giovedì 13 febbraio 2014

Rollé di tacchino alla birra e castagne e sto cercando di smettere.

What'd I say - Ray Charles
Beh, ogni tanto consentitemi di postare della carne. 
Ultimamente, a parte la tajine di cinta, la parte carnivora di questo blog langue miseramente.
La verità è che, come spesso sento affermare da accaniti fumatori, "sto cercando di smettere".
Poi capirete che vivendo in Toscana, il proposito si rivela impossibile, specialmente quando si è circondati da un marito appassionato di ciccia ed una figlia che non mangia carne se non è praticamente ancora viva.
Allora il tentativo di smettere si trasforma in una progressiva diminuzione dell'utilizzo, che comunque è una prassi da non sottovalutare.
La carne rossa in casa mia, è riservata ai momenti celebrativi ed alle domeniche di primavera, quando finalmente riusciamo ad utilizzare il nostro barbecue sul terrazzo e per l'occasione scateno il MBM (mad barbecue man di cui ho già parlato qui) che si delizia di preparare strabilianti bistecche di Chianina in maniera impeccabile.
Per il resto io amo la carne bianca, il pollo in pole position (e lo dimostrano la quantità di ricette sull'argomento che trovate in archivio), ma anche il tacchino che se valorizzato a dovere, riserva grandissime sorprese.
In questo caso ho voluto preparare un rollé ripieno di salsiccia e castagne, binomio fantastico e per insaporirlo a dovere mi sono aiutata con dell'eccellente birra.
Nella fattispecie ho avuto la fortuna di scoprire una birra olandese che mi ha grandemente sorpreso.
Sapete che amo la birra e che ne ho parlato spesso in questo blog.
Ho voluto sperimentare un abbinamento con la Bavaria 8.6 Gold, la novità della linea Bavaria. una birra dal colore ambrato e da una gradazione inferiore a quella delle altre birre della casa (siamo sui 6.5%di grado alcolico).
E' dolce al palato e le sue note ricordano il miele, l'arachide tostata ed un latente sentore di camomilla e rosa. Una birra molto femminile direi.
Secondo me perfetta per non emergere in maniera aggressiva sull'equilibrio del piatto. L'utilizzo della birra per la preparazione del rollé, dona morbidezza alla carne, ne preserva i succhi e le conferisce un carattere speciale rendendola particolarmente appetitosa.
La birra usata in cottura delle carni è comunque sempre vincente, come ho già avuto modo di raccontare qui.
Adesso però passerei alla ricetta.
Ingredienti per 6/8 persone
1200 g di fesa di tacchino in un solo pezzo
150 g di rigatino a fettine sottili
2 salsicce di cinta senese o le vostre preferite
300 g di macinato di maiale
80 g di castagne lesse o alla brace (si trovano con facilità anche al supermercato)
1 lattina di 50 cl di Bavaria 8.6 Gold
un ramo di rosmarino
qualche foglia di salvia
sale - pepe q.b.
olio extravergine d'oliva
Con un coltello affilato aprite a libro la fesa. Dovete ottenere un "rettangolo" di carne che non sarà sicuramente regolare in quanto spesso i pezzi di fesa hanno delle parti più sottili o disossate malamente. Siccome non è facilissimo da spiegare senza immagini, vi consiglio di guardare questo video in cui si chiarisce il principio del taglio anche se la carne utilizzata non è fesa ma arrosto.
La dinamica è la stessa solo il pezzo di fesa sarà più grande. E' fondamentale l'ausilio di un coltello ben affilato a lama lunga.
Una volta aperta la fesa, richiudetela arrotolandola su se stessa e mettetela in una ciotola o pirofila in grado di contenerla, versatevi i 2/3 della birra, 3 cucchiai di olio extravergine, la salvia ed il rosmarino.
Coprire con una pellicola e fate marinare non meno di 3 ore o tutta la notte.
Preparate il ripieno mischiando in una ciotola, il macinato di maiale con la salsiccia sbriciolata e le castagne spezzettate grossolanamente. Aggiustate di sale e di pepe.
Togliete la carne dalla marinata, sciacquatela ed asciugatela con cura. Buttate la marinata.
Srotolatela ed appiattitela per quanto possibile con un pestacarne.
Spalmatela all'interno con il ripieno stendendolo con un cucchiaio su tutta la superficie quindi arrotolate con cura la fesa cercando di portare all'interno anche eventuali pezzi di carne che escano sui lati.
Una volta arrotola, avvolgetela interamente con le fettine di rigatino e legatela accuratamente con spago alimentare in modo da ottenere un bel rotolo compatto.
Sistemate su una pirofila che possa accogliere il rotolo nella sua lunghezza, bagnatelo con la birra rimasta ed irroratelo con un filo d'olio extravergine.
Mettete in forno preriscaldato a 180° e cuocete per c.ca 1h15.
Considerate che più o meno ci vuole un'ora di cottura per ogni chilo di carne.
A metà cottura girate il rotolo e periodicamente bagnatelo con il suo fondo.
Per controllare la cottura, pungete la carne con uno stecchino e se la carne rilascia del succo trasparente, allora è pronta.
Fate raffreddare un pochino prima di affettarla. Prendete i succhi di cottura, filtrateli e serviteli caldi sulle fettine di rollé.
Servite con il contorno che preferite ed accompagnato da un bel bicchiere di birra Bavaria 8.6 Gold.






48 commenti:

  1. Patty mi confesso: odio il tacchino!
    Lo so riconoscere anche fritto e sì che sostengo da sempre che fritta è buona anche una ciabatta! Ma il tacchino...proprio non ce la faccio! :)
    Però come te amo il pollo in tutte le sue forme! Il top?? Quando lo faccio arrosto con i classici ottomila contorni all'inglese!
    E abbiamo pure un'altra cosa in comune: l'homo barbecuorum! In famiglia ne ho addirittura 3! :D
    Ciao bellezza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohh e quali sarebbero questi contorni all'inglese? Complimenti per gli homines barbec.

      Elimina
    2. Beh, di persone che non amano il tacchino ne conosco diverse. Però che ci posso fare, a me piace un sacco...anzi, sono una sostenitrice della Tacchinella ripiena a Natale...pensa un po' tu! Ma ti perdono lo sai, no?
      PS - li voglio sapere anche io i contorni...

      Elimina
    3. Ho visto solo ora!!
      Di solito faccio patate al forno (prima bollite 10-12minuti, scolate, sbattute un po' in pentola in modo che facciano una polverina in superficie, olio sale rosmarino e in forno assieme al pollo: strepitose), carote sempre al forno cosparse di succo d'arancia, pisellini al burro con un po' di cipollotto e lattuga, yorkshire puddings e ovviamente la salsa gravy che ricavo dal fondo di cottura! Voi fate anche qualcos'altro??

      Elimina
  2. Riservare la carne per le feste e l'occasioni com'era "una volta" è un buon compromesso mi pare...
    Questo è un ottimo piatto!
    ciao Su

    RispondiElimina
  3. Ma perchè smettere di presentarci cotanta delizia? non ci pensare nemmeno eh! :-) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che vuoi, sarà difficilissimo...alla fine sono carnivora senza speranze!

      Elimina
  4. Ma tu pensa se deve arrivare una senese a consigliarmi una birra olandese che, a questo punto, non posso non assaggiare...certo ci vorrebbero un paio di fette di questo arrotolato per apprezzarla davvero....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh...in realtà quando si parla di birra, con me sfondi una porta aperta! L'arrotolato però è finito! Un bacione mia cara.

      Elimina
  5. Una vera toscana come te non può privarsi della carne!!! Come la preparate voi non la prepara nessuno, siete insuperabili!!!
    Qui a casa nostra si attende con ansia il primo sole per accendere la griglia in giardino!!!
    Devo dire che tu non ci deludi mai, che sia un primo, un secondo o un dolce... la garanzia che sia un ottimo piatto non manca mai!!!!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Morena, sei un tesoro...ed hai ragione, qui la carne garba troppo! ;)
      Bacione.

      Elimina
  6. Ahimè...io sono proprio come tua figlia!!!
    Però amo molto anche le carni bianche che in assoluto sono le preferite dai miei tre nanetti...questa ricetta mi ha dato mille spunti a partire dallla birra che ora mi toccherà cercare!!! Davvero buonissimo!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, se lo provi fammi sapere. Abbraccione!

      Elimina
  7. Capisco che si debba limitare la carne, soprattutto la carne rossa, ma cara Patty, come si può pensare di smettere guardando una cosa del genere! Provalo a fare di tofu sto rollè!!!
    Comunque la carne bianca con la birra si sposa alla perfezione e poi sono un fan delle birre ambrate!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, Marco, parole sante. Lasciamo che il tofu faccia il tofu e il rollè il rollè... voglio dire: non mangi la carne, va bene. Ma perché devi far finta di mangiare le stesse cose? La sfida dovrebbe essere inventare un'alimentazione diversa, non usare dei surrogati.

      Elimina
    2. Se uno fa un rollè di tofu è perchè vuole fare un rollè di tofu però, non per forza vuole ricordare quello di carne, anzi ;) il tofu andrebbe quindi mangiato solo tirato fuori dalla vaschetta di plastica ancora ghiaccio?! :D neanche metterlo sulla griglia magari perchè in quel modo si fa il pollo??

      Elimina
    3. ahahahaah, mi fanno morire i vostri interventi! Mi piace questo botta e risposta....Fatelo sempre per cortesia! Vi adoro!

      Elimina
  8. Ciao Patty, io sono solita consumare spesso le carni bianche, mentre il consumo di quelle rosse è abbastanza limitato (anche se mio marito vorrebbe che cucinassi più volte la carne rossa, sostiene infatti che 'anche questa ci vuole')..comunque ogni tanto la preparo ma certamente non con la frequenza delle carni bianche:)
    il tuo rollè è meravigliosamente invitante e sicuramente buonissimo, mi piace molto questa ricetta, la devo assolutamente provare:) grazie mille per averla condivisa:)
    un bacione!!!:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Rosi, è una delle tante versioni del rollé di tacchino. Secondo me si presta moltissimo...Fra poco sarà primavera e con le verdurine primizie sai che bontà? Un abbraccio!

      Elimina
  9. Con le tue foto riesci a rendere bello e invitante anche il rollè di carne che sarà sicuramente buono ma per nulla fotogenico, un abbraccio a te e alla tua splendida terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio mia cara, ma se ti dico che a me quelle foto non piacciono per nulla? Sono sovraesposte e mosse...ma l'ho fatte di corsa in una posizione che non ti sto a raccontare...se ti piacciono mi sorprende e ti ringrazio tanto. Baci

      Elimina
  10. Bella ricetta! L'abbinamento con le castagne mi ispira... io mangio pochissima carne, però questo ispira...

    Cristina
    The Style Avenger

    RispondiElimina
  11. A casa mia la birra non manca mai ;-) e questo rotolo ha l'aria di andare a genio al Martirio e pure ad Arc.
    Mi sa che mi ci cimenterò presto.
    Bello leggerti, come sempre.
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaahah....lo so che tu nella birra ci fai il bagno! Sono felice che ti piaccia la ricettina. E' facilissima alla fine...e la carne se vuoi, te la può i far aprire dal macellaio. Baci Norina.

      Elimina
  12. Anche io sto cercando di disintossicarmi e sopratutto di disintossicare la famiglia, che come la tua preferisce mangiare la mucca che muggisce ancora…
    Però, almeno una volta alla settimana la DEVO fare… e questa mi sembra una ricetta che può piacere anche a me!
    Be' la birra la devo proprio sostituire, ma cercherò un vino altrettanto aromatico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh..lo so, pensa che volevo postare questa ricetta per il tuo Venerdì gluten free ma la birra me lo ha impedito. Però stai pur certa che con un buon vino bianco viene buona lo stesso!
      Un bacio mia cara.

      Elimina
  13. Non la fai spesso ma quando ti ci metti Patty... che rollè spettacolare!
    Baci

    Laura

    RispondiElimina
  14. Io non amo particolarmente il tacchino, che trovo pure un po' indigesto (non mi spiego il perché).. però nel rollé dà il suo meglio, se poi ci metti salsiccia, castagne e birre, allora non ci sono storie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che strano...eppure è una carne così leggera! Boh, questo comunque ti piacerebbe! Baci tesoro.

      Elimina
  15. Il matrimonio salsiccia-castagne è veramente riuscito: anche qui da me a Natale non ha suscitato - come temevo - critiche e riufiuti, ma è satto molto apprezzato (forse perchè ai miei ospiti ho svelato gli ingredienti del ripieno della faraona solo dopo che l'hanno mangiato, chiedendo anche il bis.....)
    Il connubio della carne con la birra invece lo devo provare.
    A presto,
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carne e birra si amano Claudette, credimi! Un bel bacione

      Elimina
  16. Per fortuna che la tua famiglia riesce a farti ancora ragionare! ;) lo sai che gli estremi non vanno mai bene, da nessun lato li si guardi! un bacio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te cara Serena. Un bel bacione.

      Elimina
  17. Dunque: carne. Poi castagne. Infine rosmarino. Ma perché smettere??????
    A meno che non sia per quella noiosissima questione di salute... spero proprio di no.
    Nulla in frigo mi permette di preparare questa delizia, mi consolerò stappando una bottiglietta di birra biologica, l'unica provvista in casa che ci si avvicini (furba, eh?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaah....accontentati della birra...ma quando deciderai di fare il tacchino, cerca di avere un bel po' di amici intorno alla tavola, perché per te da sola la vedo impegnativa (o lo mangi per una settimana di fila!). Bacione carissima

      Elimina
  18. Sostengo a piè sospinto l'essere onnivoro, in maniera sana, in maniera sostenibile ecologicamente e socialmente, con tutte le accortezze del caso, ma onnivoro for ever e quindi...si mangia carne!
    Non amo il tacchino, come non amo altre carni, però amo moltissimo il pollo.
    Questa ricetta è comunque stupenda, profumi e sapori che si integrano alla perfezione, nonostante la birra per me sia off limits.
    Sorrisi per te :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie mille...come vedi ci sono molte che non amano il tacchino...ognuno ha i suoi gusti e sono sacri. Un abbraccione, Pat

      Elimina
  19. tanta ammirazione per questo splendido rollè!!! con castagne poi! mi hai fatto venire una fame!! veramente un capolavoro!!

    RispondiElimina
  20. No no no che non è impossibile! Io a Firenze, ce la faccio benissimo, alla faccia della Fiorentina e del lampredotto ;)
    un pacione Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Peanut, infatti è tutta questione di forza di volontà...ed io ne ho molto poca purtroppo! Un abbraccione

      Elimina
  21. Ciao Pat, questo rollè è così invitante che l'ho segnato fra le numerose ricette "da fare"!
    La Toscana è stata la mia seconda casa per anni, per via del lavoro. La giravo tutta, da Lucca a Siena, e la carne migliore della mia vita l'ho mangiata lì!
    Per fortuna da Genova siamo vicini, e anche quest'Estate siamo tornati in vacanza (con gioia del maritino che si è mangiato un bel po' di bisteccone!)
    Ce ne sarebbero di cose da dire sulla tua splendida Regione, prima o poi arriva un post, mica pensavi che mi fossi innamorata solo di Trieste!! ;-)

    RispondiElimina
  22. Che bello il commento che mi hai lasciato Pat, ti ho risposto sul mio blog. Grazie.

    RispondiElimina
  23. Fantastico Patty!
    Io non amo molto la carne e tra l'altro non mi riesce nemmeno farla, ma questa idea di accostamenti mi ispira molto!

    RispondiElimina
  24. Adoro l'arrosto di tacchino e questo ripieno mi sembra perfetto!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...