lunedì 14 ottobre 2013

Torta di pere e cioccolato alla mia maniera

Peer Gynt - Il Mattino -  E. Grieg
Che io sia una appassionata di olio extravergine, l'ho più volte ammesso in questo blog.
Potrei con tutta tranquillità affermare che questo prezioso grasso vegetale, sia l'ingrediente primario ed indispensabile nella mia cucina. 
Per svariate ragioni ho avuto la fortuna in questi anni di provare e conoscere a fondo molti oli provenienti da ogni regione italiana (e dal bacino del mediterraneo) e mi sono resa conto che non si può parlare di Olio Extravergine d'oliva unicamente come semplice condimento o a supporto di diverse tecniche di cottura. L'Olio Extravergine E' UN INGREDIENTE. 
E quando parlo di ingrediente, parlo di un elemento fondamentale che, grazie alle sue peculiarità organolettiche, può variare enormemente il risultato finale della ricetta, come l'aggiunta di una qualsiasi spezia o erba aromatica. 
Le centinaia di differenti cultivar che abbiamo nel nostro paese ci consentono di utilizzare un olio piuttosto che un altro a seconda della ricetta che vogliamo affrontare. 
Che essa sia strettamente connessa con la propria territorialità o che sia il risultato di un impulso creativo, non sarà mai la stessa usando oli da cultivar differenti. 
E' per questo che quando ho ricevuto l'invito da parte di ExtraDolcemente per realizzare dei dolci all'olio extravergine, con tanto di specifica di cultivar di provenienza, ho capito che questa fosse la sfida adatta a me e che finalmente si cominciasse a dare il reale valore all'area di provenienza dei nostri oli Italiani ed alle loro peculiari caratteristiche.  
Ho voluto subito provare un dolce che avevo in testa da tempo: una torta di pere e cioccolata, dove le pere la fanno da padrone. 
Infatti la densità di frutta presente è molto alta, quindi anche la consistenza in bocca è molto morbida ed umida. Ovviamente non poteva mancare del cioccolato dark al 70% per sposare la dolcezza delle pere e creare quel voluttuoso matrimonio che da sempre è la sabbiosa texture delle pere con il vellutato corpo del cioccolato. 
Qui l'olio sostituisce in toto il burro e la sua presenza è discreta ed essenziale a donare delle note lievemente fruttate e fresche. 
A questo scopo, ho utilizzato l'Olio del Garda Bresciano DOP, nella fattispecie dell'area di Padenghe sul Garda, estremamente delicato e dai lievi sentori di mandorla nell'olio giovane (Terre del Garda - Az. Pratello). 



Ingredienti per 8 persone (uno stampo da 20 cm)
225 gr di farina 00
2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
3 pere Williams non troppo mature
55g di olio extravergine del Garda Dop
15g di tuorlo
10g di acqua
60g di uovo + 30 di albume sbattuti
100g di cioccolato dark al 70% tritato grossolanamente
175g di zucchero demerara
la scorza grattuggiata di una arancia non trattata
1 cucchiaio di latte se necessario 
4 amaretti secchi
zucchero a velo per rifinire
Preparate l'emulsione con il tuorlo ed l'olio extravergine. 
Mettete il tuorlo e l'acqua in un bicchiere per mixer a immersione e frullate, quindi a filo cominciate ad aggiungere l'olio e montate la vostra maionese. 
Una volta pronta l'emulsione tenete da parte.
Setacciate la farina con il lievito e mettetela in una ciotola ampia.
Sbucciate le pere eliminando il torsolo e tagliatele a dadini di c.ca 1 cm di lato. Tenete da parte. Versate un paio di cucchiai della farina già setacciata sulle pere e mescolatele. Questo impedirà loro di scendere tutte verso il basso del dolce.
Intanto nella planetaria versate l'emulsione di uovo e lo zucchero e cominciate a montare con le fruste. Via via che si gonfia, aggiungete l'uovo ed il tuorlo sbattuti e continuate a montare per almeno un minuto.
Quando il composto sarà gonfio e leggero, aggiungete l'estratto di vaniglia e la buccia grattugiata dell'arancia, quindi mescolate con delicatezza ed aggiungete le pere. 
Con una spatola, incorporate delicatamente le pere che grazie alla loro umidità, dovrebbero dare morbidezza all'impasto. Se vedete che è duro, potete aggiungere un cucchiaio di latte. 
Per ultimo aggiungete la cioccolata spezzettata grossolanamente quindi mescolate ancora. 
Imburrate una teglia con fondo amovibile di 20 cm di diametro e foderatela con carta da forno. 
Versate il composto e livellatelo con una spatola quindi sbriciolate sulla superficie gli amaretti.
Mettete in forno preriscaldato a 180°C e fate cuocere per c.ca 1 ora. 
Fate raffreddare per c.ca 10 minuti quindi sformate e lasciate raffreddare completamente su una gratella. Una volta fredda spolveratela con zucchero a velo. 
Servite se vi va, con una salsa calda al cioccolato. 
E' meravigliosa il giorno dopo! 





Con questa ricetta partecipo all'iniziativa ExtraDOLCEMENTE sui dolci con l'Olio Extravergine organizzata da Dolcemente Pisa.





23 commenti:

  1. Esiste altro olio per cucinare i dolci? Io, solo olio evo. Il mio..
    Buonerrima la tua torta e con l'olio lo gusto ancora di più
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
  2. Ciao Patty, è da un po' che non passavo sul tuo blog.
    Hai propri ragione riguardo all'olio d'oliva, e immagino che in questo caso doni un tocco in più a questo splendido dolce.
    Devo provarlo!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  3. Beh, sulla torta non c'è nulla da dire. Sappi che ho rivoluzionato interamente la mia fornitura di olii e oggi snobbo tutto ciò che non è 'extra' :-)

    RispondiElimina
  4. Io solo extra sempre!!!! Torta morbidissima...lo vedo!!!! ;)

    RispondiElimina
  5. L'olio giusto può dare una svolta ad una ricetta.
    Può uccidere od esaltare un sapore.
    Non è la semplice base per far soffriggere o per condire l'insalata.
    Questa è una cosa che non tutti hanno ancora compreso a pieno ma credo che questa tua torta possa dare una bella mano alla causa.
    E' meravigliosa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ultimamente ho una passione forte per i dolci con l'olioma ancora non sono riuscita a trovare una ricetta che mi acchiappasse sul serio. Inutile dirti che l'ho trovata...
    un abbraccio e sempre tanti cmplimenti, cara Patty
    simo

    RispondiElimina
  7. Io sono sempre alla ricerca di dolci con l'olio EVO, e qui trovo un porto sicuro.. anche questa ricetta è eccezionale, e io trovo che il cultivar del Garda sia uno degli extra-vergini più adatti alla pasticceria, insieme a quello ligure (ma adorerò essere smentita).
    Solo una cosa: la cottura ad 80°C come è scritto è una svista (un 1 dimenticato) o è proprio così? La bassa temperatura mi ha stupito.
    Un abbraccio oleoso ;)

    RispondiElimina
  8. @Giulietta: ahhgggg...la temperatura è 180°C...Mi è rimasto l'uno nella tastiera. Grazie per averlo notato! Un bacione tesora!

    RispondiElimina
  9. Tu pensa che a volte per trovare olio extravergine buono me lo sono portato dall'Italia, e servito goccia a goccia purchè mi durasse più possibile...
    Dolce splendido :)

    RispondiElimina
  10. Patty, come potrei non amare questa tua torta?
    Sei troppo brava, non c'è altro da dire :)

    RispondiElimina
  11. Patty la tua torta deve essere super morbida e profumata e poi con l' olio extravergine d'oliva ha sicuramente una marcia in più.

    RispondiElimina
  12. Esatto e diciamo pure che è' l'ingrediente fondamentale....senza il quale per me non avrebbe senso cucinare....proprio in questi giorni abbiamo fatto il conto dei chili consumati in un anno, 40 in casa mia e siamo solo in due con due marmocchi! Tra poco ci risiamo, altra raccolta, altra spremitura, altro olio....il nostro oro liquido! Buonissima la torta, un abbraccio!
    Maddy

    RispondiElimina
  13. Sarà anche la tua maniera...ma che gran maniera! :)
    Ciao Leo

    RispondiElimina
  14. Appena infornata...to be continued...

    RispondiElimina
  15. L'olio è sempre con me, il cioccolato idem... mi mancano le pere, mannaggia! Evviva l'olio extraV. nelle torte! Se non lo provi non ci credi quanta leggerezza possa dare ad un impasto. Torta da urlo, almeno per me! Un abbraccio cara e grazie

    RispondiElimina
  16. Trovo che l'olio evo, in genere, nei dolci, ci stia benissimo conferendo sapore e consistenze diverse, ma sempre piacevoli. E quindi hai fatto benissimo a fare questo dolce, ed in me cresce la voglia di una torta pere e cioccolato.

    Fabio

    RispondiElimina
  17. ha un aspetto così goloso, perfetta per il clima autunnale, l'olio d'oliva è prezioso e dovremmo conoscerlo meglio e usarlo nelle ricette a seconda delle sue caratteristiche, hai proprio ragione :-)

    RispondiElimina
  18. Non sono ancora riuscita a preparare un dolce con l'olio extravergine d'oliva. Ricordo di averne visto già uno preparato da te e già quella volta mi ero ripromessa di provare a farlo. Adesso, davanti a questa tua bontà, considerando tra l'altro che il binomio cioccolato e pere è la mia passione, credo che non ci sia più niente che mi possa fermare :)

    RispondiElimina
  19. ma è possibile che ogni volta che faccio un giro qui ci sia un dolce? e perdipiù con l'olio che sai che amo!
    grazie e sgrunt!
    :))

    RispondiElimina
  20. Cara Patty, ma lo sai che non ho mai usato l'olio extravergine per fare un dolce? La tua torta di pere sembra avere davvero una consistenza ottima: umida al punto giusto.
    Grazie del suggerimento! :)

    RispondiElimina
  21. Io non vivrei senza questo ingrediente...
    La torta è una goduria!!

    RispondiElimina
  22. Complimenti per il blog.
    Ciao.
    http://coccinellecreative.blogspot.it/

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...