domenica 23 ottobre 2016

Le mie tapas del cavolo per l'Mtc #60

Karta kancion - Ketama
Questo è un post del cavolo.
Un po' come la mia vita in questo periodo, dove non c'è una sola cosa che sia al posto in cui dovrebbe stare e dove la sensazione principale è quella di essere seduta su una macchina sportiva guidata a tutta velocità da un pazzo senza patente: alla prossima curva ti aspetti di volare di sotto!
Che alla fine potrebbe non essere una prospettiva malvagia.
Ma lasciamo stare.
Diciamo che se questo post è qui, è solo perché voglio troppo bene a Mai per non onorarla nel mese della sua vittoria. (psss...la canzone è dedicata a te <3)
Per settimane, dal momento in cui la sfida è stata annunciata con uno schioccare di nacchere: "TAPAS!", mi si è spento l'ultimo neurone ancora vitale ed è calata una saracinesca bianca e spessa.
Ma che tapas e tapas...Le tapas sono l'anticamera della festa.
Lo so bene.
Per tutto il tempo che ho potuto trascorrere in Spagna, da nord a sud un unico comune denominatore: in piedi o seduti, il cibo si condivide festosamente e serve a stimolare la conversazione, magari davanti ad un bel boccale di "clara" (perché sennò mi gira il capo), prima di muoversi verso nuove e esaltanti avventure.
Quando invece si ha poco da festeggiare, si perde brio e fantasia e mi dispiace dire che questa è una delle sfide per me più difficili a livello emozionale.
"Ecchecavolo" mi sono detta. Non sia mai che passo.
Anche se devo prepare delle ricette del cavolo, io ci sono.
Intanto, ho finalmente capito la differenza tra tutti quei piattini che si profilano sui banconi dei bar spagnoli.
Adesso non farò più gaffes, come quella volta che una guida spagnola mi invitò a prendere una tapas al bar mentre aspettavamo che il gruppo tornasse dallo shopping sfrenato.
All'entrata, il mio sguardo cadde sul mezzo metro di briciolame, scontrini, tovaglioli e varie amenità ai piedi del bancone.
Io guardai il mio ospite con la faccia leggermente disgustata e lui, ridendo mi disse: "ma che sei matta? Qui si pulisce solo alla fine del servizio. Più sporco c'è per terra, più il locale più dirsi apprezzato e frequentato...diffida sempre dei bar troppo puliti!"
E dopo questa perla di saggezza spagnola, passiamo alle mie tapas del cavolo!
Le Tapas vanno distinte in tre tipologie, come bene ci ha spiegato Mai nel suo meraviglioso post.
LAS TAPAS: Tutto ciò che si serve in un piattino e la cui fruizione necessita di una forchetta o cucchiaio.
Mai prenderle con le dita, anatema!
Inoltre possono essere costituite da avanzi "rimaneggiati" per l'occasione.
Insomma: la mezza scodella di ribollita che vi avanza in frigo, scaldata e servita in bicchierini diventa una tapas gagliarda!
LOS MONTADITOS: Tutto ciò che è servito su una fettina di pane. Fresco, tostato, morbido, croccante, non importa. Basta che sia la base d'appoggio dell'universo che vorrete montarci sopra.
E' il cugino iberico del crostino: noi toscani lo sappiamo bene!
LOS PINCHOS: Qui si entra nella raffinatezza. Lo pinchos sono bocconi di qualsiasi delizia, infilzati in uno stecchino. Si portano alla bocca solo e soltanto con l'ausilio di un oggetto a punta unica, bandita la forchetta.
E' chiaro come il sole, che la polpetta qui viva il suo momento di trionfo, ma non si disdegnano souvlaki e spadini caricati di impossibile.

E fin qui ci siamo. Spero che la distinzione sia definitivamente chiara a tutti.
Io ho seguito pedissequamente i dogmi Esteveziani e mi sono votata al cavolo, che è un po' il mantra che riverbera nella mia testa da qualche mese a questa parte: "col cavolo che ce la faccio".
Stranamente funziona per tutto, dalla ricetta alla richiesta impossibile.
Prima mi mortifico con la paura ed il senso di incapacità, poi chiudo gli occhi e muovo il primo passo nel vuoto.
Finisce sempre che lo strapiombo è al piano terra!

VENIAMO ALLE RICETTE!

Tapas - Tortino di verza con gli zoccoli (Com'era verza la mia valle!). 
Un tortino che ricorda certi piatti altoatesini o austriaci, ma con un tocco italiano che non guasta mai (questo me lo ha insegnato la mia mamma).

Ingredienti per 4/6 persone
700 g di patate a pasta bianca
200 g di verza
1 uovo
50 g di Emmental grattugiato
50 g di parmigiano grattugiato
80 g di rigatino di pancetta dolce in una sola fetta
1 spicchio d'aglio
Olio extravergine Trevi Dop.
sale - pepe nero macinato al momento
un nulla di noce moscata

  • Lavate bene le patate e lessatele con la buccia in abbondante acqua fredda. Fatele cuocere 30 minuti dal momento della bollitura. Quindi sbucciatele e passatele allo schiaccia patate.
  • Fate bollire abbondante acqua quindi, dopo avere lavato le foglie di verza ed eliminato la costa centrale, tuffate nell'acqua e fatele cuocere per 5 minuti. Scolatele e sistematele su un canovaccio in modo che perdano l'acqua in eccesso. Affettatele in striscioline larghe un cm. ed aggiungetele alle patate in una larga ciotola. 
  • Tagliate la fetta di rigatino a dadini di 1 cm di spessore. Fate rosolare bene il rigatino fino a che non sia croccante. Scolatelo dal grasso che avrà rilasciato ed asciugatelo bene in carta assorbente. Versatelo poi nella ciotola insieme alle patate ed alla verza. Il rigatino croccante utilizzato in questa maniera è "lo zoccolo". 
  • Aggiungete a questo punto i formaggi, il sale, il pepe e la noce moscata e mescolate il tutto.
  • Incorporate l'uovo leggermente sbattuto e mescolate bene fino a che l'impasto sia ben amalgamato. 
  • In una padella antiaderente, fate scaldare un filo d'olio con uno spicchio d'aglio e fate insaporire bene l'olio, quindi eliminate l'aglio ed aggiungete l'impasto, livellandolo bene con un cucchiaio, schiacciandolo sul fondo. 
  • Fate cuocere a fiamma vivace per 6/7 minuti per lato, in modo che si formi una bella crosticina. 
  • Sistemate sul piatto di portata e tagliate a losanghe. Servite ben caldo. 

Pinchos di cavolo nero e farro della Garfagnana con Pecorino di Pienza su hummus di cannellini - (Ecchecavolo) - Questa è casa mia e come al solito ho difficoltà a staccarmi da lei, dalla mia Toscana. Un tocco esotico in un hummus toscanizzato, che mi è garbato moltissimo.
Le polpettine sono molto gustose e l'amaro del cavolo uno spunto davvero accattivante.
L'idea del farro tritato come elemento aggregante è un piccolo scherzo a chi si aspetta di trovarci del macinato di carne.
La crosticina che si forma all'esterno crea dipendenza.

Ingredienti per 4/6 persone

Per i Pinchos
200 g di Farro della Garfagnana
150 g di cavolo nero (peso al netto dello scarto)
1 porro
1 uovo
3 cucchiai di pan grattato
80 g di Pecorino di Pienza stagionato, grattugiato
Sale - pepe nero macinato fresco
Olio Extravergine Chianti Dop
Sale in fiocchi per rifinire

Per l'hummus di cannellini
200 g di cannellini lessati e scolati della loro acqua di cottura
Il succo di mezzo limone
80 ml di Olio extravergine Chianti Dop
un cucchiaino generoso di salsa tahini chiara
un pizzico di semi di cumino
sale - paprica dolce per rifinire

  • Preparate subito l'hummus che potrete fare riposare nel tempo che realizzerete i pinchos, in modo che tutti i sapori si amalgamino bene.
  • Mettete i cannellini che avrete preparato secondo il vostro modo abituale, in un bicchiere per mixer a immersione o nel robot con la lama. Aggiungete il limone, l'olio extravergine, la tahini, le spezie ed il sale e frullate emulsionando fino ad ottenere un composto cremoso.
  • Assaggiate ed aggiustate di sale ed eventualmente, se ritenete, aggiungete ancora del succo di limone e dell'extravergine. La crema deve essere vellutata e morbida e perfettamente omogenea. 
  • Una volta pronta, coprite il tutto con una pellicola e tenete da parte al fresco. 
  • Fate bollire una casseruola con abbondante acqua salata e cuocete il farro per 20 minuti (o secondo le indicazioni riportate in confezione). Scolatelo bene quindi passatelo sotto l'acqua fredda e allargatelo su un piatto piano in modo che si raffreddi velocemente. 
  • Pulite bene il cavolo nero, privandolo della costa centrale e dei gambi, quindi lavatelo ed asciugatelo. 
  • Tagliatelo a julienne con un coltello molto affilato.
  • Affettate il porro sottilmente quindi fatelo passire con un filo d'olio in una larga padella. Aggiungete dell'acqua per non farlo bruciare. Cuocete per una decina di minuti.
  • Aggiungete adesso il cavolo nero e mescolate bene per fare insaporire. Salate e versate dei mestolini di acqua calda e coprite. Fate cuocere almeno 15 minuti a fiamma dolce, mescolando via via e controllando la cottura. Dovrà essere leggermente al dente. Fate raffreddare.
  • Una volta freddo, prendere il farro e mettetelo in un mixer con la funzione pulse. Frullatelo per qualche istante per ottenere delle grosse briciole. Versatelo in una ciotola capiente. 
  • Aggiungete il cavolo nero, il formaggio, il pane grattugiato, sale e pepe e mescolate bene per amalgamare. 
  • Versatevi l'uovo sbattuto e mescolate prima con un cucchiaio, poi con le mani per amalgamare perfettamente gli ingredienti. 
  • Ricavate delle polpettine grosse come una noce e friggetele in olio extravergine profondo, fino a che non prenderanno un bel colore dorato e si sarà formata una crosticina croccante. 
  • Mentre le polpettine friggono, predisponete dei bicchierini in cui verserete l'hummus di cannellini fino a metà bicchiere. Spolverateci sopra un pizzico di paprika dolce. 
  • Scolate le polpettine su carta assorbente. Cospargetele con una macinata di sale in fiocchi quindi infilzatene un paio su ogni stecchino e servitele ben calde con il loro hummus. 

Montaditos con brown bread, salmone selvaggio, broccolo romanesco e stracci di bufala (So' cavoli tuoi) - L'idea è partita dalla sorpresa che ho avuto assaggiando della bufala con il broccolo romanesco: un'epifania.
Uno degli abbinamenti più entusiasmanti provati negli ultimi tempi. Così, andando a ritroso, ho pensato di abbinarci un pane con una punta di dolcezza, come il brown bread irlandese, a cui ho aggiunto delle noci per la croccantezza ed un che di tostato e amarognolo.
Il brown bread chiama il salmone a gran voce ed alla fine salmone, broccolo e bufala si gettano in un festino orgiastico!

Ingredienti per il brown bread di cca 800 g (stampo cake da 1 litro)
350 g di farina integrale macinata a pietra
50 g di farina 0
50 g di noci sgusciate
2 cucchiai di semi di girasole
1 cucchiaino raso di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino raso di sale
1 cucchiaino raso di brown sugar o muscovado
1 cucchiaio colmo di melassa
2 cucchiai di olio di semi di mais
1 uovo grande sbattuto
400 ml di latticello

  • Accendete il forno a 200°
  • In una larga ciotola versate tutti gli ingredienti secchi, comprese le noci sbriciolate grossolanamente (tenetene da parte una manciata) ed i semi di girasole, e con una frusta miscelate il tutto in modo da eliminare grumi.
  • In una ciotola più piccola versate il latticello, l'uovo, la melassa e l'olio e mescolate con una frusta fino a che non avrete un composto cremoso
  • Fate la fontana con la farina e versavi al centro i liquidi. Mescolate bene con un cucchiaio di legno fino a che non otterrete un composto omogeneo e appiccicoso. 
  • Versate il tutto nello stampo foderato con carta da forno e livellatelo con una spatola. Con un coltello affilato e bagnato, fate un incisione profonda al centro della lunghezza. 
  • Fate cuocere per 1 ora. Alla prova stecchino, questo dovrà uscire pulito e asciutto. Il pane una volta battuto sul fondo, dovrà suonare a vuoto. 
  • Sformatelo e fatelo raffreddare su una griglia. Si conserva per 5/6 giorni avvolto in una pellicola. 
A parte la preparazione del pane, che potrete fare anche il giorno prima e magari tostarlo un po' prima di utilizzarlo, questa ricetta non prevede grandi sforzi e si realizza velocemente. 
Anche sulle dosi sono andata "a sentimento", perché per 4 persone vi basterà una bufala da 150 g, neanche due etti di cimette di broccolo romanesco sbollentate 7/8 minuti e condite con extravergine e aceto balsamico, e dell'ottimo salmone selvaggio, che più che lo sforzo di aprire la confezione, non dovrete fare altro. 
Il classico morso da dare con una mano che regge il tovagliolo sotto il mento perché il rischio "frana" è in agguato.  
Non per nulla è un montadito "So cavoli tuoi"! 

Una prece per Paolo Picciotto che ovviamente non leggerà questo post: nessun impegno nelle foto. La pretesa di cucinare 3 tapas nell'arco di 3 ore e fotografarle contemporaneamente in cucina, l'unico ambiente in cui c'è luce (anche troppa), dopo che l'intero spazio finisce per assomigliare più ad un campo di battaglia in cui emergono pile di suppellettili sporche e resti umani (i miei), è una mera illusione. 
Ti adoro Paolo perché sei fonte di stimoli e sfide a cui risponderò, un giorno. 
Ma stavolta mi sento tanto "casalinga disperata". I miei rispetti. 

E con queste proposte e calientissimo amor por mi trocito de tia (MAI), partecipo alla sfida #60 sulle Taps Mtc 


33 commenti:

  1. La conosco questa sensazione, Patti, e spesso è quella che ci paralizza nel vedere solo gli aspetti negativi di una situazione e non le infinite porte che può aprire. Arrivano gli "E che cavolo", uno dietro l'altro, fino a che non diventano "E che cavolo, non devo fermarmi. Devo reagire e prendere il meglio". Io ho fatto così e mi si è aperto un mondo. Tu lo hai fatto in cucina e hai aperto un mondo di sapori (e di idee). Mi piace tanto quella sorta ribollita da mangiare con uno stuzzicadenti e mi piacciono molto le proposte: il lato buono di quel "E che cavolo!" ;) Buona domenica :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, grazie per le tue parole. Di natura sono molto combattiva, lo sono sempre stata. Reagisco non diventa molto più difficile quando le preoccupazioni non sono rivolte a me stessa. La cucina aiuta: è una grande distrazione, un elemento che spinge alla catarsi. Grazie al cielo c'è lei. Un abbraccio cara Paola e grazie.

      Elimina
  2. Tu riesci sempre a tirare fuori delle bellissime cose, e spero che cucinare per l'MTC ti abbia regalato qualche ora di serenità. Bellissime proposte, tra tradizione e originalità come tu sola sai :-)
    Un abbraccio e buona domenica cara Patty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente. Non l'avrei fatto se non avessi saputo che pensare a queste tapas e realizzarle mi avrebbe sollevata per un momento dai pensieri. Ti abbraccio cara Alice, sei sempre un tesoro.

      Elimina
  3. Da bambina mia mamma pronunciava le parole "cavolo broccolo o farro" e io frignavo e andavo a letto senza cena. Adesso che me li hanno tolti categoricamente dalla dieta li sogno li bravo li anelo! Quindi capisci bene che per me le tue tapas sono un sogno fatto cibo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre così Marina: solo quando certe cose ci mancano, che capiamo quando siano state importanti.
      Ma davvero non puoi più mangiarle?
      Un bacione grande.

      Elimina
  4. Il cavolo è buono e fa bene, quindi altro che ripiego! Come sempre, hai centrato la sfida alla grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cavolo è buono, fa bene e mi piace assai. Sei molto cara. Un bacione grande.

      Elimina
  5. e per fortuna non eri in vena!! Ti scocca la scintilla imprecando, fantastica!!
    Mi piacciono tutti ma soprattutto i pichos eccheccavolo, adoro il cumino nei cavoli, bella polpettina hai fatto, la copierò sicuramente, sono gusti provati insieme ma non cosi apporpettati (alla livornese ;-) anzi pichati se dobbiamo coniugare tutto all'idiomo ispanico. Olè!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaah...dai lo so che mi vuoi bene. Ho visto in giro delle proposte, che adesso mi andrò a leggere, magnifiche, non ultima la tua.
      Questa sono proprio ricette del cavolo. Ma mi sono divertita comunque.
      Olé!
      Bacione mia cara.

      Elimina
  6. Per me è un periodo così del cavolo che, al contrario di quanto hai fatto tu, ho salutato L'MTC almeno per un po' di tempo... e mi sdilinquisco davanti a tante bontà che farebbero la gioia di mio marito dato che lui mangerebbe in questo modo tutti i giorni. (Il tappeto di nocciolini di olive, scontrini e schifezze varie me lo ricordo bene anch'io! )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che il tuo tuo periodo "no" passi il prima possibile. Nel frattempo dai fagliele due tapas a tuo marito!
      Ti abbraccio fote cara Claudette.

      Elimina
  7. Ciao Patty, per la tua vita personale, ti auguro di superare il periodo "del cavolo", ma per questo MTC, lo benedico se ti ha ispirato questi gran piatti che hai presentato!!! Un grosso in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Sabrina. L'MTC è una bella valvola oltre che una stimolo continuo. Meno male che l'hanno inventato.
      Un bacione,

      Elimina
  8. Ribadisco i complimenti cara Patty, tutte e 3 le ricette le proverò prima possibile, in fin dei conti è un periodo del cavolo pure per me... mi hai incuriosito con il broccolo romano e la bufala, ma in che altro modo l'hai assaggiato?
    Buona domenica mia cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cavolo romanesco è meraviglioso. A parte che il lo cucino con tutto, ma trovo che sia più dolce e delicato di quello bianco e dei tradizionali broccoletti. Incredibilmente con la bufala campana, con quella sua sapidità così particolare, il cavolo romano anche solo lessato al naturale, è spettacolare. Provalo. Ma trova delle bufala eccellente. Altrimenti non funziona :D
      Un forte abbraccio mia cara.

      Elimina
  9. Ahi ahi ahi! Per me stavolta hai toppato (tapato?) alla grande! E' più forte di me, ma non sono mai riuscito a mangiare qualcosa che contenesse cavoli, verze, broccoli e altre verdure che quando le cuoci emanano odori nauseabondi! Però nonostante i miei gusti particolari mi sembra che hai lavorato molto bene! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha Andrea, mi dispiace che tu non ami le crucifere. Io le adoro, in tutti i modi, e anche il loro odore non mi disturba. Poi sono salutari e leggere. La verdura più buona di questa stagione. Peccato!
      Comunque sono certa che se ti trovassi questi bocconcini già cucinati senza sentire odori molesti, li mangeresti con gusto :D
      Un bel bacione,

      Elimina
  10. Ecchecavolo!!! Sono stati già inoltrati a mia figlia che ne è una grande consumatrice...le polpette hummussate tuscany style ! Geniali: come dice la Galliti, meno male che non eri in vena :) E' una cosa molto positiva potersi sollevare da soli, decidendo semplicemente di farlo e io ho una grande ammirazioneverso le persone in grado di farlo perché si regalano la prima metà della soluzione...io invece arranco e ho sempre bisogno di una spalla, perciò cerco di non affondare finche posso. Sei una grande tu...baci !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che queste ricette super facili possano piacere a tua figlia.
      Prima o poi riuscirò a riprendere la carreggiata. Non so quando, non me lo chiedo, vado avanti....Ti abbraccio carissima.

      Elimina
  11. splendide patty, altroché! sappi che per un momento ho pensato anch'io a fare l'hummus di cannellini, che faccio spesso in alternativa a quello di ceci (qui praticamente non passa settimana che non si faccia un hummus, mio figlio ne va matto, lo mangerebbe tutti i giorni) proprio per mangiarlo insieme ai miei pinchos. sarebbe stato buffo.
    insomma, tu metti insieme un sacco di cose belle, e sei bravissima, spero che tu riesca a sgombrare un po' la testa.
    un abbraccione stritoloso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Gaia, apprezzo tutto ciò che è abbraccio e stritolamento gratuito.
      Un bacione anche a te.

      Elimina
  12. p.s. io adoro il cavolo con tutti i formaggi. uno dei pranzi veloci che preferisco è stracchino e cavolfiore strascicato. no roba da food blogger, ma roba che quando hai fretta poi sei contento lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è un'idea che ti ruberò. In compenso io mi sono perdutamente innamorata della verza rossa. Ad oggi la mia preferita.

      Elimina
  13. Patrizia come ti capisco... ma sono certa anche se non conta nulla che la tua energia quella che metti sempre nei tuoi n piatti da urlo ti permetterá di ritrovare un po' di armonia in questo periodo difficile... Queste tapas sono meravigliose e trovo che siano un tripudio di gusti e colori! Io amo i cavoli e ultimamente ho riscoperto quello viola. Mamma quanto son buoni sti kavoli!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dicevo proprio sopra a Gaia. Il cavolo viola non sono mai riuscita a trovarlo e mi piacerebbe da matti, in compenso adoro la verza rossa.
      Un abbraccione.

      Elimina
  14. Carissima tutto buono non avevo dubbi, e ti fregherò anche la ricetta della verza con gli zoccoli, deliziosa e poi arriva la stagione giusta giusta!!! brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un tipico piatto di conforto, facile e rustico. A noi piace tanto.
      Un bacione.

      Elimina
  15. "Tapas del cavolo" è bellissima, peccato non rappresenti solo un simpatico gioco di parole ma esprima la difficoltà di un momento particolare, "col cavolo che c'è la faccio", "e che cavolo", " col cavolo che c'è la faccio" .... però c'è anche "e chi cavolo se ne importa" e si va avanti!
    Che poi da momenti del "cavolo" possono uscire fuori cose favolose è testimoniato proprio da queste tue tapas delle quali non so dire quale sia più bella e invitante.
    Forza che i cavoli passano, li cuciniamo!

    RispondiElimina
  16. A parte che la "perla di saggezza spagnola" è veramente TOP, tanto che l'adotto continuamente pure in casa mia (anche se, palesemente, non è un locale pubblico :) ), per il resto mi spiace che sia un periodo pesante per te. Ne so qualcosa.
    Ma finchè ti resta un pò di voglia di cucinare e riesci a recuperare dal cilindro certe ricette del cavolo.. beh.. allora c'è speranza!
    Grazie, Patty!!! Come sempre, del resto ;)

    RispondiElimina
  17. Patty, senti … senti:

    Cavolo se ce l'hai fatta!!!
    Ma voi lo fatte a posta e spiate le mie cose, i miei gusti e manie per poi potermi intortare? No perché me lo dite e finiamo prima, vi faccio una lista e non dovrete perdere tempo a spulciare qua e là…
    Patty vedi, io le crocifere le amo, sono piccoli tesori che ci da la terra, e sono magici!!! D'avero!
    anche io per i tuoi pici usai il broccolo romano, me lo ricordo e come!!! Anche perché una fetta di pancetta splose nella padella, io ero girata e mi si apicico nella spalla, lasciandomi una bruciatura… in realtà se mi fosse resa conto subito sarebbe stato più lieve, al posto di girare per casa con questa pancetta addosso…
    "Leo, credo che mi sono bruciata guarda un po'…"
    Ma ti sei tolta la pelle!!!! Come hai fatto!!! E adesso????
    (era agitatissimo…)
    scappai in bagno a guardarmi nello specchio e mi messe a ridere… avevo della pancetta croccante attaccata!!!
    Poi fecce una foto e la mandai in redazione, perché quello era un periodo sfigato nel quale mi capitava di tutto, e quella ne era una prova. Devo trovarla quella foto… comunque non ha lasciato segnno alcuno ma i pici si!Come lasciarano il segno le tue tapas a casa degli Esteve Bellocchio, e ti prego, stai lì, almeno riguardo al cibo… stai lì nella tua cucina toscana che ne vedo uscire sempre meraviglie e così imparo! Perché non ce nulla nelle tue tapas che avanzi o che manchi, ma che ti stò a dire, hai fatto pure un brown bread per i montaditos, menomale che col cavolo che ce la facevi… perché è stato così. E vedi che è magico?

    Besos e che le forze delle crocifere sia con te!
    controcambio…
    https://www.youtube.com/watch?v=sveJ7w25SiA
    (uno dei miglior paroliere del secolo!)

    RispondiElimina
  18. noi l'avremo anche inventato. l'mtc, ma senza di te non sarebbe diventato quello che e'.
    Il cavolo non sara' piu' la stessa cosa, dopo questa tua declinazione (e questi titoli :)
    il resto, e' tutto in un abbraccio stritolante.

    RispondiElimina
  19. S T U P E N D I I I I !!!! Eccheccavolo e cavolo mi hai fatto venire una fame pazzesca!!!
    Sempre stupendi i tuoi post, passare da qui è sempre una gioia per me!!!
    Ti mando un bacio grande !!!!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Ti risponderò con piacere. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...