venerdì 16 marzo 2012

Fiori per un uomo: la torta delle rose

You don't bring me flowers - B. Streisand & N. Diamond
Avete mai regalato fiori ad un uomo? Lo so che è una domanda strana e che c'è stato un periodo in cui faceva molto figo e diverso offrire anche un solo fiore a lui precedendo la mossa galante. La trovo una cosa carina, speciale, ma deve essere spontanea: un solo fiore, magari rubato da un prato, la gemma di un albero o la rosa di una siepe. Trovo commovente il gesto di chi con delicatezza, sistema la rosa nel taschino al proprio amore come al posto nostro hanno fatto le madri o i padri dei nostri futuri mariti un attimo prima che raggiungessero l'altare. Andare a comprare un fiore per un uomo mi metterebbe in imbarazzo, mi toglierebbe naturalezza e finirebbe col sembrarmi un gesto artificioso. In poche parole, i fiori preferirei e preferisco riceverli. 
Ma un uomo speciale nella mia vita meritava un bouquet di fiori e siccome so che l'avrei messo in imbarazzo con dei fiori veri, li ho messi in una torta. Una torta di rose che molte di voi conoscono e che, dopo averla provata per la prima volta, mi ha completamente conquistata. Ho visto spesso questa ricetta su molti blog ed ogni volta ne rimanevo affascinata. Quelle volute strette e gonfie a creare un bouquet color caramello, dall'aspetto incantevole e prezioso. L'unico ostacolo che mi impediva di provare a cimentarmi con questa ricetta è la mia totale inettitudine con i lievitati. E se dico totale, credetemi sulla parola. 
C'è voluto il compleanno di mio padre ed una giornata a casa per assistere alla mia bimba malata. Giornata lenta, tranquilla, lavoro al computer senza l'assillo del telefono ogni due per tre. Ho tempo, posso provare mi sono detta. "Faccio le rose per papà" e l'idea mi si è piazzata in testa con una determinazione tale da rendermi sicura della riuscita. La volevo fare per lui, per un uomo schivo e introverso che per una vita ha passato più tempo con gli animali che con le persone. Mio padre è stato addestratore di cavalli da concorso ippico per 50 anni. Ne ha compiuti 69 quindi fate i vostri conti. Tutt'ora non può stare lontano da loro, li capisce come nessun altro e probabilmente è più abile a comunicare con loro con che noi. E' un uomo molto forte, con un carattere di acciaio, severo e molto geloso della sua famiglia. Ha sempre avuto difficoltà a manifestare i propri sentimenti e spesso questo è stato causa di problemi e contrasti. Ho combattuto spesso con lui da ragazza, lotte furibonde e terribili, ma ciò che posso dire adesso è che forse non aveva torto e riesco persino a mettermi dalla sua parte e capire quanto possa, da padre geloso e possessivo, avere sofferto nel vedere le sue figlie diventare grandi e amare altri uomini oltre lui. 
Vorrei potergli dire quanto ancora lui sia per me l'uomo della mia vita e siccome alla fine gli assomiglio più di quanto io non voglia ammettere, gli dirò che l'amo con delle rose. 
Sono feliceeeee....Che ci crediate o no, ho fatto il mio primo lievitato! No, ho fatto il mio primo lievitato che è uscito come si deve! Non potete capire la frustrazione. Io non ci so fare con i dolci a lunga lievitazione, neanche con focacce o pani o robe simili. Quelle cose lì in casa mia sono di dominio maschile, li fa mio marito e stop! Ho provato con i danesi, con il pan brioche...ma come pensate che possa esserci rimasta osservando un impasto restare immobile come se niente fosse e finire per suicidarsi nella spazzatura? 
Il mio primo lievitato vincente è nato da una ricetta copiata con attenzione dall'ultimo numero di Sale e Pepe e di cui vi riporto qui gli ingredienti:
Ingredienti per 10 persone
585 gr di farina manitoba
25 gr di lievito di birra
85 gr di zucchero
120 gr di latte
120 gr di burro + quello per imburrare
100 gr di nocciole sgusciate
400 gr di marmellata di arance (io ho usato la meravigliosa marmellata di arance, zucca e cardamomo di Cristina)
la scorza di un limone non trattato (io arancia)
75 gr di cedro candito a dadino
75 gr di scorza d'arancio candita a dadini
zucchero a velo
sale 




Sbriciolate il lievito in una ciotola e scioglietelo con 100 ml di acqua tiepida. Unite 135 gr di farina, coprire e fate lievitare la biga per c.ca 30 minuti in luogo tiepido fino a che avrà raddoppiato il suo volume
Setacciate 400 gr di farina in una terrina unendo lo zucchero ed un pizzico di sale, 120 gr di latte tiepido , 3 tuorli, il burro ammorbidito a tocchetti, e la scorza grattugiata del limone. Lavorate bene gli ingredienti e quando avrete ottenuto un impasto liscio ed omogeneo, mettetelo sulla spianatoia spolverizzata con la farina rimasta, ed aggiungete la biga.
Lavorate a lungo (io per almeno 10 minuti), a mano o con l'impastatrice (io ho fatto a mano con un piacere enorme perché l'impasto era molto morbido e malleabile). Mettetelo in una terrina, coprite e fate lievitare per almeno 2 ore.
Nel frattempo tritate le nocciole e sminuzzate i canditi.
Lavorate nuovamente la pasta quind i dividetela in 2 panetti che stenderete con il matterello in 2 rettangoli sottili, uno alla volta. Spalmate su ognuno la marmellata, distribuite metà nocciole e i canditi in maniera omogenea quindi avvolgete la pasta su se stessa in modo da formare un grosso rotolo
Ripetete l'operazione con l'altro panetto e tagliate i 2 rotoli in tanti rotolini alti 2 cm in meno del vostro stampo.
Imburrate uno stampo a cerniera da 24/26 cm di diametro e riempitelo con i rotolini sistemandoli uno accanto all'altro ma un po' distanziati per consentire una ulteriore lievitazione. Coprire e fare lievitare per altri 30/40 minuti. 
Spennellate il dolce con il tuorlo rimasto mescolando con una cucchiaiata di zucchero a velo ed una di latte e quindi mettetelo in forno a 200° per c.ca 20 minuti. Coprire poi con un foglio di alluminio e continuate per altri 30/35 minuti. Lasciatela raffreddare e sformatela. Spolverizzatela con zucchero a velo e con un pennellino lucidate le volute con la marmellata tenuta da parte. 
Il profumo di questa torta vi stordirà. Mi dispiace delle foto. Le rose scure che vedete non sono bruciate ma caramellate solo che la luce non ha reso giustizia. Questa torta è perfetta per chi ama i dolci non troppo dolci. Io me ne sono innamorata. 


Con questa ricetta partecipo al Contest Blog Compleanno del Molino Chiavazza
Ed al bellissimo contest di Dolci ma non Troppo - "Un dolce per i nostri papà"


46 commenti:

  1. Complimenti Patty, vedrai adesso sarà come una droga, inizierai a sfornare lievitati e non ti fermerà più nessuno!

    Io la faccio con la farcia tradizionale di crema di butto, questa con arancia e nocciole deve essere ottima.

    personalmente con quel tantitativo di impasto tiro unca sola sfoglia di modo da lasciarla piuttosto doppia e farla venire ancora più soffice in lievitazione, ma è questione di gusti!!

    Ho scoperto che hai una padre che sussurra ai cavalli!

    un abbraccio

    loredana

    RispondiElimina
  2. Che bei fiori hai regalato al tuo papino ;)) il mio amava guardarmi mentre li sfornavo. Spero che non loro profondo sappiano quanto il nostro amore per loro sia grande e soprattutto per sempre!!!!!

    RispondiElimina
  3. è meravigliosa...di un'eleganza sfrenata!

    RispondiElimina
  4. Da adulti spesso riusciamo a comprendere, accettare e perfino apprezzare lati e gesti dei nostri genitori che, da adolescenti, abbiamo invece combattuto ed odiato.. Quelli che ci sembravano angoli da smussare diventano sfumature da amare.. In fondo perche' arriviamo ad ammettere a noi stessi che rassomigliamo loro molto piu' di quanto credessimo! Affascinante il lavoro di tuo padre.. Mio marito ha fatto fino a pochi anni fa il fantino, quindi so che possono instaurare con quegli animali rapporti quasi incomprensibili!! Oh mamma.. Scusa del poema e.. Benvenuta nel mondo dei lievitati.. Ora saranno solo soddisfazioni, questa torta e' perfetta!

    RispondiElimina
  5. Io regalo spesso fiori a mio marito...senza carte e ornamenti vari, solo un fiore, sempre a colazione :) anche io sto prendendo confidenza con i lievitati da poco e le rose nella torta come la chiamano i miei figli è un lievitato che faccio spesso, sia salato che dolce :)

    RispondiElimina
  6. Ed ora, rotto il ghiaccio, sono sicura che non ti fermi più! La soddisfazione di sfornare un lievitato non ha prezzo ^_^ Quel ripieno di arance e nocciole mi sconconfera assai assai. Gran bel pensiero per il tuo papy...auguroni e buon we

    P.S. bimba metti in azione i criceti che ti aspetto qui!

    RispondiElimina
  7. Patty complimenti ed auguri al tuo papà, e pure alla tua bimba per una guarigione superveloce (io con i miei due me la sto vedendo male da metà novembre dello scorso anno, però mi avevano avvisato che il primo anno di materna è tremendo!).
    Io una volta al mio papà ho regalato davvero dei fiori. Si era fatto una bella risata dicendomi che sono una matta ma che gli piacevano tanto.
    Non so tu. Ma io una cosa mi rimprovero di non aver fatto in passato: non aver detto più spesso ai miei genitori che gli voglio bene. Ma sto recuperando, proprio ora che sono diventata mamma pure io (ai miei due cuccioli gli chiedo se mi volgiono bene e loro spalancano occhioni e braccine e mi abbracciano forte forte mi danno un bacio e mi dicono "si mamma tanto bene".
    Torta bellissima. Chissà se riuscirò a farla pure io gluten-free ... Buon we

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto emozionare e non sto scherzando :)
    E' meravigliosa questa torta, l'hai fatta con amore e questa cosa è bellissima! auguri al tuo papà ^^
    a presto, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco.Il pane a me non viene mai bene, la pizza così così, ma la torta di rose che hop rovato a fare domenica...è venuta buonissima!Davvero belle le parole per il tuo papà, mi sono commossa!

    RispondiElimina
  10. molto emozionante, questa dedica al tuo papà.. e molto bello il "mazzo" di fiori che hai preparato ;) bravissima Patty, complimenti, vedrai che ora, rotto il ghiaccio, potrai continuare negli esperimenti con i lievitati!!!
    un abbraccione!

    RispondiElimina
  11. Se mi stupisci con una ricetta salata che prevede lo zucchero muscovado ancora meglio ^_^ Lo trovo al NaturaSì in pacchetto da 500gr ;)

    RispondiElimina
  12. Non riuscirei proprio a regfalare dei fiori ad unn uomo mi blocca il pensiero però sono sicura che qualsiasi uomo resterebbe piu che estasiato da questa meraviglia!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  13. A me piacerebbe molto ricevere in regalo dei fiori ma finora ho ricevuto un mazzo di girasoli solo per il mio 18esimo :(

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  14. Patty, hai fatto un regalo bellissimo ad un uomo così speciale!

    Quanto ai fiori.. anch'io non ne ho mai regalati, però penso sia un gesto bellissimo (io, per esempio, bacio spesso la mano di mio marito, in ssegno di amore, riconoscimento, gratitudine. a lui non piace, ma io lo faccio comunque!!)

    E complimenti per il successo con il lievito!
    avrei una fame già... :-)
    Vaty

    RispondiElimina
  15. Patty: lo sapevi vero che lo aspettavo io, questo post?! Da quando me lo avevi anticipato via fesibuc???
    Commovente e tenero come te e .... magico (per lo meno a sentire te parlare delle esperienze di *lIevitazione*)-
    Buona giornata bimba.
    Nora

    RispondiElimina
  16. Buonissima questa torta di rose!!! E bellissime le parole nel tuo post!!!!

    RispondiElimina
  17. e' una delle mie torte preferite......è bellissima!!!!!!!

    ..volevo invitarti al mio primo contest.....se ti va di partecipare questo è il link....ti aspetto......
    http://dolcimanontroppo.blogspot.com/2012/03/contest-un-dolceper-i-nostri-papa.html

    RispondiElimina
  18. Evviva Patty!! Questa volta ci sei riuscita e in maniera straordinaria!!! Questa torta è un vero spettacolo e credo che quando la vedrà tuo padre si emozionerà come un bambino!!! Hai avuto un pensiero davvero dolce...Un bacio grande e auguri al tuo babbo!!

    RispondiElimina
  19. Cara Patty, siamo in sintonia...anche per noi di recente è stato il momento della torta di rose...ma il tiotlino fiori per un uomo è geniale :-) Proverò anche la tua versione: mia nonna è mantovana e da noi è una torta gettonatissima. Senti Patty, passando di qua non posso segnalarti il nostro primo Contest, in collaboarazione con Sadler: una sfida ai fornelli secondo noi interessante. Ti va di partecipare? le tue ricette sono sempre di altissimo livello...e ci farebbe davvero piacere la tua presenza...un saluto affettuoso
    simona

    RispondiElimina
  20. Che lavoro affascinante ha fatto tuo padre. Non posso evitarmi di pensare che la sua lunga "relazione d'amore" con i cavalli gli abbia dato una visione speciale del mondo e delle persone.
    La tua torta bellissima, piena d'amore, deve essersela proprio meritata! :*

    RispondiElimina
  21. Patty, hai fatto davvero un gran dolce! e che ripieno buono e insolito hai scelto! davvero perfetta, mi piace tantissimo!!!
    si vede l'amore che c'è dentro (e immagino si senta anche nell'armonia dei sapori)...

    RispondiElimina
  22. quando vedevo questo dolce non mi attirava più di tanto, poi un giorno l'ho assaggiato e....me ne sono innamorata! Proverò la tua ricetta!

    RispondiElimina
  23. Che bello questo post, e che bella la torta! Delicata e speciale come il pensiero che l'accompagna...

    RispondiElimina
  24. Ma lo sai che non ci ho mai pensato a regalare dei fiori ad un uomo? Chissà perché... ma passiamo a questo lievitato, la torta delle rose è bellissima e scenografica e adesso che ci hai preso la mano non potrai più fare a meno di Impastare e far lievitare (te lo dico da novellina!)
    Un bacio e buon we

    RispondiElimina
  25. Patty, che post meraviglioso, mi hai fatto commuovere...
    Fra poco, il 7 aprile, è anche il compleanno del mio amatissimo papà... dici che potrei anch'io riuscire a fare un lievitato? se tu sei negata, io di piùùùùùùùùù!!!
    tvb

    RispondiElimina
  26. Un meraviglioso messaggio d'amore :) Io credo davvero che spesso il cibo dica molto più delle nostre parole, è diretto, conciso, poetico, commovente...E questo tuo dono per l'uomo più importante della tua vita è quanto di più bello potessi scegliere! Hai un blog delizioso!! Ti seguo volentieri!!

    RispondiElimina
  27. stupenda! ho sempre in mente di farla ma poi per un motivo o l'altro non la faccio mai! chissà ,magari adesso è arrivato il momento....è veramente uno splendore! ciao!!!!

    RispondiElimina
  28. Mai fatta la torta di rose, anche se i dolci lievitati sono i miei preferiti. Il tuo papa' sarebbe un mito per il maritino, che e' un appassionato di cavalli e monta fin da piccolissimo. Ti invidio un pochino, benevolmente, perche' ancora puoi cucinare un dolce per lui. Il mio papa' era molto goloso e faceva sempre onore ai miei dolci. Ancora oggi cucino i suoi preferiti per sentirmelo vicino. E' bello che tu gli dica che gli vuoi bene con un fragrante e dolcissimo bouquet di rose, ma prova a dirglielo a voce, guardandolo negli occhi: e' un'emozione difficilmente eguagliabile...Per me e' il ricordo piu' bello che ancora ho di mio padre...Un bacione.

    RispondiElimina
  29. Brava e complimenti ti è venuta perfetta, ma io so perchè. Hai usato l'ingrediente segreto....l'amore per tuo padre!!!!!!!!

    RispondiElimina
  30. mi hai fatto commuovere sai? primo per il bellissimo post e le belle parole rivolte al tuo babbo, secondo perchè questo dolce è perfetto ed è sicuramente il miglior modo di offrire fiori ad un uomo.
    BRAVA BRAVISSIMA, BRAVA BRAVISSIMA, DI QUALITA' DI QUALITA' DI QUALITA'.....lalalalalalala.....là

    RispondiElimina
  31. che sia la volta buona per farla? mi attrae molto! un bacione e buon weekend...

    RispondiElimina
  32. ....perfetto....ricetta inserita....buonanotte...stefy

    RispondiElimina
  33. Io odio i lievitati... Soprattutto perché sono celiaca e lo cose non vanno mai come dovrebbero andare... Ma oggi il pargolo n.3 mi chiedeva se avessi fatto il regalo al dolce doppio per la festa del papà. Io ho risposto che non era mio padre... E lui mi ha prontamente pensato al nonno e mi ha detto "forse potremmo portare dei fiori al nonno..." poi mi ha guardata e ha aggiunto "una torta nono trebbie mangiarla..."
    Spesso non c'è più tempo per apprezzarli...

    RispondiElimina
  34. ma quanto dolce sei stata a esprimere quei sentimenti d'amore verso il tuo papà! sai anche mio padre aveva un carattere schivo ed introverso, sembrava un duro, era poliziotto, ma a volte veniva fuori tutta la sua dolcezza e la voglia di essere coccolato!
    queste deliziose rose sono un bellissimo regalo per il papà!! Brava

    RispondiElimina
  35. una torta che amo ma che in versione dolce non ho mai fatto...o meglio ho provato a fare dei tentativi ma non ho mai ottenuto un risultato strepitoso come il tuo. E' che forse ho poca pazienza e mi vengon fuori i pasticci...mah!
    Uno dei miei grandi difetti è riuscire a dire poco al mio papà che gli voglio un mare di bene...ti capisco, sai?!
    Un abbraccio e buon sabato, cara...

    RispondiElimina
  36. Ciao cara, se passi da me c'è un piccolo premio per te ^_^
    Un bacio e buon weekend!

    RispondiElimina
  37. Lo sai che al torta di rose è stata anche ilo mio primo lievitato? nel mio caso, però, per la festa della mamma, pensa ai casi della vita!
    è un dolce che mi dà sempre tantissima soddisfaizone! un abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  38. questi sarebbero gli unici fiori che accetterebbe con molto piacere mio marito ;))
    ciao Patty buona Domenica

    RispondiElimina
  39. Questa torta mi fa impazzire! Una volta ho regalato una rosa al ragazzo che poi sarebbe diventato mio marito però penso che avrebbe preferito di gran lunga un bocciolo di questo genere hehehehee :D
    Bellissima!

    PS:NIENTE CUCCHIAIO!!!eevvaaaiiii :D

    RispondiElimina
  40. MMMMmmmmm....merabigliosamente buono questo bouquet!!!!

    besos!

    RispondiElimina
  41. I lievitati sono terapeutici!!!
    E poi non avresti potuto scegliere fiori migliori per tuo padre, questi si gustano non solo con gli occhi ma anche con tutti gli altri sensi :-)

    Un bacioneee

    RispondiElimina
  42. Mia cara questa torta è favolosa!!! dei fiori che anche il mio papà gradirebbe un sacco!
    un abbraccio
    P.S. ho creato una pagina facebook per il mio blog, se ti va di seguirmi puoi iscriverti.

    RispondiElimina
  43. A tuo papà basterebbe leggere ciò che hai scritto per capire quanto amore provi. Quando siamo più giovani fatichiamo a capire il perché di tante decisioni o proibizioni pero ' ora riesco a capire quasi ogni gesto... Punizione ... O restrizione.... Era per amore! La tua torta e' un capolavoro anche perché e' fatta con dolcezza e per essere il primo credimi sei stra brava! Un abbraccio

    RispondiElimina
  44. Ricetta riuscitissima! condivido la tua felicità. Anch'io affronto i lievitati con tanta ansia e la preoccupazione che rimangano bassi e quando invece vedo che lievitano mi sento subito anch'io più leggera! Auguri al tuo papà e buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  45. Come dire: chi la dura la vince! Complimenti per la tenacia, carissima... Anch'io non ho molto feeling con i lievitati, o forse mi sono convinta di non averne e li evito accuratamente :-) Dici che se provo questa ricetta viene anche a me una torta bella come la tua? Purtroppo non potrò prepararla per il mio amato papà, che non è più, o forse sì... In fondo da Lassù loro ci guardano sempre, no? E lui, che era un gran golosone, saprà apprezzare questo bouquet speciale :-) Un abbraccio, Pat!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...