  21. ciao Patty! io purtroppo non sono ancora madre -ma psero un giorno di diventarlo- ma lavoro ultimamente con i bambini e spesso di scoppia la lacrimuccia...ma di gioia! E' così bello provare queste emozioni :)

    RispondiElimina
  22. ciao cara Pat, le forti emozioni si trasformano spesso in lacrime... noi donne lo sappiamo bene. Ed allora che male c'è ad abbandonarsi ad esse?
    Anch'io le sperimento spesso... eppure non sono madre!
    Grazie per essere passata da me, so che è un periodaccio. Anch'io non sono proprio "tranquilla" ma credimi, pensavo a te proprio ieri! Telepatia?
    Mangiamo una fettina del tuo dolce insieme, come due vecchie amiche (ho detto vecchie amiche e non amiche vecchie, eh?).
    Un bacione e a presto

    RispondiElimina
  23. ciao! mi hai conquistato già dalla scelta della cantante!! complimenti per il tuo blog :)
    a presto :))

    RispondiElimina
  24. Sei in buona compagnia, parlando di lacrima facile ...:-)
    Ad ogni festa a scuola frigno come un vitello!
    Beh, consoliamoci con questa bellissima crostata!

    RispondiElimina
  25. Proprio "frignona" no, però mi emoziono facilmente e di tanto in tanto il lacrimone ci scappa. Ed è lì sul ciglio pronto a scendere giù anche adesso dopo aver letto il tuo post. Credo che in fondo sia bello dar libero sfogo alle proprie emozioni anche con le lacrime. Non è debolezza ma "forza". La tua crostata è super golosa, impazzisco per le ciliegie.
    Un bacione gioia, buona giornata

    RispondiElimina
  26. Ciao cara, scusa se ti disturbo ma devo spedirti i premi del contest dolcemente mela-mangio e ho perso il tuo indirizzo... me lo puoi inviare alla mail morena.delucia@fastwebnet.it?
    Perdonami per il ritardo ma, con un grave lutto in famiglia ho accantonato tutto...
    Grazie ciao

    RispondiElimina
  27. Auguri per la tua bimba!!! Credo proprio che sia un evento emozionante vedere la proprio figlia che fa la comunione!!!
    Buonissimo questo dolce, come sicuramente sarà stato tutto il buffet che hai preparato!!!
    Grazie di partecipare al mio contest!!!
    In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  28. Aaargh avevo lasciato un commento con gli auguri ma vedo che blogger se lo è mangiato :-(
    Adesso spero che almeno questi auguri, anche se in ritardo, possano finalmente arrivare a te e alla tua bambina ;-)

    Un bacione

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...