giovedì 31 maggio 2018

Bakewell tart pralinata fragole e lamponi: gli alieni nel telefono.

Loving the Alien - David Bowie
Ci siamo.
Pochi giorni e la scuola sarà finita. Di nuovo. Finalmente.
Chi non è genitore di figlio adolescente non può capire.
Specialmente chi non è padre o madre di figlio adolescente restio alla prova da sforzo per studio, non potrà capire che cosa passa un genitore mediamente responsabile.
Si, perché se veramente tieni a tuo figlio, le fai nere pur di dargli una mano a superare certi scogli, anche quando quegli scogli se li è creati da solo nelle lunghe ore di ozio lobotomico su un display di cellulare.
Purtroppo io rientro in quella fascia di fortunati genitori che si ritrovano una dinoccolata zombie in giro per casa governata da un attrezzo attaccato al palmo della sua mano.
Non racconto nulla di nuovo, lo so, lo so amici che ci state passando anche voi.
E che non trovate soluzione. Siete disperati.
Ho ritrovato mia figlia in due momenti che chiamerei "di epifania".
Il primo, quando le si è rotto il telefono e non le è arrivato prima di una settimana.
In quei giorni di attesa, ho rivisto il suo sguardo vigile, attento, vivace; ho sentito la sua voce senza interruzione partecipare attivamente a tutte le conversazioni, fare domande, lanciarsi in battute folgoranti.
Ho ritrovato il suo sorriso, la sua noiosa insistenza nel farmi notare le mie mancanze.
Insomma, era lei, la vera lei, esorcizzata al 100%.
La secondo volta, l'estate scorsa in vacanza. Le è caduto il telefono in mare. Disperazione e giubilo!
Immediatamente i fili che la tenevano prigioniera si sono spezzati. Gli esseri alieni che la dominavano, l'hanno abbandonata e per quasi 10 giorni, l'abbiamo avuta con noi.
Nuovamente vivace, allegra, spiritosa, partecipativa.
Non esiste soluzione a questa addiction se non far sparire l'elemento chiave, ma l'azione estrema quasi mai funziona.
Conseguenza vuole che questo ultimo mese di scuola si sia rivelato una corsa al recupero disperato di materie a limite della sufficienza, ritrovandoci, suo padre ed io, nuovamente a studiare con il panico da interrogazione (nostro, non suo evidentemente).
Provate voi cosa significa dover ancora fronteggiare Lutero, Calvino, controriforme, illuminismo francese, Shakespeare and co, le leggi di Mendel e il bizantino ravennate.
Neanche ai miei tempi mi si torceva così lo stomaco dalla tensione.
Non voglio pensare al suo esame di maturità.
Consigli per l'adozione di un menefreghismo coatto nei confronti della creatura?
Se ci riuscite o ci siete riusciti, per favore, ditemi come! 
Lo confesso: ho una piccola grande passione per la frangipane.
Adoro il contrasto di consistenze che si crea tra un guscio croccante di frolla ed il suo ripieno morbido, spugnoso, dall'intenso aroma mandorlato.
Ne adoro la decadente dolcezza sposata all'acidità della frutta fresca, in particolare alle albicocche ed i frutti rossi.
Naturalmente non l'ho scoperta qui, ma durante i miei primi viaggi in Francia, e da allora la passione è decisamente aumentata.
In questo blog ci sono svariate proposte che potrete cercare per capire di cosa sto parlando.
Oggi, ho voluto celebrare un classico dolce britannico tratto dal libro Jamie's Great Britain, dell'imprescindibile Jamie Oliver, con una mia piccola divagazione che nulla toglie alla bontà della Bakewell, tradizionalmente preparata con sola composta di lamponi e frangipane classica (sole mandorle).
La presenza di nocciole e noci, regala un carattere "pralinato" assolutamente irresistibile

Ingredienti per una torta 24/26 cm di diametro

Per il guscio
250 g di farina 00 + extra per spolverare
50 g di zucchero a velo setacciato
125 g di burro freddo tagliato a dadini
la scorza di un un limone non tratato
1 uovo grande da allevamento a terra sbattuto
1 goccio di latte

Per la composta di fragole e lamponi
150 g di lamponi + una manciata per decorare
250 g di fragole
50 g di zucchero a velo
il succo di 1 limone

Per la frangipane pralinata
100 g di nocciole tostate
100 g di noci sgusciate e tostate
250 g di burro a temperatura ambiente
150 g di zucchero di canna
1 limone non trattato
1 arancia non trattata
3 uova grandi a temperatura ambiente da allevamento a terra
60 g di farina 00

  • Setaccia la farina e metà dello zucchero a velo in un'ampia ciotola. Aggiungi il burro e sabbia con la punta delle dita fino ad ottenere un composto bricioloso. Aggiungi la scorza del limone, l'uovo sbattuto e il goccio di latte quindi impasta velocemente in fino a che l'impasto non starà insieme e forma una palla che schiaccerai un po' e coprirai con la pellicola.
  • Fai riposare l'impasto in frigo per 30 minuti.
  • Una volta pronta, stendila su una superficie infarinata ad uno spessore di 5 mm e fodera una tortiera per crostata con fondo amovibile, precedentemente imburrata e con la base coperta da carta da forno. 
  • Buca il fondo con i rebbi di una forchetta, quindi coprilo con un foglio di alluminio su cui verserai dei ceci su tutta la superficie. Metti in frigo per altri 30 minuti. 
  • Scalda il forno a 180° e cuoci il guscio per 12 minuti. Passato questo tempo, togli l'alluminio ed i ceci e rimetti in forno per altri 5 minuti. Passato questo tempo, togli la torta e lasciala raffreddare mentre prepari il ripieno.
  • Pulisci le fragole lavandole con cura e privandole del picciolo, quindi riducendole a metà. Sciacqua delicatamente i lamponi. Metti la frutta in una casseruola dal fondo spesso, aggiungi il limone e lo zucchero e fai cuocere a fiamma dolce fino a che la frutta non tenderà a disfarsi ed a creare una confettura morbida e sugosa. Versala in una ciotola e lascia intiepidire. 
  • Adesso prepara la frangipane: frulla le nocciole e le noci in un mixer con funzione pulse, in modo da ottenere una farina sottile. Aggiungi la farina 00 alla farina di noci e miscela bene. 
  • Metti il burro e lo zucchero nella ciotola della planetaria e monta fino a che non sia bianco, gonfio e spumoso. Aggiungi la scorza grattugiata degli agrumi ed un uovo alla volta, aggiungendo il successivo solo quando il precedente non sarà ben incorporato. 
  • Adesso aggiungi il mix di farina e noci e continua ad impastare per incorporare bene. Metti da parte. 
  • Distribuisci la composta di fragole e lampone sulla base della torta.
  • Metti la frangipane in un sac a poche e taglialo in punta formando una bocca da 1,5 cm. Con delicatezza, stendi a spirale la frangipane sulla composta fino a coprire l'intera farcitura quindi distribuisci i lamponi rimasti nella crema come preferisci. 
  • Cuoci nel forno sempre a 180° per almeno 45/50 minuti, fino a quando la frangipane non sarà bella gonfia, stabile e dorata.  Una volta pronta, lasciala raffreddare nello stampo per una ventina di minuti quindi sformala con delicatezza e falla raffreddare completamente su una griglia. 
  • A me è avanzata della frangipane che ho congelato per la prossima preparazione. La torta si conserva per 3/4 giorni e migliora nel tempo. 

10 commenti:

  1. Mi hai fatto morire dal ridere Patrizia. Sembrava di leggere Gli sdraiati, libro che porto tatuato sul braccio destro da quando l’ho letto ed ho scoperto che, straordinario, Serra conosceva mio figlio meglio di me. Cercando di sopravvivere ad un adolescente di 16 quasi 17 anni che, a differenza della tua, se perde il cellulare passa in modalità iPad nello spazio di un secondo e al quale non posso nemmeno dire nulla essendo disgrafico ed utilizzandolo come strumento compensativo a scuola da 6 anni. Edoardo, posa il cellulare. Lo posa e prende l’iPad. Edoardo, posa l’iPad. Non posso mamma, sto studiando filosofia. Ora, o gli sto vita natural durante alle spalle a controllare che non si metta a fare altro, oppure mi rassegno, che è quello che faccio di solito, ringraziando il cielo quando per lo spazio di 5 minuti alza gli occhi, torna cosciente e sembra che addirittura mi ascolti. Cosa che accade raramente. Consoliamoci con questa Bakewell, godiamocela con un bel tea e contemporaneamente ripetiamo Om ad intervalli regolari ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia, stessa età delle creature, stesse modalità. Qui vige la regola che durante le ore di studio il cellulare sta sulla mia scrivania e la sua proprietaria in camera sua. Solo che tutte le volte che Cristo manda in terra, o c'è da controllare gli appunti, o ci sono i compiti segnati o c'è la dispensa fotografata dall'amica...insomma c'ho scritto Giocondo. E resisto, fino all'attimo in cui non mi parte l'embolo e mi trasformo in una mostruosa creatura senza labbro superiore e dotata di occhi fosforescenti. Solo allora si capisce, ma si porta il muso. Quindi chi perde sono sempre io.
      Tanta pazienza, ce ne vuole tanta!

      Elimina
    2. PS - Gli Sdraiati è una guida alla sopravvivenza. Va letto ogni tanto per consolarsi.

      Elimina
  2. Sono morta dal ridere, è che mi ricorda un po' mia sorella :) allora non era il cellulare ma...tutto il resto. Io studentessa secchiona e noiosa, lei vivace e più spensierata, la sera prima della sua maturità ripassai con lei TUTTO il programma di storia dei cinque anni di liceo, volevo morire e lei che se ne fregava altamente :D la torta è una meraviglia, non te lo dico nemmeno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, anche a te è toccata una bella crosta. La cosa più assurda che chi si preoccupa alla fine siamo solo noi, che ci facciamo venire un ictus dall'ansia mentre a loro, easy life in tutti i sensi.
      Forse, alla fine, quelle sbagliate siamo noi Stefi...mi sa!
      Un abbraccione cara.

      Elimina
  3. Mia figlia è ancora piccola e sono lontanta dalla fase che stai vivendo tu (forse neanche così troppo, visto come passa in fretta il tempo!). Ho vissuto l’adole dei figli più grandi di mio marito... ti assicuro che poi passa, ma bisogna avere moooolta pazienza. Adesso sto vivendo la fase di dipendenza dal telefonino di mio nipote, il più piccolo, che si avvia verso i 14 anni, e non si schioda un secondo dal telefono... Gli voglio un bene dell’anima, ma in questo periodo lo sopporto poco 😨
    Passiamo alla torta, che è stupenda!!! Se solo avessi letto la ricetta prima, l’avrei preparata per la festa dell’ultimo anno di nido di Ulli...
    Grazie Patty, adesso devo rispolverare Great Britain ;)
    Un abbraccio 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ti devo dire: sii pronta. Anche perché più gli anni passano, più diavolerie elettroniche vengono inventate. E quando la tua piccola sarà all'età della mia, probabilmente non esisterà più il cellulare, ma qualcosa di piccolissimo tipo cip, inserito sotto pelle...aiuto!
      Per la torta, comunque sei sempre in tempo. Tanto la bontà non passa mia di moda!
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  4. Non ho figli quindi non posso parlare ma guarda che il quadro che hai descritto si può riflettere anche a tanti adulti,per esempio ad una coppia in cui uno dei due è smart phone addict e l'altro no. Questo tuo post invita ad una drammatica riflessione, anche sul dolce perché sono a dieta..te possino!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti hai ragione, questa è una piaga generalizzata, me ne rendo conto anche io che ne sono un po' vittima.
      Sulla dieta, stendiamo un velo pietoso.
      Un bacione tesoro bello!

      Elimina
  5. Mamma di sedicenne con corsa al recupero, presente!! Sono DISFATTA dalla fatica. Come tutte noi lavoro mille ore al giorno e sono anche piegata dalla scuola di una figlia che somiglia alla tua :)
    Che si somigliano tutte?
    Un abbraccio cara patty, e se ti viene incrocia le dita anche per noi.
    La torta é bellissima, ma sto vivendo al risparmio di qualunque energia e sono settimane che faccio la solita torta per colazione e stop...

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Ti risponderò con piacere. La tua opinione è importante.
Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.