venerdì 15 novembre 2013

Le mie prime trofie a mano con semola Senatore Cappelli

It's all in your hands - Adam Gontier
Piano piano riuscirò a sperimentare tutti i tipi di pasta fresca tradizionale presenti sulla nostra penisola, isole comprese! 
Infiniti, mi verrebbe da dire, ma neanche troppo.
Pici, tagliatelle, lasagne, ravioli, farfalle, cavatelli, tortellini, garganelli, cappellacci, plin, ecc, ecc...è quello che in poco più di tre anni ho portato sulla tavola di questo blog.
Stavolta più di sempre, sono orgogliosa della fatica, dell'ostinazione e dell'istinto che mi hanno aiutato a  riempire un'insalatiera di buonissime trofie uscite miracolosamente da sotto il palmo delle mie mani.
E' così: le trofie hanno un che di magico.
Non si deve stendere, non si deve scavare, né filare o attorcigliare.
Non serve nulla, tranne un palmo di mano teso e nervoso che compie un gesto simile ad un saluto o una carezza.
La trofia nasce da una carezza: energica e sicura, ma pur sempre una carezza.
La voglia di cimentarmi in un nuovo tipo di pasta fresca è partita automaticamente non appena ho avuto fra le mani la semola di grano duro che vedete qui sopra.
Si tratta di uno dei tesori di terra Lucana di Mangiare Matera.
Qualcosa di cui vi ho già parlato qui e di cui sentirete parlare ancora a lungo.
Perché quando ci si innamora è difficile tornare indietro.
Specialmente se l'oggetto della vostra passione è una creatura bionda, profumata di buono, morbida e accomodante. Ma soprattutto poliedrica.
Me lo direte anche voi quando avrete provato questa semola.
Al tatto è setosa, quasi impalpabile e non parlo di semola rimacinata.
Senza neanche averla bagnata, sprigiona un profumo difficilmente spiegabile, ma vira al dolce e a qualcosa di antico che non ho ancora individuato, ma ve lo dirò nel tempo.
All'impasto con sola acqua è cedevole, morbida, duttile e dopo qualche istante che la impastate comincia a profumare così tanto che vorreste cominciare a mangiarla ancora cruda.
E' la caratteristica delle farine che derivano dal grano Senatore Cappelli.
Del grano hanno il colore magnifico.
Pur senza l'utilizzo di uova, l'impasto si presenta di un pallido riflesso dorato. Una vera bellezza.
Se come me amate lavorare la pasta fresca, qui otterrete la massima soddisfazione.
Dopo averla fatta riposare una trentina di minuti, sarà pronta a diventare il miglior piatto della vostra vita.
Nel mio caso, le trofie sono arrivate più per curiosità e per uno studio ingegneristico su come ottenere quei lievi turaccioli, che per vera e propria scelta.
Alla fine ci sono riuscita. Che soddisfazione!
La cosa che più mi dispiace è non essere riuscita a realizzare un video per spiegarvi come si fa.
Naturalmente ho fatto una ricerca in rete e la migliore spiegazione "animata" secondo me la trovate qui. Io cercherò di spiegarvelo verbalmente.
Non è complicato, dovete prima provare qualche minuto e poi troverete il "vostro" modo e ritmo.
Ingredienti per 4 persone
300 g di semola di grano duro Senatore Cappelli
2 cucchiai di olio extravergine
Acqua q.b.
Per il condimento
2 patate di media grandezza
150 g di fagiolini puliti
pesto al basilico (se lo fate in casa, usate il vostro)
sale
parmigiano a piacere
olio extravergine Riviera Ligure DOP per finire
Preparate le trofie.
Impastate la semola con olio ed acqua e lavoratela a lungo fino a che non otterrete una palla liscia e setola. Capirete se l'avete lavorata bene e nel giusto tempo, quando l'impasto perderà la sua superficie a "buccia d'arancia" per diventare uniforme e liscia (fosse possibile così anche con le nostre cosce!).
Vi serviranno dai 5 ai 10 minuti di duro lavoro di braccia. Vai con il workout!
Avvolgete la vostra palla nella pellicola e lasciate che riposi.
Passata una mezz'oretta, sedetevi alla vostra spianatoia e cominciate il lavoro più "complesso".
NOTA BENE: non dovete usare farina, anzi la spianatoia dovrà essere priva di farina e lievemente umida. A questo scopo, tenete vicino a voi un canovaccio pulito e bagnato con cui inumidirete appena la superficie quando vi renderete conto di averne bisogno. L'umidità crea l'attrito necessario affinché la pasta rotolando, si avviti su se stessa. E' molto importante. 
Prelevate dalla pasta (che avrete l'accortezza di tenere sempre avvolta nella pellicola), un pezzetto di impasto grosso come un pugno, che terrete nella vostra mano sinistra e dal quale prenderete via via delle palline di pasta non più grandi di una nocciola.
Con la destra mettete la pallina sulla spianatoia e "rollatela" come se doveste fare uno spaghetto. Partite dall'alto, scendete, quindi tornate al punto di partenza.
A questo punto sotto il palmo della vostra mano, avrete un serpentino di pasta non più lungo di 3/4 cm.
Adesso è il momento più importante.
Da quella posizione, fate scendere la mano in diagonale verso di voi, esercitando sulla serpentino di pasta, una pressione con il lato esterno della mano, tenendo la mano sempre ben tesa e aperta. La pressione trascinerà con sé il serpente di pasta, che via via si attorciglierà.
Passerà dal palmo esterno fino al mignolo, ed è proprio all'altezza del mignolo che vedrete sbucare il vostro perfetto turacciolo di pasta. La cosa importante è di tenere la mano sempre nella identica posizione di quando cominciate il lavoro. Bella verticale e dritta di fronte a voi, parallela alla spianatoia, senza piegarla quando la trascinate in diagonale. La parte della mano che lavora maggiormente è quella che va dal migliolo al polso e che probabilmente sarà indolenzita alla fine della vostra sessione di lavoro.
Però davvero, provateci, perché è una cosa incredibile quando otterrete la prima trofia. E vi renderete conto di quanto sia facile!
Quando saranno pronte, lasciatele su un piano coperto di semola e preparate il condimento.
Sbucciate le patate e tagliatele a dadini di 1 cm di lato c.ca.
Pulite i fagiolini e tagliateli a pezzetti non più lunghi di 3 cm.
Fate bollire abbondante acqua salata, quindi versate le patate. Fatele cuocere 5/6 minuti e nella stessa acqua aggiungete i fagiolini. Fate cuocere altri 5/6 minuti quindi aggiungete la pasta.
Per le trofie fresche ci vorrà molto poco, direi intorno ai 6 minuti, forse anche meno. Assaggiate.
Scolate il tutto in una bella insalatiera in cui avrete già versato il vostro pesto allungato con un mestolino di acqua di cottura.
Mescolate bene e servite con un filo d'olio Riviera Ligure Dop a crudo e parmigiano a piacere.



37 commenti:

  1. Anche io sono un'amante della pasta fresca e anche io ne ho collezionata tanta in questi anni di blog, ma le trofie non ancora. E pensare quanto le adoro, al pesto o, ancor più, con la salsa di noci (oddio, solo il pensiero)!
    Devo provare, inutile a dirsi.. e quella semola è una cosa incredibile.. io l'ho provata nei lievitati e mi ha dato dei risultati incredibili, ma voglio sperimentarla ancora, e ancora, e ancora.
    Bellissime trofie, mia cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito cosa dovrai preparare prossimamente. E sono certa che supererai la sfida alla grandissima. Bacio

      Elimina
  2. Che spettacolo, dico solo questo!
    Anch'io nel preparare una brisée l'ho trovata setosa... E adesso ho già un'ansia solo a pensare di finirla questa semola speciale... Bacio tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia perdere....non oso pensare di finirla. Ma succederà. E a quel punto, a cosa servono i corrieri? Ciao carissima!

      Elimina
  3. Noooo, tu sei pericolosa. Mi hai insegnato a fare i pici e io ne ho guadagnato il mal di schiena tutte le volte che mi ci metto. Ora mi metti in testa le trofie... e sono certa che arriverà il giorno nel quale mi "pruderanno le mani" e non riuscirò a trattenermi dal provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaah...dai, lanciamo la moda di stagione: Trofie! Buttati e fammi sapere come va! Ma stai seduta stavolta!
      Bacione

      Elimina
  4. No vabbè.
    Devo provare a farle ASSOLUTAMENTE *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scatenato l'inferno!
      Dai che voglio vederle! Un abbraccione!

      Elimina
  5. ma sono bellissime...Patty sei fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aleeeee....bacione gigante!

      Elimina
  6. Sei MOSTRUOSAMENTE BRAVA! Io ammetto di aver provato un paio di volte a far le trofie ma mi sono venuti dei vermiciattoli inguardabili e, di conseguenza, disdegnati dai miei commensali.
    La qualità delle farine poi fa molto, (e questa semola è SPECIALE) ma la tua manualità è da MANUALE.
    Complimenti e...un po' di invidia per i tuoi commensali!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Nora, hai ragione. La farina fa la differenza anche nel sapore finale, ma credo che con un po' di pazienza possano riuscire a tutti. Se ti butti, fammi sapere. Un abbraccione.

      Elimina
  7. Oh mio Dio le trofie sono fantastiche quando vado dai miei amici di Genova sono d'obbligo.
    E hai fatto anche i pici??? No no devo andare a vedere queste ricette e segnarmele assolutamente!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, i pici per una senese sono un piatto di devozione! Sul blog ne trovi almeno almeno 3 versioni ed un post molto dettagliato con tutorial su come farli. E ti posso garantire che ne sono state fatte 180 versioni diverse delle ragazze dell'MTC, ognuna pazzesca! Un abbraccio

      Elimina
  8. Patty complimenti!!
    sono perfette queste trofie!
    Bravissima, che piatto meraviglioso!
    mi hai fatto venire voglia di farle e di seguirti nell'avventura fare tutte le paste fresche d'Italia!
    poi diciamolo...con queste farine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah....hai ragione. La cavalcata continuerà presto con altre sperimentazioni! Lasciami solo un po' di tempo e te la do io la pasta fresca! Baci giganti!

      Elimina
  9. Brava, che trofie perfette! le tue istruzioni mi sembrano molto precise, un giorno ci proverò...
    Baci Su

    RispondiElimina
  10. Da genovese ti dico bravissima! Le tue trofie sono davvero signore trofei! Belle, bellissime! E il procedimento è proprio quello!
    :)

    RispondiElimina
  11. le tue trofie sono perfette, sei stata veramente bravissima e si vede che hai una buona manualità inoltre mi piace tanto anche il condimento che hai usato, alla prossima pasta a mano.
    Buon fine settimana
    Enrica

    RispondiElimina
  12. Bravissima Patty, sono perfette queste trofie, ma non avevo dubbi, da una pastaia quale tu sei non c'era che da aspettarsi delle trofie che sembrano fatte dalle mani esperte di una ligure. Oltre tutto non sono nemmeno facili da fare, sono più difficili delle orecchiette pugliesi. Lo sai che condivido questa tua passione per la pasta fresca :) Per me non c'è niente di più bello in cucina!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  13. per me è stata una grande soddisfazione riuscire a fare i tuoi pici quindi ti capisco benissimo, ma così piccoli che pazienza, bravissima!

    RispondiElimina
  14. Trofie perfette,sei bravissima in tutto.

    RispondiElimina
  15. Ho appena fatto tortelli e garganelli...ma al prox round trofie!!! Ci metterò magari un po' a fare i serpentini ma voglio assolutamente provare!!!
    Baci e buon weekend
    Silvia

    RispondiElimina
  16. mamma mia che spettacolo!
    Ho comprato due libri sulla pasta fresca fatta in casa, anche io come te vogliosa di provare tutto tutto tutto quello che offre la nostra immensa tradizione regionale!
    E poi quella semola è fatta davvero di oro!
    Complimenti!
    Con molto piacere ne approfitto per invitarti a partecipare al mio contest, sto raccogliendo le ricette "più gettonate" dagli amici e dai followers anche!
    Ti aspetto, spero vorrai partecipare!
    http://crocedelizia.wordpress.com/2013/09/11/far-frequently-asked-recipes-la-nuova-raccolta-di-cle/

    RispondiElimina
  17. Ciao Patty, non so se sono l'unico uomo a seguire il tuo blog, e sai quanto ami la cucina anche se non ho molto tempo. Cosí guardo i tuoi piatti perfetti e me ne faccio una ragione, sei ineguagliabile. Amo la pasta fatta in casa, solo unasettimana fa ho fatto i culuszones, la ricetta mi è stata data dalla mamma di una mia cara amica che vive in Sardegna. Buonissimi. Mi piacerebbe ti cimentassi anche con quelli, magari rielaborandoli. Intanto mi mangio le tue trofie con gli occhi (purtroppo) magnificenza di colori oltre che di gusto (immagino… ) ciao

    RispondiElimina
  18. Ohhhh brava Patty! Ma per me troppo conmplicato, ho riletto due volte il movimento della mano ma non so se ho capito bene.... Io di pasta fatta in casa faccio solo quelle che si possono fare con la macchinetta :-). Splendido lavoro cara! E proverò a farle con i fagiolini non li ho mai usati con le trofie! Un grande grande abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Vabbè, qui siamo a un altro -alto- livello! Io la pasta fresca ancora non l'ho mai fatta e non se la farò mai, ma cavoli quanto mi piacerebbe mangiarmi queste trofie!!

    RispondiElimina
  20. Saved as a favorite, I love your website!

    Here is my web page - Jannette

    RispondiElimina
  21. Sono fatte alla perfezione!
    Complimenti!
    Bacioni

    RispondiElimina
  22. Mmmm. Buenisimo. Las fotografias trasmiten, son geniales. Ha estado un regalo el visitar tu bloc, es genial, te invito visitar el mio y si te gusta espero que te hagas seguidora.
    Elracodeldetall.blogspot.com

    RispondiElimina
  23. Buonissime Brava !!!!!

    Complimenti per il Blog e per le Ricette ! Mi sono unita ai tuoi lettori e ho messo mi piace sulla tua pagina Facebook ! :) Ti allego i link ai miei due Blog uno di Cibo, Vino e Cultura al link
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    E uno di ricette per i Bambini !
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Ti invito a venire a vederli se vuoi ! :)
    Un saluto ! Annalisa

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per esserti fermato nel mio angolino. Se ti va, lascia un pensiero, un commento, una critica. Se potrò ti risponderò qui, altrimenti verrò sicuramente a trovarti. La tua opinione è importante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...