sabato 26 febbraio 2011

Alice compie nove anni (ed io faccio la mia prima torta decorata)!

Ebbene si, non posso celare una certa angoscia. Non è che coincida esattamente con il compleanno di mia figlia perché certe consapevolezze le si hanno comunque ogni giorno che passa, ma lo scadere dei 365 giorni che vedono la vostra creatura più grande di un anno, ha la capacità di materializzare una sorta di lieve malinconia, un turbamento difficile da spiegare…ma che ve lo dico a fa, molte di voi mamme lo sono già e quelle che ancora non lo sono, se avranno la grazia di diventarlo, lo scopriranno strada facendo.
Una mia cara amica americana, mi dice sempre che il compleanno di un figlio è anche il compleanno di una madre. In un primo momento l’avevo presa come un’affermazione un po’ egocentrica: un compleanno mi basta e mi avanza, figuriamo adesso che, passati i quaranta,  preferirei saltarlo a piè pari. Poi però ci ho pensato su e mi ed è come se avessi avuto un’illuminazione e l’ho trovata bellissima. Anche io compio gli anni: 9 anni di mammitudine. E guai a chi me la tocca!
Così quest’anno ho voluto fare un regalo grande alla mia piccola asparagina. Nove anni sono importanti, se non fosse che sono l’anticamera al numero doppio, l’ultimo compleanno ad una cifra…ma faglielo capire a lei, che vorrebbe già avere 10/11/12 anni (aiuto!). Per tutta la vita avrà sempre 2 numeri sui suoi documenti, con l’augurio di conquistare anche il terzo, ma per quest’anno godiamoci questo bel 9, tondo e importante come i 9 mesi in cui l’ho portata in grembo.
Ho voluto mettermi in gioco e azzardare il confezionamento di una torta decorata con pasta fondente di zucchero.  Sono mesi che ci penso. Anche questa è stata una gestazione. In passato ho provato a decorare alcune torte solo parzialmente e con la pasta fatta con i marshmallows ma spero che chiunque di voi l’abbia provata, concordi con me che è assolutamente immangiabile nonostante il risultato sia interessante.

Ho così cercato in giro una ricetta per il fondente di zucchero e quella che maggiormente mi ha convinto è quella di Rossanina: semplice, molto chiara e con pochi essenziali ingredienti che riporto fedelmente qui di seguito:
Ingredienti: 30ml. acqua, g.5 di gelatina, g.50 di glucosio, g.450 di zucchero a velo ben setacciato.
Mettete la gelatina a bagno nell'acqua. Una volta che la gelatina si sarà ammorbidita (nel caso della gelatina in fogli) o avrà assorbito tutto il liquido (nel caso di quella in polvere), accendete il gas sotto il pentolino ed aggiungete il glucosio e l'estratto di vaniglia.
Portate il tutto (fuoco bassissimo altrimenti la rovina è assicurata) allo stato liquido liquido (come l'acqua). 
State attenti. Se il prodotto bolle dovete buttare via tutto.

Versare il liquido dentro il robot (impastratrice o quello che volete) dove già ci sarà lo zucchero a velo ben setacciato.Lavorate, aggiungendo nel caso un po' di acqua (a un cucchiaino per volta): la ricetta è abbastanza libera, aggiustate di zucchero a velo e/o acqua in modo da ottenere una pasta più morbida di quella per le tagliatelle. Mettete un po' di carta forno sopra il piano da lavoro. Spolverate di amido di mais. Stendete la pasta partendo dal centro e allontanando il matterello da voi. Rimettete il matterello al centro ed avvicinatelo. Ruotate la sfoglia. Non dovrà appiccicarsi al piano. Dopo ogni rotazione, alzate la sfoglia rovesciandola sul braccio e mettete un po' di amido sotto. Quando avrete fatto la sfoglia della grandezza della torta (considerate i lati..), arrotolate la pasta sul matterello e poggiatela sopra alla torta.
Con le mani adagiatela, accompagnandola sui lati della torta stessa e tagliate gli eccessi.

Adesso: fare la pasta di zucchero non è un’impresa impossibile con i giusti accorgimenti. E’ il resto che è complicato.
La mia ambizione di capricorno testardo e volitivo, mi diceva che dovevo preparare una torta su tema della danza, la grande passione di Alice, e nella mia testa avevo già visualizzato tutto: un bel cuscino immacolato su cui poggiano 2 punte rosa con tanto di nastrini. Bello, eccitante, fantastico…ma farlo come?
Premetto: non ho preparato disegni, ne schemi o robe simili. Ho seguito il mio istinto ed sono stata aiutata da una manualità agguerita che mi ritrovo fin da bambina. Riesco a riprodurre tutto con facilità, sia disegnando che modellando, quindi in questo sono fortunata.
La cosa più difficile sono state le punte. Avete presente le scarpette da danza che sono schiacciate e quadrate sulla punta? Come potevo sostenere e dare volume a questa parte della scarpa? L’illuminazione mi è venuta a colazione, grazie ad un plum cake..che è finito direttamente nella punta della scarpetta. Il resto è storia.


8 commenti:

  1. che spettacolo... sembrano vere... meravigliosa la torta e auguri alla tua ragazzina :-))) un bacione Ely

    RispondiElimina
  2. Auguri ad Alice, immagino che sarà stata contentissima di trovare questa torta così carina.Brava.
    Ciao. Annalisa

    RispondiElimina
  3. Veronica: guardaaaaaa la "tipa degli involtini di verza" ha fatto la sua prima torta decorata.
    Luca: ah, scusa.
    O.O

    complimentiiii è qualcosa di meraviglioso.
    ora fai la modesta e ci dici che è la prima, ma figurati se può essere vero.
    complimenti davvero, non ho parole.
    se fosse arrivata a me penso mi sarei fatta la pipì addosso dall'emozione.

    RispondiElimina
  4. Che brava che sei stata!!! Veramente bella e immagino buonissima...Quelle scarpette sembrano vereeee!!!!
    Un bacione e auguri ad Alice...
    Patrizia

    RispondiElimina
  5. Che dire... è un capolavoro!!! Bravissima. E tanti auguri alla tua bimba:-)

    RispondiElimina
  6. MERAVIGLIOSA!!!
    Ma non ho potuto, non immaginare il prossimo compleanno del mio primo bambino...18 anni...45 di scarpe...Quasi quasi ti copio la torta!!!
    Gianly

    RispondiElimina
  7. @Eli: grazie, sei sempre un tesoro. Ho ricevuto la tua mail. Sto incasinandomi con la pagina perchè non riesco a scaricare il programma che mi hai dato. Ma provvederò a prepararla diversamente, più semplice, così taglio la testa al toro.
    @Dolceamara: grazie davvero. Alice ha condiviso la torta con le sue amichette di danza e le scarpine hanno immediatamente fatto il fumo (ecco come ore di lavoro svaniscono in un attimo). Però grande gioia per me!
    @Veronica: ebbene si, era la prima volta. Però devo confessarti una cosa: ho giocato tanto con il pongo ed il didò...e la cosa, non ci crederai, ma aiuta! ;))
    @Patrizia: grazieee...mi sono divertita tanto ed è troppo bello vedere la sorpresa negli occhi di mia figlia.
    @Marina: grazie, ma se guardi bene si vedono le magagne. Però nell'insieme sono molto contenta. Un abbraccione.
    @Gianly: ahahaha....è troppo forte questa immagine:uno scarpone taglia 45, solo per fare un tacco riempi la base della torta! Una bella sfida comunque! Bacione.

    RispondiElimina
  8. Ma sei stata davvero brava!

    Che dolce questa torta...io {Isabeau} Farò la prima questa settimana per il compleanno del mio amore...Speriamo di non far danni!!!!!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...