venerdì 22 giugno 2012

Prodigi della memoria e la Apple Pie più buona del mondo

American Pie - Don Mclean
"Pie, pie, me oh my
Nothing tastes better, wet, salty and dry
all at once - oh well it's pie.
Apple and pumpkin and mince and black bottom,
I'll come to your place every day if you've got 'em
Pie, me oh my, I love piiiiieeeeeeee"
Ve la ricordate? Forse no, perché non siete malate di film come me. 
Mio marito mi dice che non si spiega come io possa ricordarmi certi particolari, nomi, attori, registi, musica...Io non lo faccio mica apposta. Mi succede. Mi resta tutto in mente. Mi ricordo cose assurde, impossibili, dettagli piccolissimi. Anche sul lavoro. Mi ricordo clienti, date in cui sono arrivati o partiti, i programmi che hanno fatto, dove sono andati...e questo a distanza di anni. 
Mi dico che avendoci dovuto lavorare per diverso tempo, alla fine non può che restarmi in mente, ma vedo che i miei colleghi non si ricordano da qui a lì quindi magari tanto normale non è. Però, attenzione, la mia memoria è selettiva, perché io mi ricordo solo le cose che mi piacciono o che mi sono piaciute, che mi hanno emozionato. Allora lì si fissa tutto come un tatuaggio e non se ne va. Il resto scivola via come acqua e finisce nello scarico delle cose inutili. 
Ritornando a bomba, ve la ricordate quella canzoncina? 
La canta una giovane e capelluta Andy McDowell nel film "Michael", con John Travolta nelle vesti di un angelo un po' sui generis, panciuto e goloso di dolci, in particolare di zucchero. La Andy, aspirante cantautrice Country, di fronte ad una meravigliosa fetta di Pie, viene invitata da Michael a cantare questa canzoncina. Ed in poche semplici parole, riassume la meraviglia di questo dolce americano. 
Da quando ho in casa il libro della Hummingbird Bakery, sono tentata da una moltitudine di ricette, ma il forno lavorerà sempre meno nelle prossime settimane per cui per ora penso di fermarmi qui. In ogni caso ho voluto provare questa Apple Pie perché già dalla lettura della ricetta, mi aveva incatenata alla pagina. 
L'ho fatta e portata ad un pranzo dai miei genitori domenica scorsa. E' durata il tempo di un attimo. 
Ricetta base della pasta - per uno stampo da 23/24 cm - 
PER LA PIE IN QUESTIONE USATE LA QUANTITA' RADDOPPIATA
260 gr di farina 00
1/2 cucchiaino di sale
110 gr di burro non salato
acqua q.b.
Questa ricetta è la base per la maggior parte delle pie servite al Hummingbird Bakery di Londra. E' talmente perfetta che la userò per le prossime torte ripiene di frutta e volendo anche per torte salate. 
Per il ripieno:
150 gr di burro non salato
3 cucchiaini di cannella in polvere
1,5 kg di mele - preferibilmente Granny Smith, pelate e tagliate in fettine non troppo sottili
200 gr di zucchero semolato + extra per spolverare la superficie
1 uovo mescolato a poco latte
Mettete la farina, il burro freddo a tocchetti ed il sale nella planetaria o nel mixer quindi mescolate a velocità media con la foglia fino ad ottenere una consistenza sabbiosa. A questo punto abbassate la velocità ed aggiungete un cucchiaio d'acqua fredda, e continuate ad aggiungere acqua, con molta attenzione, senza esagerare. Alzate la velocità e mescolate brevemente fino a che l'impasto non comincerà a stare insieme e formerà una palla. Avvolgete il tutto in un foglio di pellicola e mettete in frigorifero per almeno un ora.
Mentre la pasta riposa, preparate le mele. Mettete il burro in una larga padella antiaderente insieme alla cannella (personalmente io ho utilizzato solamente 90 gr di burro) e quando sarà sciolto aggiungete le mele a fettine e fatele insaporire bene nel burro. Una volta belle lucide, aggiungete lo zucchero (anche in questo caso ho usato esattamente la metà di quantità di zucchero). Fate cuocere a fiamma bassa fino a che le mele saranno morbide ma ancora cotte completamente. A questo punto spegnete e fate raffreddare completamente. 
Una volta pronta la pasta, infarinate il piano di lavoro e tagliatela a meta. Stendete una metà della pasta a 3/4 mm di spessore. Foderate lo stampo per la pie precedentemente imburrato quindi affilate i bordi con precisione. Bucate il fondo con i rebbi di una forchetta. 
Riempite lo stampo con le mele fredde. Stendete la seconda metà di pasta allo stesso spessore quindi con attenzione coprite completamente il ripieno facendo sbordare la pasta. Con il coltello eliminate la pasta in eccesso e sigillate bene il contorno decorandolo con una forchetta o le dita. Con l'avanzo della pasta ricavate delle decorazioni per abbellire il guscio superiore ricordandovi di lasciare "un camino" da cui possa uscire il vapore che si formerà in cottura. Sbattete l'uovo con il latte e spennellate bene la superficie ed i bordi della pie. Quindi spolverate con lo zucchero semolato. Fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30/40 min. e comunque fino a che la crosta sia bella dorata. 
Fate raffreddare. Servite ancora tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia. 
Io ho aggiunto un tocco personale cospargendo il ripieno con delle cucchiaiate di confettura di albicocche....posso dire da urlo?
Il giorno dopo, fredda, è assolutamente magnifica. 









28 commenti:

  1. Che aspetto divino che ha questa torta! L'ideale per fare colazione!
    Buongiorno

    RispondiElimina
  2. ma è bellissimo ricordarsi questi dettagli! la mia memoria ultimamente fa molta cilecca!! questa torta è meravigliosa, buon w.e.

    RispondiElimina
  3. Per i film sono un disastro, la mia cultura è meno di zero e la mia memoria inesistente. Ma questa pie figurati se me la dimentico come non mi dimentico quello stampo stependerrimo con la la lama girevole. E lo infilerò nel prossimo ordine su Amazon proprio per questa pie :D! Un baciotto, buon we

    RispondiElimina
  4. Che bella la tua torta:) riguardo alla memoria, ti capisco, a me succede con le canzoni, 4 anni che non le ascolto più ma il testo lo ricordo perfettamente<;)
    besos

    RispondiElimina
  5. quanto mi piaceeeeeeee!! che bella la tua, anche molto golosa... un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Beata, io non ricordo mai nè registi, nè attori e neanche i film che vedo, mi accorgo di averli già visti dopo la metà oppure non ricordo mai come vanno a finire ma questo è un bene così non mi lamento fino ai titoli di coda :)
    Non ricordavo neanche di questa ricetta e sì che il libro l'avrò sfogliato almeno 3527 volte!
    Non mi resta che provarla per imprimerla nella memoria.
    Un abbraccione, cara, buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Che spettacolo Patty! Io sono molto romantica ma purtroppo non mi sembra di conoscere questo film, ma la torta me la mangerei molto volentieri!

    RispondiElimina
  8. Mamma mia, ha un aspetto davvero fragrante e delizioso :))) ...questo film mi manca, ma sono anch'io come te!Alcuni di loro potrei ripeterli a memoria anche imitandone le voci ;)

    RispondiElimina
  9. Questa torta "trapassa" il monitor con la sua fraganza, con quella consistenza burrosa e morbida che solo la apple pie sa regalare...La ricetta è uno spettacolo ma concordo pienamente con te sulla riduazione di zucchero e di parte del burro. Il risultato è spettacolare!
    un abbraccio e e buon weekend
    simo

    RispondiElimina
  10. Mi piace da impazzire la apple pie e sono curiosa di provare questa versione. Seguirò le tue modifiche per il ripieno, mi sembrano perfette!
    Baci.

    RispondiElimina
  11. Quasi come quella di nonna papera! Ok credo che ordinerò il libro!!! ;)

    RispondiElimina
  12. o-mio-dio..
    io letteralmente adoro, adoro la apple pie, un pò lunga da preparare ma ne vale la pena, cavolo se ne vale la pena.
    Se ti può interessare, io però la faccio con le mele crude, lasciate macerare 30' nel succo di limone, lo zucchero e le spezie, così loro rilasciano la loro acquetta e non bagnano la brisè, che diciamolo, è un paradiso :3
    scusa il mezzo papiro!

    RispondiElimina
  13. è una delle mie torte preferite, la mia ricetta è quasi uguale, io la spennello solo con acqua. guardando le tue foto così invitanti mi rendo conto che è un bel pò che non la mangio, domani compro le mele e mi metto all'opera

    RispondiElimina
  14. se non fosse perchè in questi giorni accendere il forno è un supplizio...beh, la farei anche adesso!
    Mi hai fatto venire voglia di papparne una fetta.....

    RispondiElimina
  15. Pat ma certo che me la ricordo anche io quella scena del film!!! E poi, come sempre, io immagino una ricetta da preparare e voilà, la trovo sul tuo blog!! Mi spiego: anche questa volta ho immaginato, stamattina per essere precise, di voler preparare una apple pie....ma poi ho desistito perché da me ci sono, ancora a quest'ora, quasi 34 gradi!! Allora non si può accendere pure il forno!!! Però segno la ricetta.
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  16. Non ho mai visto il film, ma ho visto e assagiato tanti pies - un tipico dolce Americano. Tu l'hai fatto perfettamente. Buon weekend.

    RispondiElimina
  17. infatti stavo appunto leggendo la quantità di burro, anch'io l'avrei ridotto e se è buona comunque ti copio, ha un aspetto golosissimo :-P
    ciao!

    RispondiElimina
  18. Anche a me capita di ricordare particolari "assurdi" e non solo relativamente ai film....e ricorderei sicuramente per tanto tanto tempo il sapore di questa magnifica Apple pie! Fantastica anche la decorazione! Baci e buon w.e!

    RispondiElimina
  19. finalmente ti seguo! baci!

    RispondiElimina
  20. Patty!!
    Ricordo benissimo il film, ma della canzone non ricordavo minimamente neanche il significato!
    Comunque è davvero la torta dei sogni!
    Devo ritirare fuori la ricetta in autunno però!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  21. E bravissima ancora per il contest!!!
    Complimentiiiiii!!!

    RispondiElimina
  22. oh Pat.... che buona la Apple Pie!!!!! è tra le mie torte preferite.. mmmmm.....
    p.s.: io il film lo conosco eccome :O)
    diciamo che c' è stato un periodo della mia vita in cui vedevo tanti di quei film (che ne so. per mettermi in paro da quando era nato il cinema?!?!?) che mia madre credeva avesso "problemi sociali" ... ahahahahh....

    RispondiElimina
  23. Vado pazza per le apple pies!!Sembra buonissima!Buona Domenica,carina!

    RispondiElimina
  24. Non ricordavo la canzoncina (ma amo molto il cinema!) e ho sempre sognato una Apple Pie. Subito dopo la crostata è per me il dolce per antonomasia, quello da mettere sulla credenza della finestra aspettando che si raffreddi, mentre dall'albero del giardino pendono rami gonfi di mele. E poi scatta la singla coi titoli di coda....

    RispondiElimina
  25. ah.. si la apple pie è buonissima, con la pallina di gelato poi è super, io la ricordo in america.. e dove mangiarla se non li.. comuqnue la tua è davvero venuta bene!!! beata te che ricordi tutto.. io invece peggioro, una volta avevo una memoria infallibile ora zero!!! buona serta un bacetto

    RispondiElimina
  26. sìììì, Patty, è davvero da urlo! ma che bella, accidenti... mi fai venire una faame!!!
    abbiamo prodotto con le mele entrambe, hai notato?!!?!?! che bello! a farlo appositamente non ci saremmo rouscite!!!

    RispondiElimina
  27. Yummy! Io lo servo con una punta di gelato alla vaniglia: la fine del mondo!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...