giovedì 26 luglio 2012

La donna è mobile: gelato ai Ricciarelli di Siena

La donna è mobile - L. Pavarotti - Il Rigoletto
Lo so, adesso direte che sono "tutta chiacchiere e distintivo". 
Che ho sbandierato ai quattro venti che non avrei affrontato questa sfida per mille ragioni, la prima delle quali un frigorifero traditore e la certezza di difficoltà tecnica nella preparazione di qualcosa che per me è religione. 
Ero tranquilla, serena...ahhhh finalmente niente ansia da prestazione, niente stress per pensare e rimuginare su idee che non arrivano...vado in vacanza e chi s'è visto s'è visto!
Il problema è che sono tornata troppo presto, e nella settimana che separava il mio rientro dalla scadenza dell'MTC, non ce l'ho fatta a restare lontana dalle proposte che via via si accumulavano in rete. 
Una roba da restare con il naso incollato al monitor. 
Decine e decine di post entusiastici sulla facilità di preparare un gelato senza gelatiera, ricette strabilianti e creative roba da mortificare a vita il più grande mago del gelato di Polignano a Mare (per chi non lo sapesse, cittadina pugliese famosa per il gelato!), ecc. ecc. 
Avete presente? 
"No, non c'ho voglia!"
"Sieeee, ma quando mi viene a me"
"Nooo, guarda questa...ha fatto anche i coniiii"
" Aghh, no, no, lasciamo perdere...un tronchetto Setteveli...ma qui sono tutte dei mostri"
"Non ce la posso fare!"
"mmm..è martedì, magari posso fare la crema inglese che mi viene così bene...magari faccio solo quella"
"E' fredda al punto giusto, magari la passo in freezer"
"Oh bellinoo...guarda, si solidificaaa"
" Moreeeee...vieni a vedereeeee...ho fatto il gelatooooooo...."
Una pena! Sono il peggiore esempio di "la donna è mobile, qual piuma al vento", come cantava quello sciupafemmine del Duca di Mantova. 
Vai adesso a dire in giro che sono una persona coerente, che mantengo le mie posizioni, che non mi lascio corrompere! Non mi crede più nessuno. 
Vi prego, giustificatemi. E' stato così difficile resistere, c'ero quasi riuscita. 
Però Mapi, anche tu, proprio al gelato dovevi pensare? 
Allora, cominciamo dall'inizio: fare il gelato non è facile
Tutte a gridare: facile, facile...ma dove! Per fare il gelato bisogna essere molto rigorosi ed essere rigorosi nelle procedure è difficilissimo. Certo è che le spiegazioni di Mapi sono chiarissime e se non fosse stato per lei, io il gelato avrei continuato tranquillamente a comprarlo alla mia gelateria preferita, ma anche confezionato perché a me il gelato piace e parecchio
Però tentare in casa è stata un'esperienza grandiosa, un po' come la prima volta che fai il pane e non ci credi che ti può riuscire, invece poi ti si inumidiscono gli occhi quando lo vedi pronto, bello croccante e profumato. 
Di sicuro la mia esecuzione merita l'appena sufficiente perché purtroppo il mio congelatore non lavora bene, ma immagino se avessi uno strumento per la catena del freddo che funzioni a dovere: chissà che godimento. 
Essendo partita così tardi nella decisione di partecipare (2 giorni fa), non avevo la minima idea di dove buttarmi, e poi, così come sempre succede, mi sono attaccata al mio territorio ed ho seguito la mia gola. 
Qualche anno fa, in una gelateria di Castiglion della Pescaia, ho assaggiato per la prima volta il gelato ai Ricciarelli di Siena e sono volata in paradiso. Ho sempre apertamente dichiarato il mio amore per i dolci a pasta di mandorle, e per i Ricciarelli farei carte false. E poi rappresentano la mia città, un po' come il Palio, quindi, perché non giocare sull'onda della tradizione? 
Così è venuto fuori il Gelato ai Ricciarelli di Siena con riduzione al Vin Santo!
Ingredienti per 4 persone
Per la Crema Inglese (ricetta di Mapi con piccola divagazione personale)
- 300 ml di latte intero
- 300 gr di zucchero semolato
- 250 ml di panna fresca
- 45/50 gr di tuorli (da uova grandi freschissime)
- 1/2 baccello di vaniglia
- la buccia di un'arancia non trattata
Per l'aroma ai Ricciarelli
- 4 ricciarelli freschi di c.ca 22 gr ciascuno
Per la riduzione al Vin Santo
- mezzo bicchiere di Vin Santo
- la punta di un cucchiaino da caffè di Agar Agar
Preparate la crema inglese secondo la procedura indicata da Mapi. Io mi sono permessa di diminuire l'aroma di Vaniglia integrandolo con l'aroma di arancio spesso presente nei Ricciarelli, ma non sufficientemente intenso da apparire a gelato ultimato, se non presente già nella crema di base. Così, anche in virtù del fatto che ho delle bacche di vaniglia incredibilmente potenti, per bilanciare gli aromi, ho dimezzato l'una ed ho inserito nel latte la scorza di arancia tagliata sottilmente senza toccare la parte bianca, e lasciata intera. 
Per il controllo cottura ho usato il termometro per dolci. Dopo aver fatto raffreddare accuramente la crema, l'ho divisa in due barattoli di vetro chiusura ermetica e li ho lasciati tutta la notte in frigo. 
Il giorno successivo ho versato la crema in un grande recipiente di acciaio ed ho aggiunto la panna fresca e fredda, amalgamando il tutto con una spatola per non incorporare aria. Ho passato al mixer i Ricciarelli riducendoli in briciole molto fini e le ho aggiunte al composto di crema, quindi ho versato il tutto in un contenitore secondo le indicazioni di Mapi. Dopo un'ora e mezza i bordi si erano solidificati ed il centro era ancora morbido. Ho mescolato il tutto velocemente con il minipimer a immersione (usando la lama) quindi ho mescolato con un cucchiaio per omogeneizzare lo spessore. Poi, di nuovo in frigo sempre per un'ora e mezza. Ho ripetuto la stessa procedura per 2 volte, quindi ho versato il tutto in una vaschetta adatta alla conservazione in freezer ed ho coperto la crema gelata con un foglio di carta da forno. Ho lasciato riposare tutta la notte. 
Subito dopo ho preparato la riduzione al Vin Santo. Ho versato mezzo bicchiere di Vin Santo in un padellino basso e a fiamma vivace l'ho fatto ridurre di quasi la metà. Per ottenere un risultato più cremoso ho aggiunto appena una punta di Agar Agar ed ho fatto bollire per qualche istante. Poi ho versato il tutto in un ciotolino ed ho lasciato raffreddare. Una volta freddo ho messo in frigo. Dopo qualche ora avevo una salsa cremosa da poter versare sul gelato. 
A Siena i Ricciarelli viaggiano a braccetto con il Vin Santo ed ho voluto onorare questa accoppiata anche con il gelato. Potete decorare le vostre coppette con Ricciarelli freschi sbriciolati grossolanamente e un paio di cucchiai di riduzione al Vin Santo.
NOTE: le palline che vedere in foto, sono i nostri BARBERI che simboleggiano le Contrade del Palio. I bambini giocano con i barberi facendoli rotolare lungo una rampa in discesa e la prima pallina che arriva al traguardo, ha vinto Il Palio! Sono anche le palline che vengono utilizzate per l'estrazione a sorte delle Contrade un mese prima del Palio. 
Con questa ricetta, sono felice di partecipare all'MTC di Luglio con il gelato di Mapi. 






52 commenti:

  1. Ma infatti...e sempre a lamentarti e poi...guarda qui cosa tiri fuori dal freezer!!! ;)
    Mi piace taaantissimo, io i ricciarelli me li compro al super e non resisto al loro sapore , alla consistenza...figuriamoci in un gelato!!
    Idea geniale, ma che te lo dico a fare?
    Bellissime anche le foto...avevo appunto notato quelle palline di legno!

    Baci e buone vacanze...e sentiamoci!!

    loredana

    RispondiElimina
  2. e per fortuna che sei una donna mobile, ci avresti private di questa delizia!
    e poi con me le riduzioni cascano bene, le metto dappertutto!

    RispondiElimina
  3. Wow che bell'idea e soprattutto bello il risultato complimenti paola

    RispondiElimina
  4. sei uno spasso...ridooooo comeeee ridoooooooooooo....cambiare idea non significa necessariamente essere poco credibili!!! le persone intelligenti cambiano spesso idea....sei stata bravissima!!!! non conoscevo i barberi, del resto non sono di siena, ma li trovo carinissimi ed è, secondo me, un ottimo strumento per legare i bambini alle tradizioni....Il gelato ai riccarelli non lo conosco ma da quello che vedo sembra molto goloso!!

    RispondiElimina
  5. ha ha ha mi fai morire! la semplicità paga molto più di tutto il resto! se poi pensi che è buonissimo e ci mettesti pure i ricciarelli che tentai di fare ma senza buon fine ....non sei senza speranza anzi!! ora mi ci tuffo! bacioni cara :-X

    RispondiElimina
  6. Muoio già io a vederlo, il tuo gelato, ma se lo vede il Martirio significa venirti a trovare!!
    Fa nulla se mi snobba quando parlo di foodblogger, fa nulla se *son tutte stupidate*, davanti ai ricciarelli calerebbe le braghe (metaforicamente, altrimenti lo corco!!!) lo metterebbe pure nel pane di cui parlavi.
    Quindi glielo nascondo... e me lo godrò io, da sola, piangendo sulla tastiera...
    Brava bravissima altro che Figaro!
    Nora

    RispondiElimina
  7. da toscana che sono e da golosa di ricciarelli che sono come faccio a non segnarmi una delizia del genere??? i miei complimenti sinceri, questa ricetta è una delle mie preferite da quando ti seguo ... niente da ridire delle altre ma questa beh ho una bavetta alla bocca!!!

    RispondiElimina
  8. Ahahah! Vedi? Ti lamenti e poi guarda che spettacolo di ricette che proponi!! :)
    Splendido mia cara! Un bacio :*

    RispondiElimina
  9. Patty, cosa vedono i miei (stachi) occhi! Posso dirti che questo gelato è una coccola solo a vederlo? Non oso immaginare cosa voglia dire affondarci il cucchiaio anche perché il gusto è, decisamente, inedito. Complimenti, davvero originale...un saluto
    simo

    RispondiElimina
  10. ma è stragoloso! io amo siena e i ricciarelli!

    RispondiElimina
  11. mmmm...non oso pensare a quanto è buonoooo...
    E quelle coppettine che lo contengono? Una meraviglia........

    RispondiElimina
  12. eh... tu con il naso incollato al monitor??? beh...io sto con la lingua che non si stacca dallo schermo!!! :D
    e ciccosa ié 'ddò...na goduria sto gelato ai Ricciarelli!!!
    bacione

    RispondiElimina
  13. ...ecco io quando guardo i tuoi post dico sempre "Noooo che beeeelloooo..." uff..io ho provato a fare una mouse senza gelatiera ma i giorni dopo non era un gran che...il tuo gelato sembra comprato!! però mi fa un po' paura il procedimento :(

    RispondiElimina
  14. Mammamia che svenimento!!!!! Questo è un attentato, che meraviglia di gelato!

    RispondiElimina
  15. Con questa tua delizia ci potrei morire!!!!
    Sei bravissima!

    RispondiElimina
  16. Anche io all'inizio ero terrorizzata, poi ho scoperto che la ricetta di Mapi è favolosa e si può aromatizzare in mille modi. Buonissimo!

    RispondiElimina
  17. Patty, che bello questo racconto, mi pare di rivedermi!!! Anche io divento pochissimo credibile in certe occasioni, specie se... si tratta di ricette ;)
    Comunque tranquilla, ti scusiamo tutte eccome, vista la delizia che hai "sfreezerato" dal tuo freeezer, l'hai bistrattato porello, a me sembra abbia fatto più del suo dovere!!!! Insomma io sto tuo gelato me lo magnerei pure adesso, fai te!!! Ti abbraccio e ... avevo letto del tuo contest, ma non sono ferratissima col cinema, se mi viene qualche idea geniale, però... potrei fare la tua fine con L'MTC... mai dire mai, no???
    Baci Any

    RispondiElimina
  18. Ma che meraviglia! Ottimo l'abbinamento ricciarelli e vin santo!

    PS troppo buona la gelateria di Castiglione!

    RispondiElimina
  19. No dico io meno male che sei tornata prima dalle vacanze...guarda che spettacolo di gelato... io amo i ricciarelli alla follia tanto che per Natale devo violentarmi per non comprarli altrimenti li mangio a ripetizione. .... e un gelato ai ricciarelli è goduria allo stato puro! Continua pure la gara finisce domani... Ciao a presto.

    RispondiElimina
  20. Beh mia cara Patty, hai titubato un pochino ma direi che ti è uscito un capolavoro (tra l'altro il gusto Ricciareli l'ho trovato in una fantastica gelateria a Castiglione della Pescaia...). Bravissima anche tu come tutte le altre partecipanti. Ma come farà la Mapi a scegliere? Bacioni

    RispondiElimina
  21. Tu sei lieta di partecipare, io sarò lieta di provarlo appena esco dagli abissi di questo periodo del cavolo!!! Brava Patty Pat, bravissima come sempre. Patty Pat ma tu lo sai che alla mia veneranda età ho scoperto di avere origini senesi e non fiorentine???
    Ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  22. lamentina guarda che bontà che hai tirato fuori :-) avrei voluto partecipare anche io ma ho un prb con il freezer in pratica sta dicendo addio, al ritorno dalle vacanze devo comprarlo e proverò a fare questo buonissimo gelato :-)

    RispondiElimina
  23. Fare il gelato non è facile... ma non mi sembra che ti sia venuto proprio male e poi, con i ricciarelli! Mitica Patty!

    RispondiElimina
  24. Lo dico io che è una droga questo MTC. Ma il bello è proprio che ci fa sperimentare tante cose che semmai pensiamo di non essere nemmeno in grado di fare.
    Hai giocato in casa e si vede. Come vedo quelle bellissime "palline", no di gelato, ma con i colori inconfondibili delle contrade. Le voglio :-D
    Fabio

    RispondiElimina
  25. ecco e dopo questa meraviglia, sarà mica il caso che inizi a farti meno menate e più gelati?? :)))))

    RispondiElimina
  26. no, al gelato non si resiste, ma hai fatto benissimo! che meraviglia!!! e la riduzione al Vin Santo? fantastica!!! :-D

    RispondiElimina
  27. vorrei poterlo assaggiare, m sa che devo farlo...l'idea mi piace molto, anche i ricciarelli e il vin santo.....baci

    RispondiElimina
  28. Sei un genio, w l'incoerenza se questo è il risultato!!! Faccio il tifo per te. Patty! Patty! Patty!

    RispondiElimina
  29. questo non è un gelato, è una meraviglia goduriosissima, amo molto le tue ricette, ma questa volta .....farei quasi tutto per poterlo assaggiare

    RispondiElimina
  30. concordo. la colpa è della Mapi.
    Però, anche tu, quando ti ci metti... e stavolta, ti ci sei messa ben bene, cara la mia ragazza.

    Diabolica, più che mobile
    Penso all'espiazione, mentre svuoto due mobili per il trasloco dell'ultimo sabato di luglio :-)
    grazieee!
    ale

    RispondiElimina
  31. Davvero divino. Non solo sei riuscita nell'intento senza gelatiera, ma l'idea dei ricciarelli e del vin santo mi sembra stratosferica!
    buon weekend
    spery

    RispondiElimina
  32. Sono anch'io una grandissima estimatrice del gelato e dei ricciarelli e l'idea di "fonderli" in un unico gusto è super, mentre la riduzione di vin santo è il tocco da maestro :D

    RispondiElimina
  33. Che meraviglia! Non ho mai assaggiato i ricciarelli di Siena, ma adesso che mi hai parlato di quel vago profumo d'arancio che li caratterizza non posso non provarli! In questo gelato sono sicuramente superlativi, sei bravissima come sempre!
    Un abbraccio, cara Patty, serena domenica!

    RispondiElimina
  34. Tesoro mio, io sono solo contenta che tu non sia stata coerente con le dichiarazioni iniziali: hai tirato fuori una meraviglia attingendo ai prodotti del tuo (splendido) territorio e alla tua fantasia sconfinata.
    Brava, bravissima e... continua ad essere mobile!!!! :-D

    RispondiElimina
  35. lo chiameremo GELATO DONNA MOBILE!!! STREPITOSA!! tu, la tua verve e il tuo gelato....
    ciao
    cris

    RispondiElimina
  36. ma che idea geniale e delicata copioooo subito assolutamente mi è venuta l'acquolina

    RispondiElimina
  37. grande!! io stavolta ho mollato il colpo, anche perchè la panna fresca era introvabile in montagna e cucinare quando si è ospiti di una mamma che si ansiolizza per un nonnulla e che non ama avere troppa gente in giro non è il massimo...
    il gelato ai ricciarelli è spettacolare!! e quelle palline sono bellissime :) un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  38. Brava Patty!!! A volte è impossibile resistere alle tentazioni ;-) !!
    Questo gelato profuma di Siena...mi piace da matti la tua città, ha qualcosa di magico!
    Complimenti ancora!!

    RispondiElimina
  39. E che vuol dire essere mobile? Meglio che essere ferma no!? Ma tu se anche agile, genuina, piena d'inventiva e con delle manine d'oro! Mi stò convertendo al gelato... Sarà dura perché non mi piace ma con proposte del genere chi è che resta indifferente?

    Besosssss

    RispondiElimina
  40. Ciao!
    Grazie per il bel commento sul blog :) IN effetti un giro su di una nave cargo deve essere niente male :) Dovresti leggere "Un indovino mi disse" di Terzani, fa di tutto per muoversi via nave ma non ci riesce, ad oggi la nave non esiste praticamente più: che peccato!!
    Buonissimo il gelato e in bocca al lupo per l'MTC!

    RispondiElimina
  41. al gelato non si può proprio resistere!!!questo poi è golosissimo :)
    a presto!!!

    RispondiElimina
  42. Fare il gelato è difficile. Mangiarlo è facilissimo. E tu sei una forza della natura, cara mia... Lasciatelo dire!!!
    Ma che diamine hai combinato?! Un vero gelato da pasticceria, complimenti bella signora!!!

    Ps: forse ci si vede venerdì, siiiiii!!!

    RispondiElimina
  43. ecco il mio commento non era venuto!!!stupendo questo gelato e soprattutto che voglia anche se siamo di mattino presto!

    RispondiElimina
  44. Non so che altro dire....meraviglioso!!

    RispondiElimina
  45. Ciao Patty. Solo ora ho trovato un po' di tempo decente da dedicare alle risposte ai commenti nel mio blog e ho letto il tuo post.
    Apprendo con piacere dell'arrivo della macchina nuova e vedo che il tuo contest ha scadenza a fine settembre. Mi fa piacere che sia così in là, così posso provare a partecipare.
    Un bacione e a tempi più tranquilli.

    RispondiElimina
  46. complimenti per la tua inventiva, crei sempre ricette golose, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  47. mi salvo dal provare solo perchè sto per partire e l'operazione svuota frigo è già terminata, ma appena torno figurati se nn lo provo! Ciaoooo

    RispondiElimina
  48. Love the untouchables!
    Il tuo inizio mi ha fatto sorridere.... Non ti vedo molto come Al Capone!
    Buonissimo ed oiginalissimo questo gelato! Che buoni i ricciarelli!
    Bacioni
    Terry

    RispondiElimina
  49. Oh, che meraviglia!!!Anche se gelato per me non ne è rimasto..ti seguo così la prossima volta arrivo in tempo per l'assaggio!!

    RispondiElimina
  50. Patty, solo a vedere la foto di un ricciarello svengo :) Col vinsanto poi :))

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...