venerdì 22 marzo 2013

Sarò mai abbastanza matura? Filetto di maiale alla salvia e uva bianca e nera

Sweet Dreams (are made of this) - Eurythmics
E' successo di nuovo. 
Ancora quel sogno. 
Che poi più che un sogno mi sembra la più terribile delle realtà. 
Mi risucchia in uno stato di agitazione tale che mi dura per giorni e purtroppo è un sogno ricorrente che si presenta puntuale ogni qualvolta mi trovo in periodi di stress o tensione. 
I sogni ricorrenti sono 3 nella mia vita. 
Il primo sono i serpenti. Tanti, di tutte le dimensioni, arrotolati tra loro, pericolosissimi e velenosi.
Il secondo sono i denti che mi cadono (e questo è veramente terribile perché sento chiaramente i denti staccarsi dall'alveolo e cadermi sulla lingua). 
Il terzo, ma ovviamente non quello di minore importanza, lui: l'esame di maturità! 
Non ridete, la cosa è serissima
Voi penserete forse che il mio inconscio mi faccia ripetere l'esame in sogno. Sbagliatissimo. 
Magari fosse così: il mio esame di maturità è stato bellissimo
Per la legge di Murphy, sono stata la prima tirata a sorte tra tutta la scuola. Notte prima degli esami trascorsa a piangere come una deficiente perché il cervello aveva dato forfait e si rifiutava di ricordare un concetto che fosse uno, la più piccola nozione: stop, il black out totale. 
E la mattina presto classico attacco di colite da panico (che si ripeterà puntuale con tutti gli esami successivi affrontati nella mia vita). 
Ma all'orale fui gagliardissima. 
Ero completamente sfatta dalla notte insonne e sfiancata dalla colite, ma avevo l'adrenalina a mille ed ho parlato ininterrottamente per un'ora e un quarto, perché la Commissione doveva impostare i tempi d'esame essendo io la prima. 
Solo che io non volevo più andarmene. 
Avevo messo il turbo, correggevo il membro di inglese perché mi aveva fatto una osservazione mentre parlavo, tenevo banco. Più che una studentessa, sembravo una che si era appena fatta di qualche stupefacente. 
La sala d'esame, piena delle mie compagne e delle alunne delle altre classi, nonché dei miei professori, mi accolse in trionfo all'uscita. 
Una giornata che non dimenticherò mai, anche perché alle cinque del pomeriggio dello stesso giorno ero già al mare, con una gioia difficile da descrivere. 
Allora perché questo sogno
Perché sogno di dover rifare l'esame con la convinzione che il mio non sia valido
Non sto scherzando. Avete presente il film "Immaturi", in cui un manipolo di sfigati si ritrova coinvolto in un difetto di procedura e deve ripetere l'esame di maturità dopo vent'anni? Vi giuro che qualcuno ha rubato la mia paura. 
Io faccio questo sogno da sempre: ritornare a scuola e ristudiare tutte le materie, affrontare tutte le prove, le interrogazioni, i test, gli scritti semplicemente perché il mio esame non è valido. 
La cosa più assurda è che mentre sto scrivendo, l'ipotesi stessa mi piace, perché ho sempre amato studiare e amavo la scuola. 
Magari poterlo fare ancora. 
Però nel sogno tutto è terribile. Mi sale un'angoscia che mi stritola perché so che devo fare tutto questo continuando la mia vita com'è adesso, quindi lavorando e studiando per l'esame di Maturità. Nel sogno la mia scuola è terribile: per raggiungere la mia classe devo arrampicarmi su per una scala di legno stile medievale, al limite della precarietà e salire molto in alto (altra paura, l'altezza). Insomma, un vero incubo. 
Mio Dio quanto tempo è passato. 
La Maturità, una parola che al solo pronunciarla scatena tremori ed emozioni ineguagliabili. 
Io lo so che tutte voi conservate un ricordo fortissimo di questo momento. 
Lo so perché è così e mi piacerebbe sapere com'è stata la vostra. 
Ma poi, ci affrancheremo mai dalla nostra Maturità? 
Io probabilmente no, il mio sogno me lo conferma.



Tanto per arrivare sereni al week end, vi stresso con le mie paturnie, che denotano l'instabilità mentale della sottoscritta. 
Per farmi perdonare vi lascio la ricetta perfetta per l'arrosto della domenica. Una ricetta facile, deliziosa, assolutamente non impegnativa anche per chi, come me non è una grandissima preparatrice di carne. 
Ma questo filetto mi piace moltissimo ed il risultato è assolutamente gustoso. Non è una ricetta di stagione semplicemente perché l'ho preparata lo scorso settembre e la potete trovare sul libro "La cucina Italiana 2.0", di Roberta d'Ancona, appena uscito nelle librerie per la Giunti Editore. 
Un libro molto interessante che vi consiglio di leggere perché effettua un'analisi della realtà "foodblogger" nei giorni nostri. La nascita del fenomeno attraverso la bocca di chi lo vive e le ricette di 22 abili blogger italiane, tra cui, grande orgoglio, anche la sottoscritta. 
Non ve lo perdete. 
Tornando alla ricetta, al posto dell'uva potrete utilizzare altri tipi di frutta, in particolare mele o prugne secche, o un misto delle due. 
Un classico della cucina toscana. Le mele ci vanno a nozze, ma l’uva per me è stata una scoperta molto intrigante. Ho potuto notare che piace molto a mia figlia, quindi è un piatto adattissimo anche ai bambini.
Il maiale nella frutta fa festa!

FILETTINO DI MAIALE ALL’UVA BIANCA E NERA

Ingredienti per 4 persone
600 gr di filetto di maiale
100 gr di uva bianca tipo Italia
100 gr di uva rossa tipo Cardinal
1 bicchierino di Cointreau
20 gr di burro
2 cucchiai di olio extra vergine
½ limone
qualche foglia di salvia
sale – pepe bianco
Cospargere generosamente di sale il filetto, massaggiandolo su tutta la superficie. Aggiungere una bella macinata di pepe e massaggiare ulteriormente. Disporre le foglie di salvia sulla superficie, quindi arrotolare il filetto con lo spago da cucina, cercando di fermare le foglie di salvia opportunamente.
Far fondere a fiamma media il burro con l’olio in una casseruola che possa contenere tutto il filetto. Far rosolare bene la carne su tutti i lati fino a che non sia bella dorata quindi alzare la fiamma e bagnare con il liquore. Una volta evaporato, bagnare con un mestolino di acqua bollente e far cuocere a fiamma bassa per almeno 25/30 minuti, coperto. Passato questo tempo, aggiungere gli acini d’uva lavati e la buccia grattugiata del limone. Continuate a cuocere per 5/8 minuti fino a che noterete che la buccia degli acini comincerà a incresparsi. Togliete dal fuoco. Fate riposare la carne per almeno 10 minuti prima di tagliarla e servitela con l’uva, il suoi succhi ed una tempura di verdurine.
Ottimo se accompagnato da un vino rosso secco, Morellino di Scansano DOC.




30 commenti:

  1. Per fortuna non è un mio incubo ricorrente, anzi proprio non mi è mai capitato di sognare gli esami...anche io come te il giorno dopo ero già in vacanze con la mia amica studentessa universitaria e, ti dirò, più che l'esame in sè, di cui ho comunque un buon ricordo ( anche io ho battibeccato con il commissario di matematica!) il ricordo più bello è il dopo esame, quella sensazione di leggerezza e vuoto, di possibilità che si schiudevano che, al tempo stesso, mi atterrivano.
    Sai che ti dico? Meglio oggi, non tornerei mai indietro....davvero MAI!!

    Il tuo filetto è così bello che non sfigurerebbe neanche a Pasqua...togli l'uva e metti quello che ti pare!!!

    Buon we

    RispondiElimina
  2. Uhhh gli esami!! Io mi ricordo ancora la sensazione di *sdoppiamento* avuta alla mia maturità.. parlavo parlavo parlavo (e non a vanvera) e mi sembrava di essere dietro le MIE spalle e non seduta sulla sedia davanti al professore.
    Il fatto è che una parte di me rispondeva in maniera pertinente e una parte del cervello restava attonita a guardare la scena.
    Un incubo ad occhi aperti!
    Ma il tuo maiale invece è un sogno... e un buon bicchiere di vino toscano ad accompagnarlo... la morte sua!
    Oremus
    Nora

    RispondiElimina
  3. Ah ma sai che per parecchi anni l'ho sognato anche io poi basta chissà sarò matura? Un arrosto meraviglioso ne ho fatto uno simile anche io e l'uva ci va a nozze! Baci

    RispondiElimina
  4. Non vorrei fare la psicologa ma Freud docet: i serpenti, tanti, di tutte le dimensioni, pericolosi e velenosi (parole tue!) simboleggiano il sesso.... e qui mi fermo! La caduta dei denti come a volte sognarsi di essere senza mutande o scalzi è il senso di inadeguatezza e l'esame di maturità (io sogno che devo rifare tutte le superiori o che devo ancora laurearmi)è l'ansia da prestazione. La mia maturità fu un incubo talmente grande che nessun sogno potrebbe mai uguagliarla....sempre stata brava...riuscì a fare un esame così così, un orale di filosofia e italiano da panico e il rischio reale di essere bocciata! una catastrofe che per fortuna si trasformò in un 36 immeritato, data la carriera scolastica ma fu sprone per il successivo 110. Il maiale con la frutta mi piace molto, soprattutto con le mele , ma anche questa versione è da provare. Buona giornata.

    RispondiElimina
  5. Allora, se ti può consolare due dei tuoi incubi ricorrenti sono anche i miei e cioè quello di perdere i denti (terribile!) e quello dell'esame di maturità da rifare. E ogni volta sono talmente realistici da lasciare senza fiato... forse non sono matura neanch'io ;)
    Il tuo filettino è perfetto, anche a me piace abbinare la carne di maiale alla frutta però non avevo mai pensato all'uva che in effetti deve starci molto bene (bellissimo l'effetto bicolore).
    Baci cara Patty e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  6. Gli incubi di solito avvengono quando hai molti pensieri e preoccupazioni... In tutta la mia vita mi è capitato due volte di sognare l'esame... In primo affrontavo l'esame di chimica, ed il secondo quello di matematica (infatti erano le materie con le quali non andavo molto d'accordo).. I miei esami di maturità sono stati angoscianti, ci tenevo un sacco a prendere bei risultati ed è stato così (oltre la chimica..), Credo che avevo più terrore del professore.. era un vecchietto molto strano e severo... Ma meno male che è passato... e grazie a Dio non ho incubi su questo... i miei sogni quotidiani sono ben altro: creo dei film di fantascienza che avrebbero molto successo nei cinema di oggi, scriverei un libro se ricordassi un sogno intero... Il mattino dopo ho in mente solo tratti di immagini... :)

    RispondiElimina
  7. Dimenticavo: complimenti per il filetto!!! ottimo abbinamento!!!!

    RispondiElimina
  8. Brava Patty, Freud ti abbraccerebbe commosso. Se non sbaglio l'esame di maturità da rifare è un esempio classico dei sogni alla vigilia di una prova importante.
    Io che sono sempre stata un capra nella materia, ho sognato puntualmente per un bel po' di tempo che dovevo rifare l'esame di matematica della maturità e quando arrivavo trovavo il portone chiuso perché era tutto già cominciato. Che poi, alla maturità, matematica non l'ho neppure portata, ma accidenti, se mi ha disgustato fino all'ultimo giorno.
    I serpenti e i denti m'intrigano di più. Specie il secondo, non è che mordi qualcuno con la lingua, a volte?

    RispondiElimina
  9. La mia maturità è stata un incubo :) anche io fui la prima, ma il sollievo di uscire da scuola mi ripagò di tutto!

    La ricetta è splendida, ma di quelle che in casa mia guardano storto... perciò devi invitarmi a pranzo! :)

    RispondiElimina
  10. Ma allora siamo accomunate! Anche io prima estratta della scuola (il mio solito culo: fra la H e la R sarei sempre passata io per prima :P) e anche io ebbi un gran successo, io e la mia fighissima cravatta (ebbene sì)!
    Mai stata però tormentata da incubi del "poteva essere" ;)

    Ma che meraviglia è questo filetto, e credo lo adorerei anche con le mele o con le prugne! Fenomenale!

    RispondiElimina
  11. Aiuto! Che sogni strani..se penso che alla maturità ho discusso con i membri perchè non avevano letto i testi che avevo portato all'esame, penalizzandomi il punteggio...mi girano ancora!
    Ottimo il filetto di maiale con l'uva: non l'ho mai provato.
    Decisamente azzeccatto l'accostamento con il Morellino
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
  12. Credo tantissimo ai sogni, ho imparato ad interpretarli (e l'interpretazione è del tutto soggettiva perchè i sogni provengono anche da pezzi o sensazioni che abbiamo vissuto della giornata o nel periodo. Il mio incubo sono i ragni. La maturità manco me la ricordo, cosa certa è che sei in un periodo di stress, ma visto che il tuo esame è andato bene, si tratterà solo di un pò di paura di affrontare cose nuove che ti sembrano insormontabili (scala medievale=insicurezza).Fai una cosa patty, tu vai pure ad affrontare le tue paure che noi ci mangiamo il filetto. LA FOTO è di una meraviglia assoluta. Mi piaci da sempre, lo sai.

    RispondiElimina
  13. che aspetto delizioso. ti seguo... passa a trovarmi se ti va.

    http://muchoney.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. oddio l'esame di maturità!! che ridere!! non lo me lo scorderò mai!! cmq buona questa ricettina ;)) da segnare ^_^ . Andrò alla rpesentazione del libro ad aprile ad una scuola di cucina...non vedo l'ora! baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  15. wow, fa davvero gola... deve essere molto saporito...

    RispondiElimina
  16. eccolo il mio blog-ciccolatino (da oggi è stato battezzato), fatto di parole così leggere da sembrare macigni...eh già mia cara amica, le tue parole sono proprio così: un bel segno nella mia testolina perchè con te ho più di un'affinità e adesso scopro della maturità da ripetere e della paura dell'altezza... Per i denti invece non è un bel presagio, una cara amica tutte le volte che sogna di perdere i denti muore qualcuno.
    Il filetto di maiale con l'uva mi sa che mi salverà più di una cena.
    un bel bacione

    RispondiElimina
  17. Io ho riso quando hai scritto di non ridere!! sorry :)
    hai mai chiesto a qualcuno cosa voglia dire questo sogno??
    cmq se ti consola anche io sogno i denti che cadono, ma li ignoro!
    buono questo filetto!!
    io il maiale lo preparo spessissimo con mele e curry.
    Buon weekend!
    Francy

    RispondiElimina
  18. Chi non ha mai avuto incubi di questo genere??? Sebben anche il mio sia stato un successo, ed ho anche avuto il massimo dei voti... Ma quanti pianti il giorno prima... e non solo?
    Complimenti per questa ricetta e perché meriti di essere in quel libro e anche molto di più!

    RispondiElimina
  19. Incubi: i miei sono due ed hanno a che fare con l'acqua e gli spazi stretti... Uff, mi viene l'ansia solo a pensarci. Mentre l'esame di maturità non mi ha mai angosciato, lo ricordo a malapena, solo alcuni flash... chissà.
    Vabbè passo al filetto che mi piace molto, magari proverò proprio mele e prugne secche :)

    RispondiElimina
  20. ah ah! dai, è un classico, nemmeno io sogno l'esame ma di dover tornare a scuola, e non so in che classe andare, non conosco nessuno, la nostra mente è strana, io, però, sono stata sfortunata, ultima a fare l'orale di tutta la classe, il lunedì mattina mentre gli altri sabato pomeriggio e domenica al mare! :-D
    mi consolo con il tuo bellissimo piatto!

    RispondiElimina
  21. mi piace avere il piacere di potere scambiare qualche pensiero con una persona mentalmente instabile come te... con tutti i suoi sogni e tutti i suoi incubi... sei matura Patty, te lo dico io che SEI MATURA!
    Buonissimo il dolce dell'uva con il filettino di maiale... deliziosissimo!
    buon fine settimana signorina MATURA!
    BACI
    Sandra

    RispondiElimina
  22. Incubi peggiori: perdere i denti, camminare scalza ( che schifo!) e gli ultimi tre (chissà poi perché 3!) esami della laurea. Il problema che ho con il terzo sogno è che per un po', anche dopo sveglia, mi sforzo di ricordarmi se per caso davvero io non debba ancora dare qualche esame per la laurea! Robe da chiodi! La maturità invece la ricordo come un periodo meraviglioso: con Fabiola e Federica a studiare come pazze nella mia cascina in campagna e mangiare in 3 500 g di pasta. Non ti dico in quale splendida forma io fossi! E poi l'orgoglio verso il prof. di diritto (un prete che ormai è in cielo) a cui tutti i nostri compagni chiedevano favori, ma noi no! Perché noi siamo delle dure. E in commissione, con la prof di inglese che mi dice "Sere quale argomento preferito hai?" e io, sempre da dura, "Tutti prof, ma non mi chieda il franchising!"... e secondo te, cosa mi ha chiesto??? Buon weekend cara Patty! Un bacino , Sere PS l'arrosto dev'essere divino!

    RispondiElimina
  23. Tesoro i tuoi nonsono sogni ..sono incubi! Quello dei serpenti è terrificantemente schifoso, io li odio!! mentre quello della maturità farebbe la gioia di Freud :)) Questo arrostino te lo copio perchè sembra veramente delizioso!
    Ti abbraccio e ti mando un bacio
    Alice

    PS pensi di venire al raduno di Roma del 27 aprile?

    RispondiElimina
  24. Ciao Patty,ho mangiato l'uva con (quasi)tutto cio' che e' commestibile (sogliola,fegatini,quaglie,piccioni etc),ma mai col maiale!Eppure mi sembra un candidato di prim'ordine.Avrei anche una salvia-ananas che con questo piatto probabilmente ci starebbe benissimo.Mi hai messo la classica pulce nell'orecchio.
    Buon weekend!

    RispondiElimina
  25. Eccomi qui!
    Allora, premesso che salviamo la ricetta nella cartella 'Piatti per giornate importanti', l'abbinamento frutta\carne l'ho sperimentato diverse volte e mi è sempre piaciuto!
    Il mio sogno più ricorrente è quello di cadere ... nel vuoto...a volte faccio pigliare degli spaventi a mio marito perchè letteralmente salto dal letto ... poi, da quando sono mamma, ovviamente sogno di tutte le tragedie possibili e immaginabili che possano capitare a mio figlio...quando l'anno scorso è uscito il 'concorsone' della scuola, ho vissuto mesi di combattimento con me stessa fino a quando, una notte, ho fatto un sogno terribile, la parte di me stessa che non voleva accettare di rifare un concorso, avendone superato già uno a costa di tanti sacrifici, fiisci, morali ed economici, mi fece stare malissimo, mi svegliai piangendo, addolorata, mio marito non sapeva come consolarmi, nel sogno mi ero sfogata di tutto quello che avevo dentro e da lì ho preso serenamente la decisione di rinunciare al concorsone a alla scuola .. e con la parola 'scuola' veniamo all'esame di maturità ... ricordo bellissimo...56\60, grandissima soddisfazione, il voto più alto di tutta la mia classe (senza contare il 58 e il 60 di due privatisti che rimane tutt'oggi un grandissimo mistero), appena mi sedetti per sostenere l'orale, venni simpaticamente' rimproverata' per non aver dato la possibilità al presidente di commissione, che era anche professore di lingua e letteratura italiana di utilizzare la sua adorata 'penna rossa', ciò ovviamente mi rassicurò e feci un brillante esame di Lingua e letteratura inglese e ancor meglio in Filosofia, sotto lo sguardo inorgoglito del Preside, professore di filosofia, che mi aveva dato alcune lezioni...ancor di più bellissimi ricordi ho per la tesi di laurea, preparazione e discussione, ma questi me li riservo per qualche altro post in cui ci chiederai della laurea!
    come sempre chiedo scusa per la prolissità e ti ringrazio per la possibilità di tornare indietro nel tempo!
    ti abbraccio Patty
    buona domenica delle Palme!

    RispondiElimina
  26. Mi hai fatto pensare al mio esame di stato quando non riuscivo a guardare il docente di filosofia ( fissato con Karl Marx) al quale mancava mezzo occhio....ancora dopo 36 anni lo ricordo....per fortuna da tempo sono dall'altra parte della barricata!!!!
    E ne avrei episodi e situazioni da raccontare...
    P.S. il tuo filetto è delizioso e l'ultima foto mi lascia estasiata.

    RispondiElimina
  27. ma dico io: dormire serena la notte, no eh! :)
    però ti capisco..succede di tanto in tanto anche a me di provare questa sensazione in sogno...non con l'esame di maturità ma..di cadere nel vuoto..
    e il guaio è che la sensazione resta anche una volta sveglia :-(
    meno male però, che con questo filettino dall'aspetto delizioso, tutto passa ;)
    bacini tesoro!

    RispondiElimina
  28. Non ho mai cucinato l'uva, vedi quante idee si pescano dai blog? :-) Mi piace anche come aspetto questo piatto, come colore chiaro e dolcemente autunnale... :-)

    RispondiElimina
  29. Ma quant'è bello questo blog e quanta serenità vi respiro...incubi a parte!
    Ma anche in quelli mi ritrovo! Non ho mai sognato la maturità della quale ho un ricordo molto sereno, ma anch'io avevo passato la notte insonne e pure io ero la prima tirata a sorte! Invece il mio incubo è di non aver finito la tesi di laurea, nel sogno ho sempre questa tesi da concludere dopo tanto tempo e non so più che pesci pigliare....
    Ricordi di eventi che per me ormai sono...preistoria, che in realtà si sono svolti e conclusi serenamente, ma che l'inconscio ci restituisce carichi delle nostre attuali incertezze.
    GRAZIE di tutto!!!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...