mercoledì 20 marzo 2013

Muffin con timo dolce, jaggery e cioccolato bianco: Starbooks and chocolate!

Mi servirebbe sapere - Antonio Maggio

Non sono una pazza per i muffin. 
In questo non mi sento tanto foodblogger. 
So bene come si preparano, le quantità, le modalità, la regola di non mescolarli mai troppo per mantenere una consistenza morbida e rustica. 
Insomma confesso di avere un passato di studiosa di muffin, ma per quanto mi sforzi, non riesco ad esserne mai entusiasta. 
Mi sembrano sempre dei dolcetti insignificanti, qualcosa di tanto carino ma con pochissima personalità. 
Se di fronte ad un buffet avessi una torta di pane tagliata a quadrotti e ad un vassoio di muffin, avete capito dove finirebbe la mia mano.
Stessa cosa vale per i cupcakes. Mi sono venuti a noia. 
Ho un po' l'orticaria per tutte 'ste tortine super decorate: e tonnellate di crema al burro, e rivestimenti di pasta di zucchero, e ripieni pannosi e improbabili, e confettini colorati.....Uffaaaaaaaa.....noia mortale! 
E allora cosa cosa vi propongo oggi? Muffin! 
Come dire "la coerenza è donna". 
Alzo una mano in mia difesa dicendo che c'è una buona ragione se ho scelto proprio di preparare dei muffin tratti dal libro "Adventures with Chocolate" del mitico Paul A. Young. 
E le ragioni sono due: 1) un ingrediente di cui non ho mai sentito parlare; 2) l'uso del timo fresco per una preparazione dolce. 
Sono bastati due elementi per farmi ricredere su quanto invece possa diventare interessante un semplice dolcetto incartato in un pirottino. 
La ricetta prevede l'uso del "Sugar cane" in inglese, che non è il semplice zucchero di canna come ogni umano su questa terra che conosce un po' la lingua si sarebbe affrettato a tradurre. 
Infatti il buon Paul si preoccupa di sottolineare "sugar cane, altrimenti detto Jaggery"
E che roba è 'sto jaggery ci chiederemo.
Ho fatto ricerche ed ho scoperto che lo jaggery altro non è che un preparato alimentare ottenuto dal succo della canna da zucchero sottoposta ad ebollizione a temperature molto elevate, che ne provocano anche l'evaporazione. 
La melassa viscosa che si ottiene da questo trattamento viene versata in piccoli stampi rettangolari o tondeggianti e si lascia seccare. Si ottengono delle zollette  di saccarosio e fruttosio e si possono acquistare nei negozi bio o cucina etnica. In Italiano è conosciuto come "Sagù" oppure come "panela" in spagnolo. 
Questo preparato assolutamente naturale conferisce ai muffin un aroma caramellato molto particolare. 
La presenza del timo invece dà una sferzata di freschezza e devo confessare che senza questa erba aromatica, che deve essere assolutamente fresca, questi muffin non avrebbero ragione di essere. 
E' decisamente il timo che li rende unici
Il contrasto tra l'impatto aromatico del timo con l'impasto e la cioccolata bianca, è incredibile. 
Ricorda il limone, il salmastro, l'estate. 
Se siete temerarie come me, provateli e mi direte. 


Come sempre, tantissime ricette anche per questa puntata di Starbooks, che vi invito ad andare a leggere. 
Al cioccolato non si dice mai di no! 
Chocolate drenched cocoa nib cookies a casa di Menu Turistico 
Pesto al cioccolato a casa di Vissi d'Arte e di cucina 
Pollo piccante con cioccolato venezuela alla maniera di Paul a casa di Le chat Egoiste
Tartufi al cioccolato bianco e fragole al pepe rosa a casa di Arabafelice
Lastre rocher con frutta secca tostata e uva sultanina cremisi a casa di Arricciaspiccia 
Muscovado chocolate cakes with cocoa nibs and Mayan spiced syrup a casa di La Gaia Celiaca 
Cracker al cacao a casa di Ale Only Kirchen
La Mapi per oggi è assente giustificata ma rientrerà con la prossima pubblicazione. 
Ingredienti per c.ca 20 muffin
100 gr di jaggery o sagù come tradotto in Italia.
100 gr di brown sugar
2 uova 
125 ml di olio vegetale
250 ml di latte
20 gr di foglie di timo fresco
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
400 gr di farino 00
4 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
1 cucchiaino di sale
150 gr di cioccolato bianco tagliato in piccoli pezzi
Preriscaladate il forno a 200°
In una larga ciotola mescolate gli zuccheri, le uova, l'olio, il latte, le foglie di timo e l'estratto di vaniglia
Mischiate insieme la farina, il lievito ed il sale ed aggiungete gli ingredienti secchi all'impasto liquido quindi mescolate fino ad ottenere un composto morbido (non mescolate troppo). Aggiungete la cioccolata. 
Riempite dei pirottini fino a sotto il bordo e fate cuocere per 20/25 minuti fino a che non saranno dorati. Fate raffreddare e servite tiepidi, o conservateli in una scatola ermetica e consumateli entro 5 giorni. 
NOTE PERSONALI:

  • Se non riuscite a trovare il Sagù, non saprei bene con cosa sostituirlo, ma forse del semplice zucchero di canna integrale non raffinato potrebbe comunque andare perché l'aroma finale è molto simile.
  • Utilizzate dell'ottimo cioccolato bianco: evitate cioccolato tipo ciocorì o simili perché troppo dolci e sopratutto pieni di olio di palma. Comprate un bel tocco di cioccolata bianca artigianale e godetevela.
  • Come ho detto sopra e ribadisco, usate del timo fresco. Il timo secco rischia di cambiare completamente il risultato della ricetta a livello aromatico.
  • Usate dei pirottini doppi oppure inserite i pirottini negli stampi da muffin. Questo impasto è molto entusiasta e tende a deformare i contenitori durante la lievitazione in cottura. Io ho usato dei pirottini rinforzati ma ho comunque inserito gli stessi nello stampo. Non sono venuti perfetti ma forse è anche questa la loro bellezza.
  • Mangiateli ancora tiepidi....sono da svenimento! 


Lo Starbooks al sapore di cioccolata continuerà mercoledì prossimo. Vi aspetto! 






29 commenti:

  1. devo ammettere che io sono una mangiatrice di muffin sopratutto per comodità.. li posso mangiare mentre mi catapulti giù dalle scale senza sporcarmi (grazie al pirottino di carta) e non mi cola la marmellata sul cappotto (vedi crostate e affini..). sono d' accordo sull' eterna insoddisfazione però :O) ricordo di averne mangiati di buonissimi anche qui a Roma, (cioccolato e lavanda uno dei miei preferiti) ma di non essere mai riuscita a replicarli uguali uguali.. Cioccolato bianco e timo fresco... direi che l' esorcizzazione del muffin è per te una cosa seria :O)))))) e comunque già mi sembra di sentirlo quel profumino di timo che sale su col vapore dall' interno del muffin appena sfornato e sbriciolato tra le mani..mmm... c'ho fame. ed è colpa tua. hihi

    RispondiElimina
  2. Patty,questa e' una ricetta "daring" che mi piace assai.Ho il jaggery (o meglio,il finto jaggery,quello di palma)a casa,poiche' ogni tanto lo uso per dolcificare il te'.Il sapore e' squisito,intenso e fruttato.Non lo uso per i dolci perche' e' molto duro,ma questa volta mi armo di mortaio e pestello!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  3. Io li faccio per il pargolo n. 3 che li ama e se li porta a scuola volentieri. Però la mattina fare colazione con un muffin mi piace, se è buono e sano...
    Ora, invece, hai messo tu una pulce nel mio orecchio... non sarò contenta finchè non troverò questo ingrediente ... La vedo dura, ma ci proverò!

    RispondiElimina
  4. Finalmente ho smesso di sentirmi una bestia rara nel mondo dei bolg di cucina! Io non l'ho mai confessato e grazie a te oggi ho il coraggio di fare outing :) Anche a me non sono mai piaciuti muffins e cupcakes, mi sono sempre sembrati dei dolcetti piuttosto insulsi, al punto tale che non ho mai sentito il desiderio né di assaggiarli né di provare a farli. Però questi che proponi oggi sono tutta un'altra storia, sarà il timo, sarà l'abbinamento con il cioccolato bianco, fatto sta che mi ispirano assai. Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  5. urca mai sentito il sagù...quante cose imparo qua da voi amiche dello starbooks!
    Complimentissimi per questi muffins meravigliosi

    RispondiElimina
  6. anch'io non mi taglio le vene per i muffin, i cup cakes non li prendo proprio in considerazione!!! questi mi piacciono proprio perché decisamente insoliti con il timo fresco che adoro! e le foto? l'investimento è stato proficuo a quando pare, non è che mi puoi svelare qualche dritta, pagando ovviamente ;-)))
    bello lo sfondo scuro e gli oggetti che brillano di una luce spettacolare, come si faaaaaaaa????? :-(((

    RispondiElimina
  7. Ti dirò, il muffin a me ogni tanto convince, le cupcakes proprio no... mi fanno proprio senso quelle creme di burro colorate e decorate.. brrr!

    Questi muffin con ingredienti particolari e contrasti inediti, invece, mi gustano assai!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Esattamente come Giulietta, qui sopra di me: i muffin sono una delle mie colazioni ideali, le cupcake mi piace guardarle ma non mi convincono. Il timo su questi muffin lo trovo speciale, così come la spiega del jaggery...mai sentito, ci credi? Ora mi scateno!
    Bacione,
    simo

    p.s. ...e ci credo che tiepidi sono sono da svenimento!!!!!

    RispondiElimina
  9. sei mitica :) ci sono voluti due ingredienti strani per farti convincere di pubblicare una ricetta sui muffins? forte ha ha ha ha :)
    Senza dubbio hai creato dei mini capolavori, sono bellissimi e particolari, molto originali!

    RispondiElimina
  10. no Patty, se ripenso ai cupcakes di Magnolia non mi sento di pensarla come te. i miei in effetti sono un pò insulsi, un pò "asciugoni" come li definirebbe Comandante Amigo. Ma se ripenso a quei cupcakes (o anche al megamuffin che ho mangiato a Brooklyn), mi vengono ancora le lacrime agli occhi per la bontà. questi? questi mi sa che sono da provare! un bacino! sere

    RispondiElimina
  11. Davvero invitanti questi muffin!!
    effettivamente oggi siamo "bombardate" da dolci americani e cake design per cui una alla fine non ne può più!!! :D
    se trovo questo Sagù-Panela-Jaggery li faccio subito!!
    Baci Francy

    RispondiElimina
  12. sono bellissimi..complimenti!

    RispondiElimina
  13. Anche a me muffin e cupcake son venuti a noia... credo addirittura di non aver mai postato una ricetta dei secondi, troppo melensi per me.... Adesso vedo il tuo post e sta cosa del timo mi ha incuriosito al punto che dovrò provare! Per la serie: poche idee ma ben confuse! Buona giornata

    RispondiElimina
  14. Per i cupcakes ho un rifiuto innato, troppo per i miei gusti. Per i muffin sono decisamente più tollerante, anzi, alcuni mi piacciono veramente molto. E quelli che hai scelto di preparare rientreranno in questa categoria. Il timo con il dolce ci sta benissimo... Mi hai fatto venire in mente una crema con il timo, servita per accompagnare una torta di mele, che era da urlo!!!
    Il jaggery non l'avevo mai sentito prima di Paul = che bello scoprire sempre qualcosa di nuovo...!
    Foto ipnotizzanti :-)

    RispondiElimina
  15. Ciao patty!! ma che buoni...adoro il timo e utilizzarlo insieme al dolce, beh un idea veramente nuova e da provare! brava!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. è certo che sono temeraria!!!poi io adoro la panela...la uso un sacco ^_^
    ti abbraccio forte!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Pat, la coerenza non sarà donna ma io credo che il ricredersi su alcune convinzioni o preconcetti sia un gesto da imitare. Mi dirai che ti sei ricreduta solo per questa ricetta, ma tanto basta...
    Da parte mia, che non amo particolarmente i muffin ma che a volte li "desidero", posso dire di aver trovato una ricetta originale (con tante spiegazioni e "strani" abbinamenti) che sicuramente non tarderò ad imitare.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. come il timo con il cioccolato.....jaggiaramenti a parte...l'idea mi sa che te la rubo :)

    RispondiElimina
  19. I muffin mi piacciono, i cupcakes mi hanno stancata e il timo nei dolci è stata una scoperta di quest'estate che non vedo l'ora di rimettere in pratica magari proprio rifacendo questi muffin :) Confermo, il timo secco è tutto un'altra cosa (anzi se posso direi che fa quasi schifo) Bacione

    RispondiElimina
  20. Wow, Patty! Adoro i tuoi muffin e la presenza del timo mi incuriosisce parecchio, non mi resta che trovare il jaggery e poi... REDONE! ;)

    RispondiElimina
  21. Hey! Great post I just came across your blog and
    I love it! It would be amazing if you could visit my blog too.
    We can also follow each other if you like! :)
    thanks for sharing !!!
    καρυωτακης
    kariotakis

    RispondiElimina
  22. ah io invece sono PAZZA per i muffin!!!! :*

    RispondiElimina
  23. Bello il tuo blog! Nuova iscritta !Ti va di ricambiare!! Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  24. Lascio la lettura del tuo blog per ultima, come un cioccolatino a fine pasto.
    Sono abbastanza temeraria da usare il timo nel dolce e concordo con te sulla nausea verso cupcake, creme al burro e pan di zucchero.
    Una stritolata da quassù

    RispondiElimina
  25. voi andate troppo veloce...io sono ancora qui che mi studio la bibliografia completa di Ottolenghi e tu mi tiri fuori tutto questo?? organizziamo uno scambio che altrimenti mio marito mi caccia di casa!!!! :D Timo?...mmmm al rosmarino c'ero anche io, il timo mi manca nel dolce...ecco adesso ho un altro tarlo!! Comunque devo dire che c'è in te della magia, hai reso elegantissimi e aggraziati dei dolci che comunemente, non me ne vogliano, sono un po volgarotti...bellissimi, hanno il tutù :)

    RispondiElimina
  26. no guarda di tutti 'sti cupcakes e torte decorate con mille zuccherini non se ne può più... mai piaciute neanche a me! ma i tuoi muffin con le olive kalamata eccome se me li ricordo!!! ora non avrò pace finché non scoverò il sagù...
    sei la mia fotografa preferita, lo sai?
    un bacio grande

    RispondiElimina
  27. ahahahhhh Adventures with chocolate, il mio primo amore mi sento un pò gelosa !!! e quelle lastre rocher, il mio primo successo con il temperaggio di cioccolato, che sta su un leggio nella mia cucina, questo libro. Il torrone ufficiale di casa mia. Se provi la cheese cake con il formaggio di capra e lamponi, svieni per sempre. Bella Patty in bocca al lupo per l'avventura dell'oro nero. baci mony

    RispondiElimina
  28. Cara Patty io adoro i muffins! sarà perchè son così piccini, mono porzione, tanto carucci.. insomma dolci o salati sono per me una tentazione unica. E quando ho visto i tuoi son corsa, muffins dolci con timo.. wow. da provare, anche perchè tu nelle note li rendi così ancor più irresistibili che non c'è scampo. La cioccolata bianca ce l'ho (di quella bona bona)non ho il panela (ho desistito l'ultima volta da Naturasì perchè costa un botto) ma alla Coop si trova l'integrale equosolidale, bello scuro e molto molto aromatico. Direi che provo con quello, poi ti dico! per adesso ti dico: TE POSSINO! (conta che c'ho in lista anche un pollo fritto..e sono a dieta.) :-) baciii!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...