venerdì 2 maggio 2014

Pappardelle di primavera con bottarga di muggine per la Cucina dell'Extravergine

It's raining again - Supertramp
Alla fine mi sono dovuta rassegnare.
Questo mese dopo tanto tempo ho dovuto saltare l'MTC il cui tema era il Quinto Quarto.
Con tutto che sono anche piuttosto restia sull'argomento, avevo però in mente una bella ricetta di cui le pappardelle in oggetto sarebbero state protagoniste. Gli ingredienti fondamentali però, non li ho trovati.
Pare che le creste di gallo dalle nostre parti siano cosa sconosciuta.
Bah, terrò quell'idea nel cassetto e cercherò di realizzarla quando riuscirò a reperire tutti gli ingredienti, Le pappardelle le avevo fatte, fiduciosa fino all'ultimo che qualcosa avrei combinato.
Dopo l'ennesima telefonata negativa del consorte in spedizione alla ricerca dell'ingrediente perduto, ho dovuto decidere cosa cucinare per il pranzo di domenica.
La pasta ormai era pronta, quindi mi sono improvvisata un semplice ragù di verdure primaverili irrobustito da una bella grattugiata di bottarga di muggine deliziosa dimenticata in frigo vergognosamente.
Pisellini freschissimi, zucchine mignon e bottarga a pioggia.
Il tutto accompagnato da un olio extravergine Molisano tipico di Venafro, provincia di Isernia.
Per la Cucina dell'Extravergine, questa volta ci spostiamo in una delle regioni più piccole e meno conosciute della penisola.
Un luogo a cui sono legata e di cui ho parlato spesso in questo blog. Una regione che avrebbe bisogno di essere ampiamente promossa perché al suo interno riserva delle incredibili sorprese e mantiene a tutt'oggi delle aree ancora vergini e legate alla tradizione del passato. A partire dalla sua straordinaria cucina.
Ma di questo parlerò prossimamente in un nuovo post.
Intanto vi lascio questa ricetta estremamente facile se non fosse per il tempo necessario a preparare la pasta. Ogni tanto si può e si deve fare la pasta fresca, per non perdere la mano, per rendere felice il nostro palato, per fermare il tempo. Che aspettate?
Nel frattempo, date un occhiata alle ricette realizzate dalle mie compagne di avventura:
Risotto con mousse di melanzane e pomodori Pachino di Stefania Cardamomo & Co 
Spaghetti al pomodoro di Teresa Scatti Golosi
Pane carasau home made con tartare di avocado di Sabina Cookn' book
La pappardella è un formato di pasta lunga che ancora non avevo pubblicato ma che in Toscana è molto amata.
La larghezza del nastro di pasta è c.ca di 1 cm e mezzo e la sottigliezza della sfoglia a vostro piacere, ma dipende soprattutto dal tipo di condimento che andrete ad usare.
Su condimenti di carne importanti, come un bel ragù toscano, a me piace "sentire" la pasta, che lascio un po' più spessa.
Questa volta l'ho tirata piuttosto sottile visto il condimento delicato e fresco.
Ingredienti per 4 persone
Per le pappardelle
300 g di farina 00
100 g di semola rimacinata Senatore Cappelli
4 uova intere medie
1 cucchiaio generoso di olio extravergine tipico di Venafro
un pizzico di sale
Per il ragù di verdure
1 porro grande
250 g di pisellini novelli
3 zucchinette fiore piccole e sottili
1 ciuffo di prezzemolo
olio extravergine tipico di Venafro
sale - pepe bianco
bottarga di muggine da grattugiare
Preparate la pasta in anticipo: mettete a fontana le due farine miscelate. Rompetevi al centro le uova, aggiungete l'olio ed il sale e cominciate a mischiare le uova con una forchetta incorporando molto lentamente la farina. Quando al centro si sarà formata una pastella piuttosto densa, cominciate ad impastare con le mani per incorporare il resto della farina ed ottenere una palla.
A questo punto dovrete lavorare con energia la pasta, usando i polsi e piegando la pasta su se stessa ogni volta, cercando di non stracciarla né stirarla aggressivamente.
Deve essere un massaggio energico ma rispettoso delle fibre dell'impasto, che andrà sempre richiuso su se stesso. Quando la pasta sarà liscia ed omogenea (non dovrà mostrare quindi una superficie a buccia di arancia ma bella liscia), quindi non prima di 10 minuti di lavoro, la avvolgerete nella pellicola trasparente e la lascerete riposare tranquilla, almeno 30 minuti o più.
Più riposerà e più riuscirete a stenderla con facilità usando il matterello.
Se non siete esperte dell'uso del matterello, potrete usare la macchinetta tira pasta, ma vi perderete così la magia di questo momento.
Io ripeto la routine di mia nonna Emma, che ricavava belle sfoglie rotonde e le lasciava asciugare sulle tovaglie stese sul suo letto matrimoniale. Io le ho semplicemente appoggiate sulla spalliera del mio divano, coperta da una tovaglia.
La pasta va poi arrotolata su se stessa e tagliata allo spessore indicato.
Una volta pronte le pappardelle, spolveratele con un po di semola e lasciatele asciugare su un canovaccio fino alla cottura.
Pronte le pappardelle, preparate il condimento.
Affettate sottilmente il porro e fallo cuocere a fuoco molto dolce in una larga padella antiaderente con due o 3 cucchiai di olio extravergine tipico di Venafro.
Quando il porro sarà bello morbido e cotto (se necessario aggiungi un po' d'acqua durante la cottura), ovvero dopo c.ca  5 minuti, aggiungi i pisellini freschi e sgusciati. Se sono di buona qualità, non ti richiederanno troppo tempo per cuocerli. A me sono bastati una decina di minuti.
Dopo c.ca 7 minuti, ho aggiunto le zucchine affettate sottilmente ed ho proseguito la cottura.
Via via che le verdure cuocevano, ho aggiunto del brodo vegetale fatto con le bucce dei piselli, una carota ed una cipollina fresca, preparato in precedenza. Voi usate il vostro o anche semplice acqua calda.
Salate (con giudizio perché la bottarga è molto salata) e pepate a fine cottura quindi cuocete la pasta in abbondante acqua calda. La cottura delle pappardelle è veloce. Basteranno c.ca 5 minuti.
Toglietele un po' al dente e saltatele con il ragù di verdure ed un po' di acqua di cottura.
Impiattate, grattuggiatevi sopra abbondante bottarga ed irrorate generosamente con olio extravergine di Venafro.




16 commenti:

  1. Patty, mia figlia le ha viste adesso e ha detto… uhhhh che buone! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah. Intenditrice di una figliolina! Un bacione

      Elimina
  2. come sono sottili! senza l'uovo non dev'essere facile e sono molto molto invitanti,
    ciao Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O mamma. Mi era venuto un dubbio e sono andata a controllare gli ingredienti pensando di averle dimenticate. Ma le uova ci sono, eccome. E' una sfoglia tradizionale...anche se ho fatto di recente dei maltagliati di sola semola, buonissimi. Ciao cara.

      Elimina
  3. Che bellezza, e tutta questa primavera nel piatto mi fa desiderare tanto quel sole e tepore che tardano ad arrivare qui sui monti.
    La bottarga l'ho scoperta di tonno, avvicinandomi a quella di muggine solo in seguito e direi che ci sta divinamente con questi sapori freschi. Equilibrato e delizioso, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LA bottarga di muggine è speciale. LA sperimenterò presto su altri piattini. Un caro abbraccio.

      Elimina
  4. Buone...se trovo la bottarga le faccio domenica ;)
    buona giornata ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le fai, fammi sapere. Ciaoooo

      Elimina
  5. Mi hai ricordato che è un secolo che non faccio la pasta all'uovo. Tu aggiungi alla farina normale anche la semola rimacinata; la pasta viene senz'altro più buona ...ma quando l'ho fatta io è stata una gran fatica di braccia e di polsi per impastarla! Anche a me la pasta all'uovo piace un po' altina da poterla sentire bene sotto i denti. Le pappardelle più buone le ho mangiate al mio matrimonio a Cortona col sugo alla lepre (che bei ricordi...)!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, credimi non è stato così faticoso. Io ho tirato la sfoglia a mano. La semola sono solo 100 g su 400 totali quindi questo non indurisce l'impasto, inoltre dipende dalla quantità di ingredienti liquidi ed è probabile che nel tuo caso le uova siano state un po' piccoline. La pasta va comunque sempre fatta riposare almeno mezz'ora, ma più riposa e più è facile tirarla. Credo che dovresti buttarti ancora e cancellare quel ricordo negativo. Un bacione grande caro Andrea.

      Elimina
  6. La pasta all'uovo è sempre così "confortante" oltre che buonissima. E la semola accentua ulteriormente il suo carattere familiare. Speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna. E' vero, la pasta in qualsiasi suo formato, è un cibo di grande conforto quando preparato con le proprie mani. Ed io, lo confesso, amo la semola.
      Un abbraccione

      Elimina
  7. Finalmente riesco a passare e a leggere e a vedere il tuo post e la tua ricetta. Passare di qui mi dà sempre molta voglia di restare, di continuare a leggere e di sapere sempre di più. E questa ricetta mi piace tantissimo, sa di casa, di famiglia e di una piccola regione sconosciuta che non vedo l'ora di scoprire con te <3

    RispondiElimina
  8. meraviglia delle meraviglie che bella pasta fatta in casa, in questa preparazione squisita!

    RispondiElimina
  9. Ciao Patty mi spiace sapere che poi non ce l'hai fatta a partecipare all'MTC ma sono certa che ti rifarai alla prossima sfida.. e poi tu l'hai già vinto l' MTC...lasciaci almeno l'illusione di poterlo vincere! ;-)
    Comunque questo piatto di pasta mi pare di molto bono! anche se come dici tu un pò arrangiato io credo che abbia soddisfatto ampiamente il palato domenicale...se per caso te ne fossero avanzate un pò di queste pappardelle fammi un fischio che te le cucino io!
    Se vuoi passare da me c'è una nuova rubrica per sorridere con un sondaggione, c'è solo da votare...passa che ti aspetto.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  10. Sapessi quanto mi piacciono queste verdure primaverili! Sono veramente un condimento squisito, con l'olio giusto. E la bottarga poi, la mangerei a lecca lecca. Complimenti per le pappardelle a mano.

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...