giovedì 26 aprile 2012

Starbooks per Moreno Cedroni: Il Carpaccio tiepido di Palombo con purea al Lime

Energy Flow - R. Sakamoto
Puf puf, ce l'ho fatta. Quando la rogna o le legge di Murphy decide di farti girare gli zebedei, non c'è scongiuro che tenga: puoi star certa che ce la farà a darti del filo da torcere. Ma io sono una capa tosta e me ne frego. Sono in ritardo sulla pubblicazione e mi scuso con le mie amiche di avventura: problemi tecnici di trasmissione! 
Si torna anche oggi a parlare di Moreno Cedroni e della sua cucina attraverso l'omonimo libro. Io ho scelto una ricetta che credo lo rappresenti in pieno, visto l'utilizzo del pesce a crudo che a lui piace tanto. Per me preparare il pesce è una cosa veramente inusuale e ve ne sarete accorte frequentando questo blog. Non ci sono molte ricette e quelle poche sono di estrema semplicità. Purtroppo io sono una donna terragnola ed il mio bagaglio gastronomico è quello che arriva dalla terra, sia che parli della mia regione, che dell'estensione delle mie radici in giro per l'Italia. Ma è un mio grande cruccio perché io adoro il pesce, in tutte le sue forme e preparazioni, quindi questa per me è stata un'esperienza divertente e costruttiva. La prima avventura è stata quella di cercare il palombo, che ovviamente doveva essere freschissimo. Quando ho chiesto alla signora della pescheria se potesse lei tagliarlo a carpaccio, si è rifiutata platealmente, dicendo che "loro" non possono preparare il pesce per piatti da consumare a crudo(?) e che il crudo va prima fatto congelare e poi scongelare a norma di legge. Questa cosa la conosco bene anche io, ogni tanto mi capita di andare a mangiare sushi e so benissimo che il pesce non è mai servito "fresco" ma arriva da una preparazione post congelamento. Quello che non capisco è dove sta il problema di porzionarmi il palombo senza dovermi far combattere ore con una pelle dura come la carta vetrata? Mah. Prendo su la mia bella porzione di Palombo e passo la serata a pulirlo e tagliarlo a fettine sottili. Le metto poi in congelatore e le tolgo la mattina dopo, lasciandole scongelare il frigo. Il resto della ricetta è di estrema facilità, a parte la reperibilità della salsa di cocco e lime, che potrete in alternativa preparare con del latte di cocco addizionato al succo di lime. La sorpresa più esaltante è proprio il puré di lime: un sapore nuovo, diverso, freschissimo e dai sentori di tropico. Servito con il carpaccio di palombo è la morte sua. Io ogni caso lo userò anche come abbinamento per altri piatti etnici. Davvero fantastico. 
Quella di oggi è l'ultima pubblicazione Starbooks dedicata a Moreno Cedroni. Vi invito a non perdervi le ricette delle mie compagne di avventura che oggi hanno chiuso il viaggio in questo complesso libro di ricette veramente con il botto! Eccole qua:
Gelato di Toma con confettura di fragole a casa di Menu Turistico
Tonno Fucsia a casa di Ale Only Kitchen
Tataki di quaglia e tonno a casa di Poveri ma belli e Buoni
Spinosini alle vongole e limone a casa di Vissi d'Arte e... di Cucina


Ingredienti per 4 persone
Per la purea al lime
1 kg di patate
250 gr di burro salato di Normandia
150 gr di burro 
5 gr Salsa di cocco e lime
100 gr di latte
5 gr di succo di lime
5 gr di zeste di Lime
Per il salmoriglio
300 gr di olio extra vergine d'oliva
1 gr di aglio
10 gr di succo di limone
6 gr di sale
10 gr di acqua
12 gr di rosmarino
Per la salsa di rucola
45 gr di rucola
45 gr di Olio extra vergine d'oliva
100 gr di acqua
1 gr di sale


200 gr di Carpaccio di palombo
20 gr di rucola
Per la purea al lime lessate le patate e passatele nello schiacciapate. Poi aggiungete i dadini dei due tipi di burro, in seguito mescolando con la frusta a fuoco basso, aggiungete la salsa di cocco e lime, il latte, il succo di lime el seste di lime fino ad ottenere una purea cremosa
Preparate il salmoriglio mescolando in un recipiente l'olio extra vergine di oliva, un spicchio d'aglio tagliato a meta, il succo di limone, il sale e l'acqua. Alla fine aggiungete il rosmarino tritato.
Sbollentare la rucola e lasciatela raffreddare, poi mettete nel bicchiere del minipimer tutti gli ingredienti e frullate fino ad ottenere una salsa cremosa. Disponete le fettine di palombo sulla carta da forno, aggiungete un pissico di sale ed il salmoriglio ed infornate a 180° per non più di 2 minuti. A fine cottura aggiungete ancora del salmoriglio.
Disponete sul piatto il carpaccio di palombo e la purea, condite con la salsa di rucola ed olio extravergine di oliva. Decorate con qualche foglia di rucola. 


Con questa ricetta partecipo alla raccolta About Food sui Carpacci Golosi


25 commenti:

  1. Questa meraviglia deve essere golosissima, ti copierò la ricetta, credo che mi piaceranno tanto! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Patty, sono rimasta meravigliosamente sorpresa quando ho visto il link di Sakamoto: lo conosco da una vita! Certo che conoscerai anche David Sylvian e questa famosissima Forbidden colours...
    http://www.youtube.com/watch?v=x1YkHJJi-tc&feature=list_related&playnext=1&list=AL94UKMTqg-9AAkqBUzQ7PEVVDGAaLWyJz
    Questo mondo di blog mi regala belle emozioni sempre di più! La ricetta.... che dire.... brava? Mi sembra moooolto riduttivo! Ciao Cara!!!!

    RispondiElimina
  3. Accidenti che piatto, Patty!
    Con qualche accorgimento e sostituzione mi sa che è fattibile pure tra le dune...

    RispondiElimina
  4. OLE'! belle foto, con che le hai fatte allora?
    sono contenta che nonostante tutto, tu sia entusiasta del piatto, o almeno della purea al lime :-)
    piccolo trucco per carpaccio: a parte che qui si trova il palombo già spellato, comunque metti il palombo spellato intero in freezer e poi lo scongeli, lo lasci ammorbidire un pochino in modo da poterlo affettare a carpaccio agilmente sfruttando comunque il turgore del congelamento, t'è capì? :-))

    RispondiElimina
  5. Per oggi ti faccio solo i complimenti per le foto e il post,per la ricetta purtroppo io e il pesce non andiamo per nulla d' accordo !!!
    Un abbraccio e a presto
    Love et bisous Ve

    RispondiElimina
  6. Che golosita!Gnam,gnam!Un bacione!

    RispondiElimina
  7. ma io dico... e menomale che era un libro impossibile eh????? io ho visto una ricetta più bella dell' altra :O) qui poi c' è un' esplosione di sapori e di colori che fa invidia!
    grande Pat!!! per "copiare" i grandi bisogna essere ancora più grandi..

    RispondiElimina
  8. Patty anche tu! Ma siete davvero extraterresti tu e le tue complici! Ma che si fa così a presentar un piatto?! La fai sembrare una cosa da nulla ed invece, solo per sostiuire gli ingredienti irreperibili, c'è uno studio da tesi universitaria! Mi sa che resto della mia idea: Cedroni = simpatico ma ... tutti *a casa sua* per la cena!
    Buona giornata e complimenti.
    Nora

    RispondiElimina
  9. Quella purea di lime mi attira tantissimo!!!!!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  10. Dici che è semplice? Io mi sento avvilita a solo leggere la ricetta... Ho capito Cedroni non fa per me ... :(

    RispondiElimina
  11. Wow patty un piatto a dir poco strepitoso mi piace moltissimo il mix di ingredienti e la bellezza dei colori!!1bacioni,imma

    RispondiElimina
  12. ma che meraviglioso poatto estivo e colorato!!!Bellissimo!!!

    RispondiElimina
  13. adesso non mi prendere per matta...ma sai io sono vegetariana...però qui tra salsine e purè rimangono un sacco di spunti golosi da meditare e complimenti per le foto :)

    RispondiElimina
  14. ma che bella foto, Patty :-D :-D :-D :-D
    lo sai che non ho mai mangiato il palombo crudo? sto facendo sforzi di memoria, ma non riesco a ricordare. Lo stesso vale per il purè al lime, che mi fa venire una voglia matta di correre in cucina a prepararlo.
    Nell'insieme, pura poesia. E parlerei delle ore, se non fosse che devo di nuovo scappare... ma magari torno fra poco!
    ciao e grazie ancora

    RispondiElimina
  15. Che piatto delizioso!Adoro il pesce e tu l'hai preparato alla perfezione!Ciao

    RispondiElimina
  16. che ricetta gustosa e intrigante, un abbraccio Silvia

    RispondiElimina
  17. mamma mia...semplicemente splendido questo piatto, bello da vedere e chissà...che bontà! Bravissima sul serio
    simo

    RispondiElimina
  18. questi sono i piatti che mi tentano da morire e per cui veramente pagherei al ristorante! bravissima.. sei davvero brava negli abbinamenti, per non parlare di queste foto incredibili!! un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Questo piatto è uno spettacolo. Complimenti mi fai venire voglia di andare in cucina e di provare a ripeterlo, ma mi sa che di strada ne devo fare ancora tanta per uguagliare la tua bravura. Un abbraccio paola

    RispondiElimina
  20. Wow, che bel carpaccio di pesce.. ecco, questa è proprio una preparazione che mi manca! Rimedierò?! Forse, se riesco a trovare una buon'anima che mi insegni a sfilettare decentemente il pesce ;)

    RispondiElimina
  21. La legge di Murphy è l'unica costante di tutta la mia vita...

    "La filosofia di Murphy: Sorridi, domani sarà molto peggio.
    Costante di Murphy: Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore.
    Versione relativistica della legge di Murphy: Tutto va male anche in diversi sistemi di riferimento.
    Corollario sulla fortuna: La fortuna ride agli audaci ma sicuramente non a te."

    Adoro Moreno Cedroni, il tuo piatto no sfigura di sicuro a confronto con l'originale.
    Un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  22. Mamma che spettacolo di ricetta Patty!!! Adoro Moreno Cedroni e ho pure avuto la fortuna di parlarci insieme e d'assaggiare i suoi piatti!!! ^___^ Questo carpaccio è veramente un incanto, ma la purè al lime in accompagnamento è quella che mi incuriosice di più, devo assolutamente provarla! Ti abbraccio buon fine settimana!

    RispondiElimina
  23. Questo piatto mi sembra perfetto per la bella stagione che prima o poi arriverà.. brava Patty! Anch'io (come le Ale) non ho mai mangiato il palombo crudo (o semi-crudo).. dovrò rimediare anche a questa cosa. La purea al lime intriga pure me, certo che Cedroni non ha lesinato con la quantità di burro...

    RispondiElimina
  24. purea al cocco e lime fatta! strepitosa!ha accompagnato un semplicissimo baccalà lesso, accoppiata felice!
    non avevo il latte di cocco ho messo in infusione del cocco disidratato nel latte vaccino caldo, sicuramente il tocco del cocco è risultato più delicato rispetto all'originale, non so....ma a me è garbato tanto :-))
    ps: e non ho messo tutto quel burro!!!!

    RispondiElimina
  25. Beh ti è venuto proprio bene !
    Mi piace molto il tuo blog e mi unisco al gruppo dei tuoi sostenitori...passa a trovarmi e se ti va dai un'occhiata al mio contest!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...